RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione SS.UU civile del 20 maggio 2014, n. 11021


Sentenza · sottoscrizione · mancanza · impugnazione · ordinanza · elemento · assoluta · procedura civile

fonte:http://www.eius.it/giurisprudenza/2014/097.asp

"Evidenziarono, in particolare, che - secondo la costante giurisprudenza di legittimita' - una volta intervenuta la pubblicazione della sentenza, il giudice adito si spoglia del potere di decidere sulla domanda portata al suo esame, restando la sua potesta' giurisdizionale esaurita in relazione alla specifica controversia.

Nelle more del ricorso, la Corte d'Appello emise una nuova deliberazione (con la sentenza n. 862 del 2006, nella medesima composizione collegiale) di contenuto identico alla precedente.

Gli appellanti soccombenti proposero ricorso contro questa decisione, atteso che la pubblicazione della precedente sentenza, ancorche' affetta da nullita' assoluta, aveva comportato il totale esaurimento della potesta' giurisdizionale del giudice in relazione alla specifica controversia."

"Le Sezioni Unite ritengono invece che la soluzione della quaestio iuris vada trovata, valorizzando la distinzione tra "mancanza" e "insufficienza" della sottoscrizione del giudice."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La vicenda processuale trae origine da un giudizio di appello, definito con la riforma della sentenza di primo grado che aveva rigettato la domanda di usucapione dell'attrice, nel quale il presidente del Collegio aveva omesso di sottoscrivere la decisione (sentenza n. 322 del 2006).

Lo stesso presidente, informato del fatto dal cancelliere, dispose la comparizione delle parti in camera di consiglio e, quindi, fisso', con ordinanza, una nuova udienza collegiale per la rinnovazione della discussione della causa sull'assunto che, non essendosi completato l'iter decisorio del procedimento, doveva ritenersi persistere la potestas judicandi in capo all'organo giudicante, per cui la causa doveva (e poteva) nuovamente essere posta in decisione.

L'ordinanza fu impugnata dagli appellanti soccombenti con ricorso per cassazione ex art. 111 Cost. sul rilievo che, con essa, il collegio aveva considerato la sentenza non sottoscritta tamquam non esset e non solo giuridicamente inesistente, cosi' precludendo la possibilita' di impugnarla nelle forme di legge.

Evidenziarono, in particolare, che - secondo la costante giurisprudenza di legittimita' - una volta intervenuta la pubblicazione della sentenza, il giudice adito si spoglia del potere di decidere sulla domanda portata al suo esame, restando la sua potesta' giurisdizionale esaurita in relazione alla specifica controversia.

Nelle more del ricorso, la Corte d'Appello emise una nuova deliberazione (con la sentenza n. 862 del 2006, nella medesima composizione collegiale) di contenuto identico alla precedente.

Gli appellanti soccombenti proposero ricorso contro questa decisione, atteso che la pubblicazione della precedente sentenza, ancorche' affetta da nullita' assoluta, aveva comportato il totale esaurimento della potesta' giurisdizionale del giudice in relazione alla specifica controversia.

Chiesero, quindi, la rimessione del processo alla Corte d'appello di Salerno perche' provvedesse alla rinnovazione del giudizio con un diverso collegio.

In cassazione i due ricorsi sono stati riuniti.

La Sezione Seconda civile, investita dei ricorsi (nn. 25447/2006 e 2696/2008), con ordinanza del 2 luglio 2013, n. 16571, emessa all'esito dell'udienza del 22 maggio 2013, ha trasmesso gli atti al Primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite.

I ricorsi riuniti sono stati chiamati alla presente udienza davanti alle Sezioni Unite della Corte di cassazione.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. La questione di diritto posta dall'ordinanza di rimessione.

La Seconda Sezione Civile della Corte di cassazione, investita dei ricorsi nn. 25447/2006 e 2696/2008, con ordinanza del 2 luglio 2013, emessa all'esito dell'udienza del 22 maggio 2013, ha trasmesso gli atti al primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle Sezioni unite, profilandosi, in relazione alla tematica che i ricorsi presentavano, un contrasto di soluzioni giurisprudenziali da parte delle sezioni semplici della Corte, e, comunque, ponendosi una questione di massima di particolare importanza con riferimento alla natura del vizio della sentenza collegiale priva della sottoscrizione del presidente del collegio, alla disciplina processuale applicabile, ed al regime della sua impugnabilita'.

La Corte ha ripercorso e dettagliatamente illustrato l'iter della giurisprudenza della Corte che su tale tematica si e' variamente pronunciata.

2. Gli orientamenti della Corte di cassazione.

Nell'interpretazione giurisprudenziale assumono rilievo due distinti profili.

Da un lato, le decisioni della Suprema Corte hanno investito l'ambito dell'art. 161 cpv. c.p.c., ossia, in concreto, se vi siano ipotesi in cui l'omessa sottoscrizione, parziale o totale, non determini necessariamente un vizio assoluto della sentenza.

Dall'altro, poi, l'elaborazione giurisprudenziale ha cercato di individuare quali fossero gli eventuali rimedi per ovviare al vizio in cui l'atto fosse incorso.

Secondo l'orientamento maggioritario, la sentenza collegiale priva della sottoscrizione del presidente del collegio (o dell'estensore) e' affetta da nullita' assoluta e insanabile (parificata all'inesistenza) per l'assenza di un requisito essenziale del provvedimento; e tale vizio non sarebbe emendabile, ne' con il procedimento di correzione degli errori materiali, ne' con la rinnovazione della pubblicazione da parte del medesimo organo (che ha esaurito la sua funzione giurisdizionale), senza possibilita' di distinguere tra omissione intenzionale o involontaria (da S.U. 9 marzo 1981, n. 1297; da ultimo Cass. 26 maggio 2009, n. 12167; Cass. 28 settembre 2006, n. 21049; in precedenza fra le tante Cass. 16 novembre 1988, n. 6204).

In questa evenienza la causa, in esito all'impugnazione, va rimessa al medesimo giudice che ha emesso il provvedimento che dovra' provvedere, non alla mera rinnovazione della sentenza ma al riesame del merito della controversia.

Un altro risalente orientamento, invece, ritiene che la sentenza sia integrabile attraverso l'applicazione del procedimento di correzione degli errori materiali, mentre un'ulteriore posizione distingue tra omissione intenzionale e omissione involontaria, ritenendo solo la prima inemendabile (Cass. 15 marzo 1952, n. 694; Cass. 13 ottobre 1975, n. 3310; da ultimo, segue questo orientamento Cass. 2 dicembre 1983, n. 7226).

Una ulteriore tesi poi, pur ribadendo la gravita' del vizio, ha ritenuto ammissibile che l'atto possa essere rinnovato dallo stesso giudice funzionalmente competente con l'emissione di una nuova, valida sentenza (Cass. 22 settembre 1993, n. 9661; Cass. 31 ottobre 2005, n. 21193).

Questa soluzione e' apparsa idonea ad assumere uno specifico rilievo con riferimento alle pronunce della Corte di cassazione che siano affette da un simile vizio (vale a dire mancanti della sottoscrizione del consigliere estensore o del presidente del collegio).

Rispetto a queste, infatti, non sono esperibili gli ordinari mezzi di impugnazione, e l'esperimento dell'azione di nullita' - di per se' limitata alla sola rimozione della decisione invalida - impedirebbe l'adozione di una valida pronuncia sostitutiva di quella nulla.

In dottrina, poi, anche se l'orientamento dominante ritiene la sentenza priva di sottoscrizione radicalmente nulla, e suscettibile di essere rimossa, oltre che con gli ordinari mezzi di impugnazione, solo con una autonoma azione di accertamento negativo, di per se' non sottoposta a limiti temporali, sono state avanzate tesi che ridimensionano l'incidenza del vizio.

Sotto questo profilo, infatti, si e' affermato che l'art. 161 cpv. c.p.c. riguarda la sola ipotesi in cui l'omissione investa entrambe le sottoscrizioni - sia del presidente del collegio sia dell'estensore -, mentre, in tutti i casi di difetto parziale di sottoscrizione (indipendentemente dalla volontarieta' o meno dello stesso), la vicenda si incanala nella disciplina nell'art. 156, secondo comma, c.p.c.

I rimedi

Secondo l'orientamento prevalente, una volta intervenuta la pubblicazione della sentenza, il giudice adito si spoglia del potere di decidere sulla domanda gia' portata al suo esame, dovendosi considerare il suo potere di giurisdizione esaurito in relazione a quella controversia, e la sentenza emessa - anche se, eventualmente, gravemente viziata, come nell'ipotesi di mancata sottoscrizione rituale da parte del giudice - puo' essere esclusivamente rimossa o attraverso l'impugnazione al giudice sopra ordinato (a seconda dei casi, con l'appello o con il ricorso per cassazione) - e, quindi, con gli stessi rimedi prescritti dal primo comma dell'art. 161 c.p.c. per le nullita' a carattere relativo - ovvero con la proposizione di autonoma actio nullitatis, trattandosi di nullita' assoluta.

La mancanza di questo requisito essenziale determina - come detto - la nullita' assoluta della sentenza, senza la possibilita' che il vizio sia sanabile, ne' attraverso il procedimento di correzione degli errori materiali (che presuppone un provvedimento dal contenuto affetto da omissioni od errori, ma ormai completo nel suo procedimento di formazione), ne', tantomeno, con la rinnovazione della pubblicazione da parte dello stesso organo che - emessa la pronunzia - ha ormai esaurito la sua funzione giurisdizionale.

Tale vizio di nullita', rilevabile anche d'ufficio, comporta la rimessione della causa al medesimo giudice che ha emesso la sentenza carente di sottoscrizione, il quale viene investito del potere dovere di riesaminare il merito della causa stessa e non puo' limitarsi ad una semplice rinnovazione della sentenza.

Resta quindi escluso che dopo la pubblicazione della sentenza possa procedersi ad una integrazione delle sottoscrizioni con l'apposizione di quelle mancanti, per l'ormai avvenuta consumazione della potesta' giurisdizionale da parte del giudice che ha emesso il provvedimento.

3. La decisione di questa Suprema Corte.

Sulla questione, quindi, le posizioni assunte dalla giurisprudenza - come si e' visto - sono molteplici.

Dall'orientamento dominante, per il quale la sentenza collegiale priva della sottoscrizione del presidente o dell'estensore sarebbe affetta da nullita' assoluta e insanabile, in quanto mancante di un elemento essenziale dell'atto si passa a quello, diametralmente opposto, per il quale il vizio sarebbe emendabile con la procedura di correzione degli errori materiali.

Ma queste prese di posizione riguardano la sentenza totalmente priva di sottoscrizione.

Quando invece l'omissione e' parziale, la visione prospettica che le Sezioni Unite intendono percorrere e' quella dell'applicabilita' dell'art. 161, comma 1, c.p.c., con la conseguente conversione della nullita' in motivo di impugnazione.

Innanzitutto, non conviene addentrarsi nell'irto sentiero tracciato da un fugace accenno della Relazione al codice di procedura civile: distinguere cioe' tra errore e dolo del giudice nell'omettere la sottoscrizione.

Va svalutata la rilevanza della distinzione tra omissione volontaria e involontaria.

Invero, di regola gli stati soggettivi del giudice sono irrilevanti nel processo, e non costituiscono causa di nullita'.

Quando il legislatore ha voluto dar rilievo processuale a tali stati cognitivi lo ha fatto con norme specifiche, che hanno anche previsto un procedimento volto a tale accertamento.

Di questa voluntas legis non c'e' traccia alcuna nell'art. 161 c.p.c.

E - va aggiunto - a giusta ragione, perche' prevedere una nullita' assoluta nel caso di dolosa omissione di un giudice (che, magari, messo in minoranza non ha condiviso la decisione) significherebbe consentire a quella voluntas prava di raggiungere i suoi effetti perversi.

Le Sezioni Unite ritengono altresi' che non sia percorribile il tracciato che porta all'applicazione della procedura di correzione degli errori materiali.

La ragione e' palese: se la norma qualifica espressamente la sottoscrizione come elemento essenziale della sentenza, tanto da sancirne la mancanza con la sanzione della nullita', e' evidentemente precluso il percorso ermeneutico che - in urto frontale con il testo e l'interpretazione sistematica - declassi quell'elemento da essenziale ad inessenziale per rendere possibile la procedura anzidetta.

Le Sezioni Unite ritengono invece che la soluzione della quaestio iuris vada trovata, valorizzando la distinzione tra "mancanza" e "insufficienza" della sottoscrizione del giudice.

Questa distinzione e' familiare al codice (pensiamo all'art. 132, ultimo comma, c.p.c.) e deriva dalla diretta e cospirante applicazione dei criteri ermeneutici testuale, logico e della ratio legis.

Cominciamo da quest'ultimo.

La sottoscrizione della sentenza e' richiesta per il perfezionamento dell'atto.

La sottoscrizione e' elemento essenziale perche' la sentenza sia riconoscibile come tale e ne sia palese la provenienza dal giudice che l'ha deliberata.

Forti di questa ratio legis caliamoci, ora, sul testo della disposizione e applichiamo il criterio ermeneutico linguistico: si parla di sottoscrizione del giudice.

Se interpretiamo il testo alla luce della ratio legis, si aprono due interpretazioni possibili: a) per sottoscrizione bisogna intendere la doppia sottoscrizione del presidente e del relatore; b) per sottoscrizione bisogna intendere la sottoscrizione di almeno un giudice.

Ora, sotto il profilo testuale, mancanza ed insufficienza hanno una diversa estensione semantica: l'insufficienza si predica di cio' che esiste, non di cio' che non esiste.

Per fare un esempio, una motivazione mancate non puo' essere definita insufficiente. E si puo' qualificare insufficiente solo una motivazione che comunque c'e'.

Anche sotto il profilo logico, mancanza e insufficienza non sono categorie concettualmente assimilabili in un unicum indifferenziato.

La mancanza di un elemento dell'atto significa assenza totale dell'elemento.

L'insufficienza significa invece che l'elemento esiste ma e' viziato: non e' mancante, ma manchevole.

Alla diversita' concettuale corrisponde una diversita' funzionale.

Nel nostro caso, la mancanza di sottoscrizione impedisce la riconducibilita' dell'atto al giudice collegiale. Laddove invece l'insufficiente sottoscrizione da parte del giudice collegiale non impedisce che (tramite la firma presente) la sentenza sia direttamente ascrivibile al giudice che l'ha pronunciata.

I criteri ermeneutici testuale, logico e della ratio legis sono definitivamente rafforzati dal criterio ermeneutico dell'interpretazione costituzionalmente orientata.

Vengono in rilievo il principio di razionalita' e quello di ragionevole durata.

Dal principio di razionalita', che deve innervare qualsiasi interpretazione giuridica, ricaviamo il seguente argomento: a) secondo un criterio di normalita', la mancanza di una delle firme di una sentenza collegiale e' normalmente (cioe' nella quasi totalita' dei casi) dovuta a semplice dimenticanza; b) ora, e' irrazionale far derivare da un mero, banalissimo errore conseguenze cosi' catastrofiche per la parte vittoriosa e conseguenze cosi' clamorosamente favorevoli per la parte soccombente.

Il principio di razionalita' e', a sua volta, potentemente rafforzato dal principio di ragionevole durata del processo e della sua diretta implicazione operativa: cioe' il criterio di efficienza processuale.

Questo principio ci dice: le nullita' insanabili hanno un effetto devastante sul processo.

Un tale effetto si giustifica solo se il costo del ritardo e' bilanciato (e dunque giustificato) dal risultato di accrescere sensibilmente la giustizia del processo.

Dunque, il principio di ragionevole durata trova un limite insormontabile nel principio del giusto processo.

Ma, nel nostro caso, un'interpretazione che sancisse la nullita' assoluta della sentenza priva di una delle due sottoscrizioni sarebbe un formidabile vulnus alla ragionevole durata del processo ma - al tempo stesso - sarebbe una ferita aperta allo stesso principio del giusto processo, perche' si annullerebbe una sentenza conforme al giusto processo (a meno che ovviamente non vi siano altri vizi: ma questa e' prospettiva che non ci riguarda).

davvero difficile immaginare un'interpretazione che - in un colpo solo - ferisca giusto processo e ragionevole durata.

La distinzione, invece, tra mancanza e insufficienza della sottoscrizione schiva tutti questi inconvenienti e ripristina la razionalita' del sistema: non si puo' rispondere a quello che e' - secondo criteri di normalita' - un banale errore di dimenticanza con una reazione cosi' spropositata come la nullita' assoluta.

Occorre una rispondenza logica - cioe' una proporzione - tra azione e reazione: all'errore per dimenticanza si reagisce col meccanismo della nullita' sanabile, cioe' del primo comma dell'art. 161 c.p.c.

La nullita' c'e' perche' la fattispecie processuale concreta non e' conforme al tipo normativo in quanto un elemento strutturale di essa - pur essendoci - e' difettoso.

Ma si tratta di un vizio emendabile, nel senso che la mancata proposizione del motivo di impugnazione da' luogo ad una fattispecie processuale alternativa - normativamente prevista dall'art. 161, comma 1, c.p.c. - equipollente a quella tipica ed idonea al raggiungimento dello scopo.

4. L'esame dei ricorsi.

Le conclusioni cui si e' pervenuti rendono evidente l'inammissibilita' dei ricorsi per cassazione proposti.

Il primo ricorso (R.G. 25447/2006) e' stato proposto avverso un provvedimento - l'ordinanza del 28 luglio 2006 - che non ha contenuto decisorio, con la conseguente inammissibilita' della sua impugnazione con il ricorso ex art. 111 Cost.

Il ricorso straordinario per cassazione ai sensi dell'art. 111 Cost., infatti, e' proponibile avverso provvedimenti giurisdizionali emessi in forma di ordinanza o di decreto solo quando essi siano definitivi ed abbiano carattere decisorio; cioe' siano in grado di incidere con efficacia di giudicato su situazioni soggettive di natura sostanziale (fra le varie S.U. ord. 8 marzo 2006, n. 4915; S.U. ord. 23 gennaio 2004, n. 1245).

Il che ovviamente non e' con riferimento ad un'ordinanza che chiude soltanto una fase incidentale del processo.

Il secondo ricorso (R.G. 2698/2008) ha ad oggetto l'impugnazione della sentenza nuovamente resa dalla Corte di merito correttamente, con la sottoscrizione anche del Presidente del Collegio, ma emessa - per le ragioni dette - in carenza di potestas iudicandi.

Le ricorrenti, invece, avrebbero dovuto impugnare con ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 360, n. 4, c.p.c. proprio la prima sentenza, pubblicata in data 31 marzo 2006, emessa dalla Corte di merito priva della sottoscrizione del Presidente del Collegio, convertendo il vizio in motivo di ricorso per cassazione.

Diversamente, questa sentenza e' passata in giudicato per la sua mancata impugnazione.

Conclusivamente, i ricorsi sono dichiarati inammissibili.

Le ragioni della decisione e la complessita' delle questioni trattate giustificano la compensazione delle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte, pronunciando a sezioni unite, dichiara inammissibili i ricorsi.

Compensa le spese.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.01
Cookie