RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, Sentenza 13 luglio 2006 - 13 ottobre 2006, n. 34422


Avvocati · sciopero · preavviso

La notizia alla fonte del testo della sentenza:

http://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_3731.asp

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Motivi della decisione

1. Il ricorso è articolato in sette motivi.

Con il primo motivo il ricorrente si duole del fatto che la Corte d’appello si sarebbe limitata a motivare per relationem alla sentenza di primo grado e comunque erroneamente avrebbe ritenuto la qualità di incaricato di pubblico servizio.

Con il secondo motivo si duole del rilievo probatorio dato ad atti di polizia giudiziaria senza delega.

Con il terzo motivo contesta, quanto al contestato abuso d’ufficio, l’esistenza del vantaggio patrimoniale che condizionava la sussistenza del reato prima della legge 234/97.

Con il quarto motivo censura censura l’impugnata sentenza per non aver tenuto in adeguato conto la ritrattazione del teste Fiorini e la contraddittorietà della deposizione della parte offesa B..

Con il quinto motivo contesta la ritenuta soggezione psichica della parte offesa.

Con il sesto motivo si duole della mancata assunzione di ulteriori testimonianze.

Con il settimo motivo pone in rilievo che la qualità di incaricato di pubblico servizio era venuta meno nel 1992.

2. Deve premettersi che della comunicata adesione del 12 luglio 2006 del difensore di fiducia, avv. Angelo Fx, all’astensione dalle udienze indetta dal Consiglio Nazionale forense dal 10 al 21 luglio 2006 non può tenersi conto perché successiva alla comunicazione (del 6 luglio 2006) di illegittimità dell’astensione medesima da parte della Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali in ragione del mancato rispetto del termine di preavviso e del limite di durata della prima azione di sciopero.

Ed infatti, in generale in caso di astensione degli avvocati dall’attività giudiziaria - a seguito della declaratoria di illegittimità costituzionale dell’articolo 2, commi 1 e 5, legge 146/90, nella parte in cui non prevede, nel caso dell’astensione collettiva dall’attività giudiziaria degli avvocati, l’obbligo di un congruo preavviso e di un ragionevole limite temporale dell’astensione e non prevede, altresì, gli strumenti idonei ad assicurare le prestazioni essenziali, nonché le procedure e le misure conseguenziali nell’ipotesi di inosservanza (Corte costituzionale 171/96; cfr. anche ordinanze 273 e 318/96, 105 e 106/98) - vige l’obbligo di preavviso la cui funzione tipica consiste nel consentire l’erogazione delle prestazioni indispensabili ai fini del godimento dei diritti della persona costituzionalmente tutelati e di favorire lo svolgimento di eventuali tentativi di composizione del conflitto.

3. Il primo ed il settimo motivo del ricorso - che possono essere trattati congiuntamente in quanto connessi - sono infondati.

Da una parte - come ha già affermato questa Corte (Cassazione, Sezione sesta, 14 giugno 2004, Cerone) - è legittima la motivazione per relationem della sentenza di appello nel caso in cui le censure formulate a carico della sentenza del primo giudice non contengano elementi di novità rispetto a quelli già esaminati e disattesi dallo stesso, atteso che il giudice del gravame non è tenuto a riesaminare una questione formulata genericamente nei motivi di appello che sia stata già risolta dal giudice di primo grado con argomentazioni corrette ed immuni da vizi logici.

D’altra parte, quanto poi alla qualità di incaricato di pubblico servizio, ai fini del reato di abuso d’ufficio (articolo 323 Cp), deve rimarcarsi che agli effetti della legge penale, sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, "a qualunque titolo", prestano un pubblico servizio (articolo 358 Cp), talché rileva anche l’esercizio di fatto di tale pubblico servizio (cfr. Cassazione, Sezione sesta, 21 gennaio 2005, Tarricone, sulla rilevanza in particolare del c.d. funzionario di fatto in caso di irregolarità dell’investitura). Più specificamente Cassazione, Sezione seconda, 11 ottobre 1994, Bucci, ha affermato che per la qualità d’incaricato di pubblico servizio, sulla scorta del disposto dell’articolo 358 Cp (nella sua formulazione originaria e dopo la sostituzione apportata con la legge 86/1990), bisogna tener conto anche dell’esercizio di fatto del pubblico servizio.

Nella specie la comunità "G.", diretta dal C., era stata iscritta provvisoriamente nell’elenco riconosciuto dalla Regione Lazio con delibera g.r. n. 7945 del 17 ottobre 1990 come comunità idonea a fornire sostegno a tossicodipendenti per il loro recupero; la circostanza che il procedimento di riconoscimento sia rimasto a questo stadio, senza più perfezionarsi, non esclude che rilevi l’attività di fatto comunque svolta dalla comunità in un settore - quale quello del recupero dei tossicodipendenti - che può qualificarsi come pubblico servizio; circostanza questa che assicura il perdurare della qualifica, ai fini della legge penale, di incaricato di un pubblico servizio nel C.. Sicché sussisteva il presupposto soggettivo del contestato reato di abuso d’ufficio, la cui perseguibilità d’ufficio assicurava anche la perseguibilità per il reato di violenza carnale (articolo 519 Cp, prima della riforma di cui alla legge 66/1966) pur in una situazione di tardività della querela della parte offesa (nella specie la B., vittima degli atti di violenza carnale contestati fino al mese di agosto del 1994, ha presentato la querela in data 27 marzo 1995, ossia tardivamente). Cfr. - con riferimento al precedente regime giuridico - Cassazione, Sezione terza, 12 ottobre 1995, Savoca, che ha affermato che in tema di violenza carnale, il reato è perseguibile di ufficio ogni qual volta sia connesso, sia pure solo dal punto di vista investigativo, con altri delitti perseguibili di ufficio; in tali casi infatti, poiché sul fatto di violenza l’attività istruttoria deve puntare l’attenzione in relazione a reati perseguibili di ufficio, non permane alcuna ragione per tutelare, attraverso la procedibilità a querela, la riservatezza della persona offesa (giurisprudenza questa che peraltro è stata riaffermata anche con riferimento al nuovo regime di cui alla legge 66/1996).

Anche il secondo motivo del ricorso è infondato.

Questa Corte (Cassazione, Sezione quinta, 17 dicembre 1998, B.) ha già affermato che alla luce della disciplina del nuovo Cpp, la, polizia giudiziaria, una, volta intervenuto il Pm, deve compiere non solo gli atti ad essa specificamente delegati, ma anche tutte le altre attività di indagine ritenute necessarie nell’ambito delle direttive impartite, sia per accertare i reati, sia perché richieste da elementi successivamente emersi; ne consegue che, ove il Pm, pur avendo ricevuto la notitia criminis, non abbia impartito specifiche direttive, trova esclusiva applicazione l’articolo 348, comma 1, Cpp, secondo il quale la polizia giudiziaria, senza necessità di specifica delega e agendo quindi di sua iniziativa, nell’ambito della propria discrezionalità tecnica, raccoglie ogni elemento utile alla ricostruzione del fatto e alla individuazione del colpevole.

Quindi la mancanza di una specifica delega al compimento di atti di polizia giudiziaria non inficia la validità degli stessi.

5. Il terzo motivo è inammissibile.

La censura di mancanza del vantaggio patrimoniale quanto alla configurabilità del reato di cui all’articolo 323 Cp, dopo la novella legge 234/97, non è decisiva - ai fini dell’articolo 129 Cpp - atteso che la Corte d’appello ha dichiarato l’estinzione del reato per prescrizione. E’ vero che questa Corte (Cassazione, Sezione sesta, 14 gennaio 1998, Branciforte) ha affermato che, in tema di abuso di ufficio, a seguito della nuova formulazione dell’articolo 323 Cp ad opera della legge 234/97, occorre verificare, in base all’articolo 2 Cp, riguardante la successione delle leggi penali nel tempo, se le condotte contestate all’imputato sulla base della fattispecie previgente siano tali da integrare reato anche in base al nuovo testo del predetto articolo; e ciò tenendo presente che la nuova fattispecie, al fine di realizzare una maggiore tipicizzazione della condotta del pubblico ufficiale, richiede specificatamente che questi abbia agito intenzionalmente in violazione di leggi o di regolamenti; che essa configura ora un reato di evento, postulando che il comportamento del pubblico ufficiale abbia determinato un ingiusto vantaggio patrimoniale per sé o per altri ovvero un danno ingiusto per altri; che essa contempla la sussistenza del carattere patrimoniale del vantaggio ingiusto, mentre tale carattere, prima della novella, valeva solo a contraddistinguere l’ipotesi più grave di cui al comma 2 dell’articolo 323 Cp previdente.

Però, ai fini dell’articolo 129 Cpp non può dirsi che risulti "evidente" la mancanza del vantaggio patrimoniale considerato che lo scarsissimo livello del servizio offerto comportava comunque un assai modesto costo per la comunità diretta dal ricorrente a fronte degli introiti delle rette con un conseguente più favorevole rapporto tra entrate ed esborsi.

6. Il quarto ed il quinto motivo sono anch’essi infondati.

La Corte d’appello ha dato ampiamente conto delle regioni del convincimento raggiunto quanto alla sussistenza della condotta di violenza carnale e alla sua addebitabilità al ricorrente considerando le dichiarazioni della parte offesa e gli indiretti elementi di riscontro offerti dalle risultanze dibattimentali.

Ha in particolare osservato la Corte d’appello che la B., ritornata in comunità, nel 1990, aveva affermato di avere avuto (nuovamente) rapporti sessuali con il C., «perché una volta che stai dentro, le provi tutte no, per un bicchiere di vino in più, per tante cose» e l’odierno imputato le faceva bere alcool e le dava dell’hashish. In sostanza dalla ricostruzione della Corte d’appello emerge che la ragazza ha acconsentito ai rapporti sessuali dopo avere ricevuto dal C. le predette sostanze che quest’ultimo le forniva per renderla debole e accondiscendente ai suoi voleri sessuali.

La Corte poi affronta la problematica dell’attendibilità intrinseca della B. esaminando criticamente tutte le deposizioni testimoniali (dep. Cortiula e Guadagnino, Pennacchio) che non hanno inficiato le dichiarazioni della parte offesa.

Quanto poi allo stato di soggezione psichica della parte offesa, questa Corte (Cassazione, 14 marzo 1984, Germani) ha affermato che in tema di violenza carnale, la condizione di inferiorità psichica, cui si riferisce l’articolo 519 comma 2 n. 3 Cp, non postula una assoluta soggezione e quasi una meccanicità del comportamento del soggetto passivo di fronte alla sollecitazione di prestazioni sessuali da parte del soggetto attivo per cui la soggezione psichica, come situazione eminentemente relazionale, va riconosciuta soprattutto attraverso l’analisi in concreto della dinamica dei fatti; così come nella specie ha fatto la Corte d’appello con motivazione sufficiente e non contraddittoria.

7. Il sesto motivo è inammissibile non avendo il ricorrente argomentativamente dedotto il carattere decisivo delle disposizioni testimoniali di cui ha chiesto, senza esito, l’ammissione. Cfr. Cassazione, sezione sesta, 2 aprile 2004, Santarelli, secondo cui, in tema di ricorso per cassazione, ai fini della configurazione del vizio previsto dall’articolo 606, lettera d) Cpp è indispensabile che la prova decisiva di cui si deduce la mancata assunzione abbia in ogni caso ad oggetto un fatto certo nel suo accadimento, essendo la certezza elemento condizionante della decisività; infatti, un evento dubbio nella sua verificazione non può considerarsi per sua natura idoneo a inserirsi in modo determinante nel quadro degli elementi di fatto su cui si sorregge la decisione, determinando una diversa ricostruzione della vicenda che ha dato luogo alla causa.

8. In conclusione il ricorso deve essere integralmente respinto con conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.007
Cookie