RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione III Civile, sentenza 15 luglio - 11 settembre 2014, n. 19172


Fotografie · responsabilita' del medico · avvocato · uso · civile · risarcimento · immagine · dati personali · autorizzazione

fonte:http://www.avvocatocivilista.net/sentenza.php?id=8893

"In giudizio il C. , attraverso il suo difensore avv. A. , produsse fotografie a seno nudo della G. riguardanti il primo intervento e delle quali la G. aveva autorizzato la pubblicazione ai soli fini scientifici. Il giudice ritenne irrilevanti queste foto e ne ordino' lo stralcio. Per quella produzione processuale la G. chiamo', allora, in giudizio in unico grado risarcitorio il C. ed il suo avvocato A. . Il giudice li condanno' in solido al pagamento di una somma di danaro in favore della G. , ritenendo trattarsi di pubblicazione non autorizzata."

"Nella specie, il giudice ha proceduto alla liquidazione del danno non patrimoniale, esercitando il proprio potere equitativo, con riferimento ad una serie di fattori (cfr. il paragrafo tra la penultima e l'ultima pagina della sentenza) che sottraggono il punto della sentenza alla censura di legittimita'.

Il ricorso dell'avv. A. ."

"È pur vero che quella in questione deve essere definita, ai fini normativi, come una comunicazione, e non come una diffusione, siccome rivolta a "dare conoscenza dei dati personali a uno o piu' soggetti determinati diversi dall'interessato" (cfr. art. 4 lett. L). Tuttavia, ai sensi dell'art. 4, lett. A), si intende per trattamento qualunque operazione concernente, tra l'altro, "... la comunicazione, la diffusione..." dei dati. Trattamento che, ai sensi dell'art. 23, e' ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato, validamente prestato solo se espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, se e' documentato per iscritto e se sono state rese all'interessato le informazioni di cui all'art. 13.

Nella specie, e' indiscusso che il consenso era stato fornito dall'interessata per fin i scientifici e, dunque, del tutto estranei al trattamento poi effettivamente realizzato."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Presidente Berruti – Relatore Spirito

Svolgimento del processo

La vicenda processuale in esame ha il seguente antefatto.

La G. nel (…) si sottopose ad intervento di mastoplastica additiva eseguito dal dr. C. . La stessa, nel (…), si sottopose, ad opera dello stesso medico, ad intervento di addominoplastica, poi agi' contro il C. per risarcimento del danno da responsabilita' medica con riferimento al secondo intervento. In giudizio il C. , attraverso il suo difensore avv. A. , produsse fotografie a seno nudo della G. riguardanti il primo intervento e delle quali la G. aveva autorizzato la pubblicazione ai soli fini scientifici. Il giudice ritenne irrilevanti queste foto e ne ordino' lo stralcio. Per quella produzione processuale la G. chiamo', allora, in giudizio in unico grado risarcitorio il C. ed il suo avvocato A. . Il giudice li condanno' in solido al pagamento di una somma di danaro in favore della G. , ritenendo trattarsi di pubblicazione non autorizzata.

Propongono distinti ricorsi per cassazione il dr. C. (tre motivi) e l'avv. A. (cinque motivi). La G. risponde con distinti controricorsi avverso ciascuno dei ricorsi e deposita memorie per l'udienza.

Motivi della decisione

Il ricorso del dr. C. .

Il primo motivo, invocando la disposizione dell'art. 8, comma 2, lett. E) del D.lgs. n. 196 del 2003, sostiene che la produzione in atti processuali delle fotografie in questione non puo' essere considerata una pubblicazione, siccome avvenuta nel ristretto ambito processuale, rispetto al quale il diritto costituzionale di agire e difendersi in giudizio derogherebbe alla tutela della riservatezza dei dati personali.

Il secondo motivo (violazione ed erronea interpretazione di norma di legge) sostiene che la produzione in atti delle immagini fotografiche avvenne allo scopo di illustrare quanto riportato nella cartella clinica, al fine di consentire al magistrato una visione completa di tutti gli elementi idonei alla conoscenza reale delle circostanze di causa.

I motivi, che possono essere congiuntamente trattati, sono inammissibili.

La disposizione normativa invocata dal ricorrente stabilisce che i diritti dell'interessato di cui al precedente art. 7 (di ottenere l'indicazione dell'origine e delle finalita' dei dati, di ottenere l'aggiornamento o la cancellazione degli stessi, di opporsi in tutto o in parte al relativo trattamento, ecc.) non possono essere esercitati se il trattamento dei dati e' effettuato, tra l'atro, "ai sensi dell'articolo 24, comma 1, lettera f), limitatamente al periodo durante il quale potrebbe derivarne un pregiudizio effettivo e concreto... per l’esercizio del diritto in sede giudiziaria". A sua volta, la richiamata disposizione dell'art. 24, comma 1, lettera f), autorizza il trattamento dei dati personali senza consenso dell'interessato nell'ipotesi in cui, tra l'altro, esso sia "... necessario per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalita' e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento...".

L'art. 26 (Garanzie per i dati sensibili) stabilisce al comma 4 che i dati sensibili possono essere oggetto di trattamento quando, tra l'altro, esso "e' necessario... per far valere o difendere in sede giudiziaria un diritto, sempre che i dati siano trattati esclusivamente per tali finalita' e per il periodo strettamente necessario al loro perseguimento".

L'applicazione del combinato disposto legislativo presuppone, dunque, l'accertamento di merito concernente la necessita' del trattamento, ai suddetti fini difensivi, in sede giudiziaria e la circostanza che esso avvenga esclusivamente per tali finalita' e per il periodo necessario. Accertamento in concreto svolto dal Tribunale, il quale spiega, in proposito, che la divulgazione in sede processuale dell'immagine della G. (relativa al precedente intervento di mastoplastica) e' avvenuta "in un contesto ove... era del tutto inutile e non finalizzata alla strategia difensiva del medico, citato in giudizio per un'asserita responsabilita' professionale per il diverso intervento di addominoplastica.."; aggiungendo, altresi', a conferma dell'asserto, che il giudice della causa risarcitoria aveva disposto lo stralcio dell'immagine, ritenendola non pertinente alla fattispecie in contestazione.

Si tratta di un accertamento che, nella specie, il giudice ha svolto e motivato in maniera congrue e logica, si' da sottrarsi alla censura in sede di legittimita'.

Il terzo motivo (illogicita' di motivazione e violazione della norma di legge) sostiene che il giudice avrebbe reso la sentenza di condanna senza che fosse stata provata l'esistenza di danni risarcibili. In particolare, il danno sarebbe stato valutato e liquidato senza contemperare, in maniera equilibrata, la gravita' del fatto illecito e l'intensita' e la durata degli effetti del danno ingiusto. Il motivo e' infondato.

L'art. 15 del citato decreto stabilisce, al primo comma, che "chiunque cagiona danno ad altri per effetto del trattamento di dati personali e' tenuto al risarcimento ai sensi dell'articolo 2050 del codice civile", aggiungendo, poi, al secondo comma, che "il danno non patrimoniale e' risarcibile anche in caso di violazione dell'art. 11". L'art. 11 disciplina, a sua volta, la modalita' del trattamento ed i requisiti dei dati.

Nella specie, il giudice ha proceduto alla liquidazione del danno non patrimoniale, esercitando il proprio potere equitativo, con riferimento ad una serie di fattori (cfr. il paragrafo tra la penultima e l'ultima pagina della sentenza) che sottraggono il punto della sentenza alla censura di legittimita'.

Il ricorso dell'avv. A. .

Il primo motivo censura la sentenza per violazione e falsa applicazione dell'art. 24, comma 1, lett. F) del D.lgs. 196/03 e dell'art. 26, comma 4, lett. C) dello stesso decreto e sostiene che con il deposito delle fotografie in questione il C. esercitava il diritto di difesa per la tutela dei propri diritti ed interessi.

Il secondo motivo (violazione delle disposizioni di cui al precedente motivo e vizio della motivazione) lamenta che il giudice abbia confuso i concetti di utilita' della prova e di liceita' della produzione stessa e non abbia tenuto conto che questa era finalizzata a dimostrare che l'analisi sulla capacita' cicatrizzatrice della paziente era stata effettuata correttamente e che, se si fosse seguita un'adeguata terapia postoperatoria, il soggetto avrebbe potuto portare a termine una cicatrizzazione favorevole.

I motivi, che possono essere congiuntamente esaminati, sono inammissibili per le ragioni gia' espresse in relazione ai primi due motivi del ricorso del C. , dovendosi anche in questo caso rilevare che il ricorrente chiede alla Corte di legittimita' una serie di accertamenti di fatto rientranti nel potere discrezionale del giudice di merito.

Il terzo motivo (violazione e falsa applicazione delle norme di cui ai precedenti motivi, nonche' vizio della motivazione) sostiene che nella specie non s'e' trattato di diffusione di dati (di cui all'art. 4 lett. M), bensi' di diffusione (di cui all'art. 4 lett. L), che la visione delle fotografie era limitata a soggetti tenuti al segreto d'ufficio, che il consenso era stato prestato a fini scientifici e di documentazione.

Il motivo e' infondato.

È pur vero che quella in questione deve essere definita, ai fini normativi, come una comunicazione, e non come una diffusione, siccome rivolta a "dare conoscenza dei dati personali a uno o piu' soggetti determinati diversi dall'interessato" (cfr. art. 4 lett. L). Tuttavia, ai sensi dell'art. 4, lett. A), si intende per trattamento qualunque operazione concernente, tra l'altro, "... la comunicazione, la diffusione..." dei dati. Trattamento che, ai sensi dell'art. 23, e' ammesso solo con il consenso espresso dell'interessato, validamente prestato solo se espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, se e' documentato per iscritto e se sono state rese all'interessato le informazioni di cui all'art. 13.

Nella specie, e' indiscusso che il consenso era stato fornito dall'interessata per fin i scientifici e, dunque, del tutto estranei al trattamento poi effettivamente realizzato.

Il quarto motivo (vizio della motivazione) e' inammissibile, siccome introduce questioni di fatto concernenti la circostanza che gia' l'interessata aveva rivelato i propri dati sensibili attraverso il deposito della cartella clinica relativa alla mastoplastica e che la stessa non era, peraltro riconoscibile nella fotografia depositata.

Il quinto motivo (violazione di legge e vizio della motivazione) che concerne la liquidazione del danno non patrimoniale, deve essere respinto per le stesse ragioni gia' espresse in relazione al terzo motivo del C. . In conclusione, entrambi i ricorsi devono essere respinti, con condanna dei ricorrenti a rivalere la controparte delle spese sopportate nel giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese del giudizio di cassazione che liquida, a carico di ciascuno di essi, in complessivi Euro 3200,00, di cui Euro 3000,00 per compensi, oltre spese generali ed accessori di legge.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.32
Cookie