RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione ordinanza n. 18252 del 30 luglio 2013


Cartelle · equitalia · notifica · raccomandata · pagamento · raccomandata · contribuente · notificata · tributario

fonte:

http://www.studiocerbone.com/cassazione-ordinanza-n-18252-del-30-luglio-2013-nullta-della-cartella-di-pagamento/

"accolto il ricorso della parte contribuente 'A. di C.N. & C. sas', relativo a due cartelle di pagamento impugnate dalla societa' contribuente sull'assunto che il plico raccomandato in busta chiusa con il quale erano state notificate conteneva soltanto il bollettino di versamento e non anche il corpo delle cartelle, con conseguente minorazione del diritto di difesa."

...

"Ben vero, cio' che nella specie di causa si e' verificato e' che la societa' Concessionaria ha provveduto -in applicazione del menzionato art.26- a notificare la cartella di pagamento con invio diretto della raccomandata postale, la quale ultima (alla stregua di qualunque atto pubblico) fa fede esclusivamente delle circostanze che ivi sono attestate, tra le quali non figura certamente la certificazione circa l'integrita' dell'atto che e' contenuto nel plico e men che meno la certificazione della corrispondenza tra l'originale dell'atto e la copia notificata.

"Benche', quindi, il giudice del merito abbia erroneamente ritenuto che fosse stato inevaso l'onere della Concessionaria di integrare le produzioni con la 'relazione di notificazione della cartella esattoriale sulla quale si fonda il gravame', cio' che esclusivamente rileva ai fini della soluzione della questione qui in esame e' che il medesimo giudice ha correttamente evidenziato che sarebbe stato comunque onere del mittente il plico raccomandato fornire la dimostrazione del suo esatto contenuto, sicche', in difetto di cio', il gravame fondato sul contrario assunto non poteva trovare accoglimento."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Solo dalle 18.00 alle 19.00 elaborazioni e sistema esperto legale on demand @2019 IusOnDemand srl, basato sul LegalDesign

Osserva

La CTR di Catanzaro ha respinto l'appello di Equitalia ETR spa, appello proposto contro la sentenza n.70/07/2009 della CTP di Cosenza, che aveva accolto il ricorso della parte contribuente 'A. di C.N. & C. sas', relativo a due cartelle di pagamento impugnate dalla societa' contribuente sull'assunto che il plico raccomandato in busta chiusa con il quale erano state notificate conteneva soltanto il bollettino di versamento e non anche il corpo delle cartelle, con conseguente minorazione del diritto di difesa.

La CTR ha motivato la propria decisione nel senso che l'assunto del Concessionaria (secondo il quale la semplice relata di notifica comprova la interezza del documento sicche' -in difetto di querela di falso- non poteva essere contestata la corrispondenza della copia notificata all'originale) non era condivisibile, onde poi -attesa anche la omessa produzione in giudizio da parte del Concessionario medesimo della relata di notificazione- doveva concludersi nel senso che la parte onerata non aveva fornito la dimostrazione del proprio assunto.

La societa' Concessionaria ha interposto ricorso per cassazione affidato a tre motivi.

La parte contribuente non si e' difesa.

Il ricorso ' ai sensi dell'art.380 bis cpc assegnato allo scrivente relatore- puo' essere definito ai sensi dell'art.375 cpc.

Ed invero, con i tre motivi di impugnazione (il primo improntato a nullita' della sentenza per omessa pronuncia; il secondo improntato alla violazione dell'art.26 del DPR n.602/1973; il terzo improntato alla violazione dell'art.2700 cpc, da esaminarsi congiuntamente per la loro stretta correlazione logica) la parte ricorrente si duole del fatto che il giudicante del merito da un canto abbia omesso ogni statuizione circa l'eccepito difetto di motivazione della sentenza di primo grado, e d'altra parte abbia omesso di considerare che nessuna relata di notifica il Concessionario era onerato di compilare, essendo sufficiente l'avviso di ricevimento a certificare non solo la consegna del plico ma anche l'integrita' del suo contenuto, ed infine abbia omesso di considerare che la mancata querela di falso in ordine alla relata di notificazione impedisce all'eccezione di incompletezza del contenuto di inficiare la validita' della notifica.

La censura appaiono infondate e da respingersi.

Nel suo contraddittorio argomentare la parte ricorrente (che vanamente propone impugnazione per omessa pronuncia sull'eccezione di difetto di motivazione della sentenza di primo grado, atteso che in appello la quearela nullitatis si converte in motivo di censura sul merito della questione) assume di non essere tenuta a compilare alcuna relata di notifica, essendo sufficiente ad integrare la procedura di notifica la mera completezza della cartolina di ricevimento del plico raccomandato, e -contempo- assume che la omessa proposizione della querela di falso nei confronti della relata di notifica renderebbe quest'ultima impermeabile all'eccezione di non integrita' del contenuto.

Ben vero, cio' che nella specie di causa si e' verificato e' che la societa' Concessionaria ha provveduto -in applicazione del menzionato art.26- a notificare la cartella di pagamento con invio diretto della raccomandata postale, la quale ultima (alla stregua di qualunque atto pubblico) fa fede esclusivamente delle circostanze che ivi sono attestate, tra le quali non figura certamente la certificazione circa l'integrita' dell'atto che e' contenuto nel plico e men che meno la certificazione della corrispondenza tra l'originale dell'atto e la copia notificata.

Benche', quindi, il giudice del merito abbia erroneamente ritenuto che fosse stato inevaso l'onere della Concessionaria di integrare le produzioni con la 'relazione di notificazione della cartella esattoriale sulla quale si fonda il gravame', cio' che esclusivamente rileva ai fini della soluzione della questione qui in esame e' che il medesimo giudice ha correttamente evidenziato che sarebbe stato comunque onere del mittente il plico raccomandato fornire la dimostrazione del suo esatto contenuto, sicche', in difetto di cio', il gravame fondato sul contrario assunto non poteva trovare accoglimento.

Sul punto infatti il principio di diritto applicabile si rinviene nella giurisprudenza di questa Corte (Cass. Sez. L, Sentenza n. 24031 del 10/11/2006), applicabile al genere delle fattispecie omologhe a quella qui in esame:'ln caso di comunicazione spedita in busta raccomandata e non in plico, ove il destinatario contesti il contenuto della busta medesima, e' onere del mittente provarlo (principio applicato in fattispecie in cui il datore di lavoro aveva provato la ricezione della busta raccomandata recante l'invito a riprendere servizio presso sede diversa e la destinataria ne aveva contestato il contenuto. La S.C. ha cassato la decisione della corte territoriale che, non informandosi al principio enunciato, aveva trascurato di enunciare le ragioni per le quali aveva ritenuto pacifico che l'invito a riprendere servizio presso diversa sede fosse pervenuto alla lavoratrice)'.

Non resta che concludere che l'anzidetto principio, coerente conseguenza della scelta operata in termini di principio dallo stesso odierno ricorrente al momento dell'effettuazione della notificazione con una delle modalita' consentite dall'ordinamento, e' stato correttamente applicato dal giudice del merito, sicche' le censure di parte ricorrente meritano di essere disattese.

Pertanto, si ritiene che il ricorso puo' essere deciso in camera di consiglio per manifesta infondatezza.

Roma, 10 novembre 2012

che la relazione e' stata comunicata al pubblico ministero e notificata agli avvocati delle parti;

che non sono state depositate conclusioni scri'tte, ne' memorie;

che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione e, pertanto, il ricorso va rigettato;

che le spese di lite non necessitano di regolazione, atteso che la parte vittoriosa non si e' costituita.

 

P.Q.M.

 

Rigetta il ricorso.

Nulla sulle spese.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.012
Cookie