RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione II Penale del 15.11.2011, n. 41696


Carte di credito · possesso · utilizzazione · penale · internet · pagamento · furto · smarrimento · concorso di reati · non concorso apparente di norme

" le condotte criminose, distintamente contemplate dall’art. 12 d.l. 3 maggio 1991 n. 143 conv. con l. 5 luglio 1991 n. 197, di possesso e successiva utilizzazione, al fine di profitto proprio o altrui, di carte di credito di provenienza illecita, integrano - attesa l’eterogeneità sotto l’aspetto fenomenico, dei rispettivi caratteri -differenti ipotesi di reato, tra le quali è configurabile il concorso."

"-la prima consiste nell’indebita utilizzazione, cioè nel concreto uso illegittimo del documento in questione, lecita o illecita che sia la sua provenienza, da parte del non titolare al fine di realizzare un profitto per sé o per altri;

-la seconda si concreta nel possesso (inteso come detenzione materiale), nella cessione o nell’acquisizione di tali documenti di provenienza illecita, cioè in una azione che sotto il profilo logico e temporale è distinta dalla prima perché la precede e ne costituisce il presupposto fattuale."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Udita la requisitoria del Sostituto Procuratore Generale dott. Mazzotta Gabriele che ha concluso per l’annullamento con rinvio.

Sentito il Difensore, avv. M. P. che ha chiesto il rigetto del ricorso.

Considerato in fatto

D.S. veniva tratto a giudizio del Tribunale di Macerata perché imputato del reato ex art. 12 DL 143/91 in quanto, al fine di trarne profitto , possedeva e indebitamente utilizzava la carta di credito VISA n...., falsificata; in Macerata li 15.12.2006;

Il Tribunale, con sentenza del 10.06.2010, dichiarava non doversi procedere a carico dell’imputato in quanto lo stesso era stato già giudicato per il medesimo fatto con la sentenza n. 27/07 del Gip di Macerata del 19.01.07, passata in cosa giudicata;

Avverso tale decisione propone ricorso immediato per cassazione il PM presso il Tribunale di Macerata, deducendo:

Motivo ex art. 606 ,l° co , lett. b) c.p.p.

Il ricorrente censura per violazione di legge la decisione del 10.06.20 qui impugnata e deduce che il Tribunale avrebbe errato nel ritenere sussistente il divieto del “ne bis in idem” atteso che le imputazioni dei due procedimenti in esame non erano pienamente sovrapponibili;

in particolare, mentre la sentenza qui impugnata comprendeva la condotta dell’illecito possesso e quella dell’indebita utilizzazione della carta di credito, la condanna del 19.01.07 , precedentemente pronunciata dal Gip , sebbene relativa alla stessa carta di credito, riguardava solo l’imputazione di indebito possesso.

Al riguardo il PM ricorrente osservava che le condotte di possesso e di indebito utilizzo della carta di credito contraffatta, integrano due distinte ipotesi di reato sicché, ove il Tribunale avesse operato una corretta interpretazione dell’art. 12 DL 143/1991 avrebbe potuto applicare il divieto del “ne bis in idem” solo per l’accusa di illecito possesso e non anche per l’imputazione di indebito utilizzo.

Chiede l’annullamento della sentenza impugnata.

Considerato in diritto

li ricorso è fondato.

Dall’esame delle due sentenze in questione emerge che la decisione del Gip del 19.01.2007 si fondava sull’accusa di possesso - da parte del D.- di n.4 carte di credito, Visa cui quella in oggetto, mentre la decisione del Tribunale del 10.06.2010 riguardava sia l’imputazione di possesso indebito che quella di indebito utilizzo della medesima carta di credito.

Il ricorrente deduce del tutto correttamente che le due condotte non sono sovrapponibili e che pertanto , quanto alla fattispecie dell’indebito utilizzo non ricorreva la preclusione del “ne bis in idem”.

La Giurisprudenza di legittimità ha affermato, anche nella sede più autorevole, le condotte criminose, distintamente contemplate dall’art. 12 d.l. 3 maggio 1991 n. 143 conv. con l. 5 luglio 1991 n. 197, di possesso e successiva utilizzazione, al fine di profitto proprio o altrui, di carte di credito di provenienza illecita, integrano - attesa l’eterogeneità sotto l’aspetto fenomenico, dei rispettivi caratteri -differenti ipotesi di reato, tra le quali è configurabile il concorso. (Cassazione penale, Sez. Un. 28/03/2001, n. 22902).

Va ricordato che l’art. 12 ,ora citato, sanziona chiunque, al fine di trarne profitto per sé o per altri, indebitamente utilizza, non essendone titolare, carte di credito o di pagamento, ovvero qualsiasi altro documento analogo che abiliti al prelievo di danaro contante o all’acquisto di beni o alla prestazione di servizi e, nel successivo periodo, punisce anche chi, al fine di trarne profitto per sé o per altri, falsifica o altera carte di credito o di pagamento o qualsiasi altro documento analogo che abiliti al prelievo di danaro contante o all’acquisto di beni o alla prestazione di servizi, ovvero possiede, cede o acquisisce tali carte o documenti di provenienza illecita o comunque falsificati o alterati, nonché ordini di pagamento prodotti con essi.

La decisione sopra richiamata , sottolinea che l’intero secondo periodo, disciplinante la diversa condotta di possesso cessione o acquisizione, è stata introdotta dal legislatore in sede di conversione del decreto legge n. 143, presentato dal governo dopo l’intervenuta decadenza di due precedenti identici.

Dall’esame della norma citata emerge la necessità di stabilire se essa prevede in ciascuna delle due parti sopra richiamate più ipotesi di reato (disposizione c.d. cumulativa) ovvero una sola fattispecie criminose realizzabile con diverse condotte a carattere alternativo.

Al riguardo, la decisione delle Sez. Unite ha ritenuto valido il criterio interpretativo fondato sulla natura intrinseca delle varie condotte ipotizzate ed hanno osservato come l’analisi letterale della norma in esame evidenzia la previsione di due condotte che, sotto l’aspetto fenomenico presentano caratteri ben diversi, anzi del tutto eterogenei

-la prima consiste nell’indebita utilizzazione, cioè nel concreto uso illegittimo del documento in questione, lecita o illecita che sia la sua provenienza, da parte del non titolare al fine di realizzare un profitto per sé o per altri;

-la seconda si concreta nel possesso (inteso come detenzione materiale), nella cessione o nell’acquisizione di tali documenti di provenienza illecita, cioè in una azione che sotto il profilo logico e temporale è distinta dalla prima perché la precede e ne costituisce il presupposto fattuale.

Risulta chiaro, quindi, come le due condotte non possano essere considerate equivalenti e in rapporto di alternatività formale, il che trova conforto nell’introduzione, in sede di conversione, della seconda di esse.

Resta perciò stabilito che nell’ipotesi che ne occupa. di possesso e successiva utilizzazione di carte di credito di provenienza illecita, si ha concorso di reati e non concorso apparente di norme incriminatici , con la conseguenza che il divieto del “ne bis in idem” doveva ritenersi operante solo per l’accusa di illecito possesso mentre doveva procedersi al giudizio per l’imputazione di indebito utilizzo.

La decisione impugnata è incorsa nel vizio di violazione di legge, ex art. 12 DL 03.05.1991 n.143 , sicché correttamente è stato proposto ricorso immediato ex art. 569 cpp;

La sentenza impugnata va annullata con rinvio, limitatamente alla contestazione ex art. 12 DL 143/1991 di indebito utilizzo della carta di credito e gli atti vanno trasmessi ex art. 569 co.4° cpp, alla Corte di appello di Ancona per il giudizio, passando in cosa giudicata la decisione riguardo alla contestazione dell’illecito possesso della medesima carta di credito.

P.Q.M

Annulla con rinvio la sentenza impugnata limitatamente alla contestazione di indebito utilizzo della carta di credito, dispone trasmettersi gli atti alla Corte di Appello di Ancona per il giudizio.

Depositata in Cancelleria il 15.11.2011



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.009
Cookie