RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    

Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione – Sezione quarta penale (cc) – sentenza 26 ottobre 2005-5 gennaio 2006, n. 109


Patrocinio a spese dello Stato · convivenza more uxorio · equiparazione · convivenza coniugale

Fonte : http://www.avvocaturaeuropea.it/sen/cas/06/00109.htm

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

...

Osserva

Cxxxxx Natalino ha proposto ricorso per cassazione avverso l’ordinanza con la quale il Tribunale di Milano aveva respinto il ricorso/reclamo presentato dal Cxxxxx contro il provvedimento del Giudice dell’Esecuzione di rigetto dell’istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Il ricorrente ha chiesto l’annullamento dell’impugnato provvedimento, deducendo violazione di legge sotto un duplice profilo: a) la norma richiamata dal giudice nel suo provvedimento - articolo 15ter della legge 217/90 e succ. mod., in forza del quale, in caso di convivenza, il reddito ai fini della norma stessa è costituito dalla somma dei redditi di ogni componente del nucleo stabilmente convivente - troverebbe applicazione solo in relazione ai procedimenti civili e amministrativi, e non anche in sede penale, laddove, invece, lo stato di convivenza rileverebbe solo con riferimento al coniuge ed ai familiari ai sensi dell’articolo 3, comma 2, della legge 134/01 (già legge 217/90), poi sostituito dall’articolo 76 del Tu 115/02 attualmente in vigore; b) lo stato di convivenza sarebbe risultato comunque interrotto in conseguenza dei periodi di detenzione del Cxxxxx e di quelli da costui trascorsi in comunità terapeutiche. Sono poi pervenute note del difensore, con argomentazioni a sostegno della tesi prospettata con il proposto gravame.

Il ricorso deve essere rigettato perché infondato alla luce dell’orientamento delineatosi in materia nella giurisprudenza di legittimità. Ed invero questa Corte ha già avuto modo di occuparsi della questione relativa ai limiti di reddito, ai fini dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, nel caso di situazione di convivenza “more uxorio”; e, con riferimento a fattispecie relativa alla disciplina di cui alla legge 134/01 (che aveva sostituito quella 214/90), ha precisato che per la individuazione del reddito rilevante ai fini dell’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, occorre tener conto, a norma dell’articolo 3, comma 2, della legge 217/90, della somma dei redditi facenti capo all’interessato e agli altri familiari conviventi, compreso il convivente “more uxorio” (Sezione quarta, 13265/04, imp. Zen, rv 228035).

Orbene, come detto, tale principio è stato affermato in relazione alla disciplina prevista dalla legge 219/90 come sostituita dalla legge 134/01, in cui per i procedimenti civili ed amministrativi risultava indicata genericamente la convivenza (articolo 15ter, comma 2, inserito proprio con la legge 134/01) mentre per i procedimenti penali vi era lo specifico riferimento alla convivenza con il coniuge. Dunque, questa Corte, in relazione alla normativa nella quale vi era esplicito e letterale riferimento alla convivenza con il coniuge - ai fini delle individuazione del limite reddituale per l’ammissione al gratuito patrocinio nei procedimenti penali (ed a differenza di quelli civili ed amministrativi) - ha interpretato la norma stessa nel senso dell’equiparazione della convivenza coniugale alla convivenza “more uxorio”. Non vi è, pertanto, alcuna ragione per discostarsi da detto orientamento, pur nella vigenza del Tu 115/02 - applicabile nella concreta fattispecie, avuto riguardo alla data della sua entrata in vigore (1 luglio 2002) ed all’epoca dell’istanza di ammissione al gratuito patrocinio (18 luglio 2002) - pur non essendo stata prevista alcuna differenza per i procedimenti penali rispetto a quelli civili ed amministrativi, e pur essendo stata testualmente indicata, ai fini che in questa sede rilevano, la convivenza con il coniuge.

Il Collegio ritiene pienamente condivisibile l’indirizzo interpretativo appena ricordato, anche perché lo stesso risulta assolutamente in linea con la significativa evoluzione sociale, normativa e giurisprudenziale, registratasi negli ultimi tempi ed evidentemente finalizzata a dare rilievo sociale e giuridico (ovviamente, sia in “bonam” che in “malam partem”) alla famiglia di fatto e, di conseguenza, al rapporto “more uxorio” che nel caso di specie non pare possa essere messo in discussione, sotto il profilo fattuale, avendovi fatto esplicito riferimento lo stesso Cxxxxx nell’istanza di ammissione al gratuito patrocinio per come si rileva dal testo dell’impugnato provvedimento.

Come è noto, infatti, e con particolare riferimento proprio al vincolo tra soggetti conviventi “more uxorio”, l’evoluzione giurisprudenziale ha portato al riconoscimento della famiglia “di fatto”, quale situazione di rilevanza giuridica. Muovendo dalla evidente necessità di porre l’accento sulla realtà sociale piuttosto che sulla veste formale dell’unione tra due persone conviventi, e’ stata dunque riconosciuta valenza giuridica a quella relazione interpersonale che presenti carattere di tendenziale stabilità, natura affettiva e parafamiliare, che si esplichi in una comunanza di vita e di interessi e nella reciproca assistenza morale e materiale (basti pensare, tra i princìpi enunciati nella giurisprudenza di legittimità in sede civile, a quello secondo cui deve attribuirsi rilievo, quanto alla corresponsione dell’assegno divorzile dovuto in conseguenza di scioglimento di matrimonio, al rapporto di convivenza “more uxorio” caratterizzato da stabilità, continuità e regolarità - eventualmente instaurato dal coniuge beneficiario dell’assegno stesso: Sezione prima, 11975/03, rv 565799). Dovendo confrontarsi con le mutate concezioni che via via si sono affermate nella società moderna, la giurisprudenza, in materia di rapporti interpersonali, ha dunque considerato la famiglia “di fatto” quale realtà sociale che, pur essendo al di fuori dello schema legale cui si riferisce, esprime comunque caratteri ed istanze analoghe a quelle della famiglia “stricto sensu” intesa.

Parimenti infondato è il secondo profilo del ricorso, secondo cui il rapporto di convivenza sarebbe risultato interrotto dalla detenzione del Cxxxxx (nonché dai periodi dallo stesso trascorsi presso comunità terapeutiche). Anche su tale punto questa Corte ha avuto già modo di pronunciarsi ed ha enunciato il condivisibile principio di diritto secondo cui il rapporto di convivenza, ai fini del calcolo reddituale per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, non si interrompe con lo stato detentivo della persona interessata al gratuito patrocinio (in tal senso, “ex plurimis”: Sezione prima 16160/01, Crissantu, rv 218638; Sezione quarta, 37992/02, imp. Lucchese, rv 223790).

Al rigetto del ricorso segue, per legge, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

PQM

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento elle spese processuali.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.009