RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione III civile del 11 dicembre 2013 – 11 febbraio 2014, n. 3021


Responsabilita · contrattuale · prescrizione · extracontrattuale · venditore · aliud pro alio · animali

fonte:

http://www.avvocatocassazionista.it/sentenza.php?id=7422

" in materia di compravendita, in caso di inadempimento del venditore, oltre alla responsabilita' contrattuale da inadempimento o da inesatto adempimento, e' configurabile anche la responsabilita' extracontrattuale del venditore stesso, qualora il pregiudizio arrecato al compratore abbia leso interessi di quest'ultimo che, essendo sorti al di fuori del contratto, hanno la consistenza di diritti assoluti; diversamente, quando il danno lamentato sia la conseguenza diretta del minor valore della cosa venduta o della sua distruzione o di un suo intrinseco difetto di qualita' si resta nell'ambito della responsabilita' contrattuale, le cui azioni sono soggette a prescrizione annuale (Cass. n. 11410/08)."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Presidente Segreto – Relatore Spirito

Svolgimento del processo

Il C. cito' in giudizio risarcitorio il B. per avergli venduto un cane senza pedigree. Il primo giudice accolse la domanda con sentenza poi riformata dal Tribunale di Lucca/Viareggio, il quale ritenne che nella specie era da identificarsi una mera responsabilita' contrattuale e che l'azione era prescritta a norma dell'art. 1495 c.c..

Propone ricorso per cassazione il C. a mezzo di quattro motivi. Risponde con controricorso il B. Il ricorrente ha depositato memoria per l'udienza.

Motivi della decisione

Con il primo motivo il ricorrente, nel lamentare la violazione degli artt. 2043 e 1218 c.c. sostiene che nella specie sarebbe individuabile il concorso dell'azione contrattuale con quella extracontrattuale, con l'applicabilita', dunque, del piu' lungo termine prescrizionale riferito all'illecito aquiliano.

Con il secondo motivo, lamentando la violazione degli artt. 1495 e 2947 c.c., il ricorrente sostiene che l'azione non sarebbe prescritta, in quanto alla fattispecie sarebbe applicabile il termine prescrizionale quinquennale relativo alla responsabilita' da fatto illecito, decorrente non dal momento della notifica dell'atto di citazione, bensi' dalla raccomandata del 28 marzo 2002.

I motivi, che possono essere congiuntamente esaminati, sono infondati.

Deve essere qui ribadito il principio secondo cui, in materia di compravendita, in caso di inadempimento del venditore, oltre alla responsabilita' contrattuale da inadempimento o da inesatto adempimento, e' configurabile anche la responsabilita' extracontrattuale del venditore stesso, qualora il pregiudizio arrecato al compratore abbia leso interessi di quest'ultimo che, essendo sorti al di fuori del contratto, hanno la consistenza di diritti assoluti; diversamente, quando il danno lamentato sia la conseguenza diretta del minor valore della cosa venduta o della sua distruzione o di un suo intrinseco difetto di qualita' si resta nell'ambito della responsabilita' contrattuale, le cui azioni sono soggette a prescrizione annuale (Cass. n. 11410/08).

Nella specie, il giudice del merito ha correttamente escluso l'esistenza della responsabilita' extracontrattuale, sul rilievo della mancata doglianza della lesione di interessi sorti al di fuori del contratto ed aventi la consistenza di diritti assoluti, ed ha ricondotto il termine prescrizionale sotto la disciplina dell'art. 1495 c.c. Il terzo motivo (violazione artt. 1490, 1494, 1495 e 2944 c.c.) e' inammissibile, in quanto chiede alla Corte di legittimita' l'accertamento di fatto relativo al comportamento del venditore successivamente alla vendita.

Altrettanto inammissibile e' il quarto motivo (violazione art. 1226 c.c.), diretto a veder affermata la possibilita' dell'equitativo apprezzamento del danno, posto che, una volta respinti i motivi concernenti la dichiarata prescrizione, il ricorrente non ha interesse alla relativa delibazione.

In conclusione, il ricorso deve essere respinto. Il diverso esito dei giudizi di merito consiglia l'intera compensazione tra le parti delle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa interamente tra le parti le spese del giudizio di cassazione.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.024
Cookie