Diritto Tributario

Dal 19.3.2000 la banca dati tributaria doc.

A cura dell'avv. Franco Ionadi e del dott. Spataro



Contenzioso tributario - Nullitą della sentenza mancante di firma del presidente del collegio giudicante

2004-06-09 Articolo successivo - Stampa
abstract: Sentenza Cassazione 13.5.2004 n. 9113

Segnalato da Franco Ionadi - Fonte: Tributario Approfondimenti: > > >


<

  
  Fatto                                    

La societa' ==== fruiva provvisoriamente della esenzione Ilor prevista

dall'art. 8 L. 614/66 per le nuove iniziative industriali, in aree depresse

del centro nord. L'Ufficio delle Imposte Dirette di Pesaro negava tale

beneficio sull'assunto della carenza del requisito della novita'

dell'impresa. Tale atto veniva impugnato dalla societa' e il procedimento

rimaneva pendente innanzi alla C.T.C.

Successivamente la Societa' ==== ricorreva dinanzi alla Commissione

tributaria di primo grado impugnando l'avviso di accertamento emesso

dall'Ufficio delle Imposte Dirette di Pesaro che, vista la dichiarazione

resa per l'esercizio 1980 e rilevata l'omessa indicazione di reddito

imponibile ai fini Ilor, riportandosi al provvedimento con cui era stato

espresso il diniego alla concessione dell'esenzione dall'Ilor, aveva

accertato alla Societa' il reddito imponibile di lire 18.037.000 ai fini

Ilor. Nel ricorso la ==== deduceva che la Commissione di primo grado di

Pesaro aveva gia' annullato le iscrizioni a ruolo per gli anni 1978/81

emesse sullo stesso presupposto della revoca del beneficio ex art. 8, L. n.

614/1966, giacche' il fatto che uno dei soci fosse in precedenza socio di

altra societa' non toglieva alla stessa il carattere della novita'.

La Commissione, con decisione 799/2/1998, accoglieva il ricorso.

Avverso detta sentenza proponeva appello l'Ufficio, deducendo la violazione

dell'art. 295 c.p.c. per non aver la Commissione sospeso il processo

nell'attesa del giudicato sull'atto di diniego del beneficio e insistendo

per la carenza del carattere della novita' ex art. 8 cit..

La Commissione tributaria regionale di Ancona, con la sentenza 122/1/00

depositata il 26 settembre 2000, confermava la decisione dei giudici di

prime cure.

Contro detta sentenza il ministero proponeva ricorso per cassazione

sorretto da quattro motivi.

Non svolgeva attivita' difensiva l'intimata societa'.

Diritto

La sentenza impugnata e' nulla giacche' mancante della sottoscrizione

del Presidente del Collegio. La sottoscrizione del giudice costituisce,

infatti, requisito formale essenziale della sentenza, e il relativo difetto

comporta la nullita' assoluta ed insanabile del provvedimento. Dall'omessa

sottoscrizione, anche se causata da mera dimenticanza, deriva

necessariamente la nullita' delle sentenza equiparabile all'inesistenza, cui

non si puo' pertanto portare riparo con la procedura di correzione (Cass. n.

7228/2000).

La sentenza, pertanto, deve essere dichiarata nulla e la causa rimessa,

anche per le spese, alla Commissione Regionale del Lazio.

P.Q.M.

La Corte, pronunciando sul ricorso, dichiara la nullita' della sentenza e

rimette, anche per le spese, alla Commissione regionale del Lazio.

2004-06-09 Segnalato da Franco Ionadi - Fonte: Tributario Approfondimenti: > > >









  Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialitą e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. I testi proposti non sono formulari se non la' dove espressamente indicato. I puntini sostituiscono le parti del testo non visibili per verificarne in anticipo la lunghezza.< Riproduz. anche parziale riservata - @ IusOnDemand.com - condizioni d'uso della sezione - Elenco testi - condizioni generali - privacy policy - Login -