RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione Sezioni Unite Civile Sentenza del 26 luglio 2002, n. 11096


Separazione · assegnazione casa coniugale · abitazione

Fonte: IlSole24ore.com

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 19 - 22 aprile 1993 Maria Giovanna Sx e Gino Mx

hanno convenuto in giudizio dinanzi al Tribunale di Roma i coniugi Liberata Gy e Luciano

By, deducendo di aver acquistato con atto del 22 dicembre 1992 dal By

l'appartamento sito in Pomezia, via Confalonieri n. 29, scala A, piano 5, interno 20, occupato

dalla moglie in forza di assegnazione della casa familiare disposta nel giudizio di separazione

personale, e chiedendo la condanna della Gy al rilascio dell'immobile e della predetta in

solido con il coniuge al pagamento di una indennità di occupazione ed al risarcimento del danno.

La Gy, costituitasi in giudizio, ha dedotto che gli attori al momento dell'acquisto erano

pienamente consapevoli del suo diritto al godimento dell'immobile sulla base del provvedimento

presidenziale di assegnazione, successivamente confermato nella sentenza del Tribunale; in via

riconvenzionale ha proposto azione revocatoria, ai sensi dell'art. 2901 c. c., in relazione all'atto di

compravendita posto a fondamento della pretesa avversaria.

Si è costituito anche il By, che ha resistito alla domanda proposta nei suoi confronti

deducendo di aver preventivamente informato gli acquirenti della disposta assegnazione

dell'unità immobiliare alla moglie.

Con sentenza del 5 luglio - 7 ottobre 1995 il Tribunale, in accoglimento della domanda, ha

condannato la Gy all'immediato rilascio dell'immobile; ha condannato altresì il By

al pagamento in favore degli attori della somma di L. 2.000.000, con gli interessi legali, in

relazione al periodo di occupazione dal gennaio all'aprile 1993; ha condannato entrambi i

convenuti in solido al pagamento della somma di L. 7.000.000, con gli interessi legali dalla

domanda, a titolo di indennità di occupazione per il periodo successivo.

La Gy ha proposto appello avverso tale pronuncia; il By ha proposto appello

incidentale. Con sentenza del 5 febbraio - 8 luglio 1998 la Corte di Appello di Roma ha rigettato

l'impugnazione principale ed in parziale accoglimento di quella incidentale ha revocato la

condanna del By al pagamento della somma posta a suo carico per l'occupazione nel

periodo dal gennaio all'aprile 1993.

Ha osservato in motivazione la Corte di merito che il provvedimento di assegnazione della casa

familiare al coniuge non titolare di diritti sulla stessa non attribuisce al beneficiario alcun diritto

reale e non è idoneo a paralizzare l'azione di rivendica esercitata dall'acquirente del bene. Ha

rilevato altresì che l'azione revocatoria spiegata dalla Gy non valeva a travolgere l'atto di

disposizione compiuto dal dominus, e conseguentemente non era idonea ad incidere sul diritto

degli aventi causa sul bene acquisito. Ha affermato infine che la circostanza che il By

aveva reso edotti gli acquirenti della occupazione dell'immobile da parte della moglie escludeva

un suo obbligo risarcitorio con riferimento ai primi mesi successivi alla vendita.

Avverso tale sentenza la Gy ha proposto ricorso per cassazione fondato su due motivi. La

Sx ed il Mx hanno resistito con controricorso. Il By ha resistito a sua volta con

controricorso ed ha proposto ricorso incidentale affidato ad un unico motivo.

Con il primo motivo del proprio ricorso, denunciando violazione degli artt. 11 della legge 6 marzo

1987 n. 74 e 155 c. c., come modificato dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 454 del

1989, violazione dell'art. 112 c. p.c., omessa pronuncia su punto decisivo della controversia, la

Gy ha dedotto l'errore della sentenza impugnata per aver ritenuto inopponibile, in difetto

di trascrizione, il provvedimento di assegnazione della casa familiare ai terzi acquirenti, non

considerando che nella specie detta trascrizione era mancata non per fatto imputabile

all'assegnataria, ma per il rifiuto del conservatore dei registri immobiliari di procedervi; che

comunque gli acquirenti erano a conoscenza dell'occupazione dell'immobile e del relativo titolo;

che in ogni caso, pur in assenza di trascrizione, la normativa richiamata consente l'opponibilità ai

terzi nei limiti del novennio ove il diritto di proprietà sia stato acquisito successivamente al

provvedimento di assegnazione.

Con ordinanza del 29 settembre - 2 novembre 2000 la prima sezione civile di questa Corte, cui i

ricorsi erano stati assegnati, disposta la riunione degli stessi, ha rimesso gli atti al Primo

Presidente perché valutasse l'opportunità della assegnazione a queste Sezioni Unite, ai fini della

soluzione della questione proposta nel primo motivo del ricorso principale, tenuto conto del

contrasto formatosi nella giurisprudenza di legittimità circa la opponibilità nei limiti del novennio ai

terzi acquirenti della casa familiare di proprietà di un coniuge del provvedimento di assegnazione

all'altro coniuge emesso nel giudizio di separazione personale e non trascritto, nonché della

particolare rilevanza della questione stessa.

I ricorsi riuniti sono stati quindi assegnati a queste Sezioni Unite, ai sensi dell'art. 374 c. p.c..

La difesa della Gy ha infine depositato memoria.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Queste Sezioni Unite sono state investite della composizione del contrasto formatosi tra le

sentenze n. 10977 del 1996 e n. 7680 del 1997 da un lato e la sentenza n. 4529 del 1999

dall'altro: nelle prime due pronunce si è affermato che l'onere della trascrizione del

provvedimento di assegnazione della casa familiare di cui all'art. 155 c. c., ai fini della sua

opponibilità ai successivi acquirenti, riguarda, in analogia con la normativa vigente in materia di

scioglimento del matrimonio ed ai sensi dell'art. 1599 c. c., la sola assegnazione ultranovennale,

salva restando l'opponibilità del provvedimento non trascritto nei limiti del novennio; con la

pronuncia da ultimo richiamata si è al contrario sostenuto che la previsione di opponibilità della

locazione di immobili al terzo acquirente nel limite temporale suindicato in difetto di trascrizione,

contenuta nell'art. 1599 c. c., costituisce disposizione eccezionale non estensibile in via

analogica ad altri istituti, e segnatamente all'assegnazione della casa familiare, trattandosi di

fattispecie non riconducibile né analoga alla locazione, e che d'altro canto la genericità del

richiamo all'art. 1599 c. c. contenuto nell'art. 6 comma 6 della legge sul divorzio - applicabile

anche in materia di separazione personale, per effetto della sentenza della Corte Costituzionale

n. 454 del 1989 - non consente di estendere all'istituto in discorso la disciplina relativa alle

locazioni.

Il richiamato contrasto esprime due divergenti letture dell'art. 6 n. 6 della legge n. 898 del 1970,

nel testo riformato dall'art. 11 della legge n. 74 del 1987, rese possibili dalla formulazione della

norma in termini ambigui ed intrinsecamente contraddittori, con il duplice riferimento sia alle

regole della trascrizione che alla disciplina della locazione.

Ed invero il dato letterale fornisce indicazioni tali da elidersi a vicenda, e quindi da prestarsi alla

individuazione di due opposti precetti: ove il richiamo contenuto nella disposizione in esame

all'art. 1599 c. c. si intenda riferito all'intero testo della norma richiamata, dovrà ritenersi

opponibile al terzo acquirente, ai sensi del primo comma del citato art. 1599 c. c., nei limiti del

novennio, anche il provvedimento non trascritto intervenuto anteriormente alla vendita; ove

invece si ritenga, valorizzando l'inciso "in quanto trascritta", che il legislatore ha inteso

indefettibilmente imporre un onere di trascrizione, senza distinguere tra durata infra ed

ultranovennale, l'assegnazione sarà da considerare opponibile ai terzi solo se trascritta.

E' peraltro evidente che la lettura della norma nel senso per primo indicato vale a rendere

l'espressione "in quanto trascritta" del tutto pleonastica, mentre la seconda opzione interpretativa

finisce con il privare di ogni significato il richiamo all'art. 1599 c. c., fino a renderlo

incomprensibile.

Appare pertanto necessario un impegno interpretativo che utilizzando canoni ermeneutici diversi

da quello letterale e richiamando l'evolversi della disciplina dell'assegnazione della casa familiare

sia sotto il profilo della sua ammissibilità che sotto quello del suo regime nei confronti dei terzi,

esaminando altresì i lavori preparatori, valorizzando le finalità dell'istituto ed applicando criteri di

ordine logico sistematico consenta di individuare quale delle due possibili letture rispecchi

l'effettiva volontà del legislatore del 1987, secondo il disposto dell'art. 12 delle disposizioni

preliminari al c. c. .

Ed è appunto il richiamo all'evoluzione normativa al riguardo, nel suo svolgersi parallelo

nell'ambito della separazione e del divorzio, segnato dal sovrapporsi di parziali interventi

riformatori e di pronunce della Corte Costituzionale, che impone una prospettiva sistematica

come via obbligata ai fini di una corretta soluzione interpretativa.

Come è noto, il testo originario degli artt. 155 e 156 c. c. non prevedeva, tra i provvedimenti da

adottare a tutela del coniuge e della prole, l'assegnazione della casa familiare, e la

giurisprudenza era generalmente orientata a negare la configurabilità del diritto del coniuge non

proprietario e non titolare del rapporto di locazione ad occupare l'alloggio dopo la separazione,

sul rilievo che in assenza di una specifica disposizione di legge che autorizzasse il giudice ad un

tale tipo di intervento il coniuge titolare del diritto reale o personale non poteva essere privato del

godimento del bene di sua proprietà né obbligato a mettere l'immobile locato a disposizione

dell'altro.

Soltanto il legislatore della riforma del diritto di famiglia introdusse, al quarto comma dell'art. 155

c. c., il principio secondo il quale "l'abitazione nella casa familiare spetta di preferenza, e ove sia

possibile, al coniuge cui vengono affidati i figli", senza tuttavia darsi carico della questione della

opponibilità ai terzi del provvedimento di assegnazione.

Un'analoga previsione non era peraltro contenuta nella legge sul divorzio n. 898 del 1970, che al

terzo comma dell'art. 6 si limitava a disporre che "l'affidamento e i provvedimenti riguardanti i figli

avranno come esclusivo riferimento l'interesse morale e materiale degli stessi". Tale disarmonia

del sistema dette luogo nella giurisprudenza di questa Suprema Corte a contrastanti orientamenti

circa l'attribuibilità dell'abitazione anche nel giudizio per lo scioglimento o la cessazione degli

effetti civili del matrimonio, in applicazione dell'art. 155 comma 4 c. c., per effetto del rinvio

operato dall'art. 12 della legge n. 898 del 1970.

Con la successiva legge n. 392 del 1978 sulla disciplina delle locazioni di immobili urbani fu

accordato uno strumento di tutela all'assegnatario nell'ipotesi di abitazione condotta in locazione,

con la previsione all'art. 6 comma 2 - che peraltro recepiva un principio in qualche misura già

espresso nell'art. 2 bis del decreto legge 19 giugno 1974 n. 236, introdotto con la legge di

conversione 12 agosto 1974 n. 351, in materia di locazione di immobili urbani soggetti a regime

vincolistico - della successione per legge del coniuge assegnatario nella titolarità del contratto di

locazione, sia nel caso di separazione che in quello di divorzio. Tale norma andava peraltro

coordinata con la disposizione generale in materia di locazione di cui all'art. 1599, 3 c. c., ai

sensi del quale il contratto di locazione è opponibile al terzo acquirente se ha data certa anteriore

all'alienazione della cosa nei limiti di un novennio dall'inizio della locazione, ed anche oltre se il

contratto è stato trascritto, secondo la prescrizione dell'art. 2643 n. 8 c. c. .

Dal riferito quadro normativo emergeva una evidente disparità di trattamento del coniuge

assegnatario di unità abitativa di proprietà dell'altro coniuge rispetto al coniuge assegnatario di

immobile locato, ritenendosi generalmente in giurisprudenza che la disciplina in tema di locazioni

non fosse analogicamente applicabile nelle ipotesi innanzi considerate (v. Cass. 1985 n. 5082), e

che anzi il diritto di abitazione si estinguesse con la vendita a terzi dell'immobile (così Cass. 1986

n. 624).

Ne derivava altresì una posizione di forte tutela del terzo acquirente dal coniuge proprietario,

anche se l'acquisto fosse stato successivo al provvedimento di assegnazione e l'alienante

avesse informato l'altro contraente della condizione giuridica del bene con idonea dichiarazione

inserita nell'atto di compravendita.

A fronte dell'iniquità di tali soluzioni si sviluppò in dottrina un vivace dibattito in ordine alla natura

giuridica dell'assegnazione ed alle conseguenti implicazioni in tema di efficacia del

provvedimento giudiziale nei rapporti tra i coniugi e nei confronti dei terzi. Alcuni Autori ritennero

che il diritto sul bene assegnato si configurasse come un diritto reale di abitazione, in quanto tale

tutelabile ergu omnes, così da risolvere in radice il problema della opponibilità ai terzi attraverso

il richiamo alle regole generali in tema di trascrizione dei diritti reali. Tale inquadramento fu

peraltro disatteso da altri Autori e dalla giurisprudenza, sul rilievo che i modi di costituzione dei

diritti reali sono tassativamente previsti dalla legge e che non può costituirsi per provvedimento

del giudice, non consentendolo il combinato disposto degli artt. 1026 e 978 c. c., un diritto reale

di abitazione, peraltro condizionato, nella sua esistenza, da criteri preferenziali e di mera

possibilità e, nella sua durata, da circostanze accidentali, e quindi connotato in termini tali da

renderlo incompatibile con gli schemi delle situazioni giuridiche reali (così Cass. 1985 n. 5082,

cit.; v. altresì sul punto 1980 n. 3934; 1978 n. 3344).

Nella molteplicità delle posizioni dottrinali, orientate ora per la configurabilità di un comodato

dalla durata determinata per relationem, con riferimento al venir meno delle condizioni fattuali

inducenti all'assegnazione, e quindi fortemente mutilato dei propri profili distintivi, come quello

relativo all'obbligo di restituzione nei casi di cui agli artt. 1804 comma 3 e 1809 comma 2 c. c.,

ora per la ravvisabilità di una locazione costituita per effetto di un provvedimento giudiziale, pur

mancante dell'elemento essenziale del corrispettivo per l'utilizzazione dell'immobile, ora per la

individuazione di un diritto personale sui generis, ora per un diritto personale di godimento a

titolo di mantenimento dovuto ai figli ed al coniuge separato, ora infine per un diritto personale di

godimento variamente segnato da tratti di atipicità, la giurisprudenza di questa Suprema Corte si

espresse per la qualificazione della fattispecie quale diritto personale di godimento, del quale

non mancò di evidenziare la atipicità, e su tale posizione è tuttora attestata (Cass. 1999 n. 529;

1997 n. 7680; 1993 n. 11508; 1992 n. 13126; 1992 n. 11424; 1992 n. 4016; 1991 n. 6348; 1988

n. 4420).

Il legislatore del 1987 offrì una soluzione al dibattito, quanto meno con riguardo alle sue

implicazioni pratiche, con la disposizione dell'art. 11, sostitutiva dell'art. 6 della legge n. 898 del

1970, che al comma 6 non solo estese al caso di divorzio l'assegnabilità della casa coniugale -

così risolvendo definitivamente la controversa questione della applicabilità dell'art. 155 comma 4

c. c. allo scioglimento del matrimonio, che peraltro quasi contestualmente trovava soluzione a

livello interpretativo con la sentenza di queste Sezioni Unite n. 4089 del 1987 - ma dettò anche -

dandosi carico del diffuso orientamento giurisprudenziale circa la inopponibilità ai terzi, sulla

base della normativa vigente, della situazione giuridica del coniuge assegnatario - uno strumento

di tutela all'assegnatario stesso nelle ipotesi di alienazione a terzi dell'immobile da parte dell'altro

coniuge proprietario, disponendo che detta assegnazione, "in quanto trascritta, è opponibile al

terzo acquirente ai sensi dell'art. 1599 c. c. ".

Le perduranti incertezze circa l'applicabilità del principio innovativo introdotto nella novella alle

ipotesi di assegnazione della casa coniugale nelle cause di separazione indussero a sollecitare

l'intervento della Corte Costituzionale, che con la nota pronuncia n. 454 del 1989 dichiarò

l'illegittimità costituzionale dell'art. 155 comma 4 c. c. nella parte in cui non prevedeva la

trascrizione del provvedimento di assegnazione al coniuge separato affidatario della prole ai fini

dell'opponibilità ai terzi, ritenendo del tutto ingiustificata la difforme disciplina dettata dalla norma

denunziata e da quella di cui all'art. 6 comma 6 della legge n. 74 del 1987, "ispirate all'eadem

ratio dell'esclusivo riferimento all'interesse morale e materiale della prole", rispetto al quale è

strumentale il diritto del coniuge alla abitazione, e quindi ravvisando la violazione del principio di

uguaglianza nella diversità di trattamento riservata ad una situazione assolutamente identica.

L'intervento additivo del giudice della legittimità delle leggi, se consentì di realizzare la

fondamentale esigenza di omogeneità di disciplina tra i due regimi, non valse tuttavia a dissipare

le incertezze in ordine alla effettiva portata del richiamo all'art. 1599 c. c. contenuto nell'art. 6

comma 6 della legge sul divorzio. Ed invero la mancanza di ogni riferimento in quella pronuncia a

tale disposizione, e per converso il passaggio argomentativo con il quale si richiamava la

opponibilità "mediante trascrizione" al terzo acquirente, indussero alcuni commentatori a ritenere

che nella prospettiva del giudice della legittimità delle leggi la pubblicità costituisse l'unico

sistema per la soluzione dei conflitti tra coniuge beneficiario del provvedimento e terzi acquirenti,

con esclusione di ogni altro criterio di selezione, come quello della priorità temporale, tra titolari

di diversi diritti. A tale lettura si oppose convincentemente da altri che l'intervento della Corte di

legittimità andava inteso come diretto unicamente ad eliminare la discriminazione tra la tutela del

coniuge affidatario separato e quella accordata al divorziato, e non a controllare la legittimità

della specifica disciplina dettata dall'art. 6 n. 6 della legge sul divorzio, così che nessun elemento

a favore dell'una o dell'altra scelta interpretativa era possibile desumere da detta pronuncia.

Con l'ordinanza dell'anno successivo n. 20, di manifesta inammissibilità della medesima

questione di costituzionalità dell'art. 155 comma 4 c. c. già decisa, la Corte Costituzionale ebbe a

fornire una interpretazione autentica della precedente sentenza, all'evidente scopo di apportare

un contributo di chiarezza al dibattito in corso, affermando che "appare chiaro, dalla motivazione

della sentenza citata, come l'onere di trascrivere il provvedimento d'assegnazione nel caso di

separazione, in analogia con la normativa vigente in materia di scioglimento del matrimonio,

riguardi, ex art. 1599 del codice civile, la sola assegnazione ultranovennale, ferma restando

l'opponibilità del provvedimento in tutte le altre ipotesi".

La singolarità dello strumento utilizzato dalla Corte Costituzionale per interpretare se stessa, ad

integrazione della motivazione della precedente sentenza, nel senso della piena equiparabilità,

sotto il profilo della opponibilità ai terzi, del regime della assegnazione a quello della locazione,

non consente di attribuire a tale pronuncia un valore vincolante - come ha puntualmente rilevato

la sentenza n. 4529 del 1999 che ha determinato il contrasto giurisprudenziale in esame -

risolvendosi essa in una mera "proposta esegetica" - secondo una efficace definizione dottrinaria

- inidonea a risolvere definitivamente la questione.

Significativi elementi ai fini della soluzione del problema interpretativo in oggetto sono peraltro

offerti dallo svolgimento del dibattito parlamentare in sede di approvazione della legge n. 74 del

1987. Risulta invero dai lavori preparatori che nella discussione in Senato, ad un primo

emendamento tendente ad applicare integralmente, con l'espressione "l'assegnazione è

opponibile al terzo acquirente ai sensi dell'art. 1599 c. c. ", il regime previsto dalla norma

richiamata, al dichiarato fine di "omologare la posizione del genitore affidatario dei figli a quella di

un qualunque conduttore", avuto riguardo alla tutela già apprestata all'assegnatario dalla legge n.

392 del 1978 nei confronti del terzo proprietario locatore, fu aggiunto con un subemendamento

l'inciso "in quanto trascritta": detto inserimento fu determinato dall'enunciato proposito di

dissipare ogni dubbio - che la previsione contenuta nel primo comma dell'art. 1599 c. c. di una

opponibilità limitata al novennio in assenza di trascrizione poteva in qualche misura alimentare,

in un sistema improntato al principio di tassatività - circa la trascrivibilità del provvedimento

giudiziale.

Precisa finalità del subemendamento fu pertanto quella di aggiungere un elemento di certezza

ad una disposizione già diretta, nella sua precedente formulazione, a rendere applicabile la

disciplina prevista per le locazioni nel suo complesso (ivi compresi gli artt. 2643 n. 8 e n. 14 e

2644 c. c. ), apprestando una specifica tutela alla posizione dell'assegnatario, anche in

considerazione della peculiarità del diritto in discorso e della indeterminatezza della sua durata, e

non già quella di creare ulteriori ostacoli all'opponibilità del provvedimento. E se pure è vero che

l'intervento chiarificatore ha finito con il rendere più confuso il precetto e più ardua

l'interpretazione della norma, è tuttavia altrettanto vero che una lettura di essa che ravvisasse

l'indefettibilità della trascrizione si porrebbe in netta antitesi con le enunciate finalità del

legislatore della riforma.

Soccorrono ancora nell'impegno ermeneutico in discorso esigenze di ordine sistematico, atteso

che a fronte del disposto di cui al secondo comma dell'art. 6 della legge n. 392 del 1978, il quale

- come innanzi ricordato - prevede per il caso di separazione o di divorzio che succeda nel

contratto di locazione al conduttore l'altro coniuge, se il giudice gli abbia riconosciuto il diritto di

abitare nella casa familiare, sarebbe del tutto incongrua una opzione interpretativa che

attribuisse un trattamento deteriore all'assegnatario nell'ipotesi in cui il coniuge estromesso sia

titolare di un diritto reale.

Soccorre altresì la funzione dell'istituto, che secondo il consolidato orientamento

giurisprudenziale costituisce una misura di tutela esclusiva della prole, diretta ad evitare ai figli

minorenni o anche maggiorenni tuttora economicamente dipendenti non per propria colpa

l'ulteriore trauma di un allontanamento dall'abituale ambiente di vita e di aggregazione di

sentimenti.

Va al riguardo ricordato che questa Suprema Corte ha da tempo affermato - sin dall'ormai

remota sentenza a sezioni unite n. 2494 del 1982 - che l' art. 155 comma 4 c. c., prevedendo

una pronuncia costitutiva derogatrice del principio generale secondo il quale il debitore risponde

delle obbligazioni presenti e future con tutti i suoi beni, costituisce norma di carattere eccezionale

dettata nell'esclusivo interesse della prole, diretta ad attribuire ai figli una certezza ed una

prospettiva di stabilità in un momento di precario equilibrio familiare, onde non è applicabile al

coniuge che non sia affidatario o che non conviva con figli maggiorenni non autosufficienti, e che

d'altro canto detto coniuge non può invocare l'assegnazione, ove avente diritto al mantenimento,

in forza dell'art. 156 c. c., non conferendo tale disposizione il potere al giudice di imporre al

coniuge obbligato di provvedervi in forma specifica (v., ex plurimis, con specifico riferimento

all'assegnazione della casa familiare nell'ipotesi di separazione personale, Cass. 2000 n. 9073;

1998 n. 4727; 1997 n. 7770; 1997 n. 6557; 1996 n. 2235; 1996 n. 652; 1995 n. 3251; 1994 n.

8426; 1994 n. 2574; 1993 n. 4108; 1991 n. 5125; 1990 n. 11787; 1990 n. 6774; 1990 n. 5384;

1990 n. 901).

L'esposto indirizzo interpretativo è seguito da questa Corte anche in materia di divorzio,

nonostante la parallela disposizione dettata nell'art. 6 della relativa legge imponga al giudice un

più articolato apprezzamento, disponendo che "in ogni caso" il giudice valuti le condizioni

economiche dei coniugi e le ragioni della decisione e favorisca il coniuge più debole: come si è

rilevato nella nota sentenza a sezioni unite n. 11297 del 1995, detta legge non ha modificato le

condizioni, ed i limiti del potere del giudice, né la natura e la funzione dell'istituto

dell'assegnazione disciplinato dall'art. 155 comma 4 c. c., secondo le elaborazioni offerte nel

richiamato orientamento giurisprudenziale, così che l'affidamento di figli minori o la convivenza

con figli maggiorenni, ma non autonomi, costituisce elemento necessario, anche se non più

sufficiente, per ottenere l'assegnazione della casa familiare.

Tale è peraltro la configurazione sottesa alla richiamata sentenza n. 454 del 1989 della Corte

Costituzionale, la quale ha definito il titolo ad abitare per il coniuge come "strumentale alla

conservazione della comunità domestica e giustificato esclusivamente dall'interesse morale e

materiale della prole affidatagli".

Ed anche la successiva sentenza n. 166 del 1998 della Corte Costituzionale, nel dichiarare non

fondata la questione di costituzionalità dell'art. 155 comma 4 c. c. nella parte in cui non prevede,

in ipotesi di cessazione della convivenza di fatto, la possibilità di assegnare in godimento la casa

familiare al genitore naturale affidatario del minore o convivente con prole maggiorenne non

economicamente autosufficiente, ha ribadito che "la tutela dell'interesse della prole rappresenta

la ratio in forza della quale il legislatore ... ha introdotto il criterio preferenziale, ancorché non

assoluto, indicato dal comma 4 dell'art. 155 del c. c. ".

Ed è proprio il convincimento ormai maturato nell'esperienza giurisprudenziale che detta misura

non integri una componente delle obbligazioni patrimoniali conseguenti alla separazione o al

divorzio, ma svolga una essenziale funzione di tutela dei figli, che consente di ritenere del tutto

superate alcune posizioni della giurisprudenza pregressa, che sulla ricostruzione dell'istituto in

chiave di modalità attuativa dell'obbligo di mantenimento fondava l'affermazione di inopponibilità

al terzo, e di inscrivere l'assegnazione della casa, come è stato efficacemente affermato in

dottrina, nell'ambito del "regime primario" della famiglia.

In questo quadro complessivo di riferimento diventa agevole, superando le ambiguità del tenore

letterale dell'art. 6 comma 6 della legge sul divorzio in termini di coerenza sistematica, ravvisare

nel richiamo all'art. 1599 c. c. in esso contenuto la precisa volontà del legislatore di assimilare ai

meri fini della trascrizione il diritto dell'assegnatario a quello del conduttore, così attribuendo

all'istituto un quoziente di opponibilità ai terzi, anche a prescindere dalla trascrizione: peraltro la

limitazione di detta assimilazione al solo piano degli effetti nei confronti dei terzi vale a rendere

non rilevanti ai fini in discorso le insopprimibili differenze - che appaiono particolarmente

valorizzate nella sentenza n. 4529 del 1999 - in ordine alla natura, alla funzione ed alla durata tra

assegnazione e locazione.

Ciò vale a dire che il legislatore della riforma, operando un bilanciamento, secondo valori etici e

criteri socio economici, tra l'interesse del gruppo familiare residuo, e specificamente dei figli

minorenni o anche maggiorenni tuttora non autosufficienti, a conservare l'habitat domestico, e

quello di natura patrimoniale di tutela dell'affidamento del terzo, oltre quello più generale ad una

rapida e sicura circolazione dei beni, ha ravvisato come elemento di composizione tra le diverse

istanze in conflitto la limitazione nel tempo, in difetto di trascrizione, dell'opponibilità ai terzi del

provvedimento di assegnazione.

In particolare, l'esigenza di assicurare l'effettività del godimento dell'assegnatario, dando

attuazione concreta ad una pronunzia diretta ad incidere - secondo le argomentazioni innanzi

svolte - non solo o non tanto sul bene attribuito, ma sulla qualità della vita e sulla serenità dei

soggetti deboli del nucleo familiare in crisi, ha chiaramente indirizzato la scelta legislativa ad una

tutela avanzata della posizione di detti soggetti rispetto alle contrapposte esigenze innanzi

richiamate, accordando al coniuge assegnatario un titolo legittimante comunque opponibile al

terzo successivo acquirente, senza soluzione di continuità dal momento dell'emissione del

provvedimento, così da porlo al riparo da iniziative dell'altro coniuge proprietario idonee a

frustrare anche immediatamente la statuizione del giudice.

Secondo tale linea ricostruttiva anche l'espressione "in quanto trascritto" finisce per assumere un

preciso significato ed una duplice funzione, in quanto, a fronte del principio di tipicità degli atti

trascrivibili, e tenuto anche conto del richiamato orientamento giurisprudenziale - già diritto

vivente - che inquadrava l'assegnazione della casa familiare tra i diritti personali di godimento,

riflette la volontà del legislatore di riconoscere al relativo provvedimento la natura di titolo idoneo

alla trascrizione, così configurando una nuova tipologia di atti trascrivibili, ed al tempo stesso

vale a confermare che l'opponibilità dell'assegnazione nei confronti del terzo acquirente non è

solo quella infranovennale, ma anche quella di durata maggiore, ove vi sia trascrizione, finché

perduri l'efficacia della pronunzia giudiziale (va al riguardo rilevato che tipologie di atti soggetti a

trascrizione con efficacia indeterminata nel tempo sono già previste n. 10 e 11 dell'art. 2643 c.

c.).

In conclusione, in accoglimento del primo motivo di ricorso, deve affermarsi che ai sensi dell'art.

6 comma 6 della legge n. 74 del 1987 il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa

familiare (in quanto avente per definizione data certa) è opponibile al terzo acquirente in data

successiva anche se non trascritto, per nove anni decorrenti dalla data dell'assegnazione,

ovvero anche dopo i nove anni ove il titolo sia stato in precedenza trascritto.

La causa va quindi rimessa alla prima sezione civile per l'esame del secondo motivo del ricorso

principale e del ricorso incidentale.

P.Q.M

La Corte di Cassazione, a sezioni unite, accoglie il primo motivo del ricorso principale e rimette

gli atti alla prima ima sezione civile per l'esame degli altri motivi.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.02
Cookie