RicercaGiuridica.com
La banca dati di sentenze gratuita e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Videolezioni Follow on Twitter Facebook Scrivici Stampa    


Cassazione - Corte Costituzionale - Sentenze - Gloxa: Dal 2000 la 1o comunita' per lo scambio di sentenze complete in puro testo


Materie - Invio - Partecipa - News2.0 - testi integrali - RSS



TRIBUNALE DI MONZA – SEZIONE DISTACCATA DI DESIO – DOTT. FEDERICO ROLFI – SENTENZA N°642/2005 – R.G. 179/2005 - (9872)


Avvocato · parcella non pagata · onere della prova

fonte: http://www.monzacameracivile.it/home/osserv2.asp?IDOsservTipo=12#

*** NEW: partecipa per taggare il documento


Svolgimento

Con atto di citazione regolarmente notificato alla controparte l’avv. E.I. adiva il Tribunale di Monza Sezione Distaccata di Desio, chiedendo la condanna della società A.E. s.a.s di A.R. & C. al pagamento della complessiva somma di € 3.772,55, (già comprensiva di I.V.A. e C.P.A. e dedotta ritenuta acconto), a titolo di corrispettivo per prestazioni professionali giudiziali svolte a favore della società convenuta. Specificava, infatti, l’attrice di aver assistito la società convenuta in ben due procedimenti giudiziali aventi ad oggetto il pagamento di lavori effettuati dalla A.E. s.a.s di A.R. & C. a favore di terzi.

Parte convenuta, pur regolarmente citata, non si costituiva e veniva dichiarata contumace.

Dopo aver svolto attività istruttoria il Giudice, ritenuta la causa matura per la decisione, rinviava per la discussione ex art. 281 sexies c.p.c. all’odierna udienza, ove, alla presenza della sola parte attrice, il Giudice decide ora dando lettura della presente sentenza con motivazione contestuale ex art. 281 sexies c.p.c., la quale costituisce parte integrante del verbale d’udienza.

Motivi

MOTIVI DELLA DECISIONE

La domanda può trovare accoglimento.

Va rammentato in diritto che il creditore che agisca in giudizio per l’adempimento di un’obbligazione di cui alleghi l’inadempimento, ha il solo onere di provare la fonte negoziale o legale del suo diritto (ed eventualmente del termine di scadenza), mentre è sul debitore che grava l’onere di eccepire (e si tratta di eccezione in senso proprio non rilevabile d’ufficio), l’avvenuta estinzione dell’obbligazione (cfr. Cassazione civile sez. un., 30 ottobre 2001, n. 13533; Cassazione civile, sez. III, 14 gennaio 2002 n. 341; Cassazione civile sez. I, 15 ottobre 1999, n. 11629; Cassazione civile sez. lav., 16 luglio 1999, n. 7553; Cassazione civile, sez. II, 5 aprile 1984 n. 2221).

Nella specie parte attrice ha fornito idonea prova documentale dell’esistenza, liquidità ed esigibilità del proprio credito producendo:

1) La memoria di costituzione per la A.E. s.a.s di A.R. & C. nel procedimento per A.T.P. promosso dal sig. F. (cfr. doc. 1);

2) L’atto di citazione notificato sempre nell’interesse della A.E. s.a.s di A.R. & C. ai sigg. Ma. e Mi. cfr. doc. 3);

3) La nota del domiciliatario avv. S. (cfr. doc. 7).

4) La teste V. – segretaria dell’avv. I. – ha poi confermato l’espletamento di tutte le attività indicate in citazione, spesso curate dalla stessa teste sul piano esecutivo (come l’invio dei fax e l’estrazione di copie).

Al quadro probatorio finora delineato si aggiunge la circostanza della duplice assenza del convenuto sia all’udienza di comparizione personale delle parti (fatto che, ex art. 183 c.p.c., “costituisce comportamento valutabile ai sensi del secondo comma dell’articolo 116”, e cioè come argomento di prova) sia all’udienza fissata per rendere l’interrogatorio formale (fatto che ex art. 232 c.p.c., permette, valutato ogni ulteriore elemento, di “ritenere come ammessi i fatti dedotti nell’interrogatorio”).

Parte convenuta, del resto, rimanendo contumace, ha omesso di sollevare contestazioni di sorta ed è quindi incorsa in tutte le decadenze di legge, comprese quelle relative alle istanze istruttorie, non avendo provveduto alla formulazione di eccezioni ed istanze nel termine ex art. 180 comma II c.p.c.

Adeguato risalto va poi dato al comportamento processuale della parte, la quale ha di fatto negletto il giudizio, omettendo di partecipare alle udienze e di svolgere difese di sorta. Al riguardo va ricordato che l'obbligo del giudice di verificare d'ufficio la presenza degli elementi costitutivi o dei requisiti di fondatezza della domanda non esclude che la prova di questi possa essere tratta dal comportamento processuale o extraprocessuale delle parti, che può costituire non solo elemento di valutazione delle risultanze acquisite ma anche unica e sufficiente fonte di prova (Cassazione civile sez. III, 1 aprile 1995, n. 3822; Cassazione civile sez. II, 5 gennaio 1995, n. 193; Cassazione civile sez. II, 13 luglio 1991 n. 7800; Cassazione civile sez. III, 5 giugno 1991 n. 6344; Cassazione civile, sez. III, 24 novembre 1988 n. 6320).

Le notule prodotte (docc. 2 e 8) appare sostanzialmente conforme al tariffario vigente sia per l’entità sia per la tipologia dell’attività svolta, e quindi il compenso spettante all’attrice ben può essere determinato nella misura da essa richiesta.

Conclusivamente parte convenuta va condannata alla corresponsione della somma di € 3.772,55, (già comprensiva di I.V.A. e C.P.A. e già dedotta ritenuta acconto), oltre interessi al tasso legale dalla data della messa in mora (20 febbraio 2004: cfr. doc. 6) al saldo effettivo.

Le spese seguono la soccombenza ex art. 91 c.p.c. e sono liquidate direttamente in dispositivo tenendo conto della natura e del valore della controversia, della qualità e quantità delle questioni trattate e dell'attività complessivamente svolta dai difensori, sulla base dei parametri contemplati dalla vigente Tariffa, e tenendo altresì conto della necessità di liquidare comunque, anche ex officio, le spese generali di studio che l’art. 14 della suddetta Tariffa quantifica a forfait nella misura del 12,5% (Cassazione civile, sez. III, 18 giugno 2003, n. 9700; Cassazione civile, sez. III, 9 aprile 2003, n. 5581; Cassazione civile, sez. II, 18 marzo 2003, n. 4002; Cassazione civile, sez. III, 3 agosto 2002, n. 11654).

P.Q.M.

P.Q.M.

il Tribunale di Monza, sezione di Desio, definitivamente pronunciando, ogni contraria domanda ed eccezione rigettata, così provvede:

1) condanna la società A.E. s.a.s di A.R. & C. al pagamento in favore di E.I. della somma di 3.772,55, (già comprensiva di I.V.A. e C.P.A. e già dedotta ritenuta acconto) oltre interessi al tasso legale dal 20 febbraio 2004 al saldo effettivo;

2) condanna la A.E. s.a.s di A.R. & C. al pagamento in favore di E.I. delle spese processuali che liquida in € 400,00 per spese, € 1.200,00 per diritti ed € 1.000,00 per onorari, oltre spese generali, I.V.A. e C.P.A.

Sentenza per legge esecutiva.

Desio, 21 settembre 2005 Il Giudice Dott.Federico Rolfi

Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)

Tags:

*** NEW: partecipa per taggare il documento

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Corsi Video di diritto
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata








Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - News - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.044