RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione Sezione II Civile Ordinanza n. 166/2008 ud. 24 ottobre 2007


Circolazione stradale · contravvenzioni · dipendente concessionaria · poteri

fonti:

http://www.giudicedipace.it/programma/news.php?readmore=275

http://www.alphaice.com/giurisprudenza/?id=4625&

"rilevato che la questione relativa al potere dei dipendenti del concessionario della gestione dei parcheggi a pagamento nelle aree comunali di accertare le violazioni delle norme sulla circolazione stradale oltre che nelle superfici destinate a parcheggio o ad esse funzionalmente collegate, anche nell'intera zona oggetto della concessione, è stata difformemente decisa dalle sezioni semplici"

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

dep. 08 gennaio 2008

rilevato che il Giudice di Pace di Parma con sentenza del 9 gennaio 2004, in accoglimento dell'opposizione proposta il 28 maggio 2003 da Mario Pagliari, ha annullato il verbale di accertamento n. 5356/88 notificato il 5 maggio 2003, con il quale la polizia municipale aveva contestato all'opponente l'infrazione dell'art. 7, 1° e 4° co., c.d.s., accertata alle ore 16 e 58' del 25 gennaio 2003, per avere parcheggiuto la propria autovettura, tg. PR 557068, nella locale via Guicciardini, in violazione del divieto permanente di sosta;

rilevato che il giudice, premesso che la violazione era stata accertata da una operatrice del consorzio Tep - concessionario della gestione dei parcheggi a pagamento nelle aree pubbliche delle zone a traffico limitato e di particolare rilevanza urbanistica del Comune di Parma -, che non rivestiva ad personam la qualità di ausiliario del traffico, ha osservato che al personale dipendente dal concessionario della gestione dei parcheggi possono essere conferite dai Comuni, secondo le previsioni dell'art. 17, 13° co, l. n. 127/97, le funzioni di prevenzione e di accertamento delle violazioni in materia di sosta limitatamente alle aree oggetto di concessione e che dette aree, come desumibile dal potere del concessionario di esercitare le sole azioni necessarie al recupero delle evasioni tariffarie e dei mancati pagamenti e dai riferimenti ai proventi della gestione ed alla collocazione dei parcheggi contenuti nell'art. 7, 6° e 7° co., c.d.s., vanno individuate in quelle evidenziate da righe blu oltre che da segnaletica verticale, ed in quelle che, come chiarito dal Ministero degli interni con circolare del 25 settembre 1978, costituiscono lo spazio minimo ed indispensabile per compiere le manovre necessarie a garantire la concreta fruizione dell'area di sosta;

rilevato che il Comune di Parma ricorso per la cassazione della sentenza con un unico motivo e, denunciando la violazione degli artt. 7 e 12, c.d.s., dell'art. 17, 132° co. e segg., l. 15 maggio 1997, n. 127, come interpretati dall'art. 68, l. 23 dicembre 1999, n. 68, e l'omessa, contraddittoria ed insufficiente motivazione, ha censurato l'erroneità degli assunti che all'operatrice della Tep non erano state conferite le funzioni di ausiliare del traffico e che il potere dei dipendenti del concessionario di accertamento delle violazioni in materia di sosta era limitato alle violazioni commesse nelle superfici destinate al parcheggio o ad esse funzionalmente collegate e non nell'intera area oggetto della concessione;

rilevato che la questione relativa al potere dei dipendenti del concessionario della gestione dei parcheggi a pagamento nelle aree comunali di accertare le violazioni delle norme sulla circolazione stradale oltre che nelle superfici destinate a parcheggio o ad esse funzionalmente collegate, anche nell'intera zona oggetto della concessione, è stata difformemente decisa dalle sezioni semplici di questa Corte, che hanno diversamente interpretato il collegato degli artt. 7, 6°, 7° ed 8° co., c.d.s., 17, 132° co, l. n. 127/97, e 68, l. n. 488/99, ed inteso il rapporto tra la concessione della gestione dei parcheggi a pagamento e quella delle aree nelle quali i parcheggi sano gestiti;

rilevato che, in particolare:

a) le sentenze della I sez., n. 7336 del 7 aprile 2005, n. 7979 del 18 aprile 2005, n. 8593 del 26 aprile 2005 e, da ultimo, n. 18186 del 18 agosto 2006, hanno affermato che le competenze delegate ai dipendenti delle società concessionarie sono limitate alle violazioni in materia di sosta dei veicoli (art. 7, 1° co., e art. 157, 5°, 6° e 8°, c.d.s.) commesse nelle aree comunali, urbane ed extraurbane, oggetto di concessione, specificatamente destinate, con delibera della giunta comunale, al parcheggio o alla sosta sulla carreggiata e per la cui fruizione è imposto il pagamento di una somma di denaro, potendosi estendere anche alle aree poste a servizio di quelle a pagamento, immediatamente limitrofe alle aree oggetto di concessione, esclusivamente se ed in quanto precludano la funzionalità del parcheggio;

b) le sentenze della II sez. n. 9287 del 20 aprile 2006, n. 9287, n. 20558 del 28 settembre 2007 e della I sez. n. 4173 del 22 febbraio 2007 hanno ritenuto che il potere dell'ausiliario dipendente della società concessionaria del parcheggio a pagamento, concesso dai comuni ai sensi dell'articolo 17, 132° co., l. 15-5-1997, n. 127, non è limitato a rilevare le infrazioni strettamente collegate al parcheggio stesso, ma è esteso anche alla prevenzione ed al rilievo di tutte le infrazioni ricollegnbili alla sosta nella zona oggetto della concessione, in relazione al fatto che nella suddetta zona la sosta deve ritenersi consentita esclusivamente negli spazi concessi e previo pagamento della tariffa stabilita, essendo la concessionaria direttamente interessata, nell'ambito territoriale suddetto, al rispetto dei limiti e dei divieti per il solo fatto che qualsiasi violazione incide sul suo diritto alla riscossione della tariffa stabilita;

ritenuto che il contrasto delle sezioni semplici sulla questione e l'attualità di esso impongono l'adesione all'istanza del controricorrente di trasmissione degli atti al Sig. Primo Presidente della Corte di cassazione, affinché valuti l'opportunità di una pronuncia sul ricorso a sezioni unite:

P.Q.M.

Dispone trasmettersi gli atti al Sig. Primo Presidente della Corte di Cassazione, affinche valuti l'opportunità di una pronuncia sul ricorso a sezioni unite.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.009
Cookie