RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione sentenza n. 29142 del 18 luglio 2001/r/n


/r/n(Sezione Sesta Penale - Presidente L. Sansone - Relatore A.S. Agrò)/r/n/r/nRITENUTO IN FATTO/r/n/r/n1. J. M.. ricorre contro la sentenza in epigrafe lamentando di essere stato ritenuto responsabile del reato di cui all'art.6 comma 3 della legge 6 marzo 1998, n.40./r/n/r/nOsserva, al riguardo, che i verbalizzanti hanno dato atto che il ricorrente era sprovvisto di passaporto e di permesso di soggiorno, ma non che si fosse rifiutato di esibire, tali documenti o che fosse stato interrogato sul motivo per cui non ne era in possesso./r/n/r/nTanto posto rileva che da un lato mancherebbe la prova certa che la P.G. avesse richiesto l'esibizione di un documento identificativo (elemento, questo, costitutivo della contravvenzione)e che dall'altro la norma richiamata non è applicabile ai clandestini extracomunitari e privi di documenti./r/n/r/n2. Con il secondo ed il terzo motivo si duole della determinazione della pena e della revoca dei benefici, non sorrette da adeguata motivazione./r/n/r/nCONSIDERATO IN DIRITTO/r/n/r/n1. Il ricorso e parzialmente fondato./r/n/r/nRitiene infatti la Corte di aderire alle conclusioni raggiunte dalla prima sezione 6.12.99, p.g. in proc. Karim, secondo cui l'art.6 comma 3, ricordato in narrativa, non si applica allo straniero che sia entrato nello Stato sottraendosi ai controlli di frontiera e che non sia in possesso di alcun documento./r/n/r/nE' proprio l'ingresso clandestino in Italia a costituire il giustificato motivo della mancata esibizione del passaporto o del documento di identificazione. Ed infatti, mantenendo il legislatore nell'ambito del penalmente irrilevante (e quindi nell'area della libertà) l'entrata non autorizzata nel territorio nazionale, sarebbe irrazionale, per violazione del diritto sostanziale di autodifesa, pretendere poi che l'extracomunitario sia munito all'atto del valico della frontiera di un documento che ne agevolerebbe l'espulsione, così come violerebbe lo stesso diritto richiedere che, successivamente all'arrivo, lo straniero si attivi per munirsi di un documento di identificazione, in tal modo necessariamente rivelando la sua condizione precaria./r/n/r/nTanto, beninteso, fin quando e per qualunque evenienza il clandestino non venga comunque fornito di documento di identificazione (art.6 Comma 9 1.n.40/98). Circostanza a seguito della quale viene meno il giustificato motivo dell'esibizione, di cui si è appena detto./r/n/r/n2. La prima sezione (29.11.1999, p.g. in proc. Lechehebeb), affermando la conclusione contraria, ha tuttavia implicitamente configurato un ordinamento improntato a soluzioni surrettizie, in cui la scelta politica fondamentale di prevedere il reato di ingresso clandestino (scelta che deve democraticamente essere assunta in sede legislativa, a seguito di congruo dibattito) è surrogata da un sistema indiretto di imposizione strumentale (blandamente sanzionata) di oneri di natura amministrativa. Ma a disattendere una simile costruzione basta osservare che se così fosse ci si troverebbe dinanzi ad uno sviamento di potere del legislatore che compromette di diritti fondamentali./r/n/r/n3. Ne deriva che in questa parte la sentenza impugnata va annullata senza rinvio perché il fatto non è previsto dalla legge come reato, mentre devono essere respinti gli altri motivi in ordine al trattamento sanzionatorio perché genericamente si oppongono ad una soluzione di merito congruamente motivata./r/n/r/nPER QUESTI MOTIVI/r/n/r/nLa Corte di Cassazione/r/n/r/nannulla senza rinvio l'impugnata sentenza limitatamente al capo B della rubrica perché il fatto non è previsto dalla legge come reato ed elimina la relativa pena di giorni venti di reclusione e lire trecentomila di Multa. Rigetta nel resto il ricorso./r/n /r/n

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

spataro



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.004
Cookie