RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione civile tributaria 3 aprile 2013, N. 8072


Marketing · pubblicita' · tributario · spese · deducibilita' · civile · internet · legalgeek

fonte:http://www.commercialistatelematico.com/articoli/2013/05/la-deducibilita-delle-spese-di-pubblicita.html

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

CASSAZIONE – SENTENZA 3 APRILE 2013, N. 8072

Fatto

1. La Commissione tributaria regionale del Piemonte, con sentenza n. 17.10.07, depositata il 9.5.2007, in riforma della sentenza della Commissione tributaria provinciale di …, accoglieva l’appello del contribuente, annullando l’avviso di accertamento Iva, per l’anno di imposta 1998, emesso dei confronti della societa' X s.r.l.

I giudici di appello ritenevano la legittimita' delle detrazioni dei costi, per spese di rappresentanza, della imposta Iva, conformemente alle prescrizioni di cui all’art. 19 del decreto Iva.

Proponeva ricorso per cassazione l’Agenzia delle entrate deducendo i seguenti motivi:

a. violazione e falsa applicazione degli articoli 54, 19, 19 bis, comma uno, lettera h) DPR 633 del 1972, in combinato disposto con l’art. 2697 c.c. in relazione all’art. 360, n. tre c.p.c, rilevando come la prova dell’inerenza dei costi che si pretende di detrarre, nonche' la loro qualificazione in termini di spese pubblicitarie anziche' di rappresentanza spetta al contribuente che invochi la detrazione;

b. omessa motivazione circa fatti decisivi della controversia in relazione all’art. 360, n. cinque, c.p.c., con riferimento alla inerenza delle spese all’attivita' d’impresa della societa' che avrebbero natura pubblicitaria.

La societa' intimata si e' costituita con controricorso, producendo anche memoria.

II ricorso e' stato discusso alla pubblica udienza del 21.2.2013, in cui il PG ha concluso come in epigrafe.

Motivi della decisione

Il ricorso e' infondato.

Entrambi i motivi di ricorso, stante la loro connessione logica, possono essere esaminati congiuntamente.

Con riferimento al primo motivo va rilevato che spetta al contribuente la dimostrazione dell’inerenza dell’acquisto alle finalita' dell’impresa allorquando tale inerenza non risulti implicitamente dalla natura del bene acquistato.

Tuttavia, una volta collocato tale bene in una categoria giuridica, spese di pubblicita', anziche' spese di rappresentanza, incombe sulla Amministrazione fornire, eventualmente, in via di' eccezione, gli elementi ai fini' di una riqualificazione del costo, in difformita' dalle valutazioni della societa'. Questa Corte ha costantemente affermato che “con riguardo alla determinazione del reddito d’impresa, ricade sul contribuente l’onere di dimostrare l’inerenza all’attivita' di impresa delle singole spese affrontate; ed il giudice di merito nel valutare se questa prova sia stata fornita deve prendere in esame la funzione dei beni e dei servizi acquisiti, prescindendo dall’entita' della spesa e dalla circostanza che i versamenti siano stati erogati ad un soggetto diverso dal contribuente, il quale abbia a sua volta provveduto alla acquisizione dei beni o alla organizzazione dei servizi' (Cass. Sez. 5, Sentenza n. 10257 del 21/04/2008; Cass. Sez. 5, Sentenza n. 6855 del 20/03/2). I giudici di appello hanno ritenuto, con motivazione coerente e non illogica, al riguardo, che, relativamente ai “costi per kit… fatturati alla societa' appellante dalla Y nell’ambito dell’operazione di marketing… di una nota casa di birra commercializzata,… la detrazione della relativa imposta addebitata sia legittima in quanto perfettamente integrante le prescrizioni con l’art. 19 del decreto Iva', mentre con riferimento ai costi di cui al punto quattro, la CTR ha rilevato come gli stessi siano stati ' sostenuti per l’acquisto di materiale “magliette, bicchieri, caraffe, ecc) che pubblicizza il prodotto commercializzato (birra) … e che tale materiale sia stato ceduto ai clienti dietro corrispettivo, ovvero a fronte di ordinativi di un certo importo del prodotto commercializzato'.

La medesima natura pubblicitaria veniva attribuita alla compartecipazione per i costi di acquisto di biglietti del gran premio di formula uno, per i costi per KIT e per la fiera di Rimini nell’ambito di operazioni di marketing pubblicitario e promozionali di una nota marca di birra commercializzata.

Nella fattispecie, a fronte della qualificazione di spese di natura promozionale-pubblicitaria da parte del contribuente, non e' censurabile la valutazione della CTR che, in mancanza di elementi di prova contraria da parte dell’Amministrazione, ha confermato la natura pubblicitaria dei costi. Per tale assorbente considerazione va disattesa la censura di difetto di motivazione di cui al secondo motivo di ricorso, evidenziandosi anche la mancanza del momento di sintesi del motivo che lo rende, comunque, inammissibile (Cass. Sez. 5, Sentenza n. 24255 del 18/11/2011).

Va, conseguentemente, rigettato il ricorso con condanna della ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita'.

PQM

Rigetta il ricorso, condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimita' che liquida in €. 5.000 per compensi professionali, € 200 per spese, oltre accessori di legge.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.004
Cookie