RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione, sez. trib., sentenza 18 febbraio 2011, n. 3964


Successioni · tributario · tasse · trascrizione · immobili · accettazione · imposta di successione · civile

"Il sistema delineato dalla legge ... e' nel senso di collegare l’insorgenza della obbligazione tributaria alla presentazione della denuncia di successione relativa a beni ereditari di cui il denunciante sostenga di essere divenuto titolare, salvo specifiche eccezioni derivanti dalla natura dei beni, che qui non ricorrono e che in ogni caso devono essere normativamente espresse"

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Svolgimento del processo

T.P.A. decedeva il 20 maggio 1960. Le sorelle eredi di questa, T.A. e T.M.S., accettavano la eredita' ma non presentavano dichiarazione di successione, ne' la Amministrazione procedeva ad accertamento di ufficio. Le predette alla loro morte avvenuta in date diverse, rispettivamente nel 1979 e nel 1985, istituivano erede la Parrocchia Conversione di S. Paolo.

La Parrocchia presentava in data 1 marzo 1992 dichiarazione relativa alla successione di T.P.A., al fine di ristabilire la continuita' delle trascrizioni dei beni immobili caduti in successione.

L’Ufficio notificava alla Parrocchia avviso di liquidazione di imposta principale di successione alla T.P. con irrogazione di sanzioni.

Questa impugnava l’avviso innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Varese, sostenendo di non essere tenuta al pagamento della imposta.

La Commissione respingeva il ricorso.

Appellava la Parrocchia, e la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia con sentenza n. 89/39/05 in data 4-10-2005 depositata l’8-11-2005 accoglieva il gravame, dichiarando la nullita' dell’avviso di liquidazione.

Avverso la sentenza propone ricorso per cassazione la Agenzia delle Entrate, con un motivo.

La Parrocchia non esplica attivita' difensiva.

Motivi della decisione Con l’unico complesso motivo la Agenzia deduce violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 346 del 1990, artt. 28 e 48, D.P.R. n. 637 del 1972, artt. 36 e 49, e dell’art. 459 c.c., nonche' motivazione omessa od insufficiente su un punto decisivo della controversia.

Espone che dalle disposizioni di legge citate si evince che anche ove siano scaduti i termini per la presentazione della dichiarazione di successione e per l’accertamento di ufficio colui che abbia interesse a ristabilire a proprio favore la continuita' delle trascrizioni relative ad un immobile appartenuto ad un defunto ha l’onere di presentare la dichiarazione di successione a questi, divenendo debitore della imposta principale.

Pertanto, avendo la Parrocchia presentato la dichiarazione di successione a T.P. in qualita' di erede di T.A. e T.M.S., obbligate a loro volta al pagamento della imposta di successione sui beni a loro pervenuti mortis causa dalla sorella, l’ente religioso era tenuto al pagamento della imposta richiesta.

In ordine all’asserito difetto di motivazione, peraltro meramente enunciato, nella specie logicamente preliminare, deve rilevarsi che la Commissione, per quanto in modo sintetico, ha chiaramente esposto la "ratio decidendi" della impugnata sentenza: ad avviso della CTR, infatti, la presentazione della dichiarazione di successione al solo fine di assicurare la continuita' delle trascrizioni non comporta automaticamente l’obbligo di pagamento della imposta, in quanto l’obbligazione sorge solo in capo agli eredi; nella specie, la Parrocchia non e' erede di T.P., la cui successione, aperta nel 1960, riguardava esclusivamente le sorelle successivamente defunte.

L’argomento e' esposto in termini chiari e comprensibili, e non sussiste quindi alcun difetto di motivazione.

La questione deve essere pertanto valutata secondo il primo profilo di violazione di legge. Sotto tale profilo il ricorso e' fondato.

Il sistema delineato dalla legge (puo' essere citato il D.Lgs. n. 346 del 1990, artt. 27 e 28, ma analoghe disposizioni si rinvengono anche nei tesi legislativi antecedenti) e' nel senso di collegare l’insorgenza della obbligazione tributaria alla presentazione della denuncia di successione relativa a beni ereditari di cui il denunciante sostenga di essere divenuto titolare, salvo specifiche eccezioni derivanti dalla natura dei beni, che qui non ricorrono e che in ogni caso devono essere normativamente espresse. È vero che il soggetto che presenta la denuncia al fine di stabilire a proprio favore la continuita' delle trascrizioni relative a beni immobili caduti in successione non ancora in essere per mancato adempimento nel passato all’onere dichiarativo non rientra tra quelli obbligati ex lege a detta presentazione ai sensi dell’art. 28 D.Lgs., citato, ma il dato ai fini fiscali perde valore ove il soggetto si determini a presentare spontaneamente la dichiarazione onde perseguire in tale modo un effetto a se' favorevole, facendo valere ai fini della pubblicita' legale un acquisto dei beni a titolo derivativo anziche' originario; in tal caso, infatti, alla esibizione di tale titolo di acquisto consegue, quale effetto necessario, la sottoposizione al trattamento tributario previsto per tale forma di acquisizione del bene, ovvero, nel caso, l’obbligo del pagamento della imposta di successione.

Il ricorso deve quindi essere accolto e la sentenza cassata, con rinvio, per le questioni di merito attinenti alla liquidazione della imposta, a diversa sezione della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, che provvedera' anche sulle spese di questa fase di legittimita'.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese a diversa sezione della Commissione Tributaria Regionale della Lombardia.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.008
Cookie