RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    

Il diritto d'autore e la privacy per creatori di contenuti,

246 iscritti su Udemy, voto 4.55 !


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



TRIBUNALE DI PALERMO- Odinanza 24 otobre 2006


Rito societario · procedura civile · memorie · notificazione al convenuto · estinzione

Fonte:

www.judicium.it

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

rilevato che:

- lo scambio degli atti difensivi tra le parti è proseguito senza soluzioni di continuità sino al 14 aprile 2006, data in cui la società convenuta ha notificato all’attore memoria di controreplica ex art. 7 comma II ultimo inciso D.Lgs 17.1.2003 n. 5, provvedendo al deposito il successivo giorno 20 aprile;

- l’attore non ha sfruttato i successivi 20 giorni per le uniche opzioni riconosciutegli, ovvero, alternativamente, per la notifica al convenuto di un’ulteriore memoria di replica ai sensi dell’art. 7 comma III, né per la notifica dell’istanza di fissazione di udienza;

- questa è stata invece notificata il successivo 31 maggio 2006;

Considerato che:

- l’art. 8 comma IV D.Lgs n. 5/03, disposizione ispirata da intenti sollecitatori, aggancia la decorrenza del termine, che risulta temporalmente variabile, all’ultimo atto utile della sequela dello scambio di memorie tra le parti, a quell’atto cioè che non susciti nei contraddittori l’esigenza di una replica, sanzionando l’inerzia protratta dalle parti con l’estinzione, rilevabile d’ufficio dal giudice designato;

-mentre nei primi tre commi dell’art. 8, il legislatore della riforma ha preso in considerazione l’eventualità che promotore dell’iniziativa della sottoposizione della vertenza al vaglio del giudice si renda la parte (sia essa attore, convenuto o terzo chiamato) che abbia ricevuto l’atto cui non intende ulteriormente replicare, il quarto comma, completa la fattispecie rimandando alle previsioni del precedente art 7, identificando il dies a quo per la proposizione dell’istanza di fissazione di udienza collegiale nella scadenza -del termine per il deposito della memoria di controreplica del convenuto di cui all’art. 7, comma 2, ovvero dalla scadenza del termine massimo di cui all’art. 7, comma 3-;

- tale ultima previsione, frutto dell’integrazione introdotta dall’art. 4 comma I lett. h) del D.Lgs 6.2.2004 n. 37, difetta di correlazione con i primi tre commi che, invece, nel complesso valgono a tracciare un sistema coerente e simmetrico, oltre che congruo rispetto alle finalità sollecitatorie che sorreggono la norma: la novella, invero, pur introducendo le parole -dei termini di cui ai commi precedenti o- ha omesso di escludere le successive parole -del termine per il deposito della memoria di controreplica del convenuto di cui all’articolo 7 comma 2-, mantenendo la formulazione precedente senza considerare che nessun termine è normativamente fissato per il deposito della memoria di modo che:

a) ove l’iniziativa di sottoporre al giudice la vertenza sia assunta dall’attore questi dovrebbe acquisire contezza di un dato estremamente variabile (l’adempimento di controparte all’onere del deposito) e di percezione meno immediata rispetto alla data di ricezione della memoria del convenuto;

b) ove l’iniziativa sia, invece, assunta dal convenuto medesimo questi non dovrebbe attendere i venti giorni assegnati all’attore per le ulteriori eventuali repliche, ma dovrebbe procedere entro 20 giorni dal deposito della propria memoria;

- nel caso di specie l’incongruità normativa rilevata non dispiega comunque effetti posto che notificata dal convenuto la memoria ex art. 7 comma II D.Lgs n. 5/03 il 14 aprile 2006 depositata il successivo giorno 20, il termine ultimo per la notifica da parte dell’attore dell’istanza di fissazione di udienza coincideva con il 10 maggio 2006;

- l’iniziativa assunta dall’attore in data 31.5.2006 è dunque tardiva, conseguendone l’estinzione del processo che deve essere pronunziata dal giudice relatore, e non dal collegio, la cui competenza in materia sorge solo nell’ipotesi -residuale in quanto postula il mancato rilievo del vizio ad opera del relatore- in cui, destinata -comunque- l’udienza collegiale, a questa abbia partecipato almeno una delle parti;

P.Q.M.

dichiara estinto il processo.

Manda la Cancelleria per le comunicazioni alle parti.

Palermo, 24 ottobre 2006.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.007