RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Corte Europea dei Diritti dell'Uomo II sez. Ricorso n. 23066/07


Immobili · espropriazione · pubblica utilita' · europa

fonte:http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_20_1.wp?previsiousPage=mg_16_1&contentId=SDU1122650

"In seguito, la legge finanziaria n. 244 del 2007 ha stabilito che i proprietari espropriati devono ottenere un risarcimento corrispondente al valore intero del bene, non essendo piu' ammessa alcuna riduzione.

33. Nell'applicare questi principi, la corte d'appello di Napoli ha sostanzialmente ritenuto che l'espropriazione indiretta del terreno dei ricorrenti fosse contraria all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione, cosi' come interpretato dalla giurisprudenza della Corte, e comportasse una violazione del diritto di proprieta' dei ricorrenti e l'obbligo per l'amministrazione di riparare la violazione. La corte d'appello condanno' pertanto l'amministrazione a versare ai ricorrenti un indennizzo corrispondente al valore venale del terreno, piu' rivalutazione e interessi a decorrere dalla data dalla perdita della proprieta'.

34. La Corte ritiene che i giudici interni abbiano sostanzialmente constatato la violazione del diritto di proprieta' dei ricorrenti. Inoltre, essa considera che il risarcimento riconosciuto dalla corte d'appello di Napoli, conforme ai criteri di calcolo stabiliti dalla Corte nella sentenza Guiso Gallisay (sopra citata, § 105), costituisce una riparazione adeguata e sufficiente.

35. Alla luce di queste considerazioni, i ricorrenti non possono piu' ritenersi vittime della asserita violazione ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione "

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

La Corte europea dei diritti dell'uomo (seconda sezione), riunita il 4 novembre 2014 in un comitato composto da:

András Sajó, presidente,

Helen Keller,

Robert Spano, giudici,

e da Abel Campos, cancelliere aggiunto di sezione,

Visto il ricorso sopra menzionato presentato il 25 maggio 2007,

Dopo aver deliberato, pronuncia la seguente decisione:

IN FATTO

1. I ricorrenti, sigg. Elio e Mario ... , sono due cittadini italiani e residenti a ... Dinanzi alla Corte sono stati rappresentati dall'avvocato S. de Nigris de Maria, del foro di Benevento.

2. Il governo italiano («il Governo») e' stato rappresentato dal suo agente, E. Spatafora, e dal suo coagente, P. Accardo.

A. Le circostanze del caso di specie

3. I fatti di causa, cosi' come sono stati esposti dalle parti, possono riassumersi come segue.

4. I ricorrenti erano proprietari di un terreno di 6.000 metri quadrati situato a Benevento. In una data non precisata, la societa' ferroviaria approvo' il progetto di sistemazione di una parte della rete ferroviaria.

5. Con decreto del 18 maggio 1988, il Prefetto di Benevento autorizzo' il consorzio CO.FER.I ad occupare d'urgenza una parte del terreno dei ricorrenti, ossia 1.580 metri quadrati, per un periodo massimo di cinque anni, in vista della sua espropriazione per causa di pubblica utilita', al fine di procedere ai suddetti lavori di sistemazione.

6. L'occupazione materiale ebbe luogo il 30 giugno 1988.

7. Con un secondo decreto dell'8 gennaio 1991, il Prefetto autorizzo' il consorzio ad occupare un'altra parte del terreno dei ricorrenti. L'occupazione materiale ebbe luogo il 30 gennaio 1991.

Con decreto del 10 agosto 1996, il Prefetto di Benevento autorizzo' l'espropriazione delle parti del terreno che erano gia' state occupate.

Il 5 febbraio 1997 i ricorrenti si rivolsero al tribunale di Benevento avviando un'azione di risarcimento nei confronti del consorzio e della societa' ferroviaria. Essi sostenevano che i lavori di costruzione erano terminati senza che fosse stata seguita una procedura formale di espropriazione del terreno e senza il pagamento di una indennita'. Reclamavano una somma corrispondente al valore venale del terreno e una indennita' di occupazione.

8. Il tribunale dispose una perizia. Nella relazione, il perito stimo' che il valore venale del bene nel 1989 era di 65.000 ITL/m².

9. Con sentenza del 14 dicembre 2001, il tribunale constato' che il terreno era stato irreversibilmente trasformato nel 1989. Di conseguenza, conformemente al principio dell'espropriazione indiretta, i ricorrenti erano stati privati del loro bene per effetto della trasformazione irreversibile di quest'ultimo. Il tribunale, applicando la legge n. 662 del 1996, condanno' il consorzio e la societa' ferroviaria a pagare ai ricorrenti la somma complessiva di 143.652063 ITL (74.190 EUR circa) a titolo di risarcimento danni per la perdita della proprieta'.

10. Il 5 aprile 2002 il consorzio interpose appello.

11. Il 23 aprile 2002 il consorzio pago' ai ricorrenti la somma di 97.382,28 EUR.

12. Con sentenza del 6 marzo 2004, la corte d'appello accolse parzialmente l'appello del consorzio osservando che una parte del terreno era stata legittimamente espropriata e condannando il consorzio e la societa' ferroviaria a pagare ai ricorrenti 22.976,65 EUR piu' gli interessi a decorrere dal 10 agosto 1986 nonche' 4.150,90 EUR a titolo di indennita' di occupazione.

13. I ricorrenti presentarono un ricorso volto alla revoca della sentenza della corte d'appello dinanzi ad un'altra sezione della stessa corte di merito. Con sentenza del 1° settembre 2006, la corte d'appello dichiaro' inammissibile il ricorso dei ricorrenti.

14. Il 17 marzo 2007 i ricorrenti proposero ricorso per cassazione.

15. Con sentenza del 10 ottobre 2009, la Corte di cassazione rinvio' l'esame della causa alla corte d'appello di Napoli in quanto quest'ultima aveva considerato che una parte del terreno era stata legittimamente espropriata, mentre la trasformazione irreversibile dello stesso aveva avuto luogo senza un decreto formale di espropriazione.

16. Con sentenza del 21 febbraio 2014, la corte d'appello di Napoli, dopo aver considerato che l'intero terreno era stato irreversibilmente trasformato, constato' che alla luce delle sentenze nn. 348 e 349 del 2007 della Corte Costituzionale, che dichiaravano l'incostituzionalita' dell'articolo 5 bis del decreto-legge n. 333 dell'11 luglio 1992, come modificato dalla legge n. 662 del 1996, il risarcimento doveva avere valore equivalente al valore venale del terreno espropriato.

17. Di conseguenza, basandosi sulla perizia depositata nel corso del procedimento dinanzi al tribunale (§ 8 supra), condanno' il consorzio e la societa' ferroviaria a pagare ai ricorrenti 96.006,15 EUR a titolo di danno materiale per la perdita del terreno nonche' 2.145,16 EUR per il danno materiale subito a seguito della impossibilita' di utilizzare il terreno, piu' interessi e rivalutazione.

B. Il diritto e la prassi interni pertinenti

18. Il diritto pertinente e' descritto nella sentenza Guiso-Gallisay c. Italia (equa soddisfazione) [GC], n. 58858/00, 22 dicembre 2009 (§§ 16-48).

19. In particolare, per quanto riguarda gli ultimi sviluppi intervenuti nel diritto interno, la Corte nota che con le sentenze nn. 348 e 349 del 22 ottobre 2007, la Corte costituzionale ha dichiarato che la legge interna deve essere compatibile con la Convenzione nell'interpretazione data dalla giurisprudenza della Corte e, di conseguenza, ha dichiarato incostituzionale l'articolo 5 bis del decreto-legge n. 333 dell'11 luglio 1992, cosi' come modificato dalla legge n. 662 del 1996.

20. La Corte costituzionale, nella sentenza n. 349, ha rilevato che l'insufficiente entita' dell'indennizzo previsto dalla legge del 1996 era contraria all'articolo 1 del Protocollo n. 1 e di conseguenza all'articolo 117 della Costituzione italiana, il quale prevede il rispetto degli obblighi internazionali. Dopo questa sentenza, detta disposizione di legge non puo' piu' essere applicata nel quadro delle procedure nazionali ancora pendenti.

21. In seguito alle sentenze della Corte costituzionale, sono intervenute alcune modifiche legislative nel diritto interno. L'articolo 2/89 e) della legge finanziaria n. 244 del 2007 ha stabilito che, nel caso di espropriazione indiretta, il risarcimento deve corrispondere al valore venale dei beni, non essendo ammessa alcuna riduzione.

22. Tale disposizione si applica a tutti i procedimenti pendenti al 1° gennaio 2008, ad eccezione di quelli in cui la decisione sull'indennita' di espropriazione o sul risarcimento sia stata accettata o sia divenuta definitiva.

MOTIVI DI RICORSO

23. Invocando l'articolo 1 del Protocollo n. 1, i ricorrenti lamentano di essere stati privati del loro terreno in maniera incompatibile con il diritto al rispetto dei loro beni.

24. Invocando gli articoli 1 del Protocollo n. 1 e 6 § 1 della Convenzione, i ricorrenti lamentano la riduzione dell'importo dell'indennita' di espropriazione in ragione dell'applicazione alla loro causa della legge n. 662 del 1996, entrata in vigore mentre la procedura era pendente.

IN DIRITTO

25. I ricorrenti sostengono di essere stati privati del loro terreno in maniera incompatibile con l'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione, cosi' formulato:

«Ogni persona fisica o giuridica ha diritto al rispetto dei suoi beni. Nessuno puo' essere privato della sua proprieta' se non per causa di pubblica utilita' e nelle condizioni previste dalla legge e dai principi generali del diritto internazionale.

Le disposizioni precedenti non portano pregiudizio al diritto degli Stati di porre in vigore le leggi da essi ritenute necessarie per disciplinare l'uso dei beni in modo conforme all'interesse generale o per assicurare il pagamento delle imposte o di altri contributi o delle ammende.»

26. I ricorrenti lamentano anche l'applicazione alla loro causa della legge n. 662 del 1996, entrata in vigore mentre la procedura era pendente e le sue ripercussioni sul risarcimento dal punto di vista dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, che, nelle sue parti pertinenti, recita:

«Ogni persona ha diritto a che la sua causa sia esaminata equamente (') da un tribunale (') il quale sia chiamato a pronunciarsi sulle controversie sui suoi diritti e doveri di carattere civile (...)»

1. Argomenti delle parti

27. Nelle sue osservazioni depositate nella cancelleria della Corte il 30 maggio 2014, il Governo ha eccepito la mancanza della qualita' di «vittima» dei ricorrenti, ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione, in quanto costoro avevano ottenuto dalla corte d'appello di Napoli un risarcimento corrispondente al valore venale del terreno espropriato.

28. I ricorrenti non hanno formulato osservazioni a tale proposito.

2.  Valutazione della Corte

29. Innanzitutto, la Corte rammenta di aver gia' esaminato questo tipo di eccezione in altre cause riguardanti le espropriazioni indirette e di aver concluso che il semplice fatto che il ricorrente abbia ricevuto l'indennizzo corrispondente al valore venale del terreno espropriato non era di per se' sufficiente a revocargli la qualita' di vittima, benche' cio' possa svolgere un ruolo sul terreno dell'articolo 41 (De Angelis e altri c. Italia, n. 68852/01, § 57, 21 dicembre 2006; Carbonara e Ventura c. Italia, n. 24638/94, § 62, CEDU 2000 VI; De Sciscio c. Italia, n. 176/04, § 53, 20 aprile 2006). Essa rammenta a tale proposito che una decisione o una misura favorevole al ricorrente sono sufficienti in linea di principio a revocare la qualita' di vittima soltanto se le autorita' nazionali hanno riconosciuto, esplicitamente o sostanzialmente, e poi riparato la violazione della Convenzione (Guerrera e Fusco c. Italia, n. 40601/98, § 53, 3 aprile 2003; Amuur c. Francia del 25 giugno 1996, Recueil 1996-III, p. 846, § 36).

30. Inoltre, la Corte ritiene di dover esaminare la qualita' di vittima dei ricorrenti alla luce del cambiamento legislativo intervenuto a seguito delle sentenze della Corte costituzionale nn. 348 e 349 del 22 ottobre 2007. Essa rammenta che spetta in primo luogo alle autorita' nazionali correggere una asserita violazione della Convenzione. A tale proposito, la questione di stabilire se il ricorrente possa ritenersi vittima della trasgressione lamentata rispetto alla Convenzione si pone in qualsiasi fase della procedura e implica essenzialmente per la Corte di esaminare ex post facto la situazione della persona interessata (Cocchiarella c. Italia [GC], n. 64886/01, §§ 70-72, CEDU 2006 V).

31. La Corte ribadisce che ad essa spetta innanzitutto verificare se da parte delle autorita' vi sia stato un riconoscimento, almeno in sostanza, della violazione di un diritto tutelato dalla Convenzione (Cocchiarella c. Italia sopra citata, § 84).

32. Essa rileva che con le sentenze nn. 348 e 349, la Corte costituzionale italiana ha dichiarato la non conformita' costituzionale dell'articolo 5 bis del decreto-legge n. 333 dell'11 luglio 1992, come modificata dalla legge n. 662 del 1996, in quanto contrario all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione come interpretato dalla giurisprudenza della Corte. In seguito, la legge finanziaria n. 244 del 2007 ha stabilito che i proprietari espropriati devono ottenere un risarcimento corrispondente al valore intero del bene, non essendo piu' ammessa alcuna riduzione.

33. Nell'applicare questi principi, la corte d'appello di Napoli ha sostanzialmente ritenuto che l'espropriazione indiretta del terreno dei ricorrenti fosse contraria all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione, cosi' come interpretato dalla giurisprudenza della Corte, e comportasse una violazione del diritto di proprieta' dei ricorrenti e l'obbligo per l'amministrazione di riparare la violazione. La corte d'appello condanno' pertanto l'amministrazione a versare ai ricorrenti un indennizzo corrispondente al valore venale del terreno, piu' rivalutazione e interessi a decorrere dalla data dalla perdita della proprieta'.

34. La Corte ritiene che i giudici interni abbiano sostanzialmente constatato la violazione del diritto di proprieta' dei ricorrenti. Inoltre, essa considera che il risarcimento riconosciuto dalla corte d'appello di Napoli, conforme ai criteri di calcolo stabiliti dalla Corte nella sentenza Guiso Gallisay (sopra citata, § 105), costituisce una riparazione adeguata e sufficiente.

35. Alla luce di queste considerazioni, i ricorrenti non possono piu' ritenersi vittime della asserita violazione ai sensi dell'articolo 34 della Convenzione (si vedano Armando Iannelli c. Italia, n. 24818/03, 12 febbraio 2013; Holzinger c. Austria (n. 1), n. 23459/94, § 21, CEDU 2001 I).

36. Di conseguenza, questo motivo di ricorso e' incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione ai sensi dell'articolo 35 § 3 e deve essere rigettato in virtu' dell'articolo 35 § 4.

37. Per quanto riguarda la dedotta violazione dell'articolo 6 § 1, la Corte ritiene che questo motivo sia strettamente collegato con quello relativo all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione, sopra esaminato, e che di conseguenza debba essere dichiarato irricevibile essendo incompatibile ratione personae con le disposizioni della Convenzione ai sensi dell'articolo 35 § 3.

Per questi motivi, la Corte, all'unanimita',

Dichiara il ricorso irricevibile.

András Sajó

Presidente

Abel Campos

Cancelliere Aggiunto



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.007
Cookie