RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    



adv iusondemand

Codici: Civile · 2018
Procedura Civile · 2018
Privacy sett.'18 · GDPR
Consumo · 2018
Turismo · 2018
Strada · 2018
Comunicazioni · 2018
Diritto d'autore
Proprietà Industriale · 2018
Assicurazioni · 2018
Cod. Crisi 2019 · Legge Fall.
Testo unico IVA TUF 2018


Share link or Ogni parola frase esatta


Sito in aggiornamento - 2018 = aggiornati al 2.3.2018, disponibili i precedenti del 26.8.2014. GRATUITI E NON UFFICIALI da Normattiva

indice de Cod.Civ.2018 con articoli o solo struttura


Cod.Civ.2018
Art. 1.
E' approvato il testo del Codice civile, il quale, preceduto dalle disposizioni su
Art. 2.
Un esemplare del testo del Codice civile, firmato da Noi e contrassegnato dal Nost
CAPO IDelle fonti del diritto
Art. 1.
Indicazione delle fonti.
Art. 2.
Leggi.
Art. 3.
Regolamenti.
Art. 4.
Limiti della disciplina regolamentare.
Art. 5.
Norme corporative.
Art. 6.
Formazione ed efficacia delle norme corporative.
Art. 7.
Limiti della disciplina corporativa.
Art. 8.
Usi.
Art. 9.
Raccolte di usi.
CAPO IIDell'applicazione della legge in generale
Art. 10.
Inizio dell'obbligatorieta' delle leggi e dei regolamenti.
Art. 11.
Efficacia della legge nel tempo.
Art. 12.
Interpretazione della legge.
Art. 13.
Esclusione dell'applicazione analogica delle norme corporative.
Art. 14.
Applicazione delle leggi penali ed eccezionali.
Art. 15.
Abrogazione delle leggi.
Art. 16.
Trattamento dello straniero.
Art. 17.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 18.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 19.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218 167
Art. 20.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 21.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 22.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 23.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 24.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 25.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 26.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 27.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 28.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 29.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 30.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218
Art. 31.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 31 MAGGIO 1995, N. 218

LIBRO PRIMO

TITOLO IDELLE PERSONE FISICHE
Art. 1.
Capacita' giuridica.
Art. 2.
Maggiore eta'. Capacita' di agire.
Art. 3.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 8 MARZO 1975, N. 39
Art. 4.
Commorienza.
Art. 5.
Atti di disposizione del proprio corpo.
Art. 6.
Diritto al nome.
Art. 7.
Tutela del diritto al nome.
Art. 8.
Tutela del nome per ragioni familiari.
Art. 9.
Tutela dello pseudonimo.
Art. 10.
Abuso dell'immagine altrui.

TITOLO IIDELLE PERSONE GIURIDICHE
CAPO IDisposizioni generali
Art. 11.
Persone giuridiche pubbliche.
Art. 12.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 10 FEBBRAIO 2000, N. 361
Art. 13
Societa'.
CAPO IIDelle associazioni e delle fondazioni
Art. 14.
Atto costitutivo.
Art. 15.
Revoca dell'atto costitutivo della fondazione.
Art. 16.
Atto costitutivo e statuto. Modificazioni.
Art. 17.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 15 MAGGIO 1997, N. 127 108
Art. 18.
Responsabilita' degli amministratori.
Art. 19.
Limitazioni del potere di rappresentanza.
Art. 20.
Convocazione dell'assemblea delle associazioni.
Art. 21.
Deliberazioni dell'assemblea.
Art. 22.
Azioni di responsabilita' contro gli amministratori.
Art. 23.
Annullamento e sospensione delle deliberazioni.
Art. 24.
Recesso ed esclusione degli associati.
Art. 25.
Controllo sull'amministrazione delle fondazioni.
Art. 26.
Coordinamento di attivita' e unificazione di amministrazione.
Art. 27.
Estinzione della persona giuridica.
Art. 28.
Trasformazione delle fondazioni
Art. 29.
Divieto di nuove operazioni.
Art. 30.
Liquidazione.
Art. 31.
Devoluzione dei beni.
Art. 32.
Devoluzione dei beni con destinazione particolare.
Art. 33.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 10 FEBBRAIO 2000, N. 361
Art. 34.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 10 FEBBRAIO 2000, N. 361
Art. 35.
Disposizione penale.
CAPO IIIDelle associazioni non riconosciute e dei comitati
Art. 36.
Ordinamento e amministrazione delle associazioni non riconosciute
Art. 37.
Fondo comune.
Art. 38.
Obbligazioni.
Art. 39.
Comitati.
Art. 40.
Responsabilita' degli organizzatori.
Art. 41.
Responsabilita' dei componenti. Rappresentanza in giudizio.
Art. 42.
Diversa destinazione dei fondi.
Art. 42-bis
Trasformazione, fusione e scissione.

TITOLO IIIDEL DOMICILIO E DELLA RESIDENZA
Art. 43.
Domicilio e residenza.
Art. 44.
Trasferimento della residenza e del domicilio.
Art. 45.
Domicilio dei coniugi, del minore e dell'interdetto.
Art. 46.
Sede delle persone giuridiche.
Art. 47.
Elezione di domicilio.

TITOLO IVDELL'ASSENZA E DELLA DICHIARAZIONE DI MORTE PRESUNTA
CAPO IDell'assenza
Art. 48.
Curatore dello scomparso.
Art. 49.
Dichiarazione di assenza.
Art. 50.
Immissione nel possesso temporaneo dei beni.
Art. 51.
Assegno alimentare a favore del coniuge dell'assente.
Art. 52.
Effetti della immissione nel possesso temporaneo.
Art. 53.
Godimento dei beni.
Art. 54.
Limiti alla disponibilita' dei beni.
Art. 55.
Immissione di altri nel possesso temporaneo.
Art. 56.
Ritorno dell'assente o prova della sua esistenza.
Art. 57.
Prova della morte dell'assente.
CAPO IIDella dichiarazione di morte presunta
Art. 58.
Dichiarazione di morte presunta dell'assente.
Art. 59.
Termine per la rinnovazione dell'istanza.
Art. 60.
Altri casi di dichiarazione di morte presunta.
Art. 61.
Data della morte presunta.
Art. 62.
Condizioni e forme della dichiarazione di morte presunta.
Art. 63.
Effetti della dichiarazione di morte presunta dell'assente.
Art. 64.
Immissione nel possesso e inventario.
Art. 65.
Nuovo matrimonio del coniuge.
Art. 66.
Prova dell'esistenza della persona di cui e' stata dichiarata la morte presunta.
Art. 67.
Dichiarazione di esistenza o accertamento della morte.
Art. 68.
Nullita' del nuovo matrimonio.
CAPO IIIDelle ragioni eventuali che competono alla persona di cui si ignora l'esistenza o di cui e' stata dichiarata la morte presunta
Art. 69.
Diritti spettanti alla persona di cui si ignora l'esistenza.
Art. 70.
Successione alla quale sarebbe chiamata la persona di cui si ignora l'esistenza.
Art. 71.
Estinzione dei diritti spettanti alla persona di cui si ignora l'esistenza.
Art. 72.
Successione a cui sarebbe chiamata la persona della quale e' stata dichiarata la
Art. 73.
Estinzione dei diritti spettanti alla persona di cui e' stata dichiarata la morte

TITOLO VDELLA PARENTELA E DELL'AFFINITA'
Art. 74
Parentela.
Art. 75.
Linee della parentela.
Art. 76.
Computo dei gradi.
Art. 77.
Limite della parentela.
Art. 78.
Affinita'.

TITOLO VIDEL MATRIMONIO
CAPO IDella promessa di matrimonio
Art. 79.
Effetti.
Art. 80.
Restituzione dei doni.
Art. 81.
Risarcimento dei danni.
CAPO IIDel matrimonio celebrato davanti a ministri del culto cattolico e del matrimonio celebrato davanti a ministri dei culti ammessi nello Stato
Art. 82.
Matrimonio celebrato davanti a ministri del culto cattolico
Art. 83.
Matrimonio celebrato davanti a ministri dei culti ammessi nello Stato.
CAPO IIIDel matrimonio celebrato davanti all'ufficiale dello stato civile
Sezione IDelle condizioni necessarie per contrarre matrimonio
Art. 84.
Eta'.
Art. 85.
Interdizione per infermita' di mente.
Art. 86.
Liberta' di stato.
Art. 87.
Parentela, affinita', adozione ....
Art. 88.
Delitto.
Art. 89.
Divieto temporaneo di nuove nozze.
Art. 90.
Assistenza del minore.
Art. 91.
IL D.LGS. LUOGOTENENZIALE 14 SETTEMBRE 1944, N. 287 HA CONFERMATO L'ABROGAZIONE D
Art. 92.
Matrimonio del Re Imperatore e dei Principi Reali.
Sezione IIDelle formalita' preliminari del matrimonio
Art. 93.
Pubblicazione.
Art. 94.
Luogo della pubblicazione.
Art. 95.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 3 NOVEMBRE 2000, N. 396
Art. 96.
Richiesta della pubblicazione.
Art. 97.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 3 NOVEMBRE 2000, N. 396
Art. 98.
Rifiuto della pubblicazione.
Art. 99.
Termine per la celebrazione del matrimonio.
Art. 100.
Riduzione del termine e omissione della pubblicazione.
Art. 101.
Matrimonio in imminente pericolo di vita.
Sezione IIIDelle opposizioni al matrimonio
Art. 102.
Persone che possono fare opposizione.
Art. 103.
Atto di opposizione.
Art. 104.
Effetti dell'opposizione.
Art. 105.
Matrimonio del Re Imperatore e dei Principi Reali.
Sezione IVDella celebrazione del matrimonio
Art. 106.
Luogo della celebrazione.
Art. 107.
Forma della celebrazione.
Art. 108.
Inapponibilita' di termini e condizioni.
Art. 109.
Celebrazione in un comune diverso.
Art. 110.
Celebrazione fuori della casa comunale.
Art. 111.
Celebrazione per procura.
Art. 112.
Rifiuto della celebrazione.
Art. 113.
Matrimonio celebrato davanti a un apparente ufficiale dello stato civile.
Art. 114.
Matrimonio del Re Imperatore e dei Principi Reali.
Sezione VDel matrimonio dei cittadini in paese straniero e degli stranieri nel Regno
Art. 115.
Matrimonio del cittadino all'estero.
Art. 116.
Matrimonio dello straniero nel Regno.
Sezione VIDella nullita' del matrimonio
Art. 117.
Matrimonio contratto con violazione degli articoli 84, 86, 87 e 88.
Art. 118.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 119.
Interdizione.
Art. 120.
Incapacita' di intendere o di volere.
Art. 121.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 122.
Violenza ed errore.
Art. 123.
Simulazione.
Art. 124.
Vincolo di precedente matrimonio.
Art. 125.
Azione del pubblico ministero.
Art. 126.
Separazione dei coniugi in pendenza del giudizio.
Art. 127.
Intrasmissibilita' dell'azione.
Art. 128.
Matrimonio putativo.
Art. 129.
Diritti dei coniugi in buona fede.
Art. 129-bis.
Responsabilita' del coniuge in mala fede e del terzo.
Sezione VIIDelle prove della celebrazione del matrimonio
Art. 130.
Atto di celebrazione del matrimonio.
Art. 131.
Possesso di stato.
Art. 132.
Mancanza dell'atto di celebrazione.
Art. 133.
Prova della celebrazione risultante da sentenza penale.
Sezione VIIIDisposizioni penali
Art. 134.
Omissione di pubblicazione.
Art. 135.
Pubblicazione senza richiesta o senza documenti.
Art. 136.
Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile.
Art. 137.
Incompetenza dell'ufficiale dello stato civile. Mancanza dei testimoni.
Art. 138.
Altre infrazioni.
Art. 139.
Cause di nullita' note a uno dei coniugi.
Art. 140.
Inosservanza del divieto temporaneo di nuove nozze.
Art. 141.
Competenza.
Art. 142.
Limiti d'applicazione delle precedenti disposizioni.
CAPO IVDei diritti e dei doveri che nascono dal matrimonio
Art. 143.
Diritti e doveri reciproci dei coniugi.
Art. 143-bis.
Cognome della moglie.
Art. 143-ter.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 5 FEBBRAIO 1992, N. 91
Art. 144.
Indirizzo della vita familiare e residenza della famiglia.
Art. 145.
Intervento del giudice.
Art. 146.
Allontanamento dalla residenza familiare.
Art. 147.
Il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l'obbligo di mantenere, istruire, educ
Art. 148.
I coniugi devono adempiere l'obbligo di cui all'articolo 147, secondo quanto pre
CAPO VDello scioglimento del matrimonio e della separazione dei coniugi
Art. 149.
Scioglimento del matrimonio.
Art. 150.
Separazione personale.
Art. 151.
Separazione giudiziale.
Art. 152.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 153.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 154.
Riconciliazione.
Art. 155.
In caso di separazione, riguardo ai figli, si applicano le disposizioni contenut
Art. 155-bis.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 155-ter.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 155-quater.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 155-quinquies.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 155-sexies.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 156.
Effetti della separazione sui rapporti patrimoniali tra i coniugi.
Art. 156-bis.
Cognome della moglie.
Art. 157.
Cessazione degli effetti della separazione.
Art. 158.
Separazione consensuale.
CAPO VIDel regime patrimoniale della famiglia
Sezione IDisposizioni generali
Art. 159.
Del regime patrimoniale legale tra i coniugi.
Art. 160.
Diritti inderogabili.
Art. 161.
Riferimento generico a leggi o agli usi.
Art. 162.
Forma delle convenzioni matrimoniali.
Art. 163.
Modifica delle convenzioni.
Art. 164.
Simulazione delle convenzioni matrimoniali.
Art. 165.
Capacita' del minore.
Art. 166.
Capacita' dell'inabilitato.
Art. 166-bis.
Divieto di costituzione di dote.
Sezione IIDel fondo patrimoniale
Art. 167.
Costituzione del fondo patrimoniale.
Art. 168.
Impiego ed amministrazione del fondo.
Art. 169.
Alienazione dei beni del fondo.
Art. 170.
Esecuzione sui beni e sui frutti.
Art. 171.
Cessazione del fondo.
Art. 172.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 173.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 174.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 175.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 176.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Sezione IIIDella comunione legale
Art. 177.
Oggetto della comunione.
Art. 178.
Beni destinati all'esercizio di impresa.
Art. 179.
Beni personali.
Art. 180.
Amministrazione dei beni della comunione.
Art. 181.
Rifiuto di consenso.
Art. 182.
Amministrazione affidata ad uno solo dei coniugi.
Art. 183.
Esclusione dall'amministrazione.
Art. 184.
Atti compiuti senza il necessario consenso.
Art. 185.
Amministrazione dei beni personali del coniuge.
Art. 186.
Obblighi gravanti sui beni della comunione.
Art. 187.
Obbligazioni contratte dai coniugi prima del matrimonio.
Art. 188.
Obbligazioni derivanti da donazioni o successioni.
Art. 189.
Obbligazioni contratte separatamente dai coniugi.
Art. 190.
Responsabilita' sussidiaria dei beni personali.
Art. 191.
Scioglimento della comunione.
Art. 192.
Rimborsi e restituzioni.
Art. 193.
Separazione giudiziale dei beni.
Art. 194.
Divisione dei beni della comunione.
Art. 195.
Prelevamento dei beni mobili.
Art. 196.
Ripetizione del valore in caso di mancanza delle cose da prelevare.
Art. 197.
Limiti al prelevamento nei riguardi dei terzi.
Art. 198.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 199.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 200.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 201.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 202.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 65
Art. 203.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 204.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 205.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 206.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 207.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 208.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 209.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Sezione IVDella comunione convenzionale
Art. 210.
Modifiche convenzionali alla comunione legale dei beni.
Art. 211.
Obbligazioni dei coniugi contratte prima del matrimonio.
Art. 212.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 213.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 214.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Sezione VDel regime di separazione dei beni
Art. 215.
Separazione dei beni.
Art. 216.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 217.
Amministrazione e godimento dei beni.
Art. 218.
Obbligazioni del coniuge che gode dei beni dell'altro coniuge.
Art. 219.
Prova della proprieta' dei beni.
Art. 220.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 221.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 222.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 223.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 224.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 225.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 226.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 227.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 228.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 229.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 230.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Sezione VIDell'impresa familiare
Art. 230-bis.
Impresa familiare.
Art. 230-ter.
Diritti del convivente.

TITOLO VIIDELLO STATO DI FIGLIO
CAPO IDella presunzione di paternita'...
Art. 231.
Paternita' del marito
Art. 232.
Presunzione di concepimento durante il matrimonio.
Art. 233.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 234.
Nascita del figlio dopo i trecento giorni.
Art. 235.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
CAPO IIDelle prove della filiazione
Art. 236.
Atto di nascita e possesso di stato
Art. 237.
Fatti costitutivi del possesso di stato.
Art. 238.
Irreclamabilita' di uno stato di figlio contrario a quello attribuito dall'atto
Art. 239.
Reclamo dello stato di figlio
Art. 240.
Contestazione dello stato di figlio
Art. 241.
Prova in giudizio
Art. 242.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 243.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 243-bis.
Disconoscimento di paternita'
CAPO IIIDell'azione di disconoscimento e delle azioni di contestazione e di reclamo dello stato di figlio
Art. 244.
Termini dell'azione di disconoscimento
Art. 245.
Sospensione del termine
Art. 246.
Trasmissibilita' dell'azione
Art. 247.
Legittimazione passiva.
Art. 248.
Legittimazione all'azione di contestazione dello stato di figlio.
Art. 249.
Legittimazione all'azione di reclamo dello stato di figlio.
Art. 250.
Riconoscimento.
Art. 251
Autorizzazione al riconoscimento.
Art. 252.
Affidamento del figlio nato fuori del matrimonio e suo inserimento nella famigli
Art. 253.
Inammissibilita' del riconoscimento.
Art. 254.
Forma del riconoscimento.
Art. 255.
Riconoscimento di un figlio premorto.
Art. 256.
Irrevocabilita' del riconoscimento.
Art. 257.
Clausole limitatrici.
Art. 258.
Effetti del riconoscimento.
Art. 259.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 260.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151.
Art. 261.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 262.
Cognome del figlio nato fuori del matrimonio.
Art. 263.
Impugnazione del riconoscimento per difetto di veridicita'
Art. 264.
Impugnazione da parte del figlio minore
Art. 265.
Impugnazione per violenza.
Art. 266.
Impugnazione del riconoscimento per effetto di interdizione giudiziale.
Art. 267.
Trasmissibilita' dell'azione.
Art. 268.
Provvedimenti in pendenza del giudizio.
CAPO VDella dichiarazione giudiziale della paternita' e della maternita'
Art. 269.
Dichiarazione giudiziale di paternita' e maternita'.
Art. 270.
Legittimazione attiva e termine.
Art. 271.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 272.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 273.
Azione nell'interesse del minore o dell'interdetto.
Art. 274.
Ammissibilita' dell'azione.
Art. 275.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 276
Legittimazione passiva.
Art. 277.
Effetti della sentenza.
Art. 278.
Autorizzazione all'azione
Art. 279.
Responsabilita' per il mantenimento e l'educazione.
Sezione IIDella legittimazione dei figli naturali SEZIONE ABROGATA DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 280.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 281.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 282.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 283.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 284.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 285.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 286.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 287.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 288.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 289.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219
Art. 290.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 10 DICEMBRE 2012, N. 219

TITOLO VIIIDELL'ADOZIONE DI PERSONE MAGGIORI DI ETA'
CAPO IDell'adozione di persone maggiori di eta' e dei suoi effetti
Art. 291.
Condizioni.
Art. 292.
IL D.LGS. LUOGOTENENZIALE 14 SETTEMBRE 1944, N. 287 HA CONFERMATO L'ABROGAZIONE
Art. 293.
Divieto d'adozione di figli ....
Art. 294.
Pluralita' di adottati o di adottanti.
Art. 295.
Adozione da parte del tutore.
Art. 296.
Consenso per l'adozione.
Art. 297.
Assenso del coniuge o dei genitori.
Art. 298.
Decorrenza degli effetti dell'adozione.
Art. 299.
Cognome dell'adottato.
Art. 300.
Diritti e dovevi dell'adottato.
Art. 301.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 302.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 303.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 304.
Diritti di successione.
Art. 305.
Revoca dell'adozione.
Art. 306.
Revoca per indegnita' dell'adottato.
Art. 307.
Revoca per indegnita' dell'adottante.
Art. 308.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 309.
Decorrenza degli effetti della revoca.
Art. 310.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
CAPO IIDelle forme dell'adozione di persone di maggiore eta'
Art. 311.
Manifestazione del consenso.
Art. 312.
Accertamenti del tribunale.
Art. 313.
Provvedimento del tribunale
Art. 314.
Pubblicita'
CAPO IIIDell'adozione speciale CAPO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/2.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/3.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/4.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/5.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/6.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/7.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/8.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/9.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/10.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/11.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/12.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/13.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/14.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/15.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/16.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/17.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/18.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/19.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/20.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/21.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/22.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/23.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/24.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/25.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/26.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/27.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184
Art. 314/28.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 4 MAGGIO 1983, N. 184

TITOLO IXDELLA RESPONSABILITA' GENITORIALE E DEI DIRITTI E DOVERI DEL FIGLIO
CAPO IDei diritti e doveri del figlio
Art. 315
Stato giuridico della filiazione.
Art. 315-bis
Diritti e doveri del figlio.
Art. 316.
Responsabilita' genitoriale.
Art. 316-bis.
Concorso nel mantenimento .
Art. 317.
Impedimento di uno dei genitori.
Art. 317-bis.
Rapporti con gli ascendenti.
Art. 318.
Abbandono della casa del genitore.
Art. 319.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 320.
Rappresentanza e amministrazione.
Art. 321.
Nomina di un curatore speciale.
Art. 322.
Inosservanza delle disposizioni precedenti.
Art. 323.
Atti vietati ai genitori.
Art. 324.
Usufrutto legale.
Art. 325.
Obblighi inerenti all'usufrutto legale.
Art. 326.
Inalienabilita' dell'usufrutto legale. Esecuzione sui frutti.
Art. 327.
Usufrutto legale di uno solo dei genitori.
Art. 328.
Nuove nozze.
Art. 329.
Godimento dei beni dopo la cessazione dell'usufrutto legale.
Art. 330.
Decadenza dalla responsabilita' genitoriale sui figli.
Art. 331.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 332.
Reintegrazione nella responsabilita' genitoriale.
Art. 333.
Condotta del genitore pregiudizievole ai figli.
Art. 334.
Rimozione dall'amministrazione.
Art. 335.
Riammissione nell'esercizio dell'amministrazione.
Art. 336.
Procedimento.
Art. 336-bis.
Ascolto del minore.
Art. 337.
Vigilanza del giudice tutelare.
CAPO IIEsercizio della responsabilita' genitoriale a seguito di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullita' del matrimonio ovvero all'esito di procedimenti relativi ai figli nati fuori del matrimonio
Art. 337-bis.
Ambito di applicazione
Art. 337-ter.
Provvedimenti riguardo ai figli
Art. 337-quater.
Affidamento a un solo genitore e opposizione all'affidamento condiviso
Art. 337-quinquies.
Revisione delle disposizioni concernenti l'affidamento dei figli
Art. 337-sexies.
Assegnazione della casa familiare e prescrizioni in tema di residenza
Art. 337-septies.
Disposizioni in favore dei figli maggiorenni
Art. 337-octies.
Poteri del giudice e ascolto del minore
Art. 338.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 40 223
Art. 339.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 223
Art. 340.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 40 223
Art. 341.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 223
Art. 342.
IL D.LGS. LUOGOTENENZIALE 14 SETTEMBRE 1944, N. 287 HA CONFERMATO L'ABROGAZIONE

TITOLO IX-BISORDINI DI PROTEZIONE CONTRO GLI ABUSI FAMILIARI
Art. 342-bis.
Ordini di protezione contro gli abusi familiari.
Art. 342-ter.
Contenuto degli ordini di protezione.

TITOLO XDELLA TUTELA E DELL'EMANCIPAZIONE
CAPO IDella tutela dei minori
Art. 343.
Apertura della tutela.
Sezione IDel giudice tutelare
Art. 344.
Funzioni del giudice tutelare.
Sezione IIDel tutore e del protutore
Art. 345.
Denunzie al giudice tutelare.
Art. 346.
Nomina del tutore e del protutore.
Art. 347.
Tutela di piu' fratelli.
Art. 348.
Scelta del tutore.
Art. 349.
Giuramento del tutore.
Art. 350.
Incapacita' all'ufficio tutelare.
Art. 351.
Dispensa dall'ufficio tutelare.
Art. 352.
Dispensa su domanda.
Art. 353.
Domanda di dispensa.
Art. 354.
Tutela affidata a enti di assistenza.
Art. 355.
Protutore.
Art. 356.
Donazione o disposizione testamentaria a favore del minore.
Sezione IIIDell'esercizio della tutela
Art. 357.
Funzioni del tutore.
Art. 358.
Doveri del minore.
Art. 359.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 360.
Funzioni del protutore.
Art. 361.
Provvedimenti urgenti.
Art. 362.
Inventario.
Art. 363.
Formazione dell'inventario.
Art. 364.
Contenuto dell'inventario.
Art. 365.
Inventario di aziende.
Art. 366.
Beni amministrati da curatore speciale.
Art. 367.
Dichiarazione di debiti o crediti del tutore.
Art. 368.
Omissione della dichiarazione.
Art. 369.
Deposito di titoli e valori.
Art. 370.
Amministrazione prima dell'inventario.
Art. 371.
Provvedimenti circa l'educazione e l'amministrazione.
Art. 372.
Investimento di capitali.
Art. 373.
Titoli al portatore.
Art. 374.
Autorizzazione del giudice tutelare.
Art. 375.
Autorizzazione del tribunale.
Art. 376.
Vendita di beni.
Art. 377.
Atti compiuti senza l'osservanza delle norme dei precedenti articoli.
Art. 378.
Atti vietati al tutore e al protutore.
Art. 379.
Gratuita' della tutela.
Art. 380.
Contabilita' dell'amministrazione.
Art. 381
Cauzione
Art. 382.
Responsabilita' del tutore e del protutore.
Sezione IVDella cessazione del tutore dall'ufficio
Art. 383.
Esonero dall'ufficio
Art. 384.
Rimozione e sospensione del tutore.
Sezione VDel rendimento del conto finale
Art. 385.
Conto finale.
Art. 386.
Approvazione del conto.
Art. 387.
Prescrizione delle azioni relative alla tutela.
Art. 388.
Divieto di convenzioni prima che sia decorso un anno dall'approvazione del conto
Art. 389
Registro delle tutele.
CAPO IIDell'emancipazione
Art. 390.
Emancipazione di diritto.
Art. 391.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 8 MARZO 1975, N. 39
Art. 392.
Curatore dell'emancipato.
Art. 393.
Incapacita' o rimozione del curatore.
Art. 394.
Capacita' dell'emancipato.
Art. 395.
Rifiuto del consenso da parte del curatore.
Art. 396.
Inosservanza delle precedenti norme.
Art. 397.
Emancipato autorizzato all'esercizio di un'impresa commerciale.
Art. 398.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 8 MARZO 1975, N. 39
Art. 399.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 8 MARZO 1975, N. 39

TITOLO XIDELL'AFFILIAZIONE E DELL'AFFIDAMENTO
Art. 400.
Norme regolatrici dell'assistenza dei minori.
Art. 401.
Limiti di applicazione delle norme.
Art. 402.
Poteri tutelali spettanti agli istituti di assistenza.
Art. 403.
Intervento della pubblica autorita' a favore dei minori.

Titolo XIIDelle misure di protezione delle persone prive in tutto od in parte di autonomia
Capo IDell'amministrazione di sostegno
Art. 404.
Amministrazione di sostegno.
Art. 405.
Decreto di nomina dell'amministratore di sostegno. Durata dell'incarico e relat
Art. 406.
Soggetti.
Art. 407.
Procedimento.
Art. 408.
Scelta dell'amministratore di sostegno.
Art. 409.
Effetti dell'amministrazione di sostegno.
Art. 410.
Doveri dell'amministratore di sostegno.
Art. 411.
Norme applicabili all'amministrazione di sostegno.
Art. 412.
Atti compiuti dal beneficiario o dall'amministratore di sostegno in violazione
Art. 413.
Revoca dell'amministrazione di sostegno.
Capo IIDella interdizione, della inabilitazione e della incapacita' naturale
Art. 414.
Persone che possono essere interdette.
Art. 415.
Persone che possono essere inabilitate.
Art. 416.
Interdizione e inabilitazione nell'ultimo anno di minore eta'.
Art. 417.
Istanza d'interdizione o d'inabilitazione.
Art. 418.
Poteri dell'autorita' giudiziaria.
Art. 419.
Mezzi istruttori e provvedimenti provvisori.
Art. 420.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 13 MAGGIO 1978, N. 180 146
Art. 421.
Decorrenza degli effetti dell'interdizione e dell'inabilitazione.
Art. 422.
Cessazione del tutore e del curatore provvisorio.
Art. 423.
Pubblicita'.
Art. 424.
Tutela dell'interdetto e curatela dell'inabilitato.
Art. 425.
Esercizio dell'impresa commerciale da parte dell'inabilitato.
Art. 426.
Durata dell'ufficio.
Art. 427.
Atti compiuti dall'interdetto e dall'inabilitato.
Art. 428.
Atti compiuti da persona incapace d'intendere o di volere.
Art. 429.
Revoca dell'interdizione e dell'inabilitazione.
Art. 430.
Pubblicita'.
Art. 431.
Decorrenza degli effetti della sentenza di revoca.
Art. 432.
Inabilitazione nel giudizio di revoca dell'interdizione.

TITOLO XIIIDEGLI ALIMENTI
Art. 433.
Persone obbligate.
Art. 434.
Cessazione dell'obbligo tra affini.
Art. 435.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 436.
Obbligo tra adottante e adottato.
Art. 437.
Obbligo del donatario.
Art. 438.
Misura degli alimenti.
Art. 439.
Misura degli alimenti tra fratelli e sorelle.
Art. 440.
Cessazione, riduzione e aumento.
Art. 441.
Concorso di obbligati.
Art. 442.
Concorso di aventi diritto.
Art. 443.
Modo di somministrazione degli alimenti.
Art. 444.
Adempimento della prestazione alimentare.
Art. 445.
Decorrenza degli alimenti.
Art. 446.
Assegno provvisorio.
Art. 447.
Inammissibilita' di cessione e di compensazione.
Art. 448.
Cessazione per morte dell'obbligato.
Art. 448-bis
Cessazione per decadenza dell'avente diritto dalla responsabilita' genitorial

TITOLO XIVDEGLI ATTI DELLO STATO CIVILE
Art. 449.
Registri dello stato civile.
Art. 450.
Pubblicita' dei registri dello stato civile.
Art. 451.
Forza probatoria degli atti.
Art. 452.
Mancanza, distruzione o smarrimento di registri.
Art. 453.
Annotazioni.
Art. 454.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 3 NOVEMBRE 2000, N. 396.
Art. 455.
Efficacia della sentenza di rettificazione.

LIBRO SECONDO

TITOLO IDISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI
CAPO IDell'apertura della successione, della delazione e dell'acquisto dell'eredita'
Art. 456.
Apertura della successione.
Art. 457.
Delazione dell'eredita'.
Art. 458.
Divieto di patti successori.
Art. 459.
Acquisto dell'eredita'.
Art. 460.
Poteri del chiamato prima dell'accettazione.
Art. 461.
Rimborso delle spese sostenute dal chiamato.
CAPO IIDella capacita' di succedere
Art. 462.
Capacita' delle persone fisiche.
CAPO IIIDell'indegnita'
Art. 463.
Casi d'indegnita'.
Art. 463-bis.
Sospensione dalla successione.
Art. 464.
Restituzione dei frutti.
Art. 465.
Indegnita' del genitore.
Art. 466.
Riabilitazione dell'indegno.
CAPO IVDella rappresentazione
Art. 467.
Nozione.
Art. 468.
Soggetti.
Art. 469.
Estensione del diritto di rappresentazione. Divisione
CAPO VDELL'ACCETTAZIONE DELL'EREDITA'
Sezione IDisposizioni generali
Art. 470.
Accettazione pura e semplice e accettazione col beneficio d'inventario.
Art. 471.
Eredita' devolute a minori o interdetti.
Art. 472.
Eredita' devolute a minori emancipati o a inabilitati.
Art. 473.
Eredita' devolute a persone giuridiche o ad associazioni, fondazioni ed enti no
Art. 474.
Modi di accettazione.
Art. 475.
Accettazione espressa.
Art. 476.
Accettazione tacita.
Art. 477.
Donazione, vendita e cessione dei diritti di successione.
Art. 478.
Rinunzia che importa accettazione.
Art. 479.
Trasmissione del diritto di accettazione.
Art. 480.
Prescrizione.
Art. 481.
Fissazione di un termine per l'accettazione.
Art. 482.
Impugnazione per violenza o dolo.
Art. 483.
Impugnazione per errore.
Sezione IIDel beneficio d'inventario
Art. 484.
Accettazione col beneficio d'inventario.
Art. 485.
Chiamato all'eredita' che e' nel possesso di beni.
Art. 486.
Poteri.
Art. 487.
Chiamato all'eredita' che non e' nel possesso di beni.
Art. 488.
Dichiarazione in caso di termine fissato dall'autorita' giudiziaria.
Art. 489.
Incapaci.
Art. 490.
Effetti del beneficio d'inventario.
Art. 491.
Responsabilita' dell'erede nell'amministrazione.
Art. 492.
Garanzia.
Art. 493.
Alienazioni dei beni ereditari senza autorizzazione.
Art. 494.
Omissioni o infedelta' nell'inventario.
Art. 495.
Pagamento dei creditori e legatari.
Art. 496.
Rendimento del conto.
Art. 497.
Mora nel rendimento del conto.
Art. 498.
Liquidazione dell'eredita' in caso di opposizione.
Art. 499.
Procedura di liquidazione.
Art. 500.
Termine per la liquidazione.
Art. 501.
Reclami
Art. 502.
Pagamento dei creditori e dei legatari.
Art. 503.
Liquidazione promossa dall'erede.
Art. 504.
Liquidazione nel caso di piu' eredi
Art. 505.
Decadenza dal beneficio.
Art. 506.
Procedure individuali.
Art. 507.
Rilascio dei beni ai creditori e ai legatari.
Art. 508.
Nomina del curatore.
Art. 509.
Liquidazione proseguita su istanza dei creditori o legatari.
Art. 510.
Accettazione o inventario fatti da uno dei chiamati.
Art. 511.
Spese.
CAPO VIDella separazione dei beni del defunto da quelli dell'erede
Art. 512.
Oggetto della separazione.
Art. 513.
Separazione contro i legatari di specie.
Art. 514.
Rapporti tra creditori separatisti e non separatisti.
Art. 515.
Cessazione della separazione.
Art. 516.
Termine per l'esercizio del diritto alla separazione.
Art. 517.
Separazione riguardo ai mobili.
Art. 518.
Separazione riguardo agli immobili.
CAPO VIIDella rinunzia all'eredita'
Art. 519.
Dichiarazione di rinunzia
Art. 520.
Rinunzia condizionata, a termine o parziale.
Art. 521.
Retroattivita' della rinunzia.
Art. 522.
Devoluzione nelle successioni legittime.
Art. 523.
Devoluzione nelle successioni testamentarie.
Art. 524.
Impugnazione della rinunzia da parte dei creditori.
Art. 525.
Revoca della rinunzia.
Art. 526.
Impugnazione per violenza o dolo.
Art. 527.
Sottrazione di beni ereditari.
CAPO VIIIDell'eredita' giacente
Art. 528.
Nomina del curatore.
Art. 529.
Obblighi del curatore.
Art. 530.
Pagamento dei debiti ereditari.
Art. 531.
Inventario, amministrazione e rendimento dei conti.
Art. 532.
Cessazione della curatela per accettazione dell'eredita'.
CAPO IXDella petizione di eredita'
Art. 533.
Nozione.
Art. 534.
Diritti dei terzi.
Art. 535.
Possessore di beni ereditari.
CAPO XDei legittimari
Sezione IDei diritti riservati ai legittimari
Art. 536.
Legittimari.
Art. 537.
Riserva a favore dei figli ....
Art. 538.
Riserva a favore degli ascendenti ....
Art. 539.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 540.
Riserva a favore del coniuge.
Art. 541.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 542.
Concorso di coniuge e figli.
Art. 543.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 544.
Concorso di ascendenti ... e coniuge.
Art. 545.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 546.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 547.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 548.
Riserva a favore del coniuge separato.
Art. 549.
Divieto di pesi o condizioni sulla quota dei legittimari.
Art. 550.
Lascito eccedente la porzione disponibile.
Art. 551.
Legato in sostituzione di legittima.
Art. 552.
Donazioni e legati in conto di legittima.
Sezione IIDella reintegrazione della quota riservata ai legittimari
Art. 553.
Riduzione delle porzioni degli eredi legittimi in concorso con legittimari.
Art. 554.
Riduzione delle disposizioni testamentarie.
Art. 555.
Riduzione delle donazioni.
Art. 556.
Determinazione della porzione disponibile.
Art. 557.
Soggetti che possono chiedere la riduzione.
Art. 558.
Modo di ridurre le disposizioni testamentarie.
Art. 559.
Modo di ridurre le donazioni.
Art. 560.
Riduzione del legato o della donazione d'immobili.
Art. 561.
Restituzione degli immobili.
Art. 562.
Insolvenza del donatario soggetto a riduzione.
Art. 563.
Azione contro gli aventi causa dai donatari soggetti a riduzione.
Art. 564.
Condizioni per l'esercizio dell'azione di riduzione.

TITOLO IIDELLE SUCCESSIONI LEGITTIME
Art. 565.
Categorie dei successibili.
CAPO IDella successione dei parenti
Art. 566.
Successione dei figli
Art. 567.
Successione dei figli adottivi
Art. 568.
Successione dei genitori.
Art. 569.
Successione degli ascendenti.
Art. 570.
Successione dei fratelli e delle sorelle.
Art. 571.
Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle.
Art. 572.
Successione di altri parenti.
Art. 573.
Successione dei figli.
Art. 574.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 575.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 576.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 577.
Successione del figlio naturale all'ascendente legittimo immediato del suo genit
Art. 578.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 579.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 580.
Diritti dei figli non riconoscibili.
CAPO IIDella successione del coniuge
Art. 581.
Concorso del coniuge con i figli.
Art. 582.
Concorso del coniuge con ascendenti ..., fratelli e sorelle.
Art. 583.
Successione del solo coniuge.
Art. 584.
Successione del coniuge putativo.
Art. 585.
Successione del coniuge separato.
CAPO IIIDella successione dello Stato
Art. 586.
Acquisto dei beni da parte dello Stato.

TITOLO IIIDELLE SUCCESSIONI TESTAMENTARIE
CAPO IDisposizioni generali
Art. 587.
Testamento.
Art. 588.
Disposizioni a titolo universale e a titolo particolare.
Art. 589.
Testamento congiuntivo o reciproco.
Art. 590.
Conferma ed esecuzione volontaria di disposizioni testamentarie nulle.
CAPO IIDella capacita' di disporre per testamento
Art. 591.
Casi d'incapacita'.
CAPO IIIDella capacita' di ricevere per testamento
Art. 592.
Figli riconosciuti o riconoscibili.
Art. 593.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 594.
Assegno ai figli non riconoscibili.
Art. 595.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151 49
Art. 596.
Incapacita' del tutore e del protutore.
Art. 597.
Incapacita' del notaio, dei testimoni e dell'interprete.
Art. 598.
Incapacita' di chi ha scritto o ricevuto il testamento segreto.
Art. 599.
Persone interposte.
Art. 600.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 15 MAGGIO 1997, N. 127, COME MODIFICATA DALLA L. 22 G
CAPO IVDella forma dei testamenti
Sezione IDei testamenti ordinari
Art. 601.
Forme.
Art. 602.
Testamento olografo.
Art. 603.
Testamento pubblico.
Art. 604.
Testamento segreto.
Art. 605.
Formalita' del testamento segreto.
Art. 606.
Nullita' del testamento per difetto di forma.
Art. 607.
Validita' del testamento segreto come olografo.
Art. 608.
Ritiro di testamento segreto od olografo.
Sezione IIDei testamenti speciali
Art. 609.
Malattie contagiose, calamita' pubbliche o infortuni.
Art. 610.
Termine di efficacia.
Art. 611.
Testamento a bordo di nave.
Art. 612.
Forme.
Art. 613.
Consegna.
Art. 614.
Verbale di consegna.
Art. 615.
Termine di efficacia.
Art. 616.
Testamento a bordo di aeromobile.
Art. 617.
Testamento dei militari e assimilati.
Art. 618.
Casi e termini d'efficacia.
Art. 619.
Nullita'.
Sezione IIIDella pubblicazione dei testamenti olografi e dei testamenti segreti
Art. 620.
Pubblicazione del testamento olografo.
Art. 621.
Pubblicazione del testamento segreto.
Art. 622.
Comunicazione dei testamenti alla pretura.
Art. 623.
Comunicazioni agli eredi e legatari.
CAPO VDell'istituzione di erede e dei legati
Sezione IDisposizioni generali
Art. 624.
Violenza, dolo, errore.
Art. 625.
Erronea indicazione dell'erede o del legatario o della cosa che forma oggetto de
Art. 626.
Motivo illecito.
Art. 627.
Disposizione fiduciaria.
Art. 628.
Disposizione a favore di persona incerta.
Art. 629.
Disposizioni a favore dell'anima.
Art. 630.
Disposizioni a favore dei poveri.
Art. 631.
Disposizioni rimesse all'arbitrio del terzo.
Art. 632.
Determinazione di legato per arbitrio altrui.
Sezione IIDelle disposizioni condizionali, a termine e modali
Art. 633.
Condizione sospensiva o risolutiva.
Art. 634.
Condizioni impossibili o illecite.
Art. 635.
Condizione di reciprocita'.
Art. 636.
Divieto di nozze.
Art. 637.
Termine.
Art. 638.
Condizione di non fare o di non dare.
Art. 639.
Garanzia in caso di condizione risolutiva.
Art. 640.
Garanzia in caso di legato sottoposto a condizione sospensiva o a termine.
Art. 641.
Amministrazione in caso di condizione sospensiva o di mancata prestazione di gar
Art. 642.
Persone a cui spetta l'amministrazione.
Art. 643.
Amministrazione in caso di eredi nascituri.
Art. 644.
Obblighi e facolta' degli amministratori.
Art. 645.
Condizione sospensiva potestativa senza termine.
Art. 646.
Retroattivita' della condizione.
Art. 647.
Onere.
Art. 648.
Adempimento dell'onere.
Sezione IIIDei legati
Art. 649.
Acquisto del legato.
Art. 650.
Fissazione di un termine per la rinunzia.
Art. 651.
Legato di cosa dell'onerato o di un terzo.
Art. 652.
Legato di cosa solo in parte del testatore.
Art. 653.
Legato di cosa genericamente determinata.
Art. 654.
Legato di cosa non esistente nell'asse.
Art. 655.
Legato di cosa da prendersi da certo luogo.
Art. 656.
Legato di cosa del legatario.
Art. 657.
Legato di cosa acquistata dal legatario.
Art. 658.
Legato di credito o di liberazione da debito.
Art. 659.
Legato a favore del creditore.
Art. 660.
Legato di alimenti.
Art. 661.
Prelegato.
Art. 662.
Onere della prestazione del legato.
Art. 663.
Legato imposto a un solo erede.
Art. 664.
Adempimento del legato di genere.
Art. 665.
Scelta nel legato alternativo.
Art. 666.
Trasmissione all'erede della facolta' di scelta.
Art. 667.
Accessioni della cosa legata.
Art. 668.
Adempimento del legato.
Art. 669.
Frutti della cosa legata.
Art. 670.
Legato di prestazioni periodiche.
Art. 671.
Legati e oneri a carico del legatario.
Art. 672.
Spese per la prestazione del legato.
Art. 673.
Perimento della cosa legata. Impossibilita' della prestazione.
Sezione IVDel diritto di accrescimento
Art. 674.
Accrescimento tra coeredi.
Art. 675.
Accrescimento tra collegatari.
Art. 676.
Effetti dell'accrescimento.
Art. 677.
Mancanza di accrescimento.
Art. 678.
Accrescimento nel legato di usufrutto.
Sezione VDella revocazione delle disposizioni testamentarie
Art. 679.
Revocabilita' del testamento.
Art. 680.
Revocazione espressa.
Art. 681.
Revocazione della revocazione.
Art. 682.
Testamento posteriore.
Art. 683.
Testamento posteriore inefficace.
Art. 684.
Distruzione del testamento olografo.
Art. 685.
Effetti del ritiro del testamento segreto.
Art. 686.
Alienazione e trasformazione della cosa legata.
Art. 687.
Revocazione per sopravvenienza di figli.
CAPO VIDelle sostituzioni
Sezione IDella sostituzione ordinaria
Art. 688.
Casi di sostituzione ordinaria.
Art. 689.
Sostituzione plurima. Sostituzione reciproca.
Art. 690.
Obblighi dei sostituiti.
Art. 691.
Sostituzione ordinaria nei legati.
Sezione IIDella sostituzione fedecommissaria
Art. 692.
Sostituzione fedecommissaria.
Art. 693.
Diritti e obblighi dell'istituito.
Art. 694.
Alienazione dei beni.
Art. 695.
Diritti dei creditori personali dell'istituito.
Art. 696.
Devoluzione al sostituito.
Art. 697.
Sostituzione fedecommissaria nei legati.
Art. 698.
Usufrutto successivo.
Art. 699.
Premi di nuzialita', opere di assistenza e simili.
CAPO VIIDegli esecutori testamentari
Art. 700.
Facolta' di nomina e di sostituzione.
Art. 701.
Persone capaci di essere nominate.
Art. 702.
Accettazione e rinunzia alla nomina.
Art. 703.
Funzioni dell'esecutore testamentario.
Art. 704.
Rappresentanza processuale.
Art. 705.
Apposizione di sigilli e inventario.
Art. 706.
Divisione da compiersi dall'esecutore testamentario.
Art. 707.
Consegna dei beni all'erede.
Art. 708.
Disaccordo tra piu' esecutori testamentari.
Art. 709.
Conto della gestione.
Art. 710.
Esonero dell'esecutore testamentario.
Art. 711.
Retribuzione.
Art. 712.
Spese.

TITOLO IVDELLA DIVISIONE
CAPO IDisposizioni generali
Art. 713.
Facolta' di domandare la divisione.
Art. 714.
Godimento separato di parte dei beni.
Art. 715.
Casi d'impedimento alla divisione.
Art. 716.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 717.
Sospensione della divisione per ordine del giudice.
Art. 718.
Diritto ai beni in natura.
Art. 719.
Vendita dei beni per il pagamento dei debiti ereditari.
Art. 720.
Immobili non divisibili.
Art. 721.
Vendita degli immobili.
Art. 722.
Beni indivisibili nell'interesse della produzione nazionale.
Art. 723.
Resa dei conti.
Art. 724.
Collazione e imputazione.
Art. 725.
Prelevamenti.
Art. 726.
Stima e formazione delle parti.
Art. 727.
Norme per la formazione delle porzioni.
Art. 728.
Conguagli in danaro.
Art. 729.
Assegnazione o attribuzione delle porzioni.
Art. 730.
Deferimento delle operazioni a un notaio.
Art. 731.
Suddivisioni tra stirpi.
Art. 732.
Diritto di prelazione.
Art. 733.
Norme date dal testatore per la divisione.
Art. 734.
Divisione fatta dal testatore.
Art. 735.
Preterizione di eredi e lesione di legittima.
Art. 736.
Consegna dei documenti.
CAPO IIDella collazione
Art. 737.
Soggetti tenuti alla collazione.
Art. 738.
Limiti della collazione per il coniuge.
Art. 739.
Donazioni ai discendenti o al coniuge dell'erede. Donazioni a coniugi.
Art. 740.
Donazioni fatte all'ascendente dell'erede.
Art. 741.
Collazione di assegnazioni varie.
Art. 742.
Spese non soggette a collazione.
Art. 743.
Societa' contratta con l'erede.
Art. 744.
Perimento della cosa donata.
Art. 745.
Frutti e interessi.
Art. 746.
Collazione d'immobili.
Art. 747.
Collazione per imputazione.
Art. 748.
Miglioramenti, spese e deterioramenti.
Art. 749.
Miglioramenti e deterioramenti dell'immobile alienato.
Art. 750.
Collazione di mobili.
Art. 751.
Collazione del danaro.
CAPO IIIDel pagamento dei debiti
Art. 752.
Ripartizione dei debiti ereditari tra gli eredi.
Art. 753.
Immobili gravati da rendita redimibile.
Art. 754.
Pagamento dei debiti e rivalsa.
Art. 755.
Quota di debito ipotecario non pagata da un coerede.
Art. 756.
Esenzione del legatario dal pagamento dei debiti.
CAPO IVDegli effetti della divisione e della garanzia delle quote
Art. 757.
Diritto dell'erede sulla propria quota.
Art. 758.
Garanzia tra coeredi.
Art. 759.
Evizione subita da un coerede.
Art. 760.
Inesigibilita' di crediti.
CAPO VDell'annullamento e della rescissione in materia di divisione
Art. 761.
Annullamento per violenza o dolo.
Art. 762.
Omissione di beni ereditari.
Art. 763.
Rescissione per lesione.
Art. 764.
Atti diversi dalla divisione.
Art. 765.
Vendita del diritto ereditario fatta al coerede.
Art. 766.
Stima dei beni.
Art. 767.
Facolta' del coerede di dare il supplemento.
Art. 768.
Alienazione della porzione ereditaria.
Capo V-bisDel patto di famiglia
Art. 768-bis.
Nozione .
Art. 768-ter.
Forma.
Art. 768-quater.
Partecipazione.
Art. 768-quinquies.
Vizi del consenso.
Art. 768-sexies.
Rapporti con i terzi.
Art. 768-septies.
Scioglimento.
Art. 768-octies.
Controversie.

TITOLO VDELLE DONAZIONI
CAPO IDisposizioni generali
Art. 769.
Definizione.
Art. 770.
Donazione rimuneratoria.
Art. 771.
Donazione di beni futuri.
Art. 772.
Donazione di prestazioni periodiche.
Art. 773.
Donazione a piu' donatari.
CAPO IIDella capacita' di disporre e di ricevere per donazione
Art. 774.
Capacita' di donare.
Art. 775.
Donazione fatta da persona incapace d'intendere o di volere.
Art. 776.
Donazione fatta dall'inabilitato.
Art. 777.
Donazioni fatte da rappresentanti di persone incapaci.
Art. 778.
Mandato a donare.
Art. 779.
Donazione a favore del tutore o protutore.
Art. 780.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 15140
Art. 781.
Donazione tra coniugi.
CAPO IIIDella forma e degli effetti della donazione
Art. 782.
Forma della donazione.
Art. 783.
Donazioni di modico valore.
Art. 784.
Donazione a nascituri.
Art. 785.
Donazione in riguardo di matrimonio.
Art. 786.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 15 MAGGIO 1997, N. 127, COME MODIFICATA DALLA L. 22 G
Art. 787.
Errore sul motivo della donazione.
Art. 788.
Motivo illecito.
Art. 789.
Inadempimento o ritardo nell'esecuzione.
Art. 790.
Riserva di disporre di cose determinate.
Art. 791.
Condizione di riversibilita'.
Art. 792.
Effetti della riversibilita'.
Art. 793.
Donazione modale.
Art. 794.
Onere illecito o impossibile.
Art. 795.
Divieto di sostituzione.
Art. 796.
Riserva di usufrutto.
Art. 797.
Garanzia per evizione.
Art. 798.
Responsabilita' per vizi della cosa.
Art. 799.
Conferma ed esecuzione volontaria di donazioni nulle.
CAPO IVDella revocazione delle donazioni
Art. 800.
Cause di revocazione.
Art. 801.
Revocazione per ingratitudine.
Art. 802.
Termini e legittimazione ad agire.
Art. 803.
Revocazione per sopravvenienza di figli
Art. 804.
Termine per l'azione.
Art. 805.
Donazioni irrevocabili.
Art. 806.
Inammissibilita' della rinunzia preventiva.
Art. 807.
Effetti della revocazione.
Art. 808.
Effetti nei riguardi dei terzi.
Art. 809.
Norme sulle donazioni applicabili ad altri atti di liberalita'.

LIBRO TERZO

TITOLO IDEI BENI
CAPO IDei beni in generale
Art. 810.
Nozione.
Sezione IDei beni nell'ordine corporativo
Art. 811.
ARTICOLO ABROGATO DAL D. LGS. LUOGOTENENZIALE 14 SETTEMBRE 1944, N. 287
Sezione IIDei beni immobili e mobili
Art. 812.
Distinzione dei beni.
Art. 813.
Distinzione dei diritti.
Art. 814.
Energie.
Art. 815.
Beni mobili iscritti in pubblici registri.
Art. 816.
Universalita' di mobili.
Art. 817.
Pertinenze.
Art. 818.
Regime delle pertinenze.
Art. 819.
Diritti dei terzi sulle pertinenze.
Sezione IIIDei frutti
Art. 820.
Frutti naturali e frutti civili.
Art. 821.
Acquisto dei frutti.
CAPO IIDei beni appartenenti allo Stato, agli enti pubblici e agli enti ecclesiastici
Art. 822.
Demanio pubblico.
Art. 823.
Condizione giuridica del demanio pubblico.
Art. 824.
Beni delle provincie e dei comuni soggetti al regime dei beni demaniali.
Art. 825.
Diritti demaniali su beni altrui.
Art. 826.
Patrimonio dello Stato, delle provincie e dei comuni.
Art. 827.
Beni immobili vacanti.
Art. 828.
Condizione giuridica dei beni patrimoniali.
Art. 829.
Passaggio di beni dal demanio al patrimonio.
Art. 830.
Beni degli enti pubblici non territoriali.
Art. 831.
Beni degli enti ecclesiastici ed edifici di culto.

TITOLO IIDELLA PROPRIETA'
CAPO IDisposizioni generali
Art. 832.
Contenuto del diritto.
Art. 833.
Atti d'emulazione.
Art. 834.
Espropriazione per pubblico interesse.
Art. 835.
Requisizioni.
Art. 836.
Vincoli e obblighi temporanei.
Art. 837.
Ammassi.
Art. 838.
Espropriazione di beni che interessano la produzione nazionale o di prevalente i
Art. 839.
Beni d'interesse storico e artistico.
CAPO IIDella proprieta' fondiaria
Sezione IDisposizioni generali
Art. 840.
Sottosuolo e spazio sovrastante al suolo.
Art. 841.
Chiusura del fondo.
Art. 842.
Caccia e pesca.
Art. 843.
Accesso al fondo.
Art. 844.
Immissioni.
Art. 845.
Regole particolari per scopi di pubblico interesse.
Sezione IIDel riordinamento della proprieta' rurale
Art. 846.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 18 MAGGIO 2001, N. 228, COME MODIFICATO DAL D. LGS.
Art. 847.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 18 MAGGIO 2001, N. 228, COME MODIFICATO DAL D. LGS.
Art. 848.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 18 MAGGIO 2001, N. 228, COME MODIFICATO DAL D. LGS.
Art. 849.
Fondi compresi entro maggiori unita' fondiarie.
Art. 850.
Consorzi a scopo di ricomposizione fondiaria.
Art. 851.
Trasferimenti coattivi.
Art. 852.
Terreni esclusi dai trasferimenti.
Art. 853.
Trasferimento dei diritti reali.
Art. 854.
Notifica e trascrizione del piano di riordinamento.
Art. 855.
Effetti dell'approvazione del piano di riordinamento.
Art. 856.
Competenza dell'autorita' giudiziaria.
Sezione IIIDella bonifica integrale
Art. 857.
Terreni soggetti a bonifica.
Art. 858.
Comprensorio di bonifica e piano delle opere.
Art. 859.
Opere di competenza dello Stato.
Art. 860.
Concorso dei proprietari nella spesa.
Art. 861.
Opere di competenza dei privati.
Art. 862.
Consorzi di bonifica.
Art. 863.
Consorzi di miglioramento fondiario.
Art. 864.
Contributi consorziali.
Art. 865.
Espropriazione per inosservanza degli obblighi.
Sezione IVDei vincoli idrogeologici e delle difese fluviali
Art. 866.
Vincoli per scopi idrogeologici e per altri scopi.
Art. 867.
Sistemazione e rimboschimento dei terreni vincolati.
Art. 868.
Regolamento protettivo dei corsi d'acqua.
Sezione VDella proprieta' edilizia
Art. 869.
Piani regolatori.
Art. 870.
Comparti.
Art. 871.
Norme di edilizia e di ornato pubblico.
Art. 872.
Violazione delle norme di edilizia.
Sezione VIDelle distanze nelle costruzioni, piantagioni e scavi, e dei muri, fossi e siepi interposti tra i fondi
Art. 873.
Distanze nelle costruzioni.
Art. 874.
Comunione forzosa del muro sul confine.
Art. 875.
Comunione forzosa del muro che non e' sul confine.
Art. 876.
Innesto nel muro sul confine.
Art. 877.
Costruzioni in aderenza.
Art. 878.
Muro di cinta.
Art. 879.
Edifici non soggetti all'obbligo delle distanze o a comunione forzosa.
Art. 880.
Presunzione di comunione del muro divisorio.
Art. 881.
Presunzione di proprieta' esclusiva del muro divisorio.
Art. 882.
Riparazioni del muro comune.
Art. 883.
Abbattimento di edificio appoggiato al muro comune.
Art. 884.
Appoggio e immissione di travi e catene nel muro comune.
Art. 885.
Innalzamento del muro comune.
Art. 886.
Costruzione del muro di cinta.
Art. 887.
Fondi a dislivello negli abitati.
Art. 888.
Esonero dal contributo nelle spese.
Art. 889.
Distanze per pozzi, cisterne, fosse e tubi.
Art. 890.
Distanze per fabbriche e depositi nocivi o pericolosi.
Art. 891.
Distanze per canali e fossi.
Art. 892.
Distanze per gli alberi.
Art. 893.
Alberi presso strade, canali e sul confine di boschi.
Art. 894.
Alberi a distanza non legale.
Art. 895.
Divieto di ripiantare alberi a distanza non legale.
Art. 896.
Recisione di rami protesi e di radici.
Art. 896-bis
Distanze minime per gli apiari.
Art. 897.
Comunione di fossi.
Art. 898.
Comunione di siepi.
Art. 899.
Comunione di alberi.
Sezione VIIDelle luci e delle vedute
Art. 900.
Specie di finestre.
Art. 901.
Luci.
Art. 902.
Apertura priva dei requisiti prescritti per le luci.
Art. 903.
Luci nel muro proprio o nel muro comune.
Art. 904.
Diritto di chiudere le luci.
Art. 905.
Distanza per l'apertura di vedute dirette e balconi.
Art. 906.
Distanza per l'apertura di vedute laterali od oblique.
Art. 907.
Distanza delle costruzioni dalle vedute.
Sezione VIIIDello stillicidio
Art. 908.
Scarico delle acque piovane.
Sezione IXDelle acque
Art. 909.
Diritto sulle acque esistenti nel fondo.
Art. 910.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.P.R. 18 FEBBRAIO 1999, N. 238
Art. 911.
Apertura di nuove sorgenti e altre opere.
Art. 912.
Conciliazione di opposti interessi.
Art. 913.
Scolo delle acque.
Art. 914.
Consorzi per regolare il deflusso delle acque.
Art. 915.
Riparazione di sponde e argini.
Art. 916.
Rimozione degli ingombri.
Art. 917.
Spese per la riparazione, costruzione o rimozione.
Art. 918.
Consorzi volontari.
Art. 919.
Scioglimento del consorzio.
Art. 920.
Norme applicabili.
Art. 921.
Consorzi coattivi.
CAPO IIIDei modi di acquisto della proprieta'
Art. 922.
Modi di acquisto.
Sezione IDell'occupazione e dell'invenzione
Art. 923.
Cose suscettibili di occupazione.
Art. 924.
Sciami di api.
Art. 925.
Animali mansuefatti.
Art. 926.
Migrazione di colombi, conigli e pesci.
Art. 927.
Cose ritrovate.
Art. 928.
Pubblicazione del ritrovamento.
Art. 929.
Acquisto di proprieta' della cosa ritrovata.
Art. 930.
Premio dovuto al ritrovatore.
Art. 931.
Equiparazione del possessore o detentore al proprietario.
Art. 932.
Tesoro.
Art. 933.
Rigetti del mare e piante sul lido. Relitti aeronautici.
Sezione IIDell'accessione, della specificazione, dell'unione e della commistione
Art. 934.
Opere fatte sopra o sotto il suolo.
Art. 935.
Opere fatte dal proprietario del suolo con materiali altrui.
Art. 936.
Opere fatte da un terzo con materiali propri.
Art. 937.
Opere fatte da un terzo con materiali altrui.
Art. 938.
Occupazione di porzione di fondo attiguo.
Art. 939.
Unione e commistione.
Art. 940.
Specificazione.
Art. 941.
Alluvione.
Art. 942.
Terreni abbandonati dalle acque correnti.
Art. 943.
Laghi e stagni.
Art. 944.
Avulsione.
Art. 945.
Isole e unioni di terra.
Art. 946.
Alveo abbandonato.
Art. 947.
Mutamenti del letto dei fiumi derivanti da regolamento del loro corso.
CAPO IVDelle azioni a difesa della proprieta'
Art. 948.
Azione di rivendicazione.
Art. 949.
Azione negatoria.
Art. 950.
Azione di regolamento di confini.
Art. 951.
Azione per apposizione di termini.

TITOLO IIIDELLA SUPERFICIE
Art. 952.
Costituzione del diritto di superficie.
Art. 953.
Costituzione a tempo determinato.
Art. 954.
Estinzione del diritto di superficie.
Art. 955.
Costruzioni al disotto del suolo.
Art. 956.
Divieto di proprieta' separata delle piantagioni.

TITOLO IVDELL'ENFITEUSI
Art. 957.
Disposizioni inderogabili.
Art. 958.
Durata.
Art. 959.
Diritti dell'enfiteuta.
Art. 960.
Obblighi dell'enfiteuta.
Art. 961.
Pagamento del canone.
Art. 962.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 22 LUGLIO 1966, N. 607
Art. 963.
Perimento totale o parziale del fondo.
Art. 964.
Imposte e altri pesi.
Art. 965.
Disponibilita' del diritto dell'enfiteuta.
Art. 966.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 18 DICEMBRE 1970, N. 1138
Art. 967.
Diritti e obblighi dell'enfiteuta e del concedente in caso di alienazione.
Art. 968.
Subenfiteusi.
Art. 969.
Ricognizione.
Art. 970.
Prescrizione del diritto dell'enfiteuta.
Art. 971.
Affrancazione.
Art. 972.
Devoluzione.
Art. 973.
Clausola risolutiva espressa.
Art. 974.
Diritti dei creditori dell'enfiteuta.
Art. 975.
Miglioramenti e addizioni.
Art. 976.
Locazioni concluse dall'enfiteuta.
Art. 977.
Enfiteusi costituite dalle persone giuridiche.

TITOLO VDELL'USUFRUTTO, DELL'USO E DELL'ABITAZIONE
CAPO IDell'usufrutto
Sezione IDisposizioni generali
Art. 978.
Costituzione.
Art. 979.
Durata.
Art. 980.
Cessione dell'usufrutto.
Sezione IIDei diritti nascenti dall'usufrutto
Art. 981.
Contenuto del diritto di usufrutto.
Art. 982.
Possesso della cosa.
Art. 983.
Accessioni.
Art. 984.
Frutti.
Art. 985.
Miglioramenti.
Art. 986.
Addizioni.
Art. 987.
Miniere, cave e torbiere.
Art. 988.
Tesoro.
Art. 989.
Boschi, filari e alberi sparsi di alto fusto.
Art. 990.
Alberi di alto fusto divelti, spezzati o periti.
Art. 991.
Alberi fruttiferi.
Art. 992.
Pali per vigne e per altre coltivazioni.
Art. 993.
Semenzai.
Art. 994.
Perimento delle mandre o dei greggi.
Art. 995.
Cose consumabili.
Art. 996.
Cose deteriorabili.
Art. 997.
Impianti, opifici e macchinari.
Art. 998.
Scorte vive e morte.
Art. 999.
Locazioni concluse dall'usufruttuario.
Art. 1000.
Riscossione di capitali.
Sezione IIIDegli obblighi nascenti dall'usufrutto
Art. 1001.
Obbligo di restituzione. Misura della diligenza.
Art. 1002.
Inventario e garanzia.
Art. 1003.
Mancanza o insufficienza della garanzia.
Art. 1004.
Spese a carico dell'usufruttuario.
Art. 1005.
Riparazioni straordinarie.
Art. 1006.
Rifiuto del proprietario alle riparazioni.
Art. 1007.
Rovina parziale di edificio accessorio.
Art. 1008.
Imposte e altri pesi a carico dell'usufruttuario.
Art. 1009.
Imposte e altri pesi a carico del proprietario.
Art. 1010.
Passivita' gravanti su eredita' in usufrutto.
Art. 1011.
Ritenzione per le somme anticipate.
Art. 1012.
Usurpazioni durante l'usufrutto e azioni relative alle servitu'.
Art. 1013.
Spese per le liti.
Sezione IVEstinzione e modificazioni dell'usufrutto
Art. 1014.
Estinzione dell'usufrutto.
Art. 1015.
Abusi dell'usufruttuario.
Art. 1016.
Perimento parziale della cosa.
Art. 1017.
Perimento della cosa per colpa o dolo di terzi.
Art. 1018.
Perimento dell'edificio.
Art. 1019.
Perimento di cosa assicurata dall'usufruttuario.
Art. 1020.
Requisizione o espropriazione.
CAPO IIDell'uso e dell'abitazione
Art. 1021.
Uso.
Art. 1022.
Abitazione.
Art. 1023.
Ambito della famiglia.
Art. 1024.
Divieto di cessione.
Art. 1025.
Obblighi inerenti all'uso e all'abitazione.
Art. 1026.
Applicabilita' delle norme sull'usufrutto.

TITOLO VIDELLE SERVITU' PREDIALI
CAPO IDisposizioni generali
Art. 1027.
Contenuto del diritto.
Art. 1028.
Nozione dell'utilita'.
Art. 1029.
Servitu' per vantaggio futuro.
Art. 1030.
Prestazioni accessorie.
Art. 1031.
Costituzione delle servitu'
CAPO IIDelle servitu' coattive
Art. 1032.
Modi di costituzione.
Sezione IDell'acquedotto e dello scarico coattivo
Art. 1033.
Obbligo di dare passaggio alle acque.
Art. 1034.
Apertura di nuovo acquedotto.
Art. 1035.
Attraversamento di acquedotti.
Art. 1036.
Attraversamento di fiumi o di strade.
Art. 1037.
Condizioni per la costituzione della servitu'.
Art. 1038.
Indennita' per l'imposizione della servitu'.
Art. 1039.
Indennita' per il passaggio temporaneo.
Art. 1040.
Uso dell'acquedotto.
Art. 1041.
Letto dell'acquedotto.
Art. 1042.
Obblighi inerenti all'uso di corsi contigui a fondi altrui.
Art. 1043.
Scarico coattivo.
Art. 1044.
Bonifica.
Art. 1045.
Utilizzazione di fogne o di fossi altrui.
Art. 1046.
Norme per l'esecuzione delle opere.
Sezione IIDell'appoggio e dell'infissione di chiusa
Art. 1047.
Contenuto della servitu'.
Art. 1048.
Obblighi degli utenti.
Sezione IIIDella somministrazione coattiva di acqua a un edificio o a un fondo
Art. 1049.
Somministrazione di acqua a un edificio.
Art. 1050.
Somministrazione di acqua a un fondo.
Sezione IVDel passaggio coattivo
Art. 1051.
Passaggio coattivo.
Art. 1052.
Passaggio coattivo a favore di fondo non intercluso.
Art. 1053.
Indennita'.
Art. 1054.
Interclusione per effetto di alienazione o di divisione.
Art. 1055.
Cessazione dell'interclusione.
Sezione VDell'elettrodotto coattivo e del passaggio coattivo di linee teleferiche
Art. 1056.
Passaggio di condutture elettriche.
Art. 1057.
Passaggio di vie funicolari.
CAPO IIIDelle servitu' volontarie
Art. 1058.
Modi di costituzione.
Art. 1059.
Servitu' concessa da uno dei comproprietari.
Art. 1060.
Servitu' costituite dal nudo proprietario.
CAPO IVDelle servitu' acquistate per usucapione e per destinazione del padre di famiglia
Art. 1061.
Servitu' non apparenti.
Art. 1062.
Destinazione del padre di famiglia.
CAPO VDell'esercizio delle servitu'
Art. 1063.
Norme regolatrici.
Art. 1064.
Estensione del diritto di servitu'.
Art. 1065.
Esercizio conforme al titolo o al possesso.
Art. 1066.
Possesso delle servitu'.
Art. 1067.
Divieto di aggravare o di diminuire l'esercizio della servitu'.
Art. 1068.
Trasferimento della servitu' in luogo diverso.
Art. 1069.
Opere sul fondo servente.
Art. 1070.
Abbandono del fondo servente.
Art. 1071.
Divisione del fondo dominante o del fondo servente.
CAPO VIDell'estinzione delle servitu'
Art. 1072.
Estinzione per confusione.
Art. 1073.
Estinzione per prescrizione.
Art. 1074.
Impossibilita' di uso e mancanza di utilita'.
Art. 1075.
Esercizio limitato della servitu'.
Art. 1076.
Esercizio della servitu' non conforme al titolo o al possesso.
Art. 1077.
Servitu' costituite sul tondo enfiteutico.
Art. 1078.
Servitu' costituite a favore del fondo enfiteutico, dotale o in usufrutto.
CAPO VIIDelle azioni a difesa delle servitu'
Art. 1079.
Accertamento della servitu' e altri provvedimenti di tutela.
CAPO VIIIDi alcune servitu' in materia di acque
Sezione IDella servitu' di presa o di derivazione di acqua
Art. 1080.
Presa d'acqua continua.
Art. 1081.
Modulo d'acqua.
Art. 1082.
Forma della bocca e dell'edificio derivatore.
Art. 1083.
Determinazione della quantita' d'acqua.
Art. 1084.
Norme regolatrici della servitu'.
Art. 1085.
Tempo d'esercizio della servitu'.
Art. 1086.
Distribuzione per ruota.
Art. 1087.
Acque sorgenti o sfuggite.
Art. 1088.
Variazione del turno tra gli utenti.
Art. 1089.
Acqua impiegata come forza motrice.
Art. 1090.
Manutenzione del canale.
Art. 1091.
Obblighi del concedente fino al luogo di consegna dell'acqua.
Art. 1092.
Deficienza dell'acqua.
Art. 1093.
Riduzione della servitu'.
Sezione IIDella servitu' degli scoli e degli avanzi di acqua
Art. 1094.
Servitu' attiva degli scoli.
Art. 1095.
Usucapione della servitu' attiva degli scoli.
Art. 1096.
Diritti del proprietario del fondo servente.
Art. 1097.
Diritto agli avanzi d'acqua.
Art. 1098.
Divieto di deviare acque di scolo o avanzi d'acqua.
Art. 1099.
Sostituzione di acqua viva.

TITOLO VIIDELLA COMUNIONE
CAPO IDella comunione in generale
Art. 1100.
Norme regolatrici.
Art. 1101.
Quote dei partecipanti.
Art. 1102.
Uso della cosa comune.
Art. 1103.
Disposizione della quota.
Art. 1104.
Obblighi dei partecipanti.
Art. 1105.
Amministrazione.
Art. 1106.
Regolamento della comunione e nomina di amministratore.
Art. 1107.
Impugnazione del regolamento.
Art. 1108.
Innovazioni e altri atti eccedenti l'ordinaria amministrazione.
Art. 1109.
Impugnazione delle deliberazioni.
Art. 1110.
Rimborso di spese.
Art. 1111.
Scioglimento della comunione.
Art. 1112.
Cose non soggette a divisione.
Art. 1113.
Intervento nella divisione e opposizioni.
Art. 1114.
Divisione in natura.
Art. 1115.
Obbligazioni solidali dei partecipanti.
Art. 1116.
Applicabilita' delle norme sulla divisione ereditaria.
CAPO IIDel condominio negli edifici
Art. 1117.
Parti comuni dell'edificio.
Art. 1117-bis.
Ambito di applicabilita'.
Art. 1117-ter.
Modificazioni delle destinazioni d'uso.
Art. 1117-quater.
Tutela delle destinazioni d'uso.
Art. 1118.
Diritti dei partecipanti sulle parti comuni.
Art. 1119.
Indivisibilita'.
Art. 1120.
Innovazioni.
Art. 1121.
Innovazioni gravose o voluttuarie.
Art. 1122.
Opere su parti di proprieta' o uso individuale.
Art. 1122-bis.
Impianti non centralizzati di ricezione radiotelevisiva e di produzione di
Art. 1122-ter.
Impianti di videosorveglianza sulle parti comuni.
Art. 1123.
Ripartizione delle spese.
Art. 1124.
Manutenzione e sostituzione delle scale e degli ascensori
Art. 1125.
Manutenzione e ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai.
Art. 1126.
Lastrici solari di uso esclusivo.
Art. 1127.
Costruzione sopra l'ultimo piano dell'edificio.
Art. 1128.
Perimento totale o parziale dell'edificio.
Art. 1129.
Nomina, revoca ed obblighi dell'amministratore.
Art. 1130.
Attribuzioni dell'amministratore.
Art. 1130-bis.
Rendiconto condominiale.
Art. 1131.
Rappresentanza.
Art. 1132.
Dissenso dei condomini rispetto alle liti.
Art. 1133.
Provvedimenti presi dall'amministratore.
Art. 1134.
Gestione di iniziativa individuale.
Art. 1135.
Attribuzioni dell'assemblea dei condomini.
Art. 1136.
Costituzione dell'assemblea e validita' delle deliberazioni.
Art. 1137.
Impugnazione delle deliberazioni dell'assemblea.
Art. 1138.
Regolamento di condominio.
Art. 1139.
Rinvio alle norme sulla comunione.

TITOLO VIIIDEL POSSESSO
CAPO IDisposizioni generali
Art. 1140.
Possesso.
Art. 1141.
Mutamento della detenzione in possesso.
Art. 1142.
Presunzione di possesso intermedio.
Art. 1143.
Presunzione di possesso anteriore.
Art. 1144.
Atti di tolleranza.
Art. 1145.
Possesso di cose fuori commercio.
Art. 1146.
Successione nel possesso. Accessione del possesso.
Art. 1147.
Possesso di buona fede.
CAPO IIDegli effetti del possesso
Sezione IDei diritti e degli obblighi del possessore nella restituzione della cosa
Art. 1148.
Acquisto dei frutti.
Art. 1149.
Rimborso delle spese per la produzione e il raccolto dei frutti.
Art. 1150.
Riparazioni, miglioramenti e addizioni.
Art. 1151.
Pagamento delle indennita'.
Art. 1152.
Ritenzione a favore del possessore di buona fede.
Sezione IIDel possesso di buona fede di beni mobili
Art. 1153.
Effetti dell'acquisto del possesso.
Art. 1154.
Conoscenza dell'illegittima provenienza della cosa.
Art. 1155.
Acquisto di buona fede e precedente alienazione ad altri.
Art. 1156.
Universalita' di mobili e mobili iscritti in pubblici registri.
Art. 1157.
Possesso di titoli di credito.
Sezione IIIDell'usucapione
Art. 1158.
Usucapione dei beni immobili e dei diritti reali immobiliari.
Art. 1159.
Usucapione decennale.
Art. 1159.
Usucapione speciale per la piccola proprieta' rurale.
Art. 1160.
Usucapione delle universalita' di mobili.
Art. 1161.
Usucapione dei beni mobili.
Art. 1162.
Usucapione di beni mobili iscritti in pubblici registri.
Art. 1163.
Vizi del possesso.
Art. 1164.
Interversione del possesso.
Art. 1165.
Applicazione di norme sulla prescrizione.
Art. 1166.
Inefficacia delle cause d'impedimento e di sospensione rispetto al terzo posses
Art. 1167.
Interruzione dell'usucapione per perdita di possesso.
CAPO IIIDelle azioni a difesa del possesso
Art. 1168.
Azione di reintegrazione.
Art. 1169.
Reintegrazione contro l'acquirente consapevole dello spoglio.
Art. 1170.
Azione di manutenzione.

TITOLO IXDELLA DENUNZIA DI NUOVA OPERA E DI DANNO TEMUTO
Art. 1171.
Denunzia di nuova opera.
Art. 1172.
Denunzia di danno temuto.

LIBRO QUARTO

TITOLO IDELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE
CAPO IDisposizioni preliminari
Art. 1173.
Fonti delle obbligazioni.
Art. 1174.
Carattere patrimoniale della prestazione.
Art. 1175.
Comportamento secondo correttezza.
CAPO IIDell'adempimento delle obbligazioni
Sezione IDell'adempimento in generale
Art. 1176.
Diligenza nell'adempimento.
Art. 1177.
Obbligazione di custodire.
Art. 1178.
Obbligazione generica.
Art. 1179.
Obbligo di garanzia.
Art. 1180.
Adempimento del terzo.
Art. 1181.
Adempimento parziale.
Art. 1182.
Luogo dell'adempimento.
Art. 1183.
Tempo dell'adempimento.
Art. 1184.
Termine.
Art. 1185.
Pendenza del termine.
Art. 1186.
Decadenza dal termine.
Art. 1187.
Computo del termine.
Art. 1188.
Destinatario del pagamento.
Art. 1189.
Pagamento al creditore apparente.
Art. 1190.
Pagamento al creditore incapace.
Art. 1191.
Pagamento eseguito da un incapace.
Art. 1192.
Pagamento eseguito con cose altrui.
Art. 1193.
Imputazione del pagamento.
Art. 1194.
Imputazione del pagamento agli interessi.
Art. 1195.
Quietanza con imputazione.
Art. 1196.
Spese del pagamento.
Art. 1197.
Prestazione in luogo dell'adempimento.
Art. 1198.
Cessione di un credito in luogo dell'adempimento.
Art. 1199.
Diritto del debitore alla quietanza.
Art. 1200.
Liberazione dalle garanzie.
Sezione IIDel pagamento con surrogazione
Art. 1201.
Surrogazione per volonta' del creditore.
Art. 1202.
Surrogazione per volonta' del debitore.
Art. 1203.
Surrogazione legale.
Art. 1204.
Terzi garanti.
Art. 1205.
Surrogazione parziale.
Sezione IIIDella mora del creditore
Art. 1206.
Condizioni.
Art. 1207.
Effetti.
Art. 1208.
Requisiti per la validita' dell'offerta.
Art. 1209.
Offerta reale e offerta per intimazione.
Art. 1210.
Facolta' di deposito e suoi effetti liberatori.
Art. 1211.
Cose deperibili o di dispendiosa custodia.
Art. 1212.
Requisiti del deposito.
Art. 1213.
Ritiro del deposito.
Art. 1214.
Offerta secondo gli usi e deposito.
Art. 1215.
Spese.
Art. 1216.
Intimazione di ricevere la consegna di un immobile.
Art. 1217.
Obbligazioni di fare.
CAPO IIIDell'inadempimento delle obbligazioni
Art. 1218.
Responsabilita' del debitore.
Art. 1219.
Costituzione in mora.
Art. 1220.
Offerta non formale.
Art. 1221.
Effetti della mora sul rischio.
Art. 1222.
Inadempimento di obbligazioni negative.
Art. 1223.
Risarcimento del danno.
Art. 1224.
Danni nelle obbligazioni pecuniarie.
Art. 1225.
Prevedibilita' del danno.
Art. 1226.
Valutazione equitativa del danno.
Art. 1227.
Concorso del fatto colposo del creditore.
Art. 1228.
Responsabilita' per fatto degli ausiliari.
Art. 1229.
Clausole di esonero da responsabilita'.
CAPO IVDei modi di estinzione delle obbligazioni diversi dall'adempimento
Sezione IDella novazione
Art. 1230.
Novazione oggettiva.
Art. 1231.
Modalita' che non importano novazione.
Art. 1232.
Privilegi, pegno e ipoteche.
Art. 1233.
Riserva delle garanzie nelle obbligazioni solidali.
Art. 1234.
Inefficacia della novazione.
Art. 1235.
Novazione soggettiva.
Sezione IIDella remissione
Art. 1236.
Dichiarazione di remissione del debito.
Art. 1237.
Restituzioni volontaria del titolo.
Art. 1238.
Rinunzia alle garanzie.
Art. 1239.
Fideiussori.
Art. 1240.
Rinunzia a una garanzia verso corrispettivo.
Sezione IIIDella compensazione
Art. 1241.
Estinzione per compensazione.
Art. 1242.
Effetti della compensazione.
Art. 1243.
Compensazione legale e giudiziale.
Art. 1244.
Dilazione.
Art. 1245.
Debiti non pagabili nello stesso luogo.
Art. 1246.
Casi in cui la compensazione non si verifica.
Art. 1247.
Compensazione opposta da terzi garanti.
Art. 1248.
Inopponibilita' della compensazione.
Art. 1249.
Compensazione di piu' debiti.
Art. 1250.
Compensazione rispetto ai terzi.
Art. 1251.
Garanzie annesse al credito.
Art. 1252.
Compensazione volontaria.
Sezione IVDella confusione
Art. 1253.
Effetti della confusione.
Art. 1254.
Confusione rispetto ai terzi.
Art. 1255.
Riunione delle qualita' di fideiussore e di debitore.
Sezione VDell'impossibilita' sopravvenuta per causa non imputabile al debitore
Art. 1256.
Impossibilita' definitiva e impossibilita' temporanea.
Art. 1257.
Smarrimento di cosa determinata.
Art. 1258.
Impossibilita' parziale.
Art. 1259.
Subingresso del creditore nei diritti del debitore.
CAPO VDella cessione dei crediti
Art. 1260.
Cedibilita' dei crediti.
Art. 1261.
Divieti di cessione.
Art. 1262.
Documenti probatori del credito.
Art. 1263.
Accessori del credito.
Art. 1264.
Efficacia della cessione riguardo al debitore ceduto.
Art. 1265.
Efficacia della cessione riguardo ai terzi.
Art. 1266.
Obbligo di garanzia del cedente.
Art. 1267.
Garanzia della solvenza del debitore.
CAPO VIDella delegazione, dell'espromissione e dell'accollo
Art. 1268.
Delegazione cumulativa.
Art. 1269.
Delegazione di pagamento.
Art. 1270.
Estinzione della delegazione.
Art. 1271.
Eccezioni opponibili dal delegato.
Art. 1272.
Espromissione.
Art. 1273.
Accollo.
Art. 1274.
Insolvenza del nuovo debitore.
Art. 1275.
Estinzione delle garanzie.
Art. 1276.
Invalidita' della nuova obbligazione.
CAPO VIIDi alcune specie di obbligazioni
Sezione IDelle obbligazioni pecuniarie
Art. 1277.
Debito di somma di danaro.
Art. 1278.
Debito di somma di monete non aventi corso legale.
Art. 1279.
Clausola di pagamento effettivo in monete non aventi corso legale.
Art. 1280.
Debito di specie monetaria avente valore intrinseco.
Art. 1281.
Leggi speciali.
Art. 1282.
Interessi nelle obbligazioni pecunarie.
Art. 1283.
Anatocismo.
Art. 1284.
Saggio degli interessi.
Sezione IIDelle obbligazioni alternative
Art. 1285.
Obbligazione alternativa.
Art. 1286.
Facolta' di scelta.
Art. 1287.
Decadenza dalla facolta' di scelta.
Art. 1288.
Impossibilita' di una delle prestazioni.
Art. 1289.
Impossibilita' colposa di una delle prestazioni.
Art. 1290.
Impossibilita' sopravvenuta di entrambe le prestazioni.
Art. 1291.
Obbligazione con alternativa multipla.
Sezione IIIDelle obbligazioni in solido
Art. 1292.
Nozione della solidarieta'.
Art. 1293.
Modalita' varie dei singoli rapporti.
Art. 1294.
Solidarieta' tra condebitori.
Art. 1295.
Divisibilita' tra gli eredi.
Art. 1296.
Scelta del creditore per il pagamento.
Art. 1297.
Eccezioni personali.
Art. 1298.
Rapporti interni tra debitori o creditori solidali.
Art. 1299.
Regresso tra condebitori.
Art. 1300.
Novazione.
Art. 1301.
Remissione.
Art. 1302.
Compensazione.
Art. 1303.
Confusione.
Art. 1304.
Transazione.
Art. 1305.
Giuramento.
Art. 1306.
Sentenza.
Art. 1307.
Inadempimento.
Art. 1308.
Costituzione in mora.
Art. 1309.
Riconoscimento del debito.
Art. 1310.
Prescrizione.
Art. 1311.
Rinunzia alla solidarieta'.
Art. 1312.
Pagamento separato dei frutti o degli interessi.
Art. 1313.
Insolvenza di un condebitore in caso di rinunzia alla solidarieta'.
Sezione IVDelle obbligazioni divisibili e indivisibili
Art. 1314.
Obbligazioni divisibili.
Art. 1315.
Limiti alla divisibilita' tra gli eredi del debitore.
Art. 1316.
Obbligazioni indivisibili.
Art. 1317.
Disciplina delle obbligazioni indivisibili.
Art. 1318.
Indivisibilita' nei confronti con gli eredi.
Art. 1319.
Diritto di esigere l'intero.
Art. 1320.
Estinzione parziale.

TITOLO IIDEI CONTRATTI IN GENERALE
CAPO IDisposizioni preliminari
Art. 1321.
Nozione.
Art. 1322.
Autonomia contrattuale.
Art. 1323.
Norme regolatrici dei contratti.
Art. 1324.
Norme applicabili agli atti unilaterali.
CAPO IIDei requisiti del contratto
Art. 1325.
Indicazione dei requisiti.
Sezione IDell'accordo delle parti
Art. 1326.
Conclusione del contratto.
Art. 1327.
Esecuzione prima della risposta dell'accettante.
Art. 1328.
Revoca della proposta e dell'accettazione.
Art. 1329.
Proposta irrevocabile.
Art. 1330.
Morte o incapacita' dell'imprenditore.
Art. 1331.
Opzione.
Art. 1332.
Adesione di altre parti al contratto.
Art. 1333.
Contratto con obbligazioni del solo proponente.
Art. 1334.
Efficacia degli atti unilaterali.
Art. 1335.
Presunzione di conoscenza.
Art. 1336.
Offerta al pubblico.
Art. 1337.
Trattative e responsabilita' precontrattuale.
Art. 1338.
Conoscenza delle cause d'invalidita'.
Art. 1339.
Inserzione automatica di clausole.
Art. 1340.
Clausole d'uso.
Art. 1341.
Condizioni generali di contratto.
Art. 1342.
Contratto concluso mediante moduli o formulari.
Sezione IIDella causa del contratto
Art. 1343.
Causa illecita.
Art. 1344.
Contratto in frode alla legge.
Art. 1345.
Motivo illecito.
Sezione IIIDell'oggetto del contratto
Art. 1346.
Requisiti.
Art. 1347.
Possibilita' sopravvenuta dell'oggetto.
Art. 1348.
Cose future.
Art. 1349.
Determinazione dell'oggetto.
Sezione IVDella forma del contratto
Art. 1350.
Atti che devono farsi per iscritto.
Art. 1351.
Contratto preliminare.
Art. 1352.
Forme convenzionali.
CAPO IIIDella condizione nel contratto
Art. 1353.
Contratto condizionale.
Art. 1354.
Condizioni illecite o impossibili.
Art. 1355.
Condizione meramente potestativa.
Art. 1356.
Pendenza della condizione.
Art. 1357.
Atti di disposizione in pendenza della condizione.
Art. 1358.
Comportamento delle parti nello stato di pendenza.
Art. 1359.
Avveramento della condizione.
Art. 1360.
Retroattivita' della condizione.
Art. 1361.
Atti di amministrazione.
CAPO IVDell'interpretazione del contratto
Art. 1362.
Intenzione dei contraenti.
Art. 1363.
Interpretazione complessiva delle clausole.
Art. 1364.
Espressioni generali.
Art. 1365.
Indicazioni esemplificative.
Art. 1366.
Interpretazione di buona fede.
Art. 1367.
Conservazione del contratto.
Art. 1368.
Pratiche generali interpretative.
Art. 1369.
Espressioni con piu' sensi.
Art. 1370.
Interpretazione contro l'autore della clausola.
Art. 1371.
Regole finali.
CAPO VDegli effetti del contratto
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1372.
Efficacia del contratto.
Art. 1373.
Recesso unilaterale.
Art. 1374.
Integrazione del contratto.
Art. 1375.
Esecuzione di buona fede.
Art. 1376.
Contratto con effetti reali.
Art. 1377.
Trasferimento di una massa di cose.
Art. 1378.
Trasferimento di cosa determinata solo nel genere.
Art. 1379.
Divieto di alienazione.
Art. 1380.
Conflitto tra piu' diritti personali di godimento.
Art. 1381.
Promessa dell'obbligazione o del fatto del terzo.
Sezione IIDella clausola penale e della caparra
Art. 1382.
Effetti della clausola penale.
Art. 1383.
Divieto di cumulo.
Art. 1384.
Riduzione della penale.
Art. 1385.
Caparra confirmatoria.
Art. 1386.
Caparra penitenziale.
CAPO VIDella rappresentanza
Art. 1387.
Fonti della rappresentanza.
Art. 1388.
Contratto concluso dal rappresentante.
Art. 1389.
Capacita' del rappresentante e del rappresentato.
Art. 1390.
Vizi della volonta'.
Art. 1391.
Stati soggettivi rilevanti.
Art. 1392.
Forma della procura.
Art. 1393.
Giustificazione dei poteri del rappresentante.
Art. 1394.
Conflitto d'interessi.
Art. 1395.
Contratto con se stesso.
Art. 1396.
Modificazione ed estinzione della procura.
Art. 1397.
Restituzione del documento della rappresentanza.
Art. 1398.
Rappresentanza senza potere.
Art. 1399.
Ratifica.
Art. 1400.
Speciali forme di rappresentanza.
CAPO VIIDel contratto per persona da nominare
Art. 1401.
Riserva di nomina del contraente.
Art. 1402.
Termine e modalita' della dichiarazione di nomina.
Art. 1403.
Forme e pubblicita'.
Art. 1404.
Effetti della dichiarazione di nomina.
Art. 1405.
Effetti della mancata dichiarazione di nomina.
CAPO VIIIDella cessione del contratto
Art. 1406.
Nozione.
Art. 1407.
Forma.
Art. 1408.
Rapporti fra contraente ceduto e cedente.
Art. 1409.
Rapporti fra contraente ceduto e cessionario.
Art. 1410.
Rapporti fra cedente e cessionario.
CAPO IXDel contratto a favore di terzi
Art. 1411.
Contratto a favore di terzi.
Art. 1412.
Prestazione al terzo dopo la morte dello stipulante.
Art. 1413.
Eccezioni opponibili dal promittente al terzo.
CAPO XDella simulazione
Art. 1414.
Effetti della simulazione tra le parti.
Art. 1415.
Effetti della simulazione rispetto ai terzi.
Art. 1416.
Rapporti con i creditori.
Art. 1417.
Prova della simulazione.
CAPO XIDella nullita' del contratto
Art. 1418.
Cause di nullita' del contratto.
Art. 1419.
Nullita' parziale.
Art. 1420.
Nullita' nel contratto plurilaterale.
Art. 1421.
Legittimazione all'azione di nullita'.
Art. 1422.
Imprescrittibilita' dell'azione di nullita'.
Art. 1423.
Inammissibilita' della convalida.
Art. 1424.
Conversione del contratto nullo.
CAPO XIIDell'annullabilita' del contratto
Sezione IDell'incapacita'
Art. 1425.
Incapacita' delle parti.
Art. 1426.
Raggiri usati dal minore.
Sezione IIDei vizi del consenso
Art. 1427.
Errore, violenza e dolo.
Art. 1428.
Rilevanza dell'errore.
Art. 1429.
Errore essenziale.
Art. 1430.
Errore di calcolo.
Art. 1431.
Errore riconoscibile.
Art. 1432.
Mantenimento del contratto rettificato.
Art. 1433.
Errore nella dichiarazione o nella sua trasmissione.
Art. 1434.
Violenza.
Art. 1435.
Caratteri della violenza.
Art. 1436.
Violenza diretta contro terzi.
Art. 1437.
Timore riverenziale.
Art. 1438.
Minaccia di far valere un diritto.
Art. 1439.
Dolo.
Art. 1440.
Dolo incidente.
Sezione IIIDell'azione di annullamento
Art. 1441.
Legittimazione.
Art. 1442.
Prescrizione.
Art. 1443.
Ripetizione contro il contraente incapace.
Art. 1444.
Convalida.
Art. 1445.
Effetti dell'annullamento nei confronti dei terzi.
Art. 1446.
Annullabilita' nel contratto plurilaterale.
CAPO XIIIDella rescissione del contratto
Art. 1447.
Contratto concluso in stato di pericolo.
Art. 1448.
Azione generale di rescissione per lesione.
Art. 1449.
Prescrizione.
Art. 1450.
Offerta di modificazione del contratto.
Art. 1451.
Inammissibilita' della convalida.
Art. 1452.
Effetti della rescissione rispetto ai terzi.
CAPO XIVDella risoluzione del contratto
Sezione IDella risoluzione per inadempimento
Art. 1453.
Risolubilita' del contratto per inadempimento.
Art. 1454.
Diffida ad adempiere.
Art. 1455.
Importanza dell'inadempimento.
Art. 1456.
Clausola risolutiva espressa.
Art. 1457.
Termine essenziale per una delle parti.
Art. 1458.
Effetti della risoluzione.
Art. 1459.
Risoluzione nel contratto plurilaterale.
Art. 1460.
Eccezione d'inadempimento.
Art. 1461.
Mutamento nelle condizioni patrimoniali dei contraenti.
Art. 1462.
Clausola limitativa della proponibilita' di eccezioni.
Sezione IIDell'impossibilita' sopravvenuta
Art. 1463.
Impossibilita' totale.
Art. 1464.
Impossibilita' parziale.
Art. 1465.
Contratto con effetti traslativi o costitutivi.
Art. 1466.
Impossibilita' nel contratto plurilaterale.
Sezione IIIDell'eccessiva onerosita'
Art. 1467.
Contratto con prestazioni corrispettive.
Art. 1468.
Contratto con obbligazioni di una sola parte.
Art. 1469.
Contratto aleatorio.
CAPO XIV-BISDei contratti del consumatore
Art. 1469-bis.
Contratti del consumatore
Art. 1469-ter.
Il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 ha disposto con l'art. 142, comma 1 che
Art. 1469-quater.
Il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 ha disposto con l'art. 142, comma 1 c
Art. 1469-quinquies.
Il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 ha disposto con l'art. 142, comma
Art. 1469-sexies.
Il D.Lgs. 6 settembre 2005, n. 206 ha disposto con l'art. 142, comma 1 c

TITOLO IIIDEI SINGOLI CONTRATTI
CAPO IDella vendita
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1470.
Nozione.
Art. 1471.
Divieti speciali di comprare.
Art. 1472.
Vendita di cose future.
Art. 1473.
Determinazione del prezzo affidata a un terzo.
Art. 1474.
Mancanza di determinazione espressa del prezzo.
Art. 1475.
Spese della vendita.
§ 1Delle obbligazioni del venditore
Art. 1476.
Obbligazioni principali del venditore.
Art. 1477.
Consegna della cosa.
Art. 1478.
Vendita di cosa altrui.
Art. 1479.
Buona fede del compratore.
Art. 1480.
Vendita di cosa parzialmente di altri.
Art. 1481.
Pericolo di rivendica.
Art. 1482.
Cosa gravata da garanzie reali o da altri vincoli.
Art. 1483.
Evizione totale della cosa.
Art. 1484.
Evizione parziale.
Art. 1485.
Chiamata in causa del venditore.
Art. 1486.
Responsabilita' limitata del venditore.
Art. 1487.
Modificazione o esclusione convenzionale della garanzia.
Art. 1488.
Effetti dell'esclusione della garanzia.
Art. 1489.
Cosa gravata da oneri o da diritti di godimento di terzi.
Art. 1490.
Garanzia per i vizi della cosa venduta.
Art. 1491.
Esclusione della garanzia.
Art. 1492.
Effetti della garanzia.
Art. 1493.
Effetti della risoluzione del contratto.
Art. 1494.
Risarcimento del danno.
Art. 1495.
Termini e condizioni per l'azione.
Art. 1496.
Vendita di animali.
Art. 1497.
Mancanza di qualita'.
§ 2Delle obbligazioni del compratore
Art. 1498.
Pagamento del prezzo.
Art. 1499.
Interessi compensativi sul prezzo.
§ 3Del riscatto convenzionale
Art. 1500.
Patto di riscatto.
Art. 1501.
Termini.
Art. 1502.
Obblighi del riscattante.
Art. 1503.
Esercizio del riscatto.
Art. 1504.
Effetti del riscatto rispetto ai subacquirenti.
Art. 1505.
Diritti costituiti dal compratore sulla cosa.
Art. 1506.
Riscatto di parte indivisa.
Art. 1507.
Vendita congiuntiva di cosa indivisa.
Art. 1508.
Vendita separata di cosa indivisa.
Art. 1509.
Riscatto contro gli eredi del compratore.
Sezione IIDella vendita di cose mobili
§ 1Disposizioni generali
Art. 1510.
Luogo della consegna.
Art. 1511.
Denunzia nella vendita di cose da trasportare.
Art. 1512.
Garanzia di buon funzionamento.
Art. 1513.
Accertamento dei difetti.
Art. 1514.
Deposito della cosa venduta.
Art. 1515.
Esecuzione coattiva per inadempimento del compratore.
Art. 1516.
Esecuzione coattiva per inadempimento del venditore.
Art. 1517.
Risoluzione di diritto.
Art. 1518.
Normale determinazione del risarcimento.
Art. 1519.
Restituzione di cose non pagate.
Art. 1519-bis
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-ter
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-quater
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-quinquies
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-sexies
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-septies
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-octies
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
Art. 1519-nonies
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 6 SETTEMBRE 2005, N. 206
§ 2Della vendita con riserva di gradimento, a prova, a campione
Art. 1520.
Vendita con riserva di gradimento.
Art. 1521.
Vendita a prova.
Art. 1522.
Vendita su campione e su tipo di campione.
§ 3Della vendita con riserva della proprieta'
Art. 1523.
Passaggio della proprieta' e dei rischi.
Art. 1524.
Opponibilita' della riserva di proprieta' nei confronti di terzi.
Art. 1525.
Inadempimento del compratore.
Art. 1526.
Risoluzione del contratto.
§ 4Della vendita su documenti e con pagamento contro documenti
Art. 1527.
Consegna.
Art. 1528.
Pagamento del prezzo.
Art. 1529.
Rischi.
Art. 1530.
Pagamento contro documenti a mezzo di banca.
§ 5Della vendita a termine di titoli di credito
Art. 1531.
Interessi, dividendi e diritto di voto.
Art. 1532.
Diritto di opzione.
Art. 1533.
Estrazione per premi o rimborsi.
Art. 1534.
Versamenti richiesti sui titoli.
Art. 1535.
Proroga dei contratti a termine.
Art. 1536.
Inadempimento.
Sezione IIIDella vendita di cose immobili
Art. 1537.
Vendita a misura.
Art. 1538.
Vendita a corpo.
Art. 1539.
Recesso dal contratto.
Art. 1540.
Vendita cumulativa di piu' immobili.
Art. 1541.
Prescrizione.
Sezione IVDella vendita di eredita'
Art. 1542.
Garanzia.
Art. 1543.
Forme.
Art. 1544.
Obblighi del venditore.
Art. 1545.
Obblighi del compratore.
Art. 1546.
Responsabilita' per debiti ereditari.
Art. 1547.
Altre forme di alienazione di eredita'.
CAPO IIDel riporto
Art. 1548.
Nozione.
Art. 1549.
Perfezione del contratto.
Art. 1550.
Diritti accessori e obblighi inerenti ai titoli.
Art. 1551.
Inadempimento.
CAPO IIIDella permuta
Art. 1552.
Nozione.
Art. 1553.
Evizione.
Art. 1554.
Spese della permuta.
Art. 1555.
Applicabilita' delle norme sulla vendita.
CAPO IVDel contratto estimatorio
Art. 1556.
Nozione.
Art. 1557.
Impossibilita' di restituzione.
Art. 1558.
Disponibilita' delle cose.
CAPO VDella somministrazione
Art. 1559.
Nozione.
Art. 1560.
Entita' della somministrazione.
Art. 1561.
Determinazione del prezzo.
Art. 1562.
Pagamento del prezzo.
Art. 1563.
Scadenza delle singole prestazioni.
Art. 1564.
Risoluzione del contratto.
Art. 1565.
Sospensione della somministrazione.
Art. 1566.
Patto di preferenza.
Art. 1567.
Esclusiva a favore del somministrante.
Art. 1568.
Esclusiva a favore dell'avente diritto alla somministrazione.
Art. 1569.
Contratto a tempo indeterminato.
Art. 1570.
Rinvio.
CAPO VIDella locazione
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1571.
Nozione.
Art. 1572.
Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione.
Art. 1573.
Durata della locazione.
Art. 1574.
Locazione senza determinazione di tempo.
Art. 1575.
Obbligazioni principali del locatore.
Art. 1576.
Mantenimento della cosa in buono stato locativo.
Art. 1577.
Necessita' di riparazioni.
Art. 1578.
Vizi della cosa locata.
Art. 1579.
Limitazioni convenzionali della responsabilita'.
Art. 1580.
Cose pericolose per la salute.
Art. 1581.
Vizi sopravvenuti.
Art. 1582.
Divieto d'innovazione.
Art. 1583.
Mancato godimento per riparazioni urgenti.
Art. 1584.
Diritti del conduttore in caso di riparazioni.
Art. 1585.
Garanzia per molestie.
Art. 1586.
Pretese da parte di terzi.
Art. 1587.
Obbligazioni principali del conduttore.
Art. 1588.
Perdita e deterioramento della cosa locata.
Art. 1589.
Incendio di cosa assicurata.
Art. 1590.
Restituzione della cosa locata.
Art. 1591.
Danni per ritardata restituzione.
Art. 1592.
Miglioramenti.
Art. 1593.
Addizioni.
Art. 1594.
Sublocazione o cessione della locazione.
Art. 1595.
Rapporti tra il locatore e il subconduttore.
Art. 1596.
Fine della locazione per lo spirare del termine.
Art. 1597.
Rinnovazione tacita del contratto.
Art. 1598.
Garanzie della locazione.
Art. 1599.
Trasferimento a titolo particolare della cosa locata.
Art. 1600.
Detenzione anteriore al trasferimento.
Art. 1601.
Risarcimento del danno al conduttore licenziato.
Art. 1602.
Effetti dell'opponibilita' della locazione al terzo acquirente.
Art. 1603.
Clausola di scioglimento del contratto in caso di alienazione.
Art. 1604.
Vendita della cosa locata con patto di riscatto.
Art. 1605.
Liberazione o cessione del corrispettivo della locazione.
Art. 1606.
Estinzione del diritto del locatore.
Sezione IIDella locazione di fondi urbani
Art. 1607.
Durata massima della locazione di case.
Art. 1608.
Garanzie per il pagamento della pigione.
Art. 1609.
Piccole riparazioni a carico dell'inquilino.
Art. 1610.
Spurgo di pozzi e di latrine.
Art. 1611.
Incendio di casa abitata da piu' inquilini.
Art. 1612.
Recesso convenzionale del locatore.
Art. 1613.
Facolta' di recesso degli impiegati pubblici.
Art. 1614.
Morte dell'inquilino.
Sezione IIIDell'affitto
§ 1Disposizioni generali
Art. 1615.
Gestione e godimento della cosa produttiva.
Art. 1616.
Affitto senza determinazione di tempo.
Art. 1617.
Obblighi del locatore.
Art. 1618.
Inadempimenti dell'affittuario.
Art. 1619.
Diritto di controllo.
Art. 1620.
Incremento della produttivita' della cosa.
Art. 1621.
Riparazioni.
Art. 1622.
Perdite determinate da riparazioni.
Art. 1623.
Modificazioni sopravvenute del rapporto contrattuale.
Art. 1624.
Divieto di subaffitto. Cessione dell'affitto.
Art. 1625.
Clausola di scioglimento del contratto in caso di alienazione.
Art. 1626.
Incapacita' o insolvenza dell'affittuario.
Art. 1627.
Morte dell'affittuario.
§ 2Dell'affitto di fondi rustici
Art. 1628.
Durata minima dell'affitto.
Art. 1629.
Fondi destinati al rimboschimento.
Art. 1630.
Affitto senza determinazione di tempo.
Art. 1631.
Estensione del fondo.
Art. 1632.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 11 FEBBRAIO 1971, N. 11
Art. 1633.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 11 FEBBRAIO 1971, N. 11
Art. 1634.
Inderogabilita'.
Art. 1635.
Perdita fortuita dei frutti negli affitti pluriennali.
Art. 1636.
Perdita fortuita dei frutti negli affitti annuali.
Art. 1637.
Accollo di casi fortuiti.
Art. 1638.
Espropriazione per pubblico interesse.
Art. 1639.
Canone di affitto.
Art. 1640.
Scorte morte.
Art. 1641.
Scorte vive.
Art. 1642.
Proprieta' del bestiame consegnato.
Art. 1643.
Rischio della perdita del bestiame.
Art. 1644.
Accrescimenti e frutti del bestiame.
Art. 1645.
Riconsegna del bestiame.
Art. 1646.
Rapporti fra gli affittuari uscente e subentrante.
§ 3Dell'affitto a coltivatore diretto
Art. 1647.
Nozione.
Art. 1648.
Casi fortuiti ordinari.
Art. 1649.
Subaffitto.
Art. 1650.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 11 FEBBRAIO 1971, N. 11
Art. 1651.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 11 FEBBRAIO 1971, N. 11
Art. 1652.
Anticipazioni all'affittuario.
Art. 1653.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 11 FEBBRAIO 1971, N. 11
Art. 1654.
Inderogabilita'.
CAPO VIIDell'appalto
Art. 1655.
Nozione.
Art. 1656.
Subappalto.
Art. 1657.
Determinazione del corrispettivo.
Art. 1658.
Fornitura della materia.
Art. 1659.
Variazioni concordate del progetto.
Art. 1660.
Variazioni necessarie del progetto.
Art. 1661.
Variazioni ordinate dal committente.
Art. 1662.
Verifica nel corso di esecuzione dell'opera.
Art. 1663.
Denuncia dei difetti della materia.
Art. 1664.
Onerosita' o difficolta' dell'esecuzione.
Art. 1665.
Verifica e pagamento dell'opera.
Art. 1666.
Verifica e pagamento di singole partite.
Art. 1667.
Difformita' e vizi dell'opera.
Art. 1668.
Contenuto della garanzia per difetti dell'opera.
Art. 1669.
Rovina e difetti di cose immobili.
Art. 1670.
Responsabilita' dei subappaltatori.
Art. 1671.
Recesso unilaterale dal contratto.
Art. 1672.
Impossibilita' di esecuzione dell'opera.
Art. 1673.
Perimento o deterioramento della cosa.
Art. 1674.
Morte dell'appaltatore.
Art. 1675.
Diritti e obblighi degli eredi dell'appaltatore.
Art. 1676.
Diritti degli ausiliari dell'appaltatore verso il committente.
Art. 1677.
Prestazione continuativa o periodica di servizi.
CAPO VIIIDel trasporto
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1678.
Nozione.
Art. 1679.
Pubblici servizi di linea.
Art. 1680.
Limiti di applicabilita' delle norme.
Sezione IIDel trasporto di persone
Art. 1681.
Responsabilita' del vettore.
Art. 1682.
Responsabilita' del vettore nei trasporti cumulativi.
Sezione IIIDel trasporto di cose
Art. 1683.
Indicazioni e documenti che devono essere forniti al vettore.
Art. 1684.
Lettera di vettura e ricevuta di carico.
Art. 1685.
Diritti del mittente.
Art. 1686.
Impedimenti e ritardi nell'esecuzione del trasporto.
Art. 1687.
Riconsegna delle merci.
Art. 1688.
Termine di resa.
Art. 1689.
Diritti del destinatario.
Art. 1690.
Impedimenti alla riconsegna.
Art. 1691.
Lettera di vettura o ricevuta di carico all'ordine.
Art. 1692.
Responsabilita' del vettore nei confronti del mittente.
Art. 1693.
Responsabilita' per perdita e avaria.
Art. 1694.
Presunzioni di fortuito.
Art. 1695.
Calo naturale.
Art. 1696.
Calcolo del danno in caso di perdita o di avaria.
Art. 1697.
Accertamento della perdita e dell'avaria.
Art. 1698.
Estinzione dell'azione nei confronti del vettore.
Art. 1699.
Trasporto con rispedizione della merce.
Art. 1700.
Trasporto cumulativo.
Art. 1701.
Diritto di accertamento dei vettori successivi.
Art. 1702.
Riscossione dei crediti da parte dell'ultimo vettore.
CAPO IXDel mandato
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1703.
Nozione.
Art. 1704.
Mandato con rappresentanza.
Art. 1705.
Mandato senza rappresentanza.
Art. 1706.
Acquisti del mandatario.
Art. 1707.
Creditori del mandatario.
Art. 1708.
Contenuto del mandato.
Art. 1709.
Presunzione di onerosita'.
§ 1Delle obbligazioni del mandatario
Art. 1710.
Diligenza del mandatario.
Art. 1711.
Limiti del mandato.
Art. 1712.
Comunicazione dell'eseguito mandato.
Art. 1713.
Obbligo di rendiconto.
Art. 1714.
Interessi sulle somme riscosse.
Art. 1715.
Responsabilita' per le obbligazioni dei terzi.
Art. 1716.
Pluralita' di mandatari.
Art. 1717.
Sostituto del mandatario.
Art. 1718.
Custodia delle cose e tutela dei diritti del mandante.
§ 2Delle obbligazioni del mandante
Art. 1719.
Mezzi necessari per l'esecuzione del mandato.
Art. 1720.
Spese e compenso del mandatario.
Art. 1721.
Diritto del mandatario sui crediti.
§ 3Dell'estinzione del mandato
Art. 1722.
Cause di estinzione.
Art. 1723.
Revocabilita' del mandato.
Art. 1724.
Revoca tacita.
Art. 1725.
Revoca del mandato oneroso.
Art. 1726.
Revoca del mandato collettivo.
Art. 1727.
Rinunzia del mandatario.
Art. 1728.
Morte o incapacita' del mandante o del mandatario.
Art. 1729.
Mancata conoscenza della causa di estinzione.
Art. 1730.
Estinzione del mandato conferito a piu' mandatari.
Sezione IIDella commissione
Art. 1731.
Nozione.
Art. 1732.
Operazioni a fido.
Art. 1733.
Misura della provvigione.
Art. 1734.
Revoca della commissione.
Art. 1735.
Commissionario contraente in proprio.
Art. 1736.
Star del credere.
Sezione IIIDella spedizione
Art. 1737.
Nozione.
Art. 1738.
Revoca.
Art. 1739.
Obblighi dello spedizioniere.
Art. 1740.
Diritti dello spedizioniere.
Art. 1741.
Spedizioniere vettore.
CAPO XDel contratto di agenzia
Art. 1742.
Nozione.
Art. 1743.
Diritto di esclusiva.
Art. 1744.
Riscossioni.
Art. 1745.
Rappresentanza dell'agente.
Art. 1746.
Obblighi dell'agente.
Art. 1747.
Impedimento dell'agente.
Art. 1748.
Diritti dell'agente.
Art. 1749.
Obblighi del preponente.
Art. 1750.
Durata del contratto o recesso.
Art. 1751.
Indennita' in caso di cessazione del rapporto.
Art. 1751-bis.
Patto di non concorrenza.
Art. 1752.
Agente con rappresentanza.
Art. 1753.
Agenti di assicurazione.
CAPO XIDella mediazione
Art. 1754.
Mediatore.
Art. 1755.
Provvigione.
Art. 1756.
Rimborso delle spese.
Art. 1757.
Provvigione nei contratti condizionali o invalidi.
Art. 1758.
Pluralita' di mediatori.
Art. 1759.
Responsabilita' del mediatore.
Art. 1760.
Obblighi del mediatore professionale.
Art. 1761.
Rappresentanza del mediatore.
Art. 1762.
Contraente non nominato.
Art. 1763.
Fideiussione del mediatore.
Art. 1764.
Sanzioni.
Art. 1765.
Leggi speciali.
CAPO XIIDel deposito
Sezione IDel deposito in generale
Art. 1766.
Nozione.
Art. 1767.
Presunzione di gratuita'.
Art. 1768.
Diligenza nella custodia.
Art. 1769.
Responsabilita' del depositario incapace.
Art. 1770.
Modalita' della custodia.
Art. 1771.
Richiesta di restituzione e obbligo di ritirare la cosa.
Art. 1772.
Pluralita' di depositanti e di depositari.
Art. 1773.
Terzo interessato nel deposito.
Art. 1774.
Luogo di restituzione e spese relative.
Art. 1775.
Restituzione dei frutti.
Art. 1776.
Obblighi dell'erede del depositario.
Art. 1777.
Persona a cui deve essere restituita la cosa.
Art. 1778.
Cosa proveniente da reato.
Art. 1779.
Cosa propria del depositario.
Art. 1780.
Perdita non imputabile della detenzione della cosa.
Art. 1781.
Diritti del depositario.
Art. 1782.
Deposito irregolare.
Sezione IIDel deposito in albergo
Art. 1783.
Responsabilita' per le cose portate in albergo.
Art. 1784.
Responsabilita' per le cose consegnate e obblighi dell'albergatore.
Art. 1785.
Limiti di responsabilita'.
Art. 1785-bis
Responsabilita' per colpa dell'albergatore.
Art. 1785-ter
Obbligo di denuncia del danno.
Art. 1785-quater
Nullita'.
Art. 1785-quinquies
Limiti di applicazione.
Art. 1786.
Stabilimenti e locali assimilati agli alberghi.
Sezione IIIDel deposito nei magazzini generali
Art. 1787.
Responsabilita' dei magazzini generali.
Art. 1788.
Diritti del depositante.
Art. 1789.
Vendita delle cose depositate.
Art. 1790.
Fede di deposito.
Art. 1791.
Nota di pegno.
Art. 1792.
Intestazione e circolazione dei titoli.
Art. 1793.
Diritti del possessore.
Art. 1794.
Prima girata della nota di pegno.
Art. 1795.
Diritti del possessore della sola fede di deposito.
Art. 1796.
Diritti del possessore della nota di pegno insoddisfatto.
Art. 1797.
Azione nei confronti dei giranti.
CAPO XIIIDel sequestro convenzionale
Art. 1798.
Nozione.
Art. 1799.
Obblighi, diritti e poteri del sequestratario.
Art. 1800.
Conservazione e alienazione dell'oggetto del sequestro.
Art. 1801.
Liberazione del sequestratario.
Art. 1802.
Compenso e rimborso delle spese al sequestratario.
CAPO XIVDel comodato
Art. 1803.
Nozione.
Art. 1804.
Obbligazioni del comodatario.
Art. 1805.
Perimento della cosa.
Art. 1806.
Stima.
Art. 1807.
Deterioramento per effetto dell'uso.
Art. 1808.
Spese per l'uso della cosa e spese straordinarie.
Art. 1809.
Restituzione.
Art. 1810.
Comodato senza determinazione di durata.
Art. 1811.
Morte del comodatario.
Art. 1812.
Danni al comodatario per vizi della cosa.
CAPO XVDel mutuo
Art. 1813.
Nozione.
Art. 1814.
Trasferimento della proprieta'.
Art. 1815.
Interessi.
Art. 1816.
Termine per la restituzione fissato dalle parti.
Art. 1817.
Termine per la restituzione fissato dal giudice.
Art. 1818.
Impossibilita' o notevole difficolta' di restituzione.
Art. 1819.
Restituzione rateale.
Art. 1820.
Mancato pagamento degli interessi.
Art. 1821.
Danni al mutuatario per vizi delle cose.
Art. 1822.
Promessa di mutuo.
CAPO XVIDel conto corrente
Art. 1823.
Nozione.
Art. 1824.
Crediti esclusi dal conto corrente.
Art. 1825.
Interessi.
Art. 1826.
Spese e diritti di commissione.
Art. 1827.
Effetti dell'inclusione nel conto.
Art. 1828.
Efficacia della garanzia dei crediti iscritti.
Art. 1829.
Crediti verso terzi.
Art. 1830.
Sequestro o pignoramento del saldo.
Art. 1831.
Chiusura del conto.
Art. 1832.
Approvazione del conto.
Art. 1833.
Recesso dal contratto.
CAPO XVIIDei contratti bancari
Sezione IDei depositi bancari
Art. 1834.
Depositi di danaro.
Art. 1835.
Libretto di deposito a risparmio.
Art. 1836.
Legittimazione del possessore.
Art. 1837.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 8 MARZO 1975, N. 39
Art. 1838.
Deposito di titoli in amministrazione.
Sezione IIDel servizio bancario delle cassette di sicurezza
Art. 1839.
Cassette di sicurezza.
Art. 1840.
Apertura della cassetta.
Art. 1841.
Apertura forzata della cassetta.
Sezione IIIDell'apertura di credito bancario
Art. 1842.
Nozione.
Art. 1843.
Utilizzazione del credito.
Art. 1844.
Garanzia.
Art. 1845.
Recesso dal contratto.
Sezione IVDell'anticipazione bancaria
Art. 1846.
Disponibilita' delle cose date in pegno.
Art. 1847.
Assicurazione delle merci.
Art. 1848.
Spese di custodia.
Art. 1849.
Ritiro dei titoli o delle merci.
Art. 1850.
Diminuzione della garanzia.
Art. 1851.
Pegno irregolare a garanzia di anticipazione.
Sezione VDelle operazioni bancarie in conto corrente
Art. 1852.
Disposizione da parte del correntista.
Art. 1853.
Compensazione tra i saldi di piu' rapporti o piu' conti.
Art. 1854.
Conto corrente intestato a piu' persone.
Art. 1855.
Operazione a tempo indeterminato.
Art. 1856.
Esecuzione d'incarichi.
Art. 1857.
Norme applicabili.
Sezione VIDello sconto bancario
Art. 1858.
Nozione.
Art. 1859.
Sconto di cambiali.
Art. 1860.
Sconto di tratte documentate.
CAPO XVIIIDella rendita perpetua
Art. 1861.
Nozione.
Art. 1862.
Norme applicabili.
Art. 1863.
Rendita fondiaria e rendita semplice.
Art. 1864.
Garanzia della rendita semplice.
Art. 1865.
Diritto di riscatto della rendita perpetua.
Art. 1866.
Esercizio del riscatto.
Art. 1867.
Riscatto forzoso.
Art. 1868.
Riscatto per insolvenza del debitore.
Art. 1869.
Altre prestazioni perpetue.
Art. 1870.
Ricognizione.
Art. 1871.
Rendite dello Stato.
CAPO XIXDella rendita vitalizia
Art. 1872.
Modi di costituzione.
Art. 1873.
Determinazione della durata.
Art. 1874.
Costituzione a favore di piu' persone.
Art. 1875.
Costituzione a favore di un terzo.
Art. 1876.
Rendita costituita su persone gia' defunte.
Art. 1877.
Risoluzione del contratto di vitalizio oneroso.
Art. 1878.
Mancanza di pagamento delle rate scadute.
Art. 1879.
Divieto di riscatto e onerosita' sopravvenuta.
Art. 1880.
Modalita' del pagamento della rendita.
Art. 1881.
Sequestro o pignoramento della rendita.
CAPO XXDell'assicurazione
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1882.
Nozione.
Art. 1883.
Esercizio delle assicurazioni.
Art. 1884.
Assicurazioni mutue.
Art. 1885.
Assicurazioni contro i rischi della navigazione.
Art. 1886.
Assicurazioni sociali.
Art. 1887.
Efficacia della proposta.
Art. 1888.
Prova del contratto.
Art. 1889.
Polizze all'ordine e al portatore.
Art. 1890.
Assicurazione in nome altrui.
Art. 1891.
Assicurazione per conto altrui o per conto di chi spetta.
Art. 1892.
Dichiarazioni inesatte e reticenze con dolo o colpa grave.
Art. 1893.
Dichiarazioni inesatte e reticenze senza dolo o colpa grave.
Art. 1894.
Assicurazione in nome o per conto di terzi.
Art. 1895.
Inesistenza del rischio.
Art. 1896.
Cessazione del rischio durante l'assicurazione.
Art. 1897.
Diminuzione del rischio.
Art. 1898.
Aggravamento del rischio.
Art. 1899.
Durata dell'assicurazione.
Art. 1900.
Sinistri cagionati con dolo o con colpa grave dell'assicurato o dei dipendenti.
Art. 1901.
Mancato pagamento del premio.
Art. 1902.
Fusione, concentrazione e liquidazione coatta amministrativa.
Art. 1903.
Agenti di assicurazione.
Sezione IIDell'assicurazione contro i danni
Art. 1904.
Interesse all'assicurazione.
Art. 1905.
Limiti del risarcimento.
Art. 1906.
Danni cagionati da vizio della cosa.
Art. 1907.
Assicurazione parziale.
Art. 1908.
Valore della cosa assicurata.
Art. 1909.
Assicurazione per somma eccedente il valore delle cose.
Art. 1910.
Assicurazione presso diversi assicuratori.
Art. 1911.
Coassicurazione.
Art. 1912.
Terremoto, guerra, insurrezione, tumulti popolari.
Art. 1913.
Avviso all'assicuratore in caso di sinistro.
Art. 1914.
Obbligo di salvataggio.
Art. 1915.
Inadempimento dell'obbligo di avviso o di salvataggio.
Art. 1916.
Diritto di surrogazione dell'assicuratore.
Art. 1917.
Assicurazione della responsabilita' civile.
Art. 1918.
Alienazione delle cose assicurate.
Sezione IIIDell'assicurazione sulla vita
Art. 1919.
Assicurazione sulla vita propria o di un terzo.
Art. 1920.
Assicurazione a favore di un terzo.
Art. 1921.
Revoca del beneficio.
Art. 1922.
Decadenza dal beneficio.
Art. 1923.
Diritti dei creditori e degli eredi.
Art. 1924.
Mancato pagamento dei premi.
Art. 1925.
Riscatto e riduzione della polizza.
Art. 1926.
Cambiamento di professione dell'assicurato.
Art. 1927.
Suicidio dell'assicurato.
Sezione IVDella riassicurazione
Art. 1928.
Prova.
Art. 1929.
Efficacia del contratto.
Art. 1930.
Diritto del riassicurato in caso di liquidazione coatta amministrativa.
Art. 1931.
Compensazione dei crediti e debiti.
Sezione VDisposizioni finali
Art. 1932.
Norme inderogabili.
CAPO XXIDel giuoco e della scommessa
Art. 1933.
Mancanza di azione.
Art. 1934.
Competizioni sportive.
Art. 1935.
Lotterie autorizzate.
CAPO XXIIDella fideiussione
Sezione IDisposizioni generali
Art. 1936.
Nozione.
Art. 1937.
Manifestazione della volonta'.
Art. 1938.
Fideiussione per obbligazioni future o condizionali.
Art. 1939.
Validita' della fideiussione.
Art. 1940.
Fideiussore del fideiussore.
Art. 1941.
Limiti della fideiussione.
Art. 1942.
Estensione della fideiussione.
Art. 1943.
Obbligazione di prestare fideiussione.
Sezione IIDei rapporti tra creditore e fideiussore
Art. 1944.
Obbligazione del fideiussore.
Art. 1945.
Eccezioni opponibili dal fideiussore.
Art. 1946.
Fideiussione prestata da piu' persone.
Art. 1947.
Beneficio della divisione.
Art. 1948.
Obbligazione del fideiussore del fideiussore.
Sezione IIIDei rapporti tra fideiussore e debitore principale
Art. 1949.
Surrogazione del fideiussore nei diritti del creditore.
Art. 1950.
Regresso contro il debitore principale.
Art. 1951.
Regresso contro piu' debitori principali.
Art. 1952.
Divieto di agire contro il debitore principale.
Art. 1953.
Rilievo del fideiussore.
Sezione IVDei rapporti tra piu' fideiussori
Art. 1954.
Regresso contro gli altri fideiussori.
Sezione VDell'estinzione della fideiussione
Art. 1955.
Liberazione del fideiussore per fatto del creditore.
Art. 1956.
Liberazione del fideiussore per obbligazione futura.
Art. 1957.
Scadenza dell'obbligazione principale.
CAPO XXIIIDel mandato di credito
Art. 1958.
Effetti del mandato di credito.
Art. 1959.
Sopravvenuta insolvenza del mandante o del terzo.
CAPO XXIVDell'anticresi
Art. 1960.
Nozione.
Art. 1961.
Obblighi del creditore, anticretico.
Art. 1962.
Durata dell'anticresi.
Art. 1963.
Divieto del patto commissorio.
Art. 1964.
Compensazione dei frutti con gli interessi.
CAPO XXVDella transazione
Art. 1965.
Nozione.
Art. 1966.
Capacita' a transigere e disponibilita' dei diritti.
Art. 1967.
Prova.
Art. 1968.
Transazione sulla falsita' di documenti.
Art. 1969.
Errore di diritto.
Art. 1970.
Lesione.
Art. 1971.
Transazione su pretesa temeraria.
Art. 1972.
Transazione su un titolo nullo.
Art. 1973.
Annullabilita' per falsita' di documenti.
Art. 1974.
Annullabilita' per cosa giudicata.
Art. 1975.
Annullabilita' per scoperta di documenti.
Art. 1976.
Risoluzione della transazione per inadempimento.
CAPO XXVIDella cessione dei beni ai creditori
Art. 1977.
Nozione.
Art. 1978.
Forma.
Art. 1979.
Poteri dei creditori cessionari.
Art. 1980.
Effetti della cessione.
Art. 1981.
Spese.
Art. 1982.
Riparto.
Art. 1983.
Controllo del debitore.
Art. 1984.
Liberazione del debitore.
Art. 1985.
Recesso del contratto.
Art. 1986.
Annullamento e risoluzione del contratto.

TITOLO IVDELLE PROMESSE UNILATERALI
Art. 1987.
Efficacia delle promesse.
Art. 1988.
Promessa di pagamento e ricognizione di debito.
Art. 1989.
Promessa al pubblico.
Art. 1990.
Revoca della promessa.
Art. 1991.
Cooperazione di piu' persone.

TITOLO VDEI TITOLI DI CREDITO
CAPO IDisposizioni generali
Art. 1992.
Adempimento della prestazione.
Art. 1993.
Eccezioni opponibili.
Art. 1994.
Effetti del possesso di buona fede.
Art. 1995.
Trasferimento dei diritti accessori.
Art. 1996.
Titoli rappresentativi.
Art. 1997.
Efficacia dei vincoli sul credito.
Art. 1998.
Titoli con diritto a premi.
Art. 1999.
Conversione dei titoli.
Art. 2000.
Riunione e frazionamento dei titoli.
Art. 2001.
Rinvio a disposizioni speciali.
Art. 2002.
Documenti di legittimazione e titoli impropri.
CAPO IIDei titoli al portatore
Art. 2003.
Trasferimento del titolo e legittimazione del possessore.
Art. 2004.
Limitazione della liberta' di emissione.
Art.
2005.

Titolo deteriorato.Il possessore di un titolo deteriorato che non sia piu' idoneo alla circolazione, ma sia tuttora sicuramente identificabile, ha diritto di ottenere dall'emittente un titolo equivalente, verso la restituzione del primo e il rimborso del
Art. 2006.
Smarrimento e sottrazione del titolo.
Art. 2007.
Distruzione del titolo.
CAPO IIIDei titoli all'ordine
Art. 2008.
Legittimazione del possessore.
Art. 2009.
Forma della girata.
Art. 2010.
Girata condizionale o parziale.
Art. 2011.
Effetti della girata.
Art. 2012.
Obblighi del girante.
Art. 2013.
Girata per incasso o per procura.
Art. 2014
Girata a titolo di pegno.
Art. 2015.
Cessione del titolo all'ordine.
Art. 2016.
Procedura d'ammortamento.
Art. 2017.
Opposizione del detentore.
Art. 2018.
Diritti del ricorrente durante il termine per l'opposizione.
Art. 2019.
Effetti dell'ammortamento.
Art. 2020.
Leggi speciali.
CAPO IVDei titoli nominativi
Art. 2021.
Legittimazione del possessore.
Art. 2022.
Trasferimento.
Art. 2023.
Trasferimento mediante girata.
Art. 2024.
Vincoli sul credito.
Art. 2025.
Usufrutto.
Art. 2026.
Pegno.
Art. 2027.
Ammortamento.

TITOLO VIDELLA GESTIONE DI AFFARI
Art. 2028.
Obbligo di continuare la gestione.
Art. 2029.
Capacita' del gestore.
Art. 2030.
Obbligazioni del gestore.
Art. 2031.
Obblighi dell'interessato.
Art. 2032.
Ratifica dell'interessato.

TITOLO VIIDEL PAGAMENTO DELL'INDEBITO
Art. 2033.
Indebito oggettivo.
Art. 2034.
Obbligazioni naturali.
Art. 2035.
Prestazione contraria al buon costume.
Art. 2036.
Indebito soggettivo.
Art. 2037.
Restituzione di cosa determinata.
Art. 2038.
Alienazione della cosa ricevuta indebitamente.
Art. 2039.
Indebito ricevuto da un incapace.
Art. 2040.
Rimborso di spese e di miglioramenti.

TITOLO VIIIDELL'ARRICCHIMENTO SENZA CAUSA
Art. 2041.
Azione generale di arricchimento.
Art. 2042.
Carattere sussidiario dell'azione.

TITOLO IXDEI FATTI ILLECITI
Art. 2043.
Risarcimento per fatto illecito.
Art. 2044.
Legittima difesa.
Art. 2045.
Stato di necessita'.
Art. 2046.
Imputabilita' del fatto dannoso.
Art. 2047.
Danno cagionato dall'incapace.
Art. 2048.
Responsabilita' dei genitori, dei tutori, dei precettori e dei maestri d'arte.
Art. 2049.
Responsabilita' dei padroni e dei committenti.
Art. 2050.
Responsabilita' per l'esercizio di attivita' pericolose.
Art. 2051.
Danno cagionato da cosa in custodia.
Art. 2052.
Danno cagionato da animali.
Art. 2053.
Rovina di edificio.
Art. 2054.
Circolazione di veicoli.
Art. 2055.
Responsabilita' solidale.
Art. 2056.
Valutazione dei danni.
Art. 2057.
Danni permanenti.
Art. 2058.
Risarcimento in forma specifica.
Art. 2059.
Danni non patrimoniali.

LIBRO QUINTO

TITOLO IDELLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA' PROFESSIONALI
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2060.
Del lavoro.
Art. 2061.
Ordinamento delle categorie professionali.
Art. 2062.
Esercizio professionale delle attivita' economiche.
CAPO IIDelle ordinanze corporative e degli accordi economici collettivi
Art. 2063.
Oggetto.
Art. 2064.
Formazione e pubblicazione.
Art. 2065.
Efficacia.
Art. 2066.
Inderogabilita'.
CAPO IIIDel contratto collettivo di lavoro e delle norme equiparate
Art. 2067.
Soggetti.
Art. 2068.
Rapporti di lavoro sottratti a contratto collettivo.
Art. 2069.
Efficacia.
Art. 2070.
Criteri di applicazione.
Art. 2071.
Contenuto.
Art. 2072.
Deposito e pubblicazione.
Art. 2073.
Denunzia.
Art. 2074.
Efficacia dopo la scadenza.
Art. 2075.
Efficacia nel caso di variazioni nell'inquadramento.
Art. 2076.
Contratto collettivo annullabile.
Art. 2077.
Efficacia del contratto collettivo sul contratto individuale.
Art. 2078.
Efficacia degli usi.
Art. 2079.
Rapporti di associazione agraria e di affitto a coltivatore diretto.
Art. 2080.
Colonia parziaria e affitto con obbligo di miglioria.
Art. 2081.
Norme equiparate al contratto collettivo.

TITOLO IIDEL LAVORO NELL'IMPRESA
CAPO IDell'impresa in generale
Sezione IDell'imprenditore
Art. 2082.
Imprenditore.
Art. 2083.
Piccoli imprenditori.
Art. 2084.
Condizioni per l'esercizio dell'impresa.
Art. 2085.
Indirizzo della produzione.
Art. 2086.
Direzione e gerarchia nell'impresa.
Art. 2087.
Tutela delle condizioni di lavoro.
Art. 2088.
Responsabilita' dell'imprenditore.
Art. 2089.
Inosservanza degli obblighi dell'imprenditore.
Art. 2090.
Procedimento.
Art. 2091.
Sanzioni.
Art. 2092.
Sanzioni previste da leggi speciali.
Art. 2093.
Imprese esercitate da enti pubblici.
Sezione IIDei collaboratori dell'imprenditore
Art. 2094.
Prestatore di lavoro subordinato.
Art. 2095.
Categorie dei prestatori di lavoro.
Sezione IIIDel rapporto di lavoro
§ 1Della costituzione del rapporto di lavoro
Art. 2096.
Assunzione in prova.
Art. 2097.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 18 APRILE 1962, N. 230
Art. 2098.
Violazione delle norme sul collocamento dei lavoratori.
§ 2Dei diritti e degli obblighi delle parti
Art. 2099.
Retribuzione.
Art. 2100.
Obbligatorieta' del cottimo.
Art. 2101.
Tariffe di cottimo.
Art. 2102.
Partecipazione agli utili.
Art. 2103.
Prestazione del lavoro.
Art. 2104.
Diligenza del prestatore di lavoro.
Art. 2105.
Obbligo di fedelta'.
Art. 2106.
Sanzioni disciplinari.
Art. 2107.
Orario di lavoro.
Art. 2108.
Lavoro straordinario e notturno.
Art. 2109.
Periodo di riposo.
Art. 2110.
Infortunio, malattia, gravidanza, puerperio.
Art. 2111.
Servizio militare.
Art. 2112.
Mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimento d'azienda.
Art. 2113.
Rinunzie e transazioni.
§ 3Della previdenza e dell'assistenza
Art. 2114.
Previdenza ed assistenza obbligatorie.
Art. 2115.
Contribuzioni.
Art. 2116.
Prestazioni.
Art. 2117.
Fondi speciali per la previdenza e l'assistenza.
§ 4Dell'estinzione del rapporto di lavoro
Art. 2118.
Recesso dal contratto a tempo indeterminato.
Art. 2119.
Recesso per giusta causa.
Art. 2120.
Disciplina del trattamento di fine rapporto.
Art. 2121.
Computo dell'indennita' di mancato preavviso.
Art. 2122.
Indennita' in caso di morte.
Art. 2123.
Forme di previdenza.
Art. 2124.
Certificato di lavoro.
Art. 2125.
Patto di non concorrenza.
§ 5Disposizioni finali
Art. 2126.
Prestazione di fatto con violazione di legge.
Art. 2127.
Divieto d'interposizione nel lavoro a cottimo.
Art. 2128.
Lavoro a domicilio.
Art. 2129.
Contratto di lavoro per i dipendenti da enti pubblici.
Sezione IVDel tirocinio
Art. 2130.
Durata del tirocinio.
Art. 2131.
Retribuzione.
Art. 2132.
Istruzione professionale.
Art. 2133.
Attestato di tirocinio.
Art. 2134.
Norme applicabili al tirocinio.
CAPO IIDell'impresa agricola
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2135.
Imprenditore agricolo.
Art. 2136.
Inapplicabilita' delle norme sulla registrazione.
Art. 2137.
Responsabilita' dell'imprenditore agricolo.
Art. 2138.
Dirigenti e fattori di campagna.
Art. 2139.
Scambio di mano d'opera o di servizi.
Art. 2140.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Sezione IIDella mezzadria
Art. 2141.
Nozione.
Art. 2142.
Famiglia colonica.
Art. 2143.
Mezzadria a tempo indeterminato.
Art. 2144.
Mezzadria a tempo determinato.
Art. 2145.
Diritti ed obblighi del concedente.
Art. 2146.
Conferimento delle scorte.
Art. 2147.
Obblighi del mezzadro.
Art. 2148.
Obblighi di residenza e di custodia.
Art. 2149.
Divieto di subconcessione.
Art. 2150.
Rappresentanza della famiglia colonica.
Art. 2151.
Spese per la coltivazione.
Art. 2152.
Miglioramenti.
Art. 2153.
Riparazioni di piccola manutenzione.
Art. 2154.
Anticipazioni di carattere alimentare alla famiglia colonica.
Art. 2155.
Raccolta e divisione dei prodotti.
Art. 2156.
Vendita dei prodotti.
Art. 2157.
Diritto di preferenza del concedente.
Art. 2158.
Morte di una delle parti.
Art. 2159.
Scioglimento del contratto.
Art. 2160.
Trasferimento del diritto di godimento del fondo.
Art. 2161.
Libretto colonico.
Art. 2162.
Efficacia probatoria del libretto colonico.
Art. 2163.
Assegnazione delle scorte al termine della mezzadria.
Sezione IIIDella colonia parziaria
Art. 2164.
Nozione.
Art. 2165.
Durata.
Art. 2166.
Obblighi del concedente.
Art. 2167.
Obblighi del colono.
Art. 2168.
Morte di una delle parti.
Art. 2169.
Rinvio.
Sezione IVDella soccida
§ 1Disposizioni generali
Art. 2170.
Nozione.
§ 2Della soccida semplice
Art. 2171.
Nozione.
Art. 2172.
Durata del contratto.
Art. 2173.
Direzione dell'impresa e assunzione di mano d'opera.
Art. 2174.
Obblighi del soccidario.
Art. 2175.
Perimento del bestiame.
Art. 2176.
Reintegrazione del bestiame conferito.
Art. 2177.
Trasferimento dei diritti sul bestiame.
Art. 2178.
Accrescimenti, prodotti, utili e spese.
Art. 2179.
Morte di una delle parti.
Art. 2180.
Scioglimento del contratto.
Art. 2181.
Prelevamento e divisione al termine del contratto.
§ 3Della soccida parziaria
Art. 2182.
Conferimento del bestiame.
Art. 2183.
Reintegrazione del bestiame conferito.
Art. 2184.
Divisione del bestiame, dei prodotti e degli utili.
Art. 2185.
Rinvio.
§ 4Della soccida con conferimento di pascolo
Art. 2186.
Nozione e norme applicabili.
Sezione VDisposizione finale
Art. 2187.
Usi.
CAPO IIIDelle imprese commerciali e delle altre imprese soggette a registrazione
Sezione IDel registro delle imprese
Art. 2188.
Registro delle imprese.
Art. 2189.
Modalita' dell'iscrizione.
Art. 2190.
Iscrizione d'ufficio.
Art. 2191.
Cancellazione d'ufficio.
Art. 2192.
Ricorso contro il decreto del giudice del registro.
Art. 2193.
Efficacia dell'iscrizione.
Art. 2194.
Inosservanza dell'obbligo d'iscrizione.
Sezione IIDell'obbligo di registrazione
Art. 2195.
Imprenditori soggetti a registrazione.
Art. 2196.
Iscrizione dell'impresa.
Art. 2197.
Sedi secondarie.
Art. 2198.
Minori, interdetti e inabilitati.
Art. 2199.
Indicazione dell'iscrizione.
Art. 2200.
Societa'.
Art. 2201.
Enti pubblici.
Art. 2202.
Piccoli imprenditori.
Sezione IIIDisposizioni particolari per le imprese commerciali
§ 1Della rappresentanza
Art. 2203.
Preposizione institoria.
Art. 2204.
Poteri dell'institore.
Art. 2205.
Obblighi dell'institore.
Art. 2206.
Pubblicita' della procura.
Art. 2207.
Modificazione e revoca della procura.
Art. 2208.
Responsabilita' personale dell'institore.
Art. 2209.
Procuratori.
Art. 2210.
Poteri dei commessi dell'imprenditore.
Art. 2211.
Poteri di deroga alle condizioni generali di contratto.
Art. 2212.
Poteri dei commessi relativi agli affari conclusi.
Art. 2213.
Poteri dei commessi preposti alla vendita.
§ 2Delle scritture contabili
Art. 2214.
Libri obbligatori e altre scritture contabili.
Art. 2215.
Modalita' di tenuta delle scritture contabili.
Art. 2215-bis.
Documentazione informatica.
Art. 2216.
Contenuto del libro giornale.
Art. 2217.
Redazione dell'inventario.
Art. 2218.
Bollatura facoltativa.
Art. 2219.
Tenuta della contabilita'.
Art. 2220.
Conservazione delle scritture contabili.
§ 3Dell'insolvenza
Art. 2221.
Fallimento e concordato preventivo.

TITOLO IIIDEL LAVORO AUTONOMO
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2222.
Contratto d'opera.
Art. 2223.
Prestazione della materia.
Art. 2224.
Esecuzione dell'opera.
Art. 2225.
Corrispettivo.
Art. 2226.
Difformita' e vizi dell'opera.
Art. 2227.
Recesso unilaterale dal contratto.
Art. 2228.
Impossibilita' sopravvenuta dell'esecuzione dell'opera.
CAPO IIDelle professioni intellettuali
Art. 2229.
Esercizio delle professioni intellettuali.
Art. 2230.
Prestazione d'opera intellettuale.
Art. 2231.
Mancanza d'iscrizione.
Art. 2232.
Esecuzione dell'opera.
Art. 2233.
Compenso.
Art. 2234.
Spese e acconti.
Art. 2235.
Divieto di ritenzione.
Art. 2236.
Responsabilita' del prestatore d'opera.
Art. 2237.
Recesso.
Art. 2238.
Rinvio.

TITOLO IVDEL LAVORO SUBORDINATO IN PARTICOLARI RAPPORTI
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2239.
Norme applicabili.
CAPO IIDel lavoro domestico
Art. 2240.
Norme applicabili.
Art. 2241.
Periodo di prova.
Art. 2242.
Vitto, alloggio e assistenza.
Art. 2243.
Periodo di riposo.
Art. 2244.
Recesso.
Art. 2245.
Indennita' di anzianita'.
Art. 2246.
Certificato di lavoro.

TITOLO VDELLE SOCIETA'
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2247.
Contratto di societa'
Art. 2248.
Comunione a scopo di godimento.
Art. 2249.
Tipi di societa'.
Art. 2250.
Indicazione negli atti e nella corrispondenza
CAPO IIDella societa' semplice
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2251.
Contratto sociale.
Art. 2252.
Modificazioni del contratto sociale.
Sezione IIDei rapporti tra i soci
Art. 2253.
Conferimenti.
Art. 2254.
Garanzia e rischi dei conferimenti.
Art. 2255.
Conferimento di crediti.
Art. 2256.
Uso illegittimo delle cose sociali.
Art. 2257.
Amministrazione disgiuntiva.
Art. 2258.
Amministrazione congiuntiva.
Art. 2259.
Revoca della facolta' di amministrare.
Art. 2260.
Diritti e obblighi degli amministratori.
Art. 2261.
Controllo dei soci.
Art. 2262.
Utili.
Art. 2263.
Ripartizione dei guadagni e delle perdite.
Art. 2264.
Partecipazione ai guadagni e alle perdite rimessa alla determinazione di un ter
Art. 2265.
Patto leonino.
Sezione IIIDei rapporti con i terzi
Art. 2266.
Rappresentanza della societa'.
Art. 2267.
Responsabilita' per le obbligazioni sociali.
Art. 2268.
Escussione preventiva del patrimonio sociale.
Art. 2269.
Responsabilita' del nuovo socio.
Art. 2270.
Creditore particolare del socio.
Art. 2271.
Esclusione della compensazione.
Sezione IVDello scioglimento della societa'
Art. 2272.
Cause di scioglimento.
Art. 2273.
Proroga tacita.
Art. 2274.
Poteri degli amministratori dopo lo scioglimento.
Art. 2275.
Liquidatori.
Art. 2276.
Obblighi e responsabilita' dei liquidatori.
Art. 2277.
Inventario.
Art. 2278.
Poteri dei liquidatori.
Art. 2279.
Divieto di nuove operazioni.
Art. 2280.
Pagamento dei debiti sociali.
Art. 2281.
Restituzione dei beni conferiti in godimento.
Art. 2282.
Ripartizione dell'attivo.
Art. 2283.
Ripartizione di beni in natura.
Sezione VDello scioglimento del rapporto sociale limitatamente a un socio
Art. 2284.
Morte del socio.
Art. 2285.
Recesso del socio.
Art. 2286.
Esclusione.
Art. 2287.
Procedimento di esclusione.
Art. 2288.
Esclusione di diritto.
Art. 2289.
Liquidazione della quota del socio uscente.
Art. 2290.
Responsabilita' del socio uscente o dei suoi eredi.
CAPO IIIDella societa' in nome collettivo
Art. 2291.
Nozione.
Art. 2292.
Ragione sociale.
Art. 2293.
Norme applicabili.
Art. 2294.
Incapace.
Art. 2295.
Atto costitutivo.
Art. 2296.
Pubblicazione.
Art. 2297.
Mancata registrazione.
Art. 2298.
Rappresentanza della societa'.
Art. 2299.
Sedi secondarie.
Art. 2300.
Modificazioni dell'atto costitutivo.
Art. 2301.
Divieto di concorrenza.
Art. 2302.
Scritture contabili.
Art. 2303.
Limiti alla distribuzione degli utili.
Art. 2304.
Responsabilita' dei soci.
Art. 2305.
Creditore particolare del socio.
Art. 2306.
Riduzione di capitale.
Art. 2307.
Proroga della societa'.
Art. 2308.
Scioglimento della societa'.
Art. 2309.
Pubblicazione della nomina dei liquidatori.
Art. 2310.
Rappresentanza della societa' in liquidazione.
Art. 2311.
Bilancio finale di liquidazione e piano di riparto.
Art. 2312.
Cancellazione della societa'.
CAPO IVDella societa' in accomandita semplice
Art. 2313.
Nozione.
Art. 2314.
Ragione sociale.
Art. 2315.
Norme applicabili.
Art. 2316.
Atto costitutivo.
Art. 2317.
Mancata registrazione.
Art. 2318.
Soci accomandatari.
Art. 2319.
Nomina e revoca degli amministratori.
Art. 2320.
Soci accomandanti.
Art. 2321.
Utili percepiti in buona fede.
Art. 2322.
Trasferimento della quota.
Art. 2323.
Cause di scioglimento.
Art. 2324.
Diritti dei creditori sociali dopo la liquidazione.
Capo VSocieta' per azioni
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2325.
Responsabilita'.
Art. 2325-bis
Societa' che fanno ricorso al mercato del capitale di rischio.
Art. 2326.
Denominazione sociale.
Art. 2327.
Ammontare minimo del capitale.
Art. 2328.
Atto costitutivo.
Art. 2329.
Condizioni per la costituzione.
Art. 2330.
Deposito dell'atto costitutivo e iscrizione della societa'.
Art. 2330-bis.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 24 NOVEMBRE 2000, N. 340 141
Art. 2331.
Effetti dell'iscrizione.
Art. 2332.
Nullita' della societa'.
Sezione IIDella costituzione per pubblica sottoscrizione
Art. 2333.
Programma e sottoscrizione delle azioni.
Art. 2334.
Versamenti e convocazione dell'assemblea dei sottoscrittori.
Art. 2335.
Assemblea dei sottoscrittori.
Art. 2336.
Stipulazione e deposito dell'atto costitutivo.
Sezione IIIDei promotori e dei soci fondatori
Art. 2337.
Promotori.
Art. 2338.
Obbligazioni dei promotori.
Art. 2339.
Responsabilita' dei promotori.
Art. 2340.
Limiti dei benefici riservati ai promotori.
Art. 2341.
Soci fondatori.
Sezione III-bisDei patti parasociali
Art. 2341-bis
Patti parasociali.
Art. 2341-ter
Pubblicita' dei patti parasociali.
Sezione IVDei conferimenti
Art. 2342.
Conferimenti.
Art. 2343.
Stima dei conferimenti di beni in natura e di crediti.
Art. 2343-bis.
Acquisto della societa' da promotori, fondatori, soci e amministratori.
Art. 2343-ter
Conferimento di beni in natura o crediti senza relazione di stima
Art. 2343-quater
Fatti eccezionali o rilevanti che incidono sulla valutazione
Art. 2344.
Mancato pagamento delle quote.
Art. 2345.
Prestazioni accessorie.
Sezione VDelle azioni e di altri strumenti finanziari partecipativi
Art. 2346.
Emissione delle azioni.
Art. 2347.
Indivisibilita' delle azioni.
Art. 2348.
Categorie di azioni.
Art. 2349.
Azioni e strumenti finanziari a favore dei prestatori di lavoro.
Art. 2350.
Diritto agli utili e alla quota di liquidazione.
Art. 2351.
Diritto di voto.
Art. 2352.
Pegno, usufrutto e sequestro delle azioni.
Art. 2353.
Azioni di godimento.
Art. 2354.
Titoli azionari.
Art. 2355.
Circolazione delle azioni.
Art. 2355
bis Limiti alla circolazione delle azioni.
Art. 2356.
Responsabilita' in caso di trasferimento di azioni non liberate.
Art. 2357.
Acquisto delle proprie azioni.
Art. 2357-bis.
Casi speciali di acquisto delle proprie azioni.
Art. 2357-ter.
Disciplina delle proprie azioni.
Art. 2357-quater.
Divieto di sottoscrizione delle proprie azioni.
Art. 2358.
Altre operazioni sulle proprie azioni
Art. 2359.
Societa' controllate e societa' collegate.
Art. 2359-bis.
Acquisto di azioni o quote da parte di societa' controllate.
Art. 2359-ter
Alienazione o annullamento delle azioni o quote della societa' controllante
Art. 2359-quater
Casi speciali di acquisto o di possesso di azioni o quote della societa'
Art. 2359-quinquies
Sottoscrizione di azioni o quote della societa' controllante.
Art. 2360.
Divieto di sottoscrizione reciproca di azioni.
Art. 2361.
Partecipazioni.
Art. 2362.
Unico azionista.
Sezione VIDell'assemblea
Art. 2363.
Luogo di convocazione dell'assemblea.
Art. 2364.
Assemblea ordinaria nelle societa' prive di consiglio di sorveglianza.
Art. 2364-bis
Assemblea ordinaria nelle societa' con consiglio di sorveglianza.
Art. 2365.
Assemblea straordinaria.
Art. 2366.
Formalita' per la convocazione.
Art. 2367.
Convocazione su richiesta di soci.
Art. 2368.
Costituzione dell'assemblea e validita' delle deliberazioni.
Art. 2369.
Seconda convocazione e convocazioni successive.
Art. 2369-bis.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 24 FEBBRAIO 1998, N. 58141
Art. 2370.
Diritto d'intervento all'assemblea ed esercizio del voto
Art. 2371.
Presidenza dell'assemblea.
Art. 2372.
Rappresentanza nell'assemblea.
Art. 2373.
Conflitto d'interessi.
Art. 2374.
Rinvio dell'assemblea.
Art. 2375.
Verbale delle deliberazioni dell'assemblea.
Art. 2376.
Assemblee speciali.
Art. 2377.
Annullabilita' delle deliberazioni.
Art. 2378.
Procedimento d'impugnazione.
Art. 2379.
Nullita' delle deliberazioni.
Art. 2379-bis.
Sanatoria della nullita'.
Art. 2379-ter.
Invalidita' delle deliberazioni di aumento o di riduzione del capitale e d
Sezione VI-bisDell'amministrazione e del controllo
Art. 2380.
Sistemi di amministrazione e di controllo.
§ 2Degli amministratori
Art. 2380-bis.
Amministrazione della societa'.
Art. 2381.
Presidente, comitato esecutivo e amministratori delegati.
Art. 2382.
Cause di ineleggibilita' e di decadenza.
Art. 2383.
Nomina e revoca degli amministratori.
Art. 2384.
Poteri di rappresentanza.
Art. 2384-bis.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO
Art. 2385.
Cessazione degli amministratori.
Art. 2386.
Sostituzione degli amministratori.
Art. 2387.
Requisiti di onorabilita', professionalita' e indipendenza.
Art. 2388.
Validita' delle deliberazioni del consiglio.
Art. 2389.
Compensi degli amministratori.
Art. 2390.
Divieto di concorrenza.
Art. 2391.
Interessi degli amministratori.
Art. 2391-bis.
Operazioni con parti correlate.
Art. 2392.
Responsabilita' verso la societa'.
Art. 2393.
Azione sociale di responsabilita'.
Art. 2393-bis.
Azione sociale di responsabilita' esercitata dai soci.
Art. 2394.
Responsabilita' verso i creditori sociali.
Art. 2394-bis.
Azioni di responsabilita' nelle procedure concorsuali.
Art. 2395.
Azione individuale del socio e del terzo.
Art. 2396.
Direttori generali.
§ 3Del collegio sindacale
Art. 2397.
Composizione del collegio.
Art. 2398.
Presidenza del collegio.
Art. 2399.
Cause d'ineleggibilita' e di decadenza.
Art. 2400.
Nomina e cessazione dall'ufficio.
Art. 2401.
Sostituzione.
Art. 2402.
Retribuzione.
Art. 2403.
Doveri del collegio sindacale.
Art. 2403-bis.
Poteri del collegio sindacale.
Art. 2404.
Riunioni e deliberazioni del collegio.
Art. 2405.
Intervento alle adunanze del consiglio di amministrazione e alle assemblee.
Art. 2406.
Omissioni degli amministratori.
Art. 2407.
Responsabilita'.
Art. 2408.
Denunzia al collegio sindacale.
Art. 2409.
Denunzia al tribunale.
§ 4Della revisione legale dei conti
Art. 2409-bis.
Revisione legale dei conti.
Art. 2409-ter.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 27 GENNAIO 2010,N . 39
Art. 2409-quater.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 27 GENNAIO 2010,N . 39
Art. 2409-quinquies.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 27 GENNAIO 2010,N . 39 192
Art. 2409-sexies.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 27 GENNAIO 2010,N . 39
Art. 2409-septies.
Scambio di informazioni.
Art. 2409-octies.
Sistema basato su un consiglio di gestione e un consiglio di sorveglian
Art. 2409-novies.
Consiglio di gestione.
Art. 2409-decies.
Azione sociale di responsabilita'.
Art. 2409-undecies.
Norme applicabili.
Art. 2409-duodecies.
Consiglio di sorveglianza.
Art. 2409-terdecies.
Competenza del consiglio di sorveglianza.
Art. 2409-quaterdecies.
Norme applicabili.
Art. 2409-quinquiesdecies.
Revisione legale.
Art. 2409-sexiesdecies.
Sistema basato sul consiglio di amministrazione e un comitato cos
Art. 2409-septiesdecies.
Consiglio di amministrazione.
Art. 2409-octiesdecies.
Comitato per il controllo sulla gestione.
Art. 2409-noviesdecies.
Norme applicabili e revisione legale
Sezione VIIDelle obbligazioni
Art. 2410.
Emissione.
Art. 2411.
Diritti degli obbligazionisti.
Art. 2412.
Limiti all'emissione.
Art. 2413.
Riduzione del capitale.
Art. 2414.
Contenuto delle obbligazioni.
Art. 2414-bis.
Costituzione delle garanzie.
Art. 2415.
Assemblea degli obbligazionisti.
Art. 2416.
Impugnazione delle deliberazioni dell'assemblea.
Art. 2417.
Rappresentante comune.
Art. 2418.
Obblighi e poteri del rappresentante comune.
Art. 2419.
Azione individuale degli obbligazionisti.
Art. 2420.
Sorteggio delle obbligazioni.
Art. 2420-bis.
Obbligazioni convertibili in azioni.
Art. 2420-ter.
Delega agli amministratori.
Sezione VIIIDei libri sociali
Art. 2421.
Libri sociali obbligatori.
Art. 2422.
Diritto d'ispezione dei libri sociali.
Sezione IXDel bilancio
Art. 2423.
Redazione del bilancio.
Art. 2423-bis.
Principi di redazione del bilancio.
Art. 2423-ter.
Struttura dello stato patrimoniale e del conto economico.
Art. 2424.
Contenuto dello stato patrimoniale.
Art. 2424-bis.
Disposizioni relative a singole voci dello stato patrimoniale.
Art. 2425.
Contenuto del conto economico.
Art. 2425-bis.
Iscrizione dei ricavi, proventi, costi ed oneri.
Art. 2425-ter.
Rendiconto finanziario.
Art. 2426.
Criteri di valutazioni.
Art. 2427.
Contenuto della nota integrativa.
Art. 2427-bis.
Informazioni relative al fair value degli strumenti finanziari.
Art. 2428.
Relazione sulla gestione.
Art. 2429.
Relazione dei sindaci e deposito del bilancio.
Art. 2429-bis.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 9 APRILE 1991, N. 127 141
Art. 2430.
Riserva legale.
Art. 2431.
Soprapprezzo delle azioni.
Art. 2432.
Partecipazione agli utili.
Art. 2433.
Distribuzione degli utili ai soci.
Art. 2433-bis.
Acconti sui dividendi.
Art. 2434.
Azione di responsabilita.
Art. 2434-bis.
Invalidita' della deliberazione di approvazione del bilancio.
Art. 2435.
Pubblicazione del bilancio e dell'elenco dei soci e dei titolari di diritti su
Art. 2435-bis.
Bilancio in forma abbreviata.
Art. 2435-ter.
Bilancio delle micro-imprese.
Sezione XDelle modificazioni dello statuto
Art. 2436.
Deposito, iscrizione e pubblicazione delle modificazioni.
Art. 2437.
Diritto di recesso.
Art. 2437-bis.
Termini e modalita' di esercizio.
Art. 2437-ter.
Criteri di determinazione del valore delle azioni.
Art. 2437-quater.
Procedimento di liquidazione.
Art. 2437-quinquies.
Disposizioni speciali per le societa' con azioni quotate in mercati
Art. 2437-sexies.
Azioni riscattabili.
Art. 2438.
Aumento di capitale.
Art. 2439.
Sottoscrizione e versamenti.
Art. 2440.
Conferimenti di beni in natura e di crediti.
Art. 2440-bis.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 29 NOVEMBRE 2010,N. 224
Art. 2441.
Diritto di opzione.
Art. 2442.
Passaggio di riserve a capitale.
Art. 2443.
Delega agli amministratori.
Art. 2444.
Iscrizione nel registro delle imprese.
Art. 2445.
Riduzione del capitale sociale.
Art. 2446.
Riduzione del capitale per perdite.
Art. 2447.
Riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale.
Sezione XIDei patrimoni destinati ad uno specifico affare
Art. 2447-bis.
Patrimoni destinati ad uno specifico affare.
Art. 2447-ter.
Deliberazione costitutiva del patrimonio destinato.
Art. 2447-quater.
Pubblicita' della costituzione del patrimonio destinato.
Art. 2447-quinquies.
Diritti dei creditori.
Art. 2447-sexies.
Libri obbligatori e altre scritture contabili.
Art. 2447-septies.
Bilancio.
Art. 2447-octies.
Assemblee speciali.
Art. 2447-novies.
Rendiconto finale.
Art. 2447-decies.
Finanziamento destinato ad uno specifico affare.
Sezione XII...
Art. 2448.
Effetti della pubblicazione nel registro delle imprese.
Sezione XIIIDelle societa' con partecipazione dello Stato o di enti pubblici
Art. 2449.
Societa' con partecipazione dello Stato o di enti pubblici.
Art. 2450.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.L. 15 FEBBRAIO 2007, N. 10, CONVERTITO CON MODIFICAZION
Sezione XIVDelle societa' di interesse nazionale
Art. 2450-bis.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TITOLO
Art. 2451.
Norme applicabili.
CAPO VIDella societa' in accomandita per azioni
Art. 2452.
Responsabilita' e partecipazioni.
Art. 2453.
Denominazione sociale.
Art. 2454.
Norme applicabili.
Art. 2455.
Soci accomandatari.
Art. 2456.
Revoca degli amministratori.
Art. 2457.
Sostituzione degli amministratori.
Art. 2457-bis.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 24 NOVEMBRE 2000, N. 340 141
Art. 2457-ter.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TITOLO
Art. 2458.
Cessazione dall'ufficio di tutti i soci amministratori.
Art. 2459.
Sindaci, consiglio di sorveglianza e azione di responsabilita'.
Art. 2460.
Modificazioni dell'atto costitutivo.
Art. 2461.
Responsabilita' degli accomandatari verso i terzi.
CAPO VIIDella societa' a responsabilita' limitata
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2462.
Responsabilita'.
Art. 2463.
Costituzione.
Art. 2463-bis.
Societa' a responsabilita' limitata semplificata.
Sezione IIDei conferimenti e delle quote
Art. 2464.
Conferimenti.
Art. 2465.
Stima dei conferimenti di beni in natura e di crediti.
Art. 2466.
Mancata esecuzione dei conferimenti.
Art. 2467.
Finanziamenti dei soci.
Art. 2468.
Quote di partecipazione.
Art. 2469.
Trasferimento delle partecipazioni.
Art. 2470.
Efficacia e pubblicita'.
Art. 2471.
Espropriazione della partecipazione.
Art. 2471-bis.
Pegno, usufrutto e sequestro della partecipazione.
Art. 2472.
Responsabilita' dell'alienante per i versamenti ancora dovuti.
Art. 2473.
Recesso del socio.
Art. 2473-bis.
Esclusione del socio.
Art. 2474.
Operazioni sulle proprie partecipazioni.
Sezione IIIDell'amministrazione della societa' e dei controlli
Art. 2475.
Amministrazione della societa'.
Art. 2475-bis.
Rappresentanza della societa'.
Art. 2475-ter.
Conflitto di interessi.
Art. 2476.
Responsabilita' degli amministratori e controllo dei soci.
Art. 2477.
Sindaco e revisione legale dei conti.
Art. 2478.
Libri sociali obbligatori.
Art. 2478-bis.
Bilancio e distribuzione degli utili ai soci.
Sezione IVDelle decisioni dei soci
Art. 2479.
Decisioni dei soci.
Art. 2479-bis
Assemblea dei soci.
Art. 2479-ter
Invalidita' delle decisioni dei soci.
Sezione VDelle modificazioni dell'atto costitutivo
Art. 2480.
Modificazioni dell'atto costitutivo.
Art. 2481.
Aumento di capitale.
Art. 2481-bis.
Aumento di capitale mediante nuovi conferimenti.
Art. 2481-ter.
Passaggio di riserve a capitale.
Art. 2482.
Riduzione del capitale sociale.
Art. 2482-bis.
Riduzione del capitale per perdite.
Art. 2482-ter.
Riduzione del capitale al disotto del minimo legale.
Art. 2482-quater.
Riduzione del capitale per perdite e diritti dei soci.
Art. 2483.
Emissione di titoli di debito.
Capo VIIIScioglimento e liquidazione delle societa' di capitali
Art. 2484.
Cause di scioglimento.
Art. 2485.
Obblighi degli amministratori.
Art. 2486.
Poteri degli amministratori.
Art. 2487.
Nomina e revoca dei liquidatori; criteri di svolgimento della liquidazione.
Art. 2487-bis.
Pubblicita' della nomina dei liquidatori ed effetti.
Art. 2487-ter.
Revoca dello stato di liquidazione.
Art. 2488.
Organi sociali.
Art. 2489.
Poteri, obblighi e responsabilita' dei liquidatori.
Art. 2490.
Bilanci in fase di liquidazione.
Art. 2490-bis.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TITOLO
Art. 2491.
Poteri e doveri particolari dei liquidatori.
Art. 2492.
Bilancio finale di liquidazione.
Art. 2493.
Approvazione tacita del bilancio.
Art. 2494.
Deposito delle somme non riscosse.
Art. 2495.
Cancellazione della societa'.
Art. 2496.
Deposito dei libri sociali.
Capo IXDirezione e coordinamento di societa'
Art. 2497.
Responsabilita'.
Art. 2497-bis.
Pubblicita'.
Art. 2497-ter.
Motivazione delle decisioni.
Art. 2497-quater.
Diritto di recesso.
Art. 2497-quinquies.
Finanziamenti nell'attivita' di direzione e coordinamento.
Art. 2497-sexies.
Presunzioni.
Art. 2497-septies.
Coordinamento fra societa'.
Capo XDella trasformazione, della fusione e della scissione
Sezione IDella trasformazione
Art. 2498.
Continuita' dei rapporti giuridici.
Art. 2499.
Limiti alla trasformazione.
Art. 2500.
Contenuto, pubblicita' ed efficacia dell'atto di trasformazione.
Art. 2500-bis.
Invalidita' della trasformazione.
Art. 2500-ter.
Trasformazione di societa' di persone.
Art. 2500-quater.
Assegnazione di azioni o quote.
Art. 2500-quinquies.
Responsabilita' dei soci.
Art. 2500-sexies.
Trasformazione di societa' di capitali.
Art. 2500-septies.
Trasformazione eterogenea da societa' di capitali.
Art. 2500-octies.
Trasformazione eterogenea in societa' di capitali.
Art. 2500-novies.
Opposizione dei creditori.
Sezione IIDella fusione delle societa'
Art. 2501.
Forme di fusione.
Art. 2501-bis.
Fusione a seguito di acquisizione con indebitamento.
Art. 2501-ter.
Progetto di fusione.
Art. 2501-quater.
Situazione patrimoniale.
Art. 2501-quinquies.
Relazione dell'organo amministrativo.
Art. 2501-sexies.
Relazione degli esperti.
Art. 2501-septies.
Deposito di atti.
Art. 2502.
Decisione in ordine alla fusione.
Art. 2502-bis.
Deposito e iscrizione della decisione di fusione.
Art. 2503.
Opposizione dei creditori.
Art. 2503-bis.
Obbligazioni.
Art. 2504.
Atto di fusione.
Art. 2504-bis.
Effetti della fusione.
Art. 2504-ter.
Divieto di assegnazione di azioni o quote.
Art. 2504-quater.
Invalidita' della fusione.
Art. 2504-quinquies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V,
Art. 2504-sexies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TIT
Art. 2504-septies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TI
Art. 2504-octies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TIT
Art. 2504-novies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TIT
Art. 2504-decies.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TIT
Art. 2505.
Incorporazione di societa' interamente possedute.
Art. 2505-bis.
Incorporazione di societa' possedute al novanta per cento.
Art. 2505-ter.
Effetti della pubblicazione degli atti del procedimento di fusione nel reg
Art. 2505-quater.
Fusioni cui non partecipano societa' con capitale rappresentato da azion
Sezione IIIDella scissione delle societa'
Art. 2506.
Forme di scissione.
Art. 2506-bis.
Progetto di scissione.
Art. 2506-ter.
Norme applicabili.
Art. 2506-quater.
Effetti della scissione.
Capo XIDelle societa' costituite all'estero
Art. 2507.
Rapporti con il diritto comunitario.
Art. 2508.
Societa' estere con sede secondaria nel territorio dello Stato.
Art. 2509.
Societa' estere di tipo diverso da quelle nazionali.
Art. 2509-bis.
Responsabilita' in caso di inosservanza delle formalita'.
Art. 2510.
Societa' con prevalenti interessi stranieri.

Titolo VIDELLE SOCIETA' COOPERATIVE E DELLE MUTUE ASSICURATRICI
Capo IDelle societa' cooperative
Sezione IDisposizioni generali. Cooperative a mutualita' prevalente
Art. 2511.
Societa' cooperative.
Art. 2512.
Cooperativa a mutualita' prevalente.
Art. 2513.
Criteri per la definizione della prevalenza.
Art. 2514.
Requisiti delle cooperative a mutualita' prevalente.
Art. 2515.
Denominazione sociale.
Art. 2516.
Rapporti con i soci.
Art. 2517.
Enti mutualistici.
Art. 2518.
Responsabilita' per le obbligazioni sociali.
Art. 2519.
Norme applicabili.
Art. 2520.
Leggi speciali.
Sezione IIDella costituzione
Art. 2521.
Atto costitutivo.
Art. 2522.
Numero dei soci.
Art. 2523.
Deposito dell'atto costitutivo e iscrizione della societa'.
Art. 2524.
Variabilita' del capitale.
Sezione IIIDelle quote e delle azioni
Art. 2525.
Quote e azioni.
Art. 2526.
Soci finanziatori e altri sottoscrittori di titoli di debito.
Art. 2527.
Requisiti dei soci.
Art. 2528.
Procedura di ammissione e carattere aperto della societa'.
Art. 2529.
Acquisto delle proprie quote o azioni.
Art. 2530.
Trasferibilita' della quota o delle azioni.
Art. 2531.
Mancato pagamento delle quote o delle azioni.
Art. 2532.
Recesso del socio.
Art. 2533.
Esclusione del socio.
Art. 2534.
Morte del socio.
Art. 2535.
Liquidazione della quota o rimborso delle azioni del socio uscente.
Art. 2536.
Responsabilita' del socio uscente e dei suoi eredi.
Art. 2537.
Creditore particolare del socio.
Sezione IVDegli organi sociali
Art. 2538.
Assemblea.
Art. 2539.
Rappresentanza nell'assemblea.
Art. 2540.
Assemblee separate.
Art. 2541.
Assemblee speciali dei possessori degli strumenti finanziari.
Art. 2542.
Consiglio di amministrazione.
Art. 2543.
Organo di controllo.
Art. 2544.
Sistemi di amministrazione.
Art. 2545.
Relazione annuale sul carattere mutualistico della cooperativa.
Art. 2545-bis.
Diritti dei soci.
Art. 2545-ter.
Riserve indivisibili.
Art. 2545-quater.
Riserve legali, statutarie e volontarie.
Art. 2545-quinquies.
Diritto agli utili e alle riserve dei soci cooperatori.
Art. 2545-sexies.
Ristorni.
Art. 2545-septies.
Gruppo cooperativo paritetico.
Sezione VDelle modificazioni dell'atto costitutivo
Art. 2545-octies.
Perdita della qualifica di cooperativa a mutualita' prevalente.
Art. 2545-novies.
Modificazioni dell'atto costitutivo.
Art. 2545-decies.
Trasformazione.
Art. 2545-undecies.
Devoluzione del patrimonio e bilancio di trasformazione.
Art. 2545-duodecies.
Scioglimento.
Art. 2545-terdecies.
Insolvenza.
Sezione VIDei controlli
Art. 2545-quaterdecies.
Controllo sulle societa' cooperative.
Art. 2545-quinquiesdecies.
Controllo giudiziario.
Art. 2545-sexiesdecies.
Gestione commissariale.
Art. 2545-septiesdecies.
Scioglimento per atto dell'autorita'.
Art. 2545-octiesdecies.
Sostituzione dei liquidatori.
Capo IIDelle mutue assicuratrici
Art. 2546.
Nozione.
Art. 2547.
Norme applicabili.
Art. 2548.
Conferimenti per la costituzione di fondi di garanzia.

TITOLO VIIDELL'ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE
Art. 2549.
Nozione.
Art. 2550.
Pluralita' di associazioni.
Art. 2551.
Diritti ed obbligazioni dei terzi.
Art. 2552.
Diritti dell'associante e dell'associato.
Art. 2553.
Divisione degli utili e delle perdite.
Art. 2554.
Partecipazione agli utili e alle perdite.

TITOLO VIIIDELL'AZIENDA
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2555.
Nozione.
Art. 2556.
Imprese soggette a registrazione.
Art. 2557.
Divieto di concorrenza.
Art. 2558.
Successione nei contratti.
Art. 2559.
Crediti relativi all'azienda ceduta.
Art. 2560.
Debiti relativi all'azienda ceduta.
Art. 2561.
Usufrutto dell'azienda.
Art. 2562.
Affitto dell'azienda.
CAPO IIDella ditta e dell'insegna
Art. 2563.
Ditta.
Art. 2564.
Modificazione della ditta.
Art. 2565.
Trasferimento della ditta.
Art. 2566.
Registrazione della ditta.
Art. 2567.
Societa'.
Art. 2568.
Insegna.
CAPO IIIDel marchio
Art. 2569.
Diritto di esclusivita'.
Art. 2570.
Marchi collettivi.
Art. 2571.
Preuso.
Art. 2572.
Divieto di soppressione del marchio.
Art. 2573.
Trasferimento del marchio.
Art. 2574.
Leggi speciali.

TITOLO IXDEI DIRITTI SULLE OPERE DELL'INGEGNO E SULLE INVENZIONI INDUSTRIALI
CAPO IDel diritto di autore sulle opere dell'ingegno letterarie e artistiche
Art. 2575.
Oggetto del diritto.
Art. 2576.
Acquisto del diritto.
Art. 2577.
Contenuto del diritto.
Art. 2578.
Progetti di lavori.
Art. 2579.
Interpreti ed esecutori.
Art. 2580
Soggetti del diritto.
Art. 2581.
Trasferimento dei diritti di utilizzazione.
Art. 2582.
Ritiro dell'opera dal commercio.
Art. 2583.
Leggi speciali.
CAPO IIDel diritto di brevetto per invenzioni industriali
Art. 2584.
Diritto di esclusivita'.
Art. 2585.
Oggetto del brevetto.
Art. 2586.
Brevetto per nuovi metodi o processi di fabbricazione.
Art. 2587.
Brevetto dipendente da brevetto altrui.
Art. 2588.
Soggetti del diritto.
Art. 2589.
Trasferibilita'.
Art. 2590.
Invenzione del prestatore di lavoro.
Art. 2591.
Rinvio alle leggi speciali.
CAPO IIIDel diritto di brevetto per modelli di utilita' e di registrazione per disegni e modelli
Art. 2592.
Modelli di utilita'.
Art. 2593.
Modelli e disegni
Art. 2594.
Norme applicabili

TITOLO XDELLA DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA E DEI CONSORZI
CAPO IDella disciplina della concorrenza
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2595.
Limiti legali della concorrenza.
Art. 2596.
Limiti contrattuali della concorrenza.
Art. 2597.
Obbligo di contrattare nel caso di monopolio.
Sezione IIDella concorrenza sleale
Art. 2598.
Atti di concorrenza sleale.
Art. 2599.
Sanzioni.
Art. 2600.
Risarcimento del danno.
Art. 2601.
Azione delle associazioni professionali.
CAPO IIDei consorzi per il coordinamento della produzione e degli scambi
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2602.
Nozione e norme applicabili.
Art. 2603.
Forma e contenuto del contratto.
Art. 2604.
Durata del consorzio.
Art. 2605.
Controllo sull'attivita' dei singoli consorziati.
Art. 2606.
Deliberazioni consortili.
Art. 2607.
Modificazioni del contratto.
Art. 2608.
Organi preposti al consorzio.
Art. 2609.
Recesso ed esclusione.
Art. 2610.
Trasferimento dell'azienda.
Art. 2611.
Cause di scioglimento.
Sezione IIDei consorzi con attivita' esterna
Art. 2612.
Iscrizione nel registro delle imprese.
Art. 2613.
Rappresentanza in giudizio.
Art. 2614.
Fondo consortile.
Art. 2615.
Responsabilita' verso i terzi.
Art. 2615-bis.
Situazione patrimoniale.
SezioneII-bis
Art. 2615-ter.
Societa' consortili.
Sezione IIIDei consorzi obbligatori
Art. 2616.
Costituzione.
Art. 2617.
Consorzi per l'ammasso dei prodotti agricoli.
Sezione IVDei controlli dell'autorita' governativa
Art. 2618.
Approvazione del contratto consortile.
Art. 2619.
Controllo sull'attivita' del consorzio.
Art. 2620.
Estensione delle norme di controllo alle societa'.

Titolo XIDISPOSIZIONI PENALI IN MATERIA DI SOCIETA', DI CONSORZI E DI ALTRI ENTI PRIVATI
Capo IDelle falsita'
Art. 2621
False comunicazioni sociali.
Art. 2621-bis
Fatti di lieve entita'.
Art. 2621-ter
Non punibilita' per particolare tenuita'.
Art. 2622
False comunicazioni sociali delle societa' quotate.
Art. 2623.
IL D.L. 1 LUGLIO 2009, N. 78, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L. 3 AGOSTO 20
Art. 2624.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 27 GENNAIO 2010, N. 39
Art. 2625.
Impedito controllo.
Capo IIDegli illeciti commessi dagli amministratori
Art. 2626.
Indebita restituzione dei conferimenti.
Art. 2627.
Illegale ripartizione degli utili e delle riserve.
Art. 2628.
Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della societa' controllante
Art. 2629.
Operazioni in pregiudizio dei creditori.
Capo IIIDegli illeciti commessi mediante omissione
Art. 2629-bis.
Omessa comunicazione del conflitto d'interessi.
Art. 2630.
Omessa esecuzione di denunce, comunicazioni e depositi.
Art. 2630-bis.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO V, TITOLO
Art. 2631.
Omessa convocazione dell'assemblea.
Capo IVDegli altri illeciti, delle circostanze attenuanti e delle misure di sicurezza patrimoniali
Art. 2632.
Formazione fittizia del capitale.
Art. 2633.
Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori.
Art. 2634.
Infedelta' patrimoniale.
Art. 2635.
Corruzione tra privati.
Art. 2635-bis.
Istigazione alla corruzione tra privati.
Art. 2635-ter.
Pene accessorie.
Art. 2636.
Illecita influenza sull'assemblea.
Art. 2637.
Aggiotaggio.
Art. 2638.
Ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorita' pubbliche di vigilanza.
Art. 2639.
Estensione delle qualifiche soggettive.
Art. 2640.
Circostanza attenuante.
Art. 2641.
Confisca.
Art. 2642.
ARTICOLO NON PIU' PREVISTO A SEGUITO DELLA SOSTITUZIONE DEL LIBRO

LIBRO SESTO

TITOLO IDELLA TRASCRIZIONE
CAPO IDella trascrizione degli atti relativi ai beni immobili
Art. 2643.
Atti soggetti a trascrizione.
Art. 2644.
Effetti della trascrizione.
Art. 2645.
Altri atti soggetti a trascrizione.
Art. 2645-bis.
Trascrizione di contratti preliminari .
Art. 2645-ter.
Trascrizione di atti di destinazione per la realizzazione di interessi mer
Art. 2645-quater.
Trascrizione di atti costitutivi di vincolo.
Art. 2646.
Trascrizione delle divisioni.
Art. 2647.
Costituzione del fondo patrimoniale e separazione di beni.
Art. 2648.
Accettazione di eredita' e acquisto di legato.
Art. 2649.
Cessione dei beni ai creditori.
Art. 2650.
Continuita' delle trascrizioni.
Art. 2651.
Trascrizione di sentenze.
Art. 2652.
Domande riguardanti atti soggetti a trascrizione. Effetti delle relative trascr
Art. 2653.
Altre domande e atti soggetti a trascrizione a diversi effetti.
Art. 2654.
Annotazione di domande o atti soggetti a trascrizione.
Art. 2655.
Annotazione di atti e di sentenze.
Art. 2656.
Forme per l'annotazione.
Art.
2657.

Titolo perla trascrizione. La trascrizione non si puo' eseguire se non in forza di sentenza, di atto pubblico o di scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.
Art. 2658.
Atti da presentare al conservatore.
Art. 2659.
Nota di trascrizione.
Art. 2660.
Trascrizione degli acquisti a causa di morte.
Art. 2661.
Ulteriori trascrizioni in base allo stesso titolo.
Art. 2662.
Trascrizione di acquisti a causa di morte in luogo di altri chiamati.
Art. 2663.
Ufficio in cui deve farsi la trascrizione.
Art. 2664.
Conservazione dei titoli. Trascrizione e restituzione della nota.
Art. 2665.
Omissioni o inesattezze nelle note.
Art. 2666.
Limiti soggettivi dell'efficacia della trascrizione.
Art. 2667.
Atti compiuti per persona incapace.
Art. 2668.
Cancellazione della trascrizione.
Art. 2668-bis.
Durata dell'efficacia della trascrizione della domanda giudiziale.
Art. 2668-ter.
Durata dell'efficacia della trascrizione del pignoramento immobiliare e de
Art. 2669.
Trascrizione anteriore al pagamento dell'imposta di registro.
Art. 2670.
Spese della trascrizione.
Art. 2671.
Obbligo dei pubblici ufficiali.
Art. 2672.
Leggi speciali.
CAPO IIDella pubblicita' dei registri immobiliari e della responsabilita' dei conservatori
Art. 2673.
Obblighi del conservatore.
Art. 2674.
Divieto di rifiutare gli atti del proprio ufficio.
Art. 2674-bis.
Trascrizione e iscrizione con riserva e impugnazione.
Art. 2675.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 21 GENNAIO 1983, N. 22
Art. 2676.
Diversita' tra registri, copie e certificati.
Art. 2677.
Orario per le domande di trascrizione o di iscrizione.
Art. 2678.
Registro generale.
Art. 2679.
Altri registri da tenersi dal conservatore.
Art. 2680.
Tenuta del registro generale d'ordine.
Art. 2681.
Divieto di rimozione dei registri.
Art. 2682.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 21 GENNAIO 1983, N. 22
CAPO IIIDella trascrizione degli atti relativi ad alcuni beni mobili
Sezione IDella trascrizione relativamente alle navi, agli aeromobili e agli autoveicoli
Art. 2683.
Beni per i quali e' disposta la pubblicita'.
Art. 2684.
Atti soggetti a trascrizione.
Art. 2685.
Altri atti soggetti a trascrizione.
Art. 2686.
Sentenze.
Art. 2687.
Cessione dei beni ai creditori.
Art. 2688.
Continuita' delle trascrizioni.
Art. 2689.
Usucapione.
Art. 2690.
Domande relative ad atti soggetti a trascrizione.
Art. 2691.
Altre domande e atti soggetti a trascrizione.
Art. 2692.
Annotazione della trascrizione delle domande e degli atti.
Art. 2693.
Trascrizione del pignoramento e del sequestro.
Art. 2694.
Richiamo di altre leggi.
Art. 2695.
Forme e modalita' della trascrizione.
Sezione IIDella trascrizione relativamente ad altri beni mobili
Art. 2696.
Rinvio.

TITOLO IIDELLE PROVE
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2697.
Onere della prova.
Art. 2698.
Patti relativi all'onere della prova.
CAPO IIDella prova documentale
Sezione IDell'atto pubblico
Art. 2699.
Atto pubblico.
Art. 2700.
Efficacia dell'atto pubblico.
Art. 2701.
Conversione dell'atto pubblico.
Sezione IIDella scrittura privata
Art. 2702.
Efficacia della scrittura privata.
Art. 2703.
Sottoscrizione autenticata.
Art. 2704.
Data della scrittura privata nei confronti dei terzi.
Art. 2705.
Telegramma.
Art. 2706.
Conformita' tra originale e riproduzione del telegramma.
Art. 2707.
Carte e registri domestici.
Art. 2708.
Annotazione in calce, in margine o a tergo di un documento.
Sezione IIIDelle scritture contabili delle imprese soggette a registrazione
Art. 2709.
Efficacia probatoria contro l'imprenditore.
Art. 2710.
Efficacia probatoria tra imprenditori.
Art. 2711.
Comunicazione ed esibizione.
Sezione IVDelle riproduzioni meccaniche
Art. 2712.
Riproduzioni meccaniche.
Sezione VDelle taglie o tacche di contrassegno
Art. 2713.
Taglie o tacche di contrassegno.
Sezione VIDelle copie degli atti
Art. 2714.
Copie di atti pubblici.
Art. 2715.
Copie di scritture private originali depositate.
Art. 2716.
Mancanza dell'atto originale o di copia depositata.
Art. 2717.
Valore probatorio di altre copie.
Art. 2718.
Valore probatorio di copie parziali.
Art. 2719.
Copie fotografiche di scritture.
Sezione VIIDegli atti di ricognizione o di rinnovazione
Art. 2720.
Efficacia probatoria.
CAPO IIIDella prova testimoniale
Art. 2721.
Ammissibilita': limiti di valore.
Art. 2722.
Patti aggiunti o contrari al contenuto di un documento.
Art. 2723.
Patti posteriori alla formazione del documento.
Art. 2724.
Eccezioni al divieto della prova testimoniale.
Art. 2725.
Atti per i quali e' richiesta la prova per iscritto o la forma scritta.
Art. 2726.
Prova del pagamento e della remissione.
CAPO IVDelle presunzioni
Art. 2727.
Nozione.
Art. 2728.
Prova contro le presunzioni legali.
Art. 2729.
Presunzioni semplici.
CAPO VDella confessione
Art. 2730.
Nozione.
Art. 2731.
Capacita' richiesta per la confessione.
Art. 2732.
Revoca della confessione.
Art. 2733.
Confessione giudiziale.
Art. 2734.
Dichiarazioni aggiunte alla confessione.
Art. 2735.
Confessione stragiudiziale.
CAPO VIDel giuramento
Art. 2736.
Specie.
Art. 2737.
Capacita' delle parti.
Art. 2738.
Efficacia.
Art. 2739.
Oggetto.

TITOLO IIIDELLA RESPONSABILITA' PATRIMONIALE, DELLE CAUSE DI PRELAZIONE E DELLA CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2740.
Responsabilita' patrimoniale.
Art. 2741.
Concorso dei creditori e cause di prelazione.
Art. 2742.
Surrogazione dell'indennita' alla cosa.
Art. 2743.
Diminuzione della garanzia.
Art. 2744.
Divieto del patto commissorio.
CAPO IIDei privilegi
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2745.
Fondamento del privilegio.
Art. 2746.
Distinzione dei privilegi.
Art. 2747.
Efficacia del privilegio.
Art. 2748.
Efficacia del privilegio speciale rispetto al pegno e alle ipoteche.
Art. 2749.
Estensione del privilegio.
Art. 2750
Privilegi marittimi, aeronautici e privilegi stabiliti da leggi speciali.
Sezione IIDei privilegi sui mobili
§ 1Dei privilegi generali sui mobili
Art. 2751.
Crediti per spese funebri, d'infermita', alimenti.
Art. 2751-bis.
Crediti per retribuzioni e provvigioni, crediti dei coltivatori diretti, de
Art. 2752.
Crediti per tributi diretti dello Stato, per imposta sul valore aggiunto e per
Art. 2753.
Crediti per contributi di assicurazione obbligatoria per l'invalidita', la vec
Art. 2754.
Crediti per contributi relativi ad altre forme di assicurazione.
§ 2Dei privilegi sopra determinati mobili
Art. 2755.
Spese per atti conservativi o di espropriazione.
Art. 2756.
Crediti per prestazioni e spese di conservazione e miglioramento.
Art. 2757.
Crediti per somministrazioni e lavori occorrenti per la produzione agricola.
Art. 2758.
Crediti per tributi indiretti.
Art. 2759.
Crediti per le imposte sul reddito.
Art. 2760.
Crediti dell'albergatore.
Art. 2761.
Crediti del vettore, del mandatario, del depositario e del sequestratario.
Art. 2762.
Privilegio del venditore di macchine.
Art. 2763.
Crediti per canoni enfiteutici.
Art. 2764.
Crediti del locatore di immobili.
Art. 2765.
Crediti derivanti dai contratti di mezzadria e di colonia.
Art. 2766.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 1 SETTEMBRE 1993, N. 385
Art. 2767.
Crediti per risarcimento di danni contro l'assicurato.
Art. 2768.
Crediti dipendenti da reato.
Art. 2769.
Sequestro della cosa soggetta a privilegio.
Sezione IIIDei privilegi sopra gli immobili
Art. 2770.
Crediti per atti conservativi o di espropriazione.
Art. 2771.
ARTICOLO ABROGATO DAL D.L. 6 LUGLIO 2011, N. 98, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI D
Art. 2772.
Crediti per tributi indiretti.
Art. 2773.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 29 LUGLIO 1975, N. 426
Art. 2774.
Crediti per concessione di acque.
Art. 2775.
Contributi per opere di bonifica e di miglioramento.
Art. 2775-bis.
Credito per mancata esecuzione di contratti preliminari.
Art. 2776.
Collocazione sussidiaria sugli immobili.
Sezione IVDell'ordine dei privilegi
Art. 2777.
Preferenza delle spese di giustizia e di altri crediti.
Art. 2778.
Ordine degli altri privilegi sui mobili
Art. 2779.
Concorso dei privilegi con ipoteche sugli autoveicoli.
Art. 2780.
Ordine dei privilegi sugli immobili.
Art. 2781.
Concorso di privilegi speciali con crediti pignoratizi.
Art. 2782.
Concorso di crediti egualmente privilegiati.
Art. 2783.
Preferenza non determinata dalla legge.
Art. 2783-bis.
Crediti derivanti dall'applicazione dei prelievi di cui agli articoli 49 e
Art. 2783-ter
Crediti dello Stato attinenti alle risorse proprie tradizionali di pertinen
CAPO IIIDel pegno
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2784.
Nozione.
Art. 2785.
Rinvio a leggi speciali.
Sezione IIDel pegno dei beni mobili
Art. 2786.
Costituzione.
Art. 2787.
Prelazione del creditore pignoratizio.
Art. 2788.
Prelazione per il credito degli interessi.
Art. 2789.
Rivendicazione della cosa da parte del creditore pignoratizio.
Art. 2790.
Conservazione della cosa e spese relative.
Art. 2791.
Pegno di cosa fruttifera.
Art. 2792.
Divieto di uso e disposizione della cosa.
Art. 2793.
Sequestro della cosa.
Art. 2794.
Restituzione della cosa.
Art. 2795.
Vendita anticipata.
Art. 2796.
Vendita della cosa.
Art. 2797.
Forme della vendita.
Art. 2798.
Assegnazione della cosa in pagamento.
Art. 2799.
Indivisibilita' del pegno.
Sezione IIIDel pegno di crediti e di altri diritti
Art. 2800.
Condizioni della prelazione.
Art. 2801.
Consegna del documento.
Art. 2802.
Riscossione d'interessi e di prestazioni periodiche.
Art. 2803.
Riscossione del credito dato in pegno.
Art. 2804.
Assegnazione o vendita del credito dato in pegno.
Art. 2805.
Eccezioni opponibili dal debitore del credito dato in pegno.
Art. 2806.
Pegno di diritti diversi dai crediti.
Art. 2807.
Norme applicabili al pegno di crediti.
CAPO IVDelle ipoteche
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2808.
Costituzione ed effetti dell'ipoteca.
Art. 2809.
Specialita' e indivisibilita' dell'ipoteca.
Art. 2810.
Oggetto dell'ipoteca.
Art. 2811.
Miglioramenti e accessioni.
Art. 2812.
Diritti costituiti sulla cosa ipotecata.
Art. 2813.
Pericolo di danno alle cose ipotecate.
Art. 2814.
Ipoteca sull'usufrutto e sulla nuda proprieta'.
Art. 2815.
Ipoteca sul diritto del concedente e sul diritto dell'enfiteuta.
Art. 2816.
Ipoteca sul diritto di superficie.
Sezione IIDell'ipoteca legale
Art. 2817.
Persone a cui compete.
Sezione IIIDell'ipoteca giudiziale
Art. 2818.
Provvedimenti da cui deriva.
Art. 2819.
Sentenze arbitrali.
Art. 2820.
Sentenze straniere.
Sezione IVDell'ipoteca volontaria
Art. 2821.
Concessione d'ipoteca.
Art. 2822.
Ipoteca su beni altrui.
Art. 2823.
Ipoteca su beni futuri.
Art. 2824.
Ipoteca iscritta in base a titolo annullabile.
Art. 2825.
Ipoteca su beni indivisi.
Art. 2825-bis.
Ipoteca sul bene oggetto di contratto preliminare.
Art. 2826.
Indicazione dell'immobile ipotecato.
Sezione VDell'iscrizione e rinnovazione delle ipoteche
§ 1Dell'iscrizione
Art. 2827.
Luogo dell'iscrizione.
Art. 2828.
Immobili su cui puo' iscriversi l'ipoteca giudiziale.
Art. 2829.
Iscrizione sui beni del defunto.
Art. 2830.
Ipoteca giudiziale sui beni dell'eredita' beneficiata e dell'eredita' giacente.
Art. 2831.
Ipoteca a garanzia di obbligazioni all'ordine o al portatore.
Art. 2832.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 2833.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 2834.
Iscrizione dell'ipoteca legale dell'alienante e del condividente.
Art. 2835.
Iscrizione in base a scrittura privata.
Art. 2836.
Iscrizione in base ad atto pubblico o a sentenza.
Art. 2837.
Atti formati all'estero.
Art. 2838.
Somma per cui l'iscrizione e' eseguita.
Art. 2839.
Formalita' per l'iscrizione dell'ipoteca.
Art. 2840.
Certificato dell'iscrizione.
Art. 2841.
Omissioni e inesattezze nei titoli o nelle note.
Art. 2842.
Variazione del domicilio eletto.
Art. 2843.
Annotazione di cessione, di surrogazione e di altri atti dispositivi del credit
Art. 2844.
Azioni e notificazioni.
Art. 2845.
Notificazioni relative a iscrizioni per obbligazioni all'ordine e al portatore.
Art. 2846.
Spese d'iscrizione.
§ 2Della rinnovazione
Art. 2847.
Durata dell'efficacia dell'iscrizione.
Art. 2848.
Nuova iscrizione dell'ipoteca.
Art. 2849.
ARTICOLO ABROGATO DALLA L. 19 MAGGIO 1975, N. 151
Art. 2850.
Formalita' per la rinnovazione.
Art. 2851.
Rinnovazione rispetto a beni trasferiti agli eredi o aventi causa.
Sezione VIDell'ordine delle ipoteche
Art. 2852.
Grado dell'ipoteca.
Art. 2853.
Richieste contemporanee d'iscrizione.
Art. 2854.
Ipoteche iscritte nello stesso grado.
Art. 2855.
Estensione degli effetti dell'iscrizione.
Art. 2856.
Surrogazione del creditore perdente.
Art. 2857.
Limiti della surrogazione.
Sezione VIIDegli effetti dell'ipoteca rispetto al terzo acquirente
Art. 2858.
Facolta' del terzo acquirente.
Art. 2859.
Eccezioni opponibili dal terzo acquirente.
Art. 2860.
Capacita' per il rilascio.
Art. 2861.
Termine ed esecuzione del rilascio.
Art. 2862.
Ipoteche e altri diritti reali a carico e a favore del terzo.
Art. 2863.
Ricupero dell'immobile rilasciato e abbandono dell'esecuzione.
Art. 2864.
Danni causati dal terzo e miglioramenti.
Art. 2865.
Frutti dovuti dal terzo.
Art. 2866.
Diritti del terzo nei confronti del debitore e di altri terzi acquirenti.
Art. 2867.
Terzo debitore di somma in dipendenza dell'acquisto.
Sezione VIIIDegli effetti dell'ipoteca rispetto al terzo datore
Art. 2868.
Beneficio di escussione.
Art. 2869.
Estinzione dell'ipoteca per fatto del creditore.
Art. 2870.
Eccezioni opponibili dal terzo datore.
Art. 2871.
Diritti del terzo datore che ha pagato i creditori iscritti o ha sofferto l'esp
Sezione IXDella riduzione delle ipoteche
Art. 2872.
Modalita' della riduzione.
Art. 2873.
Esclusione della riduzione.
Art. 2874.
Riduzione dell'ipoteca legale e dell'ipoteca giudiziale.
Art. 2875.
Eccesso nel valore dei beni.
Art. 2876.
Limiti della riduzione.
Art. 2877.
Spese della riduzione.
Sezione XDell'estinzione delle ipoteche
Art. 2878.
Cause di estinzione.
Art. 2879.
Rinunzia all'ipoteca.
Art. 2880.
Prescrizione rispetto a beni acquistati da terzi.
Art. 2881.
Nuova iscrizione dell'ipoteca.
Sezione XIDella cancellazione dell'iscrizione
Art. 2882.
Formalita' per la cancellazione.
Art. 2883.
Capacita' per consentire la cancellazione.
Art. 2884.
Cancellazione ordinata con sentenza.
Art. 2885.
Cancellazione sotto condizione.
Art. 2886.
Formalita' per la cancellazione.
Art. 2887.
Cancellazione delle ipoteche a garanzia dei titoli all'ordine.
Art. 2888.
Rifiuto di cancellazione.
Sezione XIIDel modo di liberare i beni dalle ipoteche
Art. 2889.
Facolta' di liberare i beni dalle ipoteche.
Art. 2890.
Notificazione.
Art. 2891.
Diritto dei creditori di far vendere i beni.
Art. 2892.
Divieto di proroga dei termini.
Art. 2893.
Mancata richiesta dell'incanto.
Art. 2894.
Effetti del mancato deposito del prezzo.
Art. 2895.
Desistenza del creditore.
Art. 2896.
Aggiudicazione al terzo acquirente.
Art. 2897.
Regresso dell'acquirente divenuto compratore all'incanto.
Art. 2898.
Beni non ipotecati per il credito per il quale si procede.
Sezione XIIIDella rinunzia e dell'astensione del creditore nell'espropriazione forzata
Art. 2899.
Divieto di rinunzia a un'ipoteca a danno di altro creditore.
CAPO VDei mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale
Sezione IDell'azione surrogatoria
Art. 2900.
Condizioni, modalita' ed effetti.
Sezione IIDell'azione revocatoria
Art. 2901.
Condizioni.
Art. 2902.
Effetti.
Art. 2903.
Prescrizione dell'azione.
Art. 2904.
Rinvio.
Sezione IIIDel sequestro conservativo
Art. 2905.
Sequestro nei confronti del debitore o del terzo.
Art. 2906.
Effetti.

TITOLO IVDELLA TUTELA GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI
CAPO IDisposizioni generali
Art. 2907.
Attivita' giurisdizionale.
Art. 2908.
Effetti costitutivi delle sentenze.
Art. 2909.
Cosa giudicata.
CAPO IIDell'esecuzione forzata
Sezione IDell'espropriazione
§ 1Disposizioni generali
Art. 2910.
Oggetto dell'espropriazione.
Art. 2911.
Beni gravati da pegno o ipoteca.
§ 2Degli effetti del pignoramento
Art. 2912.
Estensione del pignoramento.
Art. 2913.
Inefficacia delle alienazioni del bene pignorato.
Art. 2914.
Alienazioni anteriori al pignoramento.
Art. 2915.
Atti che limitano la disponibilita' dei beni pignorati.
Art. 2916.
Ipoteche e privilegi.
Art. 2917.
Estinzione del credito pignorato.
Art. 2918.
Cessioni e liberazioni di pigioni e di fitti.
§ 3Effetti della vendita forzata e dell'assegnazione
Art. 2919.
Effetto traslativo della vendita forzata.
Art. 2920.
Diritti di terzi sulla cosa mobile venduta.
Art. 2921.
Evizione.
Art. 2922.
Vizi della cosa. Lesione.
Art. 2923.
Locazioni.
Art. 2924.
Cessioni e liberazioni di pigioni e di fitti.
Art. 2925.
Norme applicabili all'assegnazione forzata.
Art. 2926.
Diritti dei terzi sulla cosa assegnata.
Art. 2927.
Evizione della cosa assegnata.
Art. 2928.
Assegnazione di crediti.
Art. 2929.
Nullita' del processo esecutivo.
Sezione I-bisDell'espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilita' o di alienazioni a titolo gratuito
Art. 2929-bis.
Espropriazione di beni oggetto di vincoli di indisponibilita' o di alienazi
Sezione IIDell'esecuzione forzata in forma specifica
Art. 2930.
Esecuzione forzata per consegna o rilascio.
Art. 2931.
Esecuzione forzata degli obblighi di fare.
Art. 2932.
Esecuzione specifica dell'obbligo di concludere un contratto.
Art. 2933.
Esecuzione forzata degli obblighi di non fare.

TITOLO VDELLA PRESCRIZIONE E DELLA DECADENZA
CAPO IDella prescrizione
Sezione IDisposizioni generali
Art. 2934.
Estinzione dei diritti.
Art. 2935.
Decorrenza della prescrizione.
Art. 2936.
Inderogabilita' delle norme sulla prescrizione.
Art. 2937.
Rinunzia alla prescrizione.
Art. 2938.
Non rilevabilita' d'ufficio.
Art. 2939.
Opponibilita' della prescrizione da parte dei terzi.
Art. 2940.
Pagamento del debito prescritto.
Sezione IIDella sospensione della prescrizione
Art. 2941.
Sospensione per rapporti tra le parti.
Art. 2942.
Sospensione per la condizione del titolare.
Sezione IIIDell'interruzione della prescrizione
Art. 2943.
Interruzione da parte del titolare.
Art. 2944.
Interruzione per effetto di riconoscimento.
Art. 2945.
Effetti e durata dell'interruzione.
Sezione IVDel termine della prescrizione
§ 1Della prescrizione ordinaria
Art. 2946.
Prescrizione ordinaria.
§ 2Delle prescrizioni brevi
Art. 2947.
Prescrizione del diritto al risarcimento del danno.
Art. 2948.
Prescrizione di cinque anni.
Art. 2949.
Prescrizione in materia di societa'.
Art. 2950.
Prescrizione del diritto del mediatore.
Art. 2951.
Prescrizione in materia di spedizione e di trasporto.
Art. 2952.
Prescrizione in materia di assicurazione.
Art. 2953.
Effetti del giudicato sulle prescrizioni brevi.
§ 3Delle prescrizioni presuntive
Art. 2954.
Prescrizione di sei mesi.
Art. 2955.
Prescrizione di un anno.
Art. 2956.
Prescrizione di tre anni.
Art. 2957.
Decorrenza delle prescrizioni presuntive.
Art. 2958.
Corso della prescrizione.
Art. 2959.
Ammissioni di colui che oppone la prescrizione.
Art. 2960.
Delazione di giuramento.
Art. 2961.
Restituzione di documenti.
§ 4Del computo dei termini
Art. 2962.
Compimento della prescrizione.
Art. 2963.
Computo dei termini di prescrizione.
CAPO IIDella decadenza
Art. 2964.
Inapplicabilita' di regole della prescrizione.
Art. 2965.
Decadenze stabilite contrattualmente.
Art. 2966.
Cause che impediscono la decadenza.
Art. 2967.
Effetto dell'impedimento della decadenza.
Art. 2968.
Diritti indisponibili.
Art. 2969.
Rilievo d'ufficio.









Testo vigente solo fino alla data indicata - Software, impaginazione ed elaborazioni IusOnDemand
Info legali - Privacy policy - Cookie IusOnDemand srl - P.IVA: 04446030969

Cookie