RicercaGiuridica.com
Codici e Gazzette

Chi siamo

Scrivici Stampa    



Codici:
Civile · 2018 · 2020
Procedura Civile · 2018 · 2020
Privacy 2018 · 2020 · GDPR
Consumo · 2018 · 2020
Turismo · 2018
Strada · 2018
Comunicazioni · 2018
Diritto d'autore
Proprietà Industriale · 2018 · 2020
Assicurazioni · 2018
Crisi Cod.2019 · L. Fall.
Insolvenza 2020 · TUF 2018
T.U. IVA · Terzo Settore 2020


Share link or Ogni parola frase esatta
Aggiornamenti: 2020=16.6.2020, 2018=2.3.2018, gli altri del 26.8.2014. GRATUITI E NON UFFICIALI da Normattiva





Art. 136. Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile.


Art. 136.
(Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile).
L'ufficiale dello stato civile che procede alla celebrazione del matrimonio, quando vi osta qualche impedimento o divieto di cui egli ha notizia, e' punito con l'ammenda da lire cinquecento a lire tremila.



Codice civile 2020

LIBRO PRIMO

TITOLO VI DEL MATRIMONIO

 CAPO III Del matrimonio celebrato davanti all'ufficiale dello stato civile

  Sezione VIII Disposizioni penali



Art. 134.Omissione di pubblicazione.
Art. 135.Pubblicazione senza richiesta o senza documenti.
Art. 136.Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile.
Art. 137.Incompetenza dell'ufficiale dello stato civile. Mancanza dei testimoni.
Art. 138.Altre infrazioni.
Art. 139.Cause di nullita' note a uno dei coniugi.
Art. 140.Inosservanza del divieto temporaneo di nuove nozze.
Art. 141.Competenza.
Art. 142.Limiti d'applicazione delle precedenti disposizioni.


 ^  Art. 134. Omissione di pubblicazione.

Art. 134.
(Omissione di pubblicazione).
Sono puniti con l'ammenda da lire quattrocento a lire duemila gli sposi e l'ufficiale dello stato civile che hanno celebrato matrimonio senza che la celebrazione sia stata preceduta dalla prescritta pubblicazione.


 ^  Art. 135. Pubblicazione senza richiesta o senza documenti.

Art. 135.
(Pubblicazione senza richiesta o senza documenti).
E' punito con l'ammenda da lire duecento a lire mille l'ufficiale dello stato civile che ha proceduto alla pubblicazione di un matrimonio senza la richiesta di cui all'art. 96 o quando manca alcuno dei documenti prescritti dal primo comma dell'art. 97.


 ^  Art. 136. Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile.

Art. 136.
(Impedimenti conosciuti dall'ufficiale dello stato civile).
L'ufficiale dello stato civile che procede alla celebrazione del matrimonio, quando vi osta qualche impedimento o divieto di cui egli ha notizia, e' punito con l'ammenda da lire cinquecento a lire tremila.


 ^  Art. 137. Incompetenza dell'ufficiale dello stato civile. Mancanza dei testimoni.

Art. 137.
(Incompetenza dell'ufficiale dello stato civile. Mancanza dei testimoni).
E' punito con l'ammenda da lire trecento a lire duemila l'ufficiale dello stato civile che ha celebrato un matrimonio per cui non era competente.
La stessa pena si applica all'ufficiale dello stato civile che ha proceduto alla celebrazione di un matrimonio senza la presenza dei testimoni.


 ^  Art. 138. Altre infrazioni.

Art. 138.
(Altre infrazioni).
E' punito con l'ammenda stabilita nell'art. 135 l'ufficiale dello stato civile che in qualunque modo contravviene alle disposizioni degli articoli 93, 95, 98, 99, 106, 107, 108, 109, 110 e 112 o commette qualsiasi altra infrazione per cui non sia stabilita una pena speciale in questa sezione.


 ^  Art. 139. Cause di nullita' note a uno dei coniugi.

Art. 139.
((Cause di nullita' note a uno dei coniugi.))
((Il coniuge il quale, conoscendo prima della celebrazione una causa di nullita' del matrimonio, l'abbia lasciata ignorare all'altro, e' punito, se il matrimonio e' annullato, con l'ammenda da lire quarantamila a lire duecentomila)).


 ^  Art. 140. Inosservanza del divieto temporaneo di nuove nozze.

Art. 140.
((Inosservanza del divieto temporaneo di nuove nozze.))
((La donna che contrae matrimonio contro il divieto dell'articolo 89, l'ufficiale che lo celebra e l'altro coniuge sono puniti con l'ammenda da lire ventimila a lire ottantamila)).


 ^  Art. 141. Competenza.

Art. 141.
(Competenza).
I reati previsti nei precedenti articoli sono di competenza del tribunale.


 ^  Art. 142. Limiti d'applicazione delle precedenti disposizioni.

Art. 142.
(Limiti d'applicazione delle precedenti disposizioni).
Le disposizioni della presente sezione si applicano quando i fatti ivi contemplati non costituiscono reato piu' grave.


Vai a




Testo vigente gratuito e non ufficiale, vigente alla data indicata

2021 Software & Legal Design @ IusOnDemand srl - Info legali - Privacy - Cookie - p.iva 04446030969 - Ex voto
Dal 3.9.2021 analitiche di Google anonimizzate