RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione penale sez. I sentenza 08.07.2013 n. 28874


Condominio · rumore · condizionatori · disturbo · penale

Deve comunque essere qui rilevato come la deduzione sia in ogni modo infondata, alla stregua della giurisprudenza di questa Corte che vale richiamare e ribadire; si veda, infatti, Cass. Pen. Sez. 1°, n.39852 in data 12.06.2012, Rv, 253475, Minetti, la cui massima recita: “L’art. 659 cod. pen. prevede due distinte ipotesi di reato: quello contenuto nel primo comma ha ad oggetto il disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone e richiede l’accertamento in concreto dell’avvenuto disturbo; mentre quello previsto nel secondo comma riguardante l’esercizio di professione o mestiere rumoroso, prescinde dalla verificazione del disturbo, essendo tale evento presunto “iuris et de iure” ogni volta che l’esercizio del mestiere rumoroso si verifichi fuori dai limiti di tempo, di spazio e di modo imposti dalla legge, dai regolamenti o da altri provvedimenti adottati dalle competenti autorita'”; in proposito si veda anche Cass. Pen. Sez. 10, n. 33413 in data 07.06.2012, Rv. 253483, Girolimetti : “Il superamento dei valori soglia di rumorosita', stabiliti dalle competenti autorita' amministrative, prodotta dall’attivita' di esercizio di una discoteca integra il reato previsto dal comma secondo dell’art. 659 cod. pen,, che tutela la quiete pubblica, che non e' stato implicitamente abrogato dall’illecito amministrativo di cui all’art. 10 comma secondo, legge 26 ottobre 1995 n.447, che e' posto a tutela del diverso bene della salute umana”.

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza in data 02.05.2012, resa in contumacia dell’imputato, il Tribunale di Cosenza in composizione monocratica dichiarava D.N. colpevole del reato di cui all’art. 659, comma primo, Cod. Pen., cosi' condannandolo, in concorso di circostanze attenuanti generiche, alla pena di Euro 200- di ammenda; pena sospesa e non menzione. Con la stessa sentenza il Noto era altresi' condannato al risarcimento dei danni, da liquidarsi in separato giudizio, piu' spese di lite, liquidate come in atti, in favore delle costituite parti civili.-

Detto giudice riteneva invero provato che gli impianti tecnologici (in particolare condizionatori) a servizio di un centro commerciale, di cui l’imputato era legale rappresentante, avessero arrecato disturbo non tollerabile agli occupanti del soprastante stabile di civile abitazione, trattandosi dello stesso complesso edilizio. A sostegno probatorio della decisione risultavano le convergenti dichiarazioni dei denuncianti F.L. e C.A., che avevano riferito che rumori non sopportabili erario percepiti negli appartamenti anche a finestre chiuse, e del tecnico dell’ARPA regionale P. che aveva effettuato una verifica nell’appartamento del quarto piano, riscontrando il valore di 56 decibel.­

2. Avverso tale sentenza proponeva ricorso per cassazione l’anzidetto imputato che motivava l’impugnazione deducendo violazione di legge e vizio di motivazione, in particolare argomentando - in sintesi - nei termini seguenti: posto che, per giurisprudenza consolidata, il reato era integrato solo da una rumorosita' idonea ad arrecare disturbo ad una pluralita' indifferenziata di persone e non ai soli vicini, nel caso concreto tanto non era stato rimasto accertato, cosi' difettando un elemento essenziale della fattispecie legale.-3. Con atto depositato in data 08.05.2013 la difesa del ricorrente produceva memoria con la quale rimarcava che, trattandosi di rumori provenienti da attivita' autorizzata, il superamento dei limiti doveva ritenersi ipotesi depenalizzata e ricadente nel paradigma dell’art. 10 L. 447/95.­

Considerato in diritto

1. Al ricorso, manifestamente infondato, deve essere dichiarato inammissibile con ogni dovuta conseguenza di legge. Tanto deve dirsi anche in ordine alla questione proposta con la memoria versata in atti.-

2. Deve ritenersi, dapprima, dei tutto pacifico in fatto che dagli impianti facenti capo al centro commerciale di cui e' responsabile l’imputato provenissero rumori eccedenti la normale tollerabilita'.

Tale profilo, accertato in termini del tutto convincenti dal giudice territoriale, non e' invero oggetto di specifica censura da parte del ricorrente.-

E’ del tutto infondato, poi, il motivo di ricorso - l’unico - proposto dal ricorrente.-Se e' vero, infatti, in linea generale, che il reato di cui l’art. 659 Cod. pen. e' integrato da una rumorosita' tale da arrecare disturbo ad una pluralita' indifferenziata di persone, e' pero' altrettanto vero che, nella concreta fattispecie, cio' e' stato effettivamente accertato dal Tribunale di competenza.

La sentenza impugnata ha invero affermato, avuto riguardo alle risultanze raccolte, che i rumori si percepivano anche a finestre chiuse, e - circostanza particolarmente significativa - che assai elevato era il valore dei decibel registrati al quarto piano dell’edificio. In tal senso deve concludersi (come correttamente ha deciso il primo giudice) che le testimonianze del vicini non esaurivano la percepibilita' dei rumori molesti, ma ne erano solo registrazione eloquente, indice apprezzabile di piu' elevata diffusivita'.

Su tutto cio', conferme alla consolidata giurisprudenza di questa Corte, che qui si richiama e ribadisce, si veda, ex pluribus, Cass. Pen. Sez. 1°, n. 47298 in data 29.11.2011, Rv, 251436, Iori, la cui massima recita: “La rilevanza penale della condotta produttiva di rumori, censurati come fonte di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, richiede l’incidenza sulla tranquillita' pubblica, in quanto l’interesse tutelato dal legislatore e' la pubblica quiete, sicche' i rumori devono avere una tale diffusivita' che l’evento di disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, pur se poi concretamente solo taluna se ne possa lamentare”. E’ poi coerente con la giurisprudenza di questa Corte che la condizione suddetta sia verificata allorche' i rumori molesti siano provocati, e si diffondano, nell’ambito di un condominio (sul punto, v. Cass. Pen. Sez. 1°, n. 18517 in data 17.03.2010, Rv. 247062, Oppong; ecc.).

3. Il motivo proposto con la memoria depositata in data 08.05.2013 deve essere dichiarato inammissibile in quanto introduce un tema nuovo e diverso rispetto a quanto fatto oggetto dell’impugnazione principale, non essendo consentito allargare il ricorso a temi non formalizzati nei modi e nei tempi di legge (cfr. Cass. Pen. Sez. 2°, n. 1417 in data 11.10.2012, Rv. 254301, Platarnone; ecc.).-

Deve comunque essere qui rilevato come la deduzione sia in ogni modo infondata, alla stregua della giurisprudenza di questa Corte che vale richiamare e ribadire; si veda, infatti, Cass. Pen. Sez. 1°, n.39852 in data 12.06.2012, Rv, 253475, Minetti, la cui massima recita: “L’art. 659 cod. pen. prevede due distinte ipotesi di reato: quello contenuto nel primo comma ha ad oggetto il disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone e richiede l’accertamento in concreto dell’avvenuto disturbo; mentre quello previsto nel secondo comma riguardante l’esercizio di professione o mestiere rumoroso, prescinde dalla verificazione del disturbo, essendo tale evento presunto “iuris et de iure” ogni volta che l’esercizio del mestiere rumoroso si verifichi fuori dai limiti di tempo, di spazio e di modo imposti dalla legge, dai regolamenti o da altri provvedimenti adottati dalle competenti autorita'”; in proposito si veda anche Cass. Pen. Sez. 10, n. 33413 in data 07.06.2012, Rv. 253483, Girolimetti : “Il superamento dei valori soglia di rumorosita', stabiliti dalle competenti autorita' amministrative, prodotta dall’attivita' di esercizio di una discoteca integra il reato previsto dal comma secondo dell’art. 659 cod. pen,, che tutela la quiete pubblica, che non e' stato implicitamente abrogato dall’illecito amministrativo di cui all’art. 10 comma secondo, legge 26 ottobre 1995 n.447, che e' posto a tutela del diverso bene della salute umana”.

È del tutto palese, pertanto, l’infondatezza di siffatto motivo aggiunto.­

4. In definitiva il ricorso, manifestamente infondato, deve essere dichiarato inammissibile ex artt, 591 e 606, comma 3, Cpp. Alla declaratoria di inammissibilita' dell’impugnazione consegue ex lege, in forza del disposto dell’art. 616 Cpp, la condanna del ricorrente al pagamento delle spese dei procedimento ed al versamento della somma, tale ritenuta congrua, di Euro 1.000,00 (mille) in favore della Cassa delle Ammende, non esulando profili di colpa nel ricorso palesemente infondato (v. sentenza Corte Cost. n. 186/2000).-L’esito processuale conseguito in questa sede comporta che il ricorrente imputato debba essere condannato, altresi', alla rifusione, in favore delle costituite parti civili, delle spese del grado che -valutati l’impegno professionale richiesto ed ogni altra condizione di legge- si stima equo liquidare nei termini di cui al seguente dispositivo.-

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali ed al versamento della somma di Euro 1.000,00 (mille) in favore della Cassa delle Ammende, nonche' alla rifusione delle spese sostenute nel grado dalle parti civili liquidate in Euro 3.500-(tremilacinquecento) oltre accessori come per legge.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.005
Cookie