RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Cassazione civile SS.UU. n. 17660 del 19/07/2013


Finanziamento · danno erariale · giurisdizione · responsabilita · contributo

fonte:http://www.respamm.it/giurisprudenza/viewdec_s.php?id=%13%1A%23%0D%E0%D2%8E%F8%9Fq%9C%13%11%FF%AE%93%7F%D7%99%24%A8%E4Z%EF%BD%F8%107%D5%1FP%84&srcnov=76

"Fermo dunque quanto risulta in fatto dalla sentenza impugnata (che il contributo era stato erogato nell'ambito dei finanziamenti comunitari e nazionali, per la realizzazione di un determinato risultato di pubblico interesse quale l'incremento della produzione ittica di allevamento), ne consegue che correttamente, in diritto, se ne e' desunta la sussistenza della giurisdizione contabile"

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROVELLI Luigi Antonio - Primo Presidente f.f. -

Dott. RORDORF Renato - Presidente Sez. -

Dott. FORTE Fabrizio - Consigliere -

Dott. MACIOCE Luigi - Consigliere -

Dott. BUCCIANTE Ettore - rel. Consigliere -

Dott. MAMMONE Giovanni - Consigliere -

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Consigliere -

Dott. D'ASCOLA Pasquale - Consigliere -

Dott. BOTTA Raffaele - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 25989/2012 proposto da:

G.F., elettivamente domiciliato in 2013 ROMA, VIA

JACOPO DA PONTE 45, presso lo studio 442 dell'avvocato TUMIOTTO

MARCELLO, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato

MACCIONI STEFANO, per delega in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

PROCURATORE GENERALE RAPPRESENTANTE IL PUBBLICO MINISTERO PRESSO LA

CORTE

CONTI , elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BAIAMONTI 25;

- controricorrente -

e contro

R.S.;

- intimato -

avverso la sentenza n. 264/2012 della

CORTE DEI

CONTI Prima sezione

giurisdizionale centrale - ROMA, depositata il 23/05/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

09/07/2013 dal Consigliere Dott. ETTORE BUCCIANTE;

udito l'Avvocato Marcello TUMIOTTO;

udito il P.M. in persona dell'Avvocato Generale Dott. APICE Umberto,

che ha concluso per il rigetto del ricorso.

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Con sentenza del 20 luglio 2010 la sezione giurisdizionale della Corte dei conti per il Molise, adita dal Procuratore regionale nei confronti di G.F., ha condannato costui a pagare al Ministero delle politiche agricole e forestali la somma di 187.909,55 Euro oltre alla rivalutazione monetaria e agli interessi legali - come risarcimento dei danni derivati dall'avere la s.c.r.l. Lagmar, amministrata dal convenuto, mancato di realizzare un impianto di miticultura nel tratto di mare antistante il comune di (OMISSIS), per il quale aveva ricevuto un contributo a fondo perduto.

Impugnata dal soccombente, la decisione e' stata confermata dalla prima sezione giurisdizionale centrale della Corte dei conti , che con sentenza del 23 maggio 2012 ha rigettato il gravame.

G.F. ha proposto ricorso per cassazione, in base a tre motivi. Il Procuratore generale presso la Corte dei conti si e' costituito con controricorso.

Con il primo motivo di impugnazione G.F. si duole della conferma, da parte del giudice di appello, del rigetto dell'eccezione di difetto di giurisdizione , che gia' era stata respinta con la sentenza di primo grado. Secondo il ricorrente ne' la s.c.r.l. Lagmar, ne' ancor meno lui stesso, potevano essere considerati soggetti a responsabilita' erariale, in quanto non erano legati da alcun rapporto di servizio con la pubblica amministrazione, essendo stato erogato alla societa' soltanto un sussidio una tantum, destinato a sostenere e incentivare una gestione imprenditoriale puramente privata.

L'assunto non e' condivisibile, poiche' si basa su un indimostrato presupposto assiomaticamente affermato: che il finanziamento in questione fosse liberamente utilizzabile nello svolgimento di qualsiasi attivita' economica lucrativa, per essere stato concesso a titolo di generica sovvenzione, senza specifici vincoli di destinazione. Una tale ipotesi non puo' avere ingresso in questa sede, a causa della sua "novita'", in quanto il ricorrente non deduce di averla prospettata nel giudizio a quo ne' denuncia omissioni di pronuncia sul punto.

Fermo dunque quanto risulta in fatto dalla sentenza impugnata (che il contributo era stato erogato nell'ambito dei finanziamenti comunitari e nazionali, per la realizzazione di un determinato risultato di pubblico interesse quale l'incremento della produzione ittica di allevamento), ne consegue che correttamente, in diritto, se ne e' desunta la sussistenza della giurisdizione contabile. La giurisprudenza di questa Corte regolatrice (v., da ultimo, Cass. s.u. 25 gennaio 2013 n. 1774) e' infatti stabilmente e univocamente orientata nel senso che "ai fini del riconoscimento della giurisdizione della Corte dei conti per danno erariale, non deve aversi riguardo alla qualita' del soggetto che gestisce il denaro pubblico - che ben puo' essere un soggetto di diritto privato, destinatario della contribuzione - bensi' alla natura del danno ed alla portata degli scopi perseguiti con la contribuzione stessa", in quanto "in tema di danno erariale, e' configurabile un rapporto di servizio tra la P.A. erogatrice del contributo statale ed i soggetti privati e pertanto una loro responsabilita' amministrativa qualora essi, disponendo della somma erogata in modo diverso da quello preventivato o ponendo in essere i presupposti per la sua illegittima percezione, abbiano frustrato lo scopo perseguito dall'Amministrazione".

Attiene alla giurisdizione anche il terzo motivo di ricorso, con cui G.F. sostiene che un rapporto di servizio puo' semmai essersi instaurato tra la pubblica amministrazione e la s.c.r.l. Sagmar, ma egli ne e' rimasto del tutto estraneo, poiche' non lui ma la societa' ha percepito il contributo in questione.

Anche questa tesi contrasta con la costante giurisprudenza di questa Corte (v., tra le piu' recenti, Cass. s.u. 9 gennaio 2013 n. 295), secondo cui "qualora il soggetto giuridico fruitore dei fondi pubblici sia una societa'-persona giuridica, la responsabilita' erariale attinge anche coloro che con la societa' abbiano intrattenuto un rapporto organico, ove dai comportamenti da loro tenuti sia derivata la distrazione dei fondi in questione dal fine pubblico cui erano destinati", poiche' "il parametro di riferimento della responsabilita' erariale (e, quindi, della giurisdizione contabile) e' rappresentato dalla provenienza dal bilancio pubblico dei fondi erogati e dal dovere facente capo a tutti i soggetti che tali fondi amministrano di assicurarne l'utilizzo per i fini cui gli stessi sono destinati".

Alla luce di questi principi - dai quali non si ravvisano ragioni per discostarsi, ne' del resto il ricorrente ne ha indicato alcuna - i due motivi di ricorso in esame risultano entrambi infondati.

Con il secondo motivo si sostiene che erroneamente il giudice a quo ha negato che l'azione di responsabilita' e' stata esercitata nei confronti di G.F. quando ormai era gia' prescritta.

La censura e' inammissibile, poiche' attiene a un asserito error in iudicando, la cui eventuale commissione non implicherebbe uno sconfinamento da parte della Corte dei conti dai limiti esterni della sua sfera di giurisdizione (v., proprio a proposito della prescrizione dell'azione di responsabilita' erariale, Cass. s.u. 16 febbraio 2007 n. 3615).

Il ricorso viene pertanto rigettato.

Non vi e' da provvedere sulle spese di giudizio, stante la qualita' di parte solo in senso formale del controricorrente Procuratore generale presso la Corte dei conti (cfr. Cass. s.u. 2 aprile 2003 n. 5105).

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Cosi' deciso in Roma, il 9 luglio 2013.

Depositato in Cancelleria il 19 luglio 2013



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.005
Cookie