RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione VI ordinanza 26 gennaio 2015, n. 1264


Famiglia · divorzile · assegno · mantenimento · separazione · patrimoniali · civile

fonte:http://renatodisa.com/2015/01/28/corte-di-cassazione-sezione-vi-ordinanza-26-gennaio-2015-n-1264-lassegno-divorzile-compete-al-coniuge-che-sia-privo-di-mezzi-tali-da-potergli-permettere-il-mantenimento-di-un-tenore-di-vita-an/

"Con motivazione congrua ed immune da vizi, la sentenza impugnata, sulla scorta delle indagini di polizia tributaria, ha evidenziato le ingenti disponibilita' patrimoniali, di cui il marito gia' godeva nei primi anni novanta (quando non era ancora intervenuta la separazione), tanto da aver costituito, con un rilevantissimo conferimento, una societa' di capitali, con un notevole saldo di conto corrente, anche grazie ad una donazione miliardaria del proprio padre, a fronte delle modestissime disponibilita' patrimoniali della moglie."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Cassazione sezione VI ordinanza 26 gennaio 2015, n. 1264

In un procedimento di divorzio tra M. E. A. e A. D., la Corte d'appello di Reggio Calabria con sentenza del 14/11/2011, confermava la pronuncia del locale Tribunale in data 22/2/2008, che aveva determinato un assegno, a carico del marito, per la moglie e per i due figli, maggiorenni, ma non autosufficienti economicamente, prevedendo che l'assegno divorzile decorresse dalla data della domanda della moglie.

Ricorre per cassazione il marito.

Non svolge attivita' difensiva la moglie.

Con i primi due motivi, il ricorrente censura la pronuncia impugnata, rispettivamente nella parte in cui ha determinato l'assegno divorzile a favore della moglie e proceduto alla quantificazione di esso, insieme con quello dovuto a titolo di mantenimento dei due figli.

Il ricorrente propone in questa sede valutazioni di merito, che esulano dal giudizio di legittimita'. La Corte territoriale si e' uniformata al consolidato orientamento giurisprudenziale, per cui l'assegno divorzile compete al coniuge che sia privo di mezzi, tali da potergli permettere il mantenimento di

un tenore di vita analogo a quello tenuto, durante la vita matrimoniale (per tutte, Cass. n. 20582/2010).

Con motivazione congrua ed immune da vizi, la sentenza impugnata, sulla scorta delle indagini di polizia tributaria, ha evidenziato le ingenti disponibilita' patrimoniali, di cui il marito gia' godeva nei primi anni novanta (quando non era ancora intervenuta la separazione), tanto da aver costituito, con un rilevantissimo conferimento, una societa' di capitali, con un notevole saldo di conto corrente, anche grazie ad una donazione miliardaria del proprio padre, a fronte delle modestissime disponibilita' patrimoniali della moglie.

La sentenza da' atto altresi' del fatto che, negli anni 2000/2001 (e, dunque, dopo la separazione) il marito aveva movimentato ingenti somme di denaro in due conti correnti e che rimane priva di fondamento l'apodittica censura di errore materiale di battitura, relativamente ai movimenti di uno dei due conti correnti, pur formalmente intestato ad una societa' terza.

Altrettanto apodittiche e prive di riscontri probatori, secondo la Corte d'appello, le affermazioni, che vengono riproposte in questa sede, con cui si pretende di ascrivere l'elevato tenore di vita della famiglia durante la convivenza matrimoniale e la separazione, esclusivamente agli aiuti economici del padre del ricorrente, nel frattempo deceduto.

Sulla base di tali considerazioni, la Corte territoriale, con valutazione congrua e non censurabile in sede di legittimita', sulla base della considerazione delle rispettive posizioni economiche delle parti, ha liquidato l'assegno di mantenimento in favore della moglie e dei due figli, confermando sul punto al sentenza di prime cure.

Con il terzo motivo, il marito censura la sentenza della Corte d'appello, la' dove, in accoglimento dell'appello incidentale della moglie, aveva disposto la decorrenza dell'assegno divorzile dalla data della sua domanda.

Come e' noto, l'art. 4, comma 13, 1. 898/1970, nel consentire la decorrenza dell'assegno divorzile dalla domanda, conferisce al giudice un potere discrezionale (Cass. n. 1613 del 2011). Dal generale contesto motivazionale, emerge la scelta della Corte territoriale che, all'evidenza, ne dispone la decorrenza dalla domanda, tenuto conto della notevolissima disparita' di condizioni economiche tra i due coniugi.

Con il quarto motivo, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione dell'art. 11 l. 196/2003, nonche' dell'art. 1343 c.c.. 6 della 1, 898/970. Il motivo e' palesemente inammissibile, in quanto il ricorrente censura in questa sede il 'convincimento' del 'primo giudice', formatosi sulla relazione di una societa' investigativa. Il motivo non propone, al riguardo, censura alla sentenza impugnata, che, dal canto suo, non fa riferimento alcuno alla relazione di detta societa', mentre quanto alle indagini tributarie, si limita ad affermare, del tutto apoditticamente, che esse risultano erronee e lacunose.

Va conclusivamente rigettato il ricorso.

Nulla sulle spese non essendosi costituita l'intimata.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

In caso di diffusione del presente provvedimento, omettere generalita' ed atti identificativi, a norma dell'art. 52 D.lgs. 196/03, in quanto imposto dalla legge.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.005
Cookie