RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione VI civile sentenza 4257 del 03/03/2015


Semaforo rosso · circolazione stradale · multa · contestazione · t-red · civile.assicurativo

"i documentatori fotografici delle infrnioni commesse alle intersezioni regolate da semaforo (nel caso di specie, apparecchiatura denominata "T-recr), ove omologati ed utili.uati nel rispetto delle prescrizioni riguardanti le modalita' di installazione e di npresa delle infrazioni, sono divenuti idonei a funzionare anche in modalita' completamente automatica, senta la presena degli agenti di polizia»."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

3. Precisa il Comune che la signora in primo grado «censurava il predetto provvedimento sotto plurimi profili, deducendo in particolare che la durata del semaforo "giallo" risultasse troppo breve per consentire l'arresto del veicolo o l'attraversamento dell'incrocio in sicureua».

Con sentenza n. 157/2007 il Giudice di Pace di Rivarolo respingeva il ricorso proposto dalla Sig.ra e confermava il provvedimento impugnato, disponendo la compensazione delle spese di lite. Aggiunge il ricorrente che «il Giudice di Pace cosi' motivava: "La contestaione e', pertanto, legittima e la ricorrente non puo' che imputare al suo comportamento le conseguene della violazione ascritta per non aver questi osservato il disposto dell'art. 41 del codice della strada laddove impone ai conducenti di veicoli di arrestare la loro marcia durante il periodo di accensione della luce gialla e cosi' per non aver usato della diligen.za richiesta nella sua condotta di guida, ha violato l'art. 146, comma 3 del codice stradale"».

4. Il Tribunale accoglieva l'appello della signora , condannando la parte appellata alle spese di giudizio. Il Tribunale disattendeva l'eccezione di inammissibilita' dell'appello proposta dal Comune, per l'avvenuto passaggio in giudicato della sentenza, avendo la parte proposto impugnazione con ricorso e non con citazione. Rigettava le Ric. 2013 n. 04023 sez. M2 - ud. 23-10-2014 istanze istruttorie e riteneva che il Comune non avesse fornito la prova, di cui era onerato, del regolare funzionamento delle apparecchiature utilizzate per la rilevazione dell'infrazione.

5. Impugna tale decisione con tre motivi il Comune. Nessuna attivita' in questa sede ha svolto la parte intimata.

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. I motivi del ricorso.

1.1 - Col primo motivo di ricorso si deduce;

«Violazionee/ o falsa applicazione di norme di diritto con riferimento all'art. 360 n. 3 c.p.c. in relardone agli artt. 22, 23 della Legge n. 689/1981, come modificata dal D.Lgs n. 40/2006, nonche' con nfirimento all'art. 360 n. 5 c.p.c. per omessa, inszfJi'ciente, illogica o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudkio».

La sentenza impugnata ha erroneamente considerato infondata l'eccezione di inammissibilita' dell'appello proposto dalla Sig.ra , affermando che l'appello doveva essere proposto con ricorso e che esso si perfeziona (Cass. S. U. 7901 / 2003), «con il deposito, nei termini previsti dalla legge, del ricorso nella cancelleria del giudice ad quem, che impedisce ogni decaderka dall'impugnazione, con la conseguenza che ogni eventuale vizio o inesistenza — giuridica o di fatto — della notificnione del ricorso e del decreto di fissnione dell'udierka di discussione non si comunica all'impugnazione».

Secondo parte ricorrente, invece, l'appello avverso la sentenza emessa dal Giudice di Pace di Rivarolo doveva essere introdotto con citazione sulla base della normativa vigente all'epoca per effetto dell'entrata in vigore dell'art. 26 del D.Lgs n. 40 del 2006, che, modificando l'ultimo comma dell'art. 23 della Legge 689/81, ha previsto che «il procedimento di secondo grado, relativo all'impugnaRione di una pronuncia riguardante un 'opposizione a verbale elevato per violaRione di norme del codice della strada, si introduce con atto di citazione secondo le regole del procedimento ordinario».

Secondo parte ricorrente, di conseguenza «tappa proposto dall'allora appellante deve essere dichiarato inammissibile per intervenuto passaggio in giudicato della sentenza impugnata, posto che l'appello doveva essere notificato presso il procuratore dell'Amministrazione costituito in primo grado».

Avendo l'appellato eletto domicilio presso lo studio dell'Avv. Luca FIORE, allora patrono dell'Amministrazione Comunale, l'appello doveva essere notificato non nei confronti della parte personalmente presso la Casa Comunale, ma al patrocinatore nel domicilio eletto. In mancanza della notifica dell'atto di appello, la sentenza di primo grado era divenuta definitiva.

1.2 — Col secondo motivo di ricorso si deduce;

«Violaione e/ o falsa applicazione di norme di diritto con riferimento all'art. 360 n. 3 c.p.c. in relazione all'art. 2697 c.c. e 45 del D.Lgs n. 285/1992 e agli artt. 192 e 345 del Regolamento attuativo del Codice della Strada, D.P.R. n. 285/1992, nonche' con nfitimento all'art. 360 n. 5 c.p.c. per omessa, insufficiente, illogica o contraddittoria motivaRione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio».

Secondo parte ricorrente «la pronuncia impugnata ha erroneamente ritenuto che l'Amministraione appellata non abbia fornito la prova degli elementi posti a fondamento della violazione elevata alla Sig.ra con il verbale in data .01.2007», avendo invece l'Amministrazione 'provveduto ad allegare, alla comparsa di costitu.zione nel procedimento avanti al Giudice di Pace di Rivarolo Canavese, la documentazione attestante l'infra.zione commessa dalla Sig.ra » (foto della vettura che «attraversava l'incrocio con luce semaforica rossa, con precisa indicazione della data e dell'ora dell'infrazione, nonche' della localita' e della targa del veicolo») Il Tribunale ha errato, altresi', nel ritenere che vi fosse il «mancato rispetto da parte del Comune di Favria della normativa in tema di infra z ioni rilevate tramite apparecchi T-RED» e cio' sulla base di argomentazioni, svolte dalla solo in appello, circa: a) "l'ingentissimo numero di contravvenioni circostanze estranee al corretto funzionamento e, dall'altro, disattendo i principi affermati da questa Corte al riguardo e senza tenere, invece, in adeguata considerazione la documentazione prodotta dal Comune anche sui dati tecnici di funzionamento dell'apparecchiatura.

Proprio esaminando le apparecchiature T-RED questa Corte ha avuto occasione di affermare il condiviso principio (Cass. 2011 n. 21605, rv 619193), secondo cui «in tema di violaione dell'art. 146, comma 3, del codice della strada (attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa), per effetto della nuova disciplina contenuta nell'art. 201, comma 1-ter, del medesimo codice (introdotto dall'art. 4, comma 1, del d.l. 27 giugno 2003, n. 151, convertito, con modifiche, in legge 10 agosto 2003, n. 214), i documentatori fotografici delle infrnioni commesse alle intersezioni regolate da semaforo (nel caso di specie, apparecchiatura denominata "T-recr), ove omologati ed utili.uati nel rispetto delle prescrizioni riguardanti le modalita' di installazione e di npresa delle infrazioni, sono divenuti idonei a funzionare anche in modalita' completamente automatica, senta la presena degli agenti di polizia».

3. La sentenza impugnata va, quindi, cassata in relazione ai motivi accolti e rinviata per nuovo esame ad altro magistrato del Tribunale di Ivrea che terra' conto del principio di diritto affermato. Il giudice del rinvio regolera', all'esito, le spese dell'intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvia, anche per le spese, ad altro magistrato del Tribunale di Ivrea.

Cosi' deciso in Roma, Camera di Consiglio del 23 ottobre 2014 L'ESTENSORE n IL PRESIDENTE



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.01
Cookie