RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione - Sez. I penale - Sentenza n. 24614 del 04/07/2005


Parcheggio · circolazione · reato

Non e' il parcheggio in quanto tale: il rifiuto di spostarsi si'.

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

PRIMA SEZIONE PENALE

SENTENZA n. 24614/2005

(Presidente: T. Gemelli; Relatore: G. Fabbri)

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 9-2-2004 la Corte di Appello di Roma, giudicando in sede di rinvio dopo l'annullamento, da parte della Core di Cassazione, di una precedente sentenza di assoluzione, condannava **** alla pena di giorni quindici di reclusione per il reato di cui all'art. 610 c.p.

La corte distrettuale, premesso che la Corte di Cassazione aveva stabilito che il reato di cui all'art. 610 c.p. resta integrato ogni volta che la condotta dell'agente sia idonea a produrre una coazione personale del soggetto passivo, privandolo della libertà di determinarsi e di agire in piena autonomia, osservava che la condotta del ****, consistita nell'avere parcheggiato la propria autovettura dietro quella di **** e nell'avere posto un rifiuto all'invito di quest'ultimo di spostarla per potersi allontanare, aveva imposto una coazione ad un comportamento non liberamente voluto.

Avverso la predetta sentenza ricorre il ****, tramite il suo difensore, deducendo con il primo motivo il vizio di motivazione e con il secondo la violazione di legge per l'incompleta applicazione del principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione, sull'assunto che il giudice del rinvio non ha rivalutato il merito e non ha spiegato perché la condotta dell'agente ha integrato una coazione personale né quale è stata la condotta alla quale la parte offesa è stata costretta.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è manifestamente infondato e pertanto deve essere dichiarato inammissibile, con le conseguenze indicate nel dispositivo non risultando l'assenza di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità.

Invero il provvedimento impugnato ha correttamente applicato il principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione - in forza del quale il reato ascritto doveva ritenersi integrato in base ad ogni condotta idonea a costituire una coazione della parte offesa - ed ha scrupolosamente individuato sia la condotta attiva, costituita dall'avere parcheggiato la propria autovettura in modo da bloccare quella della parte offesa e nel rifiuto dell'invito a spostarla, sia la coazione subita dal ****, costretto ad un comportamento non liberamente voluto (cioè a restare fermo, come risulta dal capo di imputazione).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 500,00 alla cassa delle ammende.

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2005.

Depositata in Cancelleria il 4 luglio 2005.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.325
Cookie