RicercaGiuridica.com
Codici e Gazzette

Chi siamo

Scrivici Stampa    



Codici:
Civile · 2018 · 2020
Procedura Civile · 2018 · 2020
Privacy 2018 · 2020 · GDPR
Consumo · 2018 · 2020
Turismo · 2018
Strada · 2018
Comunicazioni · 2018
Diritto d'autore
Propriet√† Industriale · 2018 · 2020
Assicurazioni · 2018
Crisi Cod.2019 · L. Fall.
Insolvenza 2020 · TUF 2018
T.U. IVA · Terzo Settore 2020


Share link or Ogni parola frase esatta
Aggiornamenti: 2020=16.6.2020, 2018=2.3.2018, gli altri del 26.8.2014. GRATUITI E NON UFFICIALI da Normattiva





Art. 241. Prova in giudizio


Art. 241.
((Prova in giudizio))
((Quando mancano l'atto di nascita e il possesso di stato, la prova della filiazione puo' darsi in giudizio con ogni mezzo.))
((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154)).



Codice civile 2020

LIBRO PRIMO

TITOLO VII DELLO STATO DI FIGLIO

 CAPO II Delle prove della filiazione



Art. 236.Atto di nascita e possesso di stato
Art. 237.Fatti costitutivi del possesso di stato.
Art. 238.Irreclamabilita' di uno stato di figlio contrario a quello attribuito dall'atto di nascita
Art. 239.Reclamo dello stato di figlio
Art. 240.Contestazione dello stato di figlio
Art. 241.Prova in giudizio
Art. 242.ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 243.ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154
Art. 243-bis.Disconoscimento di paternita'
Leggi le fonti citate:



 ^  Art. 236. Atto di nascita e possesso di stato

Art. 236.
(Atto di nascita e possesso di stato)
La filiazione ((...)) si prova con l'atto di nascita iscritto nei registri dello stato civile.
Basta, in mancanza di questo titolo, il possesso continuo dello stato di figlio ((...)).


 ^  Art. 237. Fatti costitutivi del possesso di stato.

Art. 237.
(Fatti costitutivi del possesso di stato).
Il possesso di stato risulta da una serie di fatti che nel loro complesso valgano a dimostrare le relazioni di filiazione e di parentela fra una persona e la famiglia a cui essa pretende di appartenere.
In ogni caso devono concorrere i seguenti fatti:
che il genitore abbia trattato la persona come figlio ed abbia provveduto in questa qualita' al mantenimento, all'educazione e al collocamento di essa.
che la persona sia stata costantemente considerata come tale nei rapporti sociali.
che sia stata riconosciuta in detta qualita' dalla famiglia.
((263))
-------------
AGGIORNAMENTO (263)
La Corte Costituzionale, con sentenza 8 novembre - 21 dicembre 2016, n. 286 (in G.U. 1ª s.s. 28/12/2016, n. 52), ha dichiarato "l'illegittimita' costituzionale della norma desumibile dagli artt. 237, 262 e 299 del codice civile; 72, primo comma, del regio decreto 9 luglio 1939, n. 1238 (Ordinamento dello stato civile); e 33 e 34 del d.P.R. 3 novembre 2000, n. 396 (Regolamento per la revisione e la semplificazione dell'ordinamento dello stato civile, a norma dell'articolo 2, comma 12, della L. 15 maggio 1997, n. 127), nella parte in cui non consente ai coniugi, di comune accordo, di trasmettere ai figli, al momento della nascita, anche il cognome materno".


 ^  Art. 238. Irreclamabilita' di uno stato di figlio contrario a quello attribuito dall'atto di nascita

Art. 238.
((Irreclamabilita' di uno stato di figlio contrario a quello attribuito dall'atto di nascita))
Salvo quanto disposto dagli articoli 128, ((234, 239, 240 e 244)), nessuno puo' reclamare uno stato contrario a quello che gli attribuiscono l'atto di nascita di figlio legittimo e il possesso di stato conforme all'atto stesso.
((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154)).


 ^  Art. 239. Reclamo dello stato di figlio

Art. 239.
((Reclamo dello stato di figlio))
((Qualora si tratti di supposizione di parto o di sostituzione di neonato, il figlio puo' reclamare uno stato diverso.
L'azione di reclamo dello stato di figlio puo' essere esercitata anche da chi e' nato nel matrimonio ma fu iscritto come figlio di ignoti, salvo che sia intervenuta sentenza di adozione.
L'azione puo' inoltre essere esercitata per reclamare uno stato di figlio conforme alla presunzione di paternita' da chi e' stato riconosciuto in contrasto con tale presunzione e da chi fu iscritto in conformita' di altra presunzione di paternita'.
L'azione puo', altresi', essere esercitata per reclamare un diverso stato di figlio quando il precedente e' stato comunque rimosso.))


 ^  Art. 240. Contestazione dello stato di figlio

Art. 240.
((Contestazione dello stato di figlio))
((Lo stato di figlio puo' essere contestato nei casi di cui al primo e secondo comma dell'articolo 239.))


 ^  Art. 241. Prova in giudizio

Art. 241.
((Prova in giudizio))
((Quando mancano l'atto di nascita e il possesso di stato, la prova della filiazione puo' darsi in giudizio con ogni mezzo.))
((COMMA ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154)).


 ^  Art. 242. ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154

Art. 242.
((ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154))


 ^  Art. 243. ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154

Art. 243.
((ARTICOLO ABROGATO DAL D.LGS. 28 DICEMBRE 2013, N. 154))


 ^  Art. 243-bis. Disconoscimento di paternita'

Art. 243-bis.
((Disconoscimento di paternita'))
((L'azione di disconoscimento di paternita' del figlio nato nel matrimonio puo' essere esercitata dal marito, dalla madre e dal figlio medesimo.
Chi esercita l'azione e' ammesso a provare che non sussiste rapporto di filiazione tra il figlio e il presunto padre.
La sola dichiarazione della madre non esclude la paternita'.))


Vai a





Banca dati di Procedura civile

2000 contratti del web




Testo vigente gratuito e non ufficiale, vigente alla data indicata

2021 Software & Legal Design @ IusOnDemand srl - Info legali - Privacy - Cookie - p.iva 04446030969 - Ex voto
Dal 2.3.2021 analitiche di Google anonimizzate