RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    

A chi dare il proprio pc e il telefono in caso di emergenza?

Antonio: "E' proprio come me lo aspettavo. Molto chiaro e con molti spunti interessanti su come tutelarsi."

adv IusOnDemand


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione VI-2 civile del 28.11.2013


Avvocati · domiciliazione · pec · procedura civile

fonte, tra i vari:

http://ilblog.fplex.it/2013/12/giudizio-cassazione-indicazione-della-pec-domiciliazione.html#.Uq8WveKM9iM

"e Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37 del 1934, art. 82 - secondo cui gli avvocati, i quali esercitano il proprio ufficio in un giudizio che si svolge fuori della circoscrizione del tribunale al quale sono assegnati, devono, all'atto della costituzione nel giudizio stesso, eleggere domicilio nel luogo dove ha sede l'autorità giudiziaria presso la quale il giudizio è in corso, intendendosi, in caso di mancato adempimento di detto onere, lo stesso eletto presso la cancelleria dell'autorità giudiziaria adita - hanno tuttavia precisato che "a partire dalla data di entrata in vigore delle modifiche degli artt. 125 e 366 cod. proc. civ., apportate dalla L. 12 novembre 2011, n. 183, art. 25, esigenze di coerenza sistematica e d'interpretazione costituzionalmente orientata inducono a ritenere che, nel mutato contesto normativo, la domiciliazione ex lega presso la cancelleria dell'autorità giudiziaria, innanzi alla quale è in corso il giudizio, ai sensi del R.D. n. 37 del 1934, art. 82, consegue soltanto ove il difensore, non adempiendo all'obbligo prescritto dall'art. 125 cod. proc. civ., per gli atti di parte e dall'art. 366 cod. proc. civ., specificamente per il giudizio di cassazione, non abbia indicato l'indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine" (Cass., S.U., n. 10143 del 2012);"

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

sentenza

sul ricorso proposto da:

Omissis, rappresentata e difesa, in forza di procura speciale a margine del ricorso, dall'avv. Omissis;

elettivamente domiciliato in Roma, presso la Corte di Cassazione;

- ricorrente -

contro

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso, per legge, dall'Avvocatura Generale dello Stato, e presso gli Uffici di questa domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi, n. 12;

- controricorrente -

avverso il decreto della Corte d'appello di Messina, depositato il 15 maggio 2012.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 12 novembre 2013 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

udito l'Avv. Omissis;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso per quanto di ragione.

Svolgimento del processo

che la Corte d'appello di Messina, con decreto pubblicato in data 15 maggio 2012, in parziale accoglimento del ricorso in data 27 gennaio 2010, ha condannato il Ministero dell'economia e delle finanze a corrispondere alla ricorrente Omissis l'importo di Euro 4.900, oltre interessi legali e spese, a titolo di equa riparazione, ai sensi della L. 24 marzo 2001, n. 89, per l'irragionevole durata di un giudizio amministrativo svoltosi dinanzi al TAR Sicilia, sezione distaccata di Catania, nei confronti della AUSL n. (OMISSIS) per ottenere la corresponsione dell'indennità di fine servizio per il periodo lavorativo non di ruolo, processo iniziato nel gennaio 1996 e definito con decreto di perenzione del 22 febbraio 2012;

che la Corte territoriale, premesso che nel giudizio presupposto non è mai stata presentata l'istanza di prelievo, ha rilevato che l'eccedenza rispetto al termine ragionevole di tre anni, maturata fino alla data della pronuncia del decreto di perenzione, sarebbe di tredici anni;

che tuttavia, nella specie, la Corte d'appello, essendo stata dichiarata la perenzione del ricorso, ha escluso la sussistenza del danno per la protrazione ultradecennale del ricorso, sicché ha circoscritto l'equa riparazione entro i dieci anni dal deposito del ricorso e detratto i tre anni di durata ragionevole;

che, in punto di quantum, la Corte d'appello ha riconosciuto "un danno valutato in Euro 1.000 per il primo anno e a scalare di 100 Euro per ogni anno successivo";

che per la cassazione del decreto della Corte d'appello la Omissis ha proposto ricorso, con atto notificato il 4 gennaio 2013, sulla base di un motivo, illustrato con memoria;

che il Ministero intimato ha resistito con controricorso.

Motivi della decisione

che il Collegio ha deliberato l'adozione di una motivazione in forma semplificata;

Considerato che deve essere preliminarmente esaminata l'eccezione di inammissibilità del controricorso, formulata dalla difesa della ricorrente con la memoria illustrativa e ribadita in sede di discussione orale, sul rilievo che la notificazione dell'atto è stata effettuata presso la cancelleria di questa Corte, e ciò nonostante che nel ricorso fosse indicato l'indirizzo di posta elettronica certificata;

che l'eccezione è fondata;

che, ai sensi dell'art. 370 cod. proc. civ., "la parte contro la quale il ricorso è diretto, se intende contraddire, deve farlo mediante controricorso da notificarsi al ricorrente nel domicilio eletto entro venti giorni dalla scadenza del termine stabilito per il deposito del ricorso" (comma 1) e "al controricorso si applicano le norme degli artt. 365 e 366, in quanto è possibile" (comma 2);

che, ai sensi dell'art. 366 cod. proc. civ., comma 2 (nel testo introdotto dalla L. n. 183 del 2011, applicabile ratione temporis trattandosi di ricorso notificato il 4 gennaio 2013), "se il ricorrente non ha eletto domicilio in Roma ovvero non ha indicato l'indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine, le notificazioni gli sono fatte presso la cancelleria della Corte di Cassazione";

che in relazione a tale disposizione deve evidenziarsi come la possibilità della notificazione di atti presso la cancelleria della Corte di Cassazione sia subordinata alla duplice condizione della mancata elezione di domicilio in Roma da parte del ricorrente e della mancata indicazione, sempre da parte del ricorrente, dell'indirizzo di posta elettronica certificata;

che, ove questo secondo requisito sussista, si deve ritenere che invece il destinatario della notificazione del ricorso che intenda a sua volta notificare il controricorso non possa avvalersi della notificazione presso la cancelleria della Corte, essendo egli tenuto ad eseguire la notificazione in forma telematica;

che del resto, le Sezioni Unite di questa Corte, nel ribadire la perdurante operatività del R.D. n. 37 del 1934, art. 82 - secondo cui gli avvocati, i quali esercitano il proprio ufficio in un giudizio che si svolge fuori della circoscrizione del tribunale al quale sono assegnati, devono, all'atto della costituzione nel giudizio stesso, eleggere domicilio nel luogo dove ha sede l'autorità giudiziaria presso la quale il giudizio è in corso, intendendosi, in caso di mancato adempimento di detto onere, lo stesso eletto presso la cancelleria dell'autorità giudiziaria adita - hanno tuttavia precisato che "a partire dalla data di entrata in vigore delle modifiche degli artt. 125 e 366 cod. proc. civ., apportate dalla L. 12 novembre 2011, n. 183, art. 25, esigenze di coerenza sistematica e d'interpretazione costituzionalmente orientata inducono a ritenere che, nel mutato contesto normativo, la domiciliazione ex lega presso la cancelleria dell'autorità giudiziaria, innanzi alla quale è in corso il giudizio, ai sensi del R.D. n. 37 del 1934, art. 82, consegue soltanto ove il difensore, non adempiendo all'obbligo prescritto dall'art. 125 cod. proc. civ., per gli atti di parte e dall'art. 366 cod. proc. civ., specificamente per il giudizio di cassazione, non abbia indicato l'indirizzo di posta elettronica certificata comunicato al proprio ordine" (Cass., S.U., n. 10143 del 2012);

che, dunque, il controricorso, notificato presso la cancelleria di questa Corte sull'erroneo presupposto della sussistenza dei concorrenti requisiti della mancanza di elezione di domicilio e della omessa indicazione della posta elettronica certificata da parte della ricorrente, va dichiarato inammissibile;

omissis



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 27.286