RicercaGiuridica.com
La banca dati di sentenze gratuita e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Videolezioni Follow on Twitter Facebook Scrivici Stampa    


Codice: dei beni culturali - delle assicurazioni - civile - del consumo - delle comunicazioni - della proprietà industriale - della strada - privacy - Legge fallimentare - Testo Unico Iva -
TESTO NON VIGENTE Ringraziamenti a prof. Monateri (Cardozo) e Maurizio Marchi, @ e info

Ogni parola frase esatta

Art. 154 (Centro di informazione italiano)



Codice assicurazioni - - TITOLO X ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI - CAPO V RISARCIMENTO DEL DANNO DERIVANTE DA SINISTRI AVVENUTI ALL’ESTERO - -




1. E’ istituito presso l’ISVAP il Centro di informazione italiano per consentire agli
aventi diritto di chiedere il risarcimento a seguito di un sinistro derivante dalla
circolazione dei veicoli a motore nei casi previsti dall’articolo 151. A tale fine
l’ISVAP può stipulare apposite convenzioni a titolo gratuito con enti pubblici o
privati che già detengano e gestiscano le informazioni di cui al comma 2, per
l’organizzazione e il funzionamento del Centro di informazione italiano.
2. Il Centro di informazione italiano è incaricato di tenere un registro da cui risulta:
a) la targa di immatricolazione di ogni veicolo che staziona abitualmente nel
territorio della Repubblica;
b) i numeri e la data di scadenza delle polizze di assicurazione che coprono la
responsabilità civile derivante dalla circolazione di detti veicoli per i rischi di cui
al ramo 10 di cui all'articolo 2, comma 3, diversi dalla responsabilità del vettore;
c) le imprese di assicurazione che coprono la responsabilità civile derivante dalla
circolazione di tali veicoli per i rischi di cui al ramo 10 di cui all'articolo 2,
comma 3, diversi dalla responsabilità del vettore, e i mandatari per la
liquidazione dei sinistri designati da tali imprese di assicurazione
conformemente all’articolo 152.

3. Il Centro di informazione italiano assiste gli aventi diritto al risarcimento
nell’accesso alle informazioni di cui al comma 2, lettere a), b) e c).
4. Le imprese di assicurazione che coprono la responsabilità civile derivante dalla
circolazione dei veicoli, che stazionano abitualmente nel territorio della Repubblica,
sono tenute a comunicare in via sistematica i dati relativi ai numeri di targa dei
veicoli assicurati, ai numeri di polizza, alla data di cessazione della copertura
assicurativa, ai nominativi dei mandatari per la liquidazione dei sinistri nominati in
ciascuno Stato membro e, a richiesta, tempestivamente i dati relativi al nome ed
indirizzo del proprietario o dell’usufruttuario o dell’acquirente con patto di riservato
dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria.

5. Le procedure, i tempi e le modalità di invio dei dati da parte delle imprese di
assicurazione, le modalità del relativo trattamento dei dati e di gestione del Centro di
informazione italiano, anche nei confronti degli interessati e degli aventi diritto alle
informazioni, nonché le modalità di accesso alle informazioni per le imprese di
assicurazione ed i mandatari per la liquidazione dei sinistri, sono definite con
regolamento adottato dall’ISVAP, sentito il Garante per la protezione dei dati
personali. Con lo stesso regolamento sono individuati i dati contenuti nella banca
dati sinistri, di cui all’articolo 135, che sono oggetto di trattamento anche da parte
del Centro di informazione italiano, con esclusione dei dati sensibili.
6. Per le esigenze di funzionamento del Centro di informazione italiano, l’ISVAP è
autorizzato, ai sensi del codice in materia di protezione dei dati personali, ad
avvalersi dei dati trattati per le finalità della banca dati sinistri. L’ISVAP, con
regolamento, organizza la banca dati sinistri al fine di coordinare il trattamento dei
dati con le esigenze del Centro di informazione italiano.
7. Il trattamento e la comunicazione dei dati personali sono consentiti, con esclusione
dei dati personali sensibili ai sensi del codice in materia di protezione dei dati
personali, nei limiti stabiliti dal presente capo. Le informazioni di cui al comma 2
sono conservate per un periodo di sette anni dalla data di cessazione
dell’immatricolazione del veicolo o di scadenza del contratto di assicurazione.
8. Il Centro di informazione coopera con i centri di informazione istituiti dagli altri
Stati membri per l’attuazione delle disposizioni previste dall’ordinamento
comunitario.





Store

Video Lezioni di diritto

Banche dati di diritto

#Start-up

Costituzionale

Le entrate fiscali aumentano ma

il debito pubblico
+7% al 130%

Incapaci !




RICORDA: TESTO NON VIGENTE - Tutti i diritti riservati - Info legali - Privacy policy - Ticker IusOnDemand srl - P.IVA: 04446030969