RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione civile del 23 novembre 2011, n. 24717


Lavoro · dipendente · autonomo · criteri · definizione · cessione ramo d'azienda

"26. Per queste ragioni l'espressione "dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore" deve essere interpretata in senso estensivo, come articolazione della organizzazione aziendale (dipendenza) nella quale il dipendente lavora (addetto), che può anche coincidere con la sua abitazione se dotata di strumenti di supporto dell'attività lavorativa."

"31. Ancor più consistente è la convergenza nelle soluzioni in concreto adottate: si è ritenuta sussistente la "dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore" anche nella residenza del lavoratore quando questi svolga l'attività lavorativa in tale luogo, avvalendosi di strumenti destinati all'attività aziendale, individuati in genere proprio, come nel caso in esame, in un "computer" collegato con l'azienda e nei relativi strumenti di supporto (stampante, adsl, ecc.)."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Fatto e diritto

1. P.T. convenne in giudizio, dinanzi al giudice del lavoro del Tribunale di Venezia la M. spa e il Fallimento X srl, chiedendo che venisse accertata l'illegittimità della cessione di ramo d'azienda che aveva comportato il suo passaggio dalla prima alla seconda società, successivamente fallita, con una serie di conseguenze retributive e contributive.

2. Si costituì solo la M. spa, eccependo l'incompetenza territoriale del Tribunale di Venezia, essendo il rapporto sorto in Roma, città in cui aveva sede la società, mentre nessuna dipendenza aziendale si trovava nel circondario di Venezia, e comunque non potendo il foro della dipendenza essere fatto valere dopo sei mesi dalla cessione del ramo d'azienda.

3. Con provvedimento del 3 febbraio 2010, il Tribunale di Venezia ha ritenuto fondata l'eccezione e si è dichiarato incompetente, affermando la competenza territoriale del Tribunale di Roma.

4. La dott.sa T. ha proposto ricorso per regolamento di competenza.

5. La M. spa ha depositato memoria difensiva ai sensi dell'art. 47 cpc, nonché memoria ai sensi dell'art. 378 cpc.

6. Il Procuratore generale ha concluso per l'accoglimento del ricorso e l'affermazione della competenza del Tribunale di Venezia.

7. Sono infondate le eccezioni preliminari sollevate dalla M. spa di inesistenza e di nullità della procura alle liti e del ricorso.

8. La prima eccezione concerne la procura. La società assume che la stessa non sarebbe valida perché non contiene uno specifico riferimento al ricorso per regolamento di competenza. La procura della ricorrente nei confronti dell’avv.sa L.T. si esprime in questi termini: "delego l'avv. L.T. a rappresentarmi e difendermi nel presente giudizio in ogni fase e grado, anche di appello, nonché di ricorso per cassazione, opposizione ed esecuzione, conferendole ogni facoltà del mandato alle liti a norma dell'art. 84 cpc compresa quella di appellare, proporre ricorso per cassazione,...".

9. Tale procura speciale abilita quindi l'avvocato alla difesa "in tutte le fasi" del giudizio "compreso il ricorso per cassazione". In tale spettro d'azione processuale è inequivocabilmente ricompreso il ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 47 cpc. Non vi era alcuna necessità di specificazione ulteriore.

10. La seconda eccezione è di nullità del ricorso per violazione dell'art. 125 cpc, come novellato dall'art. 4, comma 8, lett. a), del decreto legge 29 dicembre 2009, n. 193, convertito con modificazioni, dalla legge 22 febbraio 2010, n. 24.

11. La norma codicistica novellata prevede che il difensore nel ricorso "indica il proprio codice fiscale". Nel ricorso per regolamento di competenza è indicato il codice fiscale della parte e non quello del difensore. La tesi della società è che tale omissione comporti la nullità del ricorso.

12. La tesi non può essere condivisa.

13. L'art. 125, primo comma, cpc, novellato, così dispone: "Salvo che la legge disponga altrimenti, la citazione, il ricorso, la comparsa, il controricorso, il precetto debbono indicare l'ufficio giudiziario, le parti, l'oggetto, le ragioni della domanda e le conclusioni o l'istanza, e, tanto nell'originale quanto nelle copie da notificare, debbono essere sottoscritti dalla parte, se essa sta in giudizio personalmente, oppure dal difensore che indica il proprio codice fiscale".

14. L'inciso finale ("difensore che indica il proprio codice fiscale") ha indubbiamente una valenza imperativa desumibile dal verbo 'indica', sebbene meno intensa di quella prevista per gli altri requisiti formali imposti dalla norma con le espressioni "debbono indicare" e "debbono essere sottoscritti".

15. Tuttavia, per la mancata indicazione del codice fiscale non è prevista la nullità dell'atto (art. 156, primo comma, cpc: "Non può essere pronunciata la nullità per inosservanza di forme di alcun atto del processo, se la nullità non è comminata dalla legge"), né può ritenersi che tale omissione integri la mancanza di uno dei "requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo" (art. 156, secondo comma, cpc: (la nullità) "può tuttavia essere pronunciata quando l'atto manca dei requisiti formali indispensabili per il raggiungimento dello scopo").

16. Quanto alla competenza territoriale, il ricorso è fondato e deve essere accolto per le seguenti considerazioni.

17. L'attività lavorativa della dott.sa T. è stata di coordinamento e supervisione dell'informazione scientifica del farmaco.

18. Il Tribunale ha ritenuto che "la circostanza che fosse incaricata di svolgere attività di "area manager" nell'ambito del Triveneto e che l'attività fosse svolta avvalendosi di materiale aziendale collocato presso la sua abitazione (computer, stampante, linea adsl) non è sufficiente a ravvisare nel caso di specie una dipendenza aziendale collocata nel domicilio della ricorrente, mancando la riferibilità all'azienda del luogo in questione". Il Tribunale precisa inoltre che la disposizione di cui all'art. 413 cpc va intesa nel senso di "attribuire rilievo alla località nella quale sono radicati gli interessi lavorativi tanto del lavoratore che dell'azienda".

19. La posizione non può essere condivisa.

20. L'art. 413, primo comma, cpc, individua il giudice territorialmente competente per le controversie di lavoro indicando tre fori speciali alternativi: il luogo in cui è sorto il rapporto, quello in cui si trova l'azienda, quello in cui si trova la dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore.

21. Il problema interpretativo nel caso in esame è quello di stabilire cosa debba intendersi per "dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore".

22. Di tale espressione è necessario dare una interpretazione estensiva per almeno due ragioni.

23. In primo luogo, perché ormai da tempo l'evoluzione dell'organizzazione del lavoro tende a rendere elastico il rapporto tra lavoro e luoghi e strutture materiali. Molti lavori, specie nei servizi, vengono svolti fuori dai luoghi tradizionali (l'azienda agricola, la fabbrica, l'ufficio, ecc..) e vengono svolti con l'ausilio di pochi mezzi e strumenti materiali. Molte persone lavorano a casa propria e solo con un "personal computer" e tuttavia lavorano alle dipendenze di una organizzazione aziendale, flessibile ma non per questo evanescente: si pensi alle penetranti possibilità di controllo dei tempi e dei contenuti della prestazione che un collegamento informatico consente. L'interprete nel valutare il concetto di dipendenza non può non tener conto di tale evoluzione.

24. La seconda ragione attiene alla "ratio" dell'art. 413 cpc. Il legislatore del 1973 ha concepito le regole sulla competenza territoriale del giudice del lavoro guidato dalla finalità di coniugare il rispetto del principio del giudice naturale con la possibilità dì rendere il meno difficoltoso possibile l'accesso alta giustizia del lavoro. Ma sicuramente usato come bussola il principio costituzionale sul diritto di difesa (art. 24 Cost.) e il particolare rispetto dovuto al lavoro, quale si evince da numerose norme della Costituzione, a cominciare dall'art. 1 e dall'art. 4 che riconosce il diritto al lavoro e impegna la Repubblica a "promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto".

25. In tale ottica, il legislatore ha operato due scelte di fondo, in primo luogo, quella di offrire una molteplicità di soluzioni, individuando più fori alternativi, tra i quali il ricorrente può scegliere. In secondo luogo, quella di avvicinare il luogo del giudice al luogo di lavoro. Ciò al fine di rendere meno difficoltoso promuovere e seguire il giudizio (è superfluo sottolineare quanto sia più difficile sul piano economico e logistico partecipare ad un processo lontano dal luogo di vita). Ma vi è anche un interesse generale dell'ordinamento a che il giudice sia vicino al luogo della controversia, che nelle cause di lavoro è il luogo di svolgimento dell'attività lavorativa (si pensi alle difficoltà che riguardano lo spostamento dei testimoni, in genere persone che hanno potuto osservare il lavoro e che quindi sono anch'essi tendenzialmente dimoranti nella medesima zona; alla eventualità di ispezioni dei luoghi da parte del giudice; ad eventuali attività di ausiliari del giudice).

26. Per queste ragioni l'espressione "dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore" deve essere interpretata in senso estensivo, come articolazione della organizzazione aziendale (dipendenza) nella quale il dipendente lavora (addetto), che può anche coincidere con la sua abitazione se dotata di strumenti di supporto dell'attività lavorativa.

27. Sul punto la giurisprudenza è concorde e, attenuando alcune difformità che possono considerarsi ormai datate, è divenuta particolarmente omogenea.

28. Gli ultimi arresti di questa Corte sono in linea tra loro: cfr. in particolare Cass., 16 novembre 2010, n. 23110; 21 gennaio 2010, n. 1018; 16 novembre 2010, n. 23110.

29. In tali decisioni, occupandosi proprio della competenza territoriale delle cause degli informatori farmaceutici, si è costantemente richiamala la necessità di "una nozione particolarmente ampia del concetto di dipendenza aziendale", che "non solo non coincide con quello di unità produttiva contenuto in altre norme di legge, ma deve intendersi in senso lato, in armonia con la "mens legis" mirante a favorire il radicamento del foro speciale nel luogo della prestazione lavorativa".

30. Condizione minima, ma sufficiente a tal fine, è che l'imprenditore abbia configurato tale organizzazione del lavoro e che l'azienda disponga in quel luogo di un nucleo di beni organizzati per l'esercizio dell'impresa, cioè destinato al soddisfacimento delle finalità imprenditoriali, "anche se modesto e di esigue dimensioni"; è sufficiente che in tale nucleo operi anche un solo dipendente e non è necessario che i relativi locali e le relative attrezzature siano di proprietà aziendale, ben potendo essere di proprietà del lavoratore stesso o di terzi.

31. Ancor più consistente è la convergenza nelle soluzioni in concreto adottate: si è ritenuta sussistente la "dipendenza aziendale alla quale è addetto il lavoratore" anche nella residenza del lavoratore quando questi svolga l'attività lavorativa in tale luogo, avvalendosi di strumenti destinati all'attività aziendale, individuati in genere proprio, come nel caso in esame, in un "computer" collegato con l'azienda e nei relativi strumenti di supporto (stampante, adsl, ecc.).

32.Tali elementi sono idonei a distinguere queste situazioni da quelle, concernenti i lavoratori parasubordinati di cui al n. 3 dell'art. 414, cpc, in cui il foro competente è individuato con il mero riferimento al domicilio del lavoratore, senza alcun bisogno che in tale luogo venga svolta l'attività lavorativa e sia individuabile una articolazione aziendale nel senso lato prima precisato.

33. Nel caso in esame, dagli atti si desume, e il Tribunale nel suo provvedimento né da conto, che la ricorrente svolgeva l'attività lavorativa per l'azienda nella sua abitazione, avvalendosi di strumentazione ivi collocata (computer, stampante, linea adsl, ecc.). Di conseguenza, alla stregua dei principi di diritto su richiamati (dai quali il Tribunale di Venezia si è consapevolmente discostato, dichiarando di non condividerli), deve affermarsi la competenza territoriale di quel Tribunale.

34. Tale competenza non è esclusa dall'applicazione del terzo comma dell'art. 413 cpc, in base al quale la disciplina sulla competenza territoriale di cui al secondo comma "permane dopo il trasferimento d'azienda o la cessazione di essa o della sua dipendenza, purché la domanda sia proposta entro sei mesi dal trasferimento o dalla cessazione". Nel caso in esame, infatti, tra le parti è pacifico ed il giudice ne da atto, che la dipendenza non è cessata, mentre il trasferimento di ramo d'azienda è oggetto di contestazione ed il giudizio, come scrive il giudice di Venezia nel suo provvedimento ricostruendo il contenuto della domanda, è volto proprio all'accertamento che la cessione era meramente apparente,

35. Il ricorso, pertanto, deve essere accolto e deve essere dichiarata la competenza territoriale del giudice del lavoro del Tribunale di Venezia dinanzi al quale era stato iniziato il giudizio. Le spese del regolamento devono essere poste a carico della parte che ha infondatamente eccepito l'incompetenza territoriale. Vanno compensate nei confronti della parte rimasta intimata, ricorrendo giusti motivi in tal senso.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso e dichiara la competenza territoriale del Tribunale di Venezia. Fissa il termine di sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza per la riassunzione del giudizio.

Condanna la M. spa alla rifusione alla ricorrente delle spese del regolamento di competenza, liquidandole in 40,00 euro, nonché 2.000,00 euro per onorari, oltre IVA, CPA e spese generali.

Compensa le spese in relazione all'intimato fallimento X srl.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.039
Cookie