RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione Tributario 19030 del 2014


Redditometro · presunzioni · debiti · accollo di debito · tributario

"Da quanto esposto deriva che il mero accollo di un debito non e' sufficiente ai fini del metodo di accertamento in esame, non costituendo l'accollo un modo di estinzione delle obbligazioni (diverso dall'adempimento), a differenza, ad esempio, della compensazione (che quindi, questa si', e' idonea a rivelare una corrispondente capacita' economica: cfr. Cass. n. 19647 del 2009), ma solo una modificazione soggettiva del rapporto obbligatorio nel lato passivo."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Solo dalle 18.00 alle 19.00 elaborazioni e sistema esperto legale on demand @2019 IusOnDemand srl, basato sul LegalDesign

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. F.P.M. ha proposto ricorso per precedenti>cassazione avverso laprecedenti> sentenza della Commissione tributaria regionale della Sicilia indicata in epigrafe, con la quale e' stata confermata la legittimita' dell'avviso di accertamento emesso nei suoi confronti con metodo sintetico, del D.P.R. n. 600 del 1973, exprecedenti> art. 38, comma 5 in base alla esistenza di spese sostenute, tra il 1996 e il 1997, per l'acquisto di una farmacia mediante accollo dei relativi debiti.

Il giudice di merito ha affermato che: a) in data 2 agosto 1996 il contribuente aveva acquistato una farmacia per l'importo di circa L. 2.000.000.000, prezzo regolato mediante accollo di debiti di pari importo, che l'acquirente si era impegnato ad onorare entro un anno;

b) tra detti debiti ve n'era uno di L. 1.573.774.330 nei confronti di tale T.A.; c) il 6 agosto 2003 era stata costituita una societa' in nome collettivo tra il F. e T. S., figlio di A., il cui capitale sociale era stato versato, da ciascuno, per l'importo di Euro 305.625,96, risultante quale residuo dell'originario debito di Euro 869.596,90 (corrispondente al suddetto importo di L. 1.573.774.339) per effetto di pagamenti effettuati dal F. alla data del 30 giugno 2003; d) risultava pertanto che "nel lasso di tempo intercorrente tra il 2/8/1996" (indicato, per evidente errore materiale, nel 2/3/2003), "data della compravendita della farmacia ed il 6 agosto 2003, data dell'atto costitutivo della societa' in nome collettivo, l'appellante ha effettuato pagamenti per almeno Euro 563.970,94".

2. L'Agenzia delle entrate ha resistito con controricorso.

3. Con ordinanza resa all'esito dell'udienza del 31 gennaio 2014, la Corte ha disposto il rinvio della causa a nuovo ruolo ai fini dell'acquisizione del fascicolo dei gradi di merito.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con il primo motivo, il ricorrente, denunciando la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973,precedenti> art. 38 deduce che, ai fini del quinto comma di tale articolo, occorre che vi stata l'erogazione di una somma di denaro, alla quale non puo' essere equiparato l'indebitamento privo di adempimento, come avvenuto nella fattispecie, in cui dalla stessaprecedenti> sentenza risulta che la spesa si e' verificata solo, parzialmente, nel 2003 e non negli anni oggetto di accertamento.

Formula, pertanto, il quesito se la norma citata "torna applicabile anche quando non vi sia stata, nell'anno in esame, nessuna dazione di denaro e quindi nessuna spesa, ma solo un accollo di debiti con una previsione di esborso (poi verificatosi) negli anni successivi".

2. Il motivo va accolto, nei sensi di seguito precisati.

Il D.P.R. n. 600 del 1973,precedenti> art. 38 disciplina, fra l'altro, com'e' noto, il metodo di accertamento sintetico del reddito e, nel testo vigente ratione temporis (cioe' tra la L. n. 413 del 1991 e il D.L. n. 78 del 2010, convertito in L. n. 122 del 2010), prevede, da un lato (comma 4), la possibilita' di presumere il reddito complessivo netto sulla base della valenza induttiva di una serie di elementi e circostanze di fatto certi, costituenti indici di capacita' contributiva, connessi alla disponibilita' di determinati beni o servizi ed alle spese necessarie per il loro utilizzo e mantenimento (in sostanza, un accertamento basato sui consumi); dall'altro (quinto comma), contempla le "spese per incrementi patrimoniali", cioe' quelle - di solito elevate - sostenute per l'acquisto di beni destinati ad incrementare durevolmente il patrimonio del contribuente (esempio tipico, l'acquisto di una casa di abitazione): in questo caso, e' stabilita una presunzione di imputabilita' del reddito, in quote costanti, all'anno in cui la spesa e' stata effettuata ed ai cinque precedenti, cioe' una disciplina di favore, adottata in base all'id quod plerumque accidit, ossia al fatto che la capacita' di effettuare una determinata spesa ben puo' attribuirsi non al reddito prodotto nello stesso anno d'imposta cui l'accertamento si riferisce, bensi' alla disponibilita' di capitale accumulato negli anni precedenti.

Nella ipotesi delle spese per incrementi patrimoniali, che qui interessa, l'accertamento deve basarsi, quindi, sulla diretta dimostrazione (risultante, solitamente, da un atto formale) della effettiva erogazione della spesa - costituente il fatto noto, manifestazione di ricchezza - da parte del contribuente in un determinato momento o arco di tempo (uno o piu' anni d'imposta); e salva restando, ai sensiprecedenti> dell'art. 38 cit., comma 6 la prova contraria, consistente nella dimostrazione documentale della sussistenza e del possesso, da parte del contribuente, di redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta (con riferimento alla complessiva posizione reddituale dell'intero suo nucleo familiare, costituito dai coniugi conviventi e dai figli, soprattutto minori: precedenti>Cass. n. 5365 del 2014), o, piu' in generale, nella prova che il reddito presunto non esiste o esiste in misura inferiore (precedenti>Cass. nn. 20588 del 2005, 9539 del 2013); o, ancora, che il pagamento del prezzo non e' avvenuto e, quindi, l'acquisto effettuato non denota una reale disponibilita' economica, poiche' il contratto stipulato, in ragione della sua natura simulata, ha una causa gratuita, anziche' quella onerosa apparente (precedenti>Cass. nn. 8665 del 2002, 5991 del 2006).

Da quanto esposto deriva che il mero accollo di un debito non e' sufficiente ai fini del metodo di accertamento in esame, non costituendo l'accollo un modo di estinzione delle obbligazioni (diverso dall'adempimento), a differenza, ad esempio, della compensazione (che quindi, questa si', e' idonea a rivelare una corrispondente capacita' economica: cfr. precedenti>Cass. n. 19647 del 2009), ma solo una modificazione soggettiva del rapporto obbligatorio nel lato passivo.

L'accollo di un debito non comporta, cioe', l'attuale erogazione di spesa e non e' dunque effettiva ed attuale espressione di capacita' economica nella prospettivaprecedenti> dell'art. 38, comma 5, cit.; espressione di tale capacita' ai detti fini e', invece, costituita dai singoli atti di estinzione dell'obbligazione accollata.

Occorre, in definitiva, dimostrare l'effettivo sostenimento di una spesa in uno piu' periodi d'imposta ed applicare, quindi, il metodo di accertamento sintetico in relazione agli anni interessati, sia direttamente che a seguito della "spalmatura" del reddito nei cinque anni precedenti, in applicazione del sopra richiamato criterio presuntivo (anch'esso soggetto a prova contraria) di cui all'art. 38, comma 5.

3. Il secondo motivo, con il quale e' denunciata la contraddittorieta' della motivazione della sentenza, e' inammissibile per mancanza della chiara e sintetica indicazione del fatto controverso, ai sensi del -ratione temporis vigente -precedenti> art. 366 bis cod. proc. civ..

4. In conclusione, va accolto il primo motivo di ricorso e dichiarato inammissibile il secondo; laprecedenti> sentenza impugnata deve essere cassata in relazione al motivo accolto e la causa rinviata ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Sicilia, la quale procedera' - sulla base dei fatti accertati, sopra riportati in narrativa - a nuovo esame della controversia, uniformandosi agli enunciati principi, oltre a provvedere in ordine alle spese anche del presente giudizio di legittimita'.

P.Q.M. La Corte accoglie il primo motivo, inammissibile il secondo, cassa laprecedenti> sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia la causa, anche per le spese, ad altra sezione della Commissione tributaria regionale della Sicilia.

Cosi' deciso in Roma, il 30 aprile 2014.

Depositato in Cancelleria il 10 settembre 2014



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.018
Cookie