RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione, Sezione Prima Penale, sentenza n.15689/2005


Sequestro · immigrazione · clandestini

Fonte: http://www.cittadinolex.kataweb.it/article_view.jsp?idArt=28845&idCat=120

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

(Presidente: T. Gemelli; Relatore: A. Vancheri)

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

I SEZIONE PENALE

SENTENZA

IN FATTO E IN DIRITTO

Ricorrono per cassazione, tramite i loro difensori, E. E. H. e E. F. U. B., nella qualità di legali rappresentanti della Società Komitee Cap Anamur Deutsche Notarzte, proprietaria della nave Cap Anamur, battente bandiera tedesca, avverso l’ordinanza emessa il 23/9/2004 dal Tribunale di Agrigento che, pronunciandosi ai sensi dell’art. 324 c.p.p.[1], ha rigettato la domanda di riesame proposta dalla predetta società avverso il decreto 14/7/2004 del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale della stessa città, che aveva convalidato il sequestro probatorio del natante di cui sopra, ancorato presso il poro di Porto Empedocle, e dei relativi documenti di trasposto e viaggio.

Ha osservato il Tribunale: che il sequestro era legittimo perché pertinente all’ipotesi accusatoria che era stata contestata (il delitto di favoreggiamento all’ingresso clandestino di stranieri in territorio italiano, previsto dalla norma di cui all’art. 12 D.L.vo n. 286/98 e commesso per essere stati elusi i controlli e violate le disposizioni impartite dalle Autorità italiane) e perché era sussistente anche la condizione relativa all’esigenza probatoria, legata alla qualificazione dei beni in sequestro rispettivamente come corpo di reato (la nave) e come cose pertinenti al reato (i documenti); che, una volta stabilita l’astratta configurabilità del reato ipotizzato, il sequestro non poteva che apparire pienamente legittimo, non potendo in questa fase il tribunale procedere ad una verifica in concreto della fondatezza dell’accusa.

Hanno dedotto i ricorrenti violazione degli artt. 354 e 355 c.p.p. e difetto di motivazione, sotto il profilo che l’ordinanza impugnata non conterrebbe alcuna indicazione circa la diretta pertinenzialità del provvedimento di sequestro rispetto alla specifica fattispecie criminosa contestata, ma soltanto un generico riferimento a delle verifiche da effettuare sull’attrezzatura interna della nave (per altro non effettuate a distanza di oltre tre mesi dalla convalida), aspetto non avente alcuna valenza probatoria e chiaramente estraneo al contenuto del precetto che si assume violato, per modo che il suddetto provvedimento appariva del tutto strumentale rispetto alle finalità previste dalla legge.

Ciò premesso, osserva la Corte che il ricorso è infondato e va respinto.

Ed invero, come più volte ribadito da questa Corte in diversi arresti giurisprudenziali, ai fini della convalida del sequestro operato dalla polizia giudiziaria con scopi probatori, è sufficiente l’indicazione degli elementi che giustificano la possibilità che i beni sottoposti a vincolo possano essere qualificati come corpo del reato, non essendo richiesta la dimostrazione circa la fondatezza della notitia criminis, che è riservata a momenti successivi, come il mantenimento del vincolo, ovvero l’accertamento circa la responsabilità degli imputati in ordine ai reati loro contestati (v. Cass., Sez. VI, sent. n. 23777 del 25/3/2003, Lucani ed altri; Sez. II, sent. n. 3273 del 21/6/1999, Lechiancole ecc.).

È stato anzi precisato che, qualora dal complesso delle prime indagini tale fumus emerga, il sequestro si appalesa non solo legittimo, ma opportuno, in quanto volto a stabilire, di per se o attraverso le successive indagini che da esso scaturiscono, se esiste il collegamento pertinenziale tra res e illecito.

Nella fattispecie appare chiaro il collegamento tra il sequestro e la prospettazione accusatoria, in quanto, secondo tale ipotesi, oil trasporto di clandestini in territorio italiano sarebbe avvenuto proprio a mezzo del natante in sequestro.

Ne vale osservare, come fanno i ricorrenti, che la verifica che avrebbe dovuto essere effettuata sulle strutture interne della nave era un aspetto estraneo al contenuto del precetto che si assumeva violato, in quanto è innegabile che la pregressa presenza di clandestini a bordo ben poteva essere accertata mediante un sopraluogo sulla nave stessa.

Il fatto che tale verifica non fosse stata ancora effettuata a distanza di mesi dal sequestro è un aspetto che, pur se eventualmente censurabile sul piano della tempestività e rapidità delle indagini, non può avere alcun risvolto dal punto di vista processuale.

A ciò si aggiunga che, in considerazione dell’ipotesi di reato contestata ai ricorrenti, il mezzo che è stato sequestrato ai ricorrenti è nella specie soggetto, in caso di condanna, a confisca obbligatoria e, come è ovvio, le cose che soggiacciono a confisca obbligatoria non possono essere restituite agli interessati se non con la sentenza conclusiva del giudizio in caso di assoluzione o di proscioglimento, per la semplice ragione che, diversamente opinando, in caso di condanna, sarebbe necessario il dispiego di una inopportuna ulteriore attività per procedere ad una nuova apprensione delle stesse e, dall’altro, la eventuale restituzione potrebbe pregiudicare la realizzazione della misura prevista dall’art. 240 c.p.

Privo di qualsiasi pregio, quindi, l’assunto dei ricorrenti, secondo cui l’ipotesi criminosa loro contestata non legittimava ab origine l’impostazione del vincolo, dato che la prova del reato avrebbe potuto essere appresa aliunde.

Alla luce delle argomentazioni che precedono, il ricorso va respinto, con conseguente condanna dei ricorrenti, in solido fra loro, al pagamento delle spese processuali.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento, in solido, delle spese processuali.

Roma, 2 mar. 2005.

Depositata in Cancelleria il 27 aprile 2005.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.005
Cookie