RicercaGiuridica.com
La banca dati di sentenze gratuita e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Videolezioni Follow on Twitter Facebook Scrivici Stampa    


Codice: dei beni culturali - delle assicurazioni - civile - del consumo - delle comunicazioni - della proprietà industriale - della strada - privacy - Legge fallimentare - Testo Unico Iva -
TESTO NON VIGENTE Ringraziamenti a prof. Monateri (Cardozo) e Maurizio Marchi, @ e info

Ogni parola frase esatta

Art. 256 (Insinuazioni tardive)



Codice assicurazioni - - TITOLO XVI MISURE DI SALVAGUARDIA, RISANAMENTO E LIQUIDAZIONE - CAPO IV LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA - -




1. Dopo il deposito dello stato passivo e fino a quando non siano esauriti tutti i riparti, i
creditori e i titolari di diritti reali sui beni in possesso dell’impresa, che non abbiano
ricevuto la comunicazione ai sensi dell’articolo 252, comma 1, e non risultino
inclusi nello stato passivo, possono chiedere di far valere i loro diritti secondo
quanto previsto dagli articoli 98, 99 e 100 della legge fallimentare.
2. Tali soggetti sopportano le spese conseguenti al ritardo della domanda, salvo che il
ritardo stesso non sia ad essi imputabile. Si applica il disposto dell’articolo 260,
comma 5.








RICORDA: TESTO NON VIGENTE - Tutti i diritti riservati - Info legali - Privacy policy - Ticker IusOnDemand srl - P.IVA: 04446030969