RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione I Civile del 11 marzo ' 17 settembre 2015, n. 18238


Giudizio · legittimita · liquidazione · pertanto · sentenza · relative · liquidate · determinazione · relazione · presenza

Interessante commento alla fonte:http://www.sentenze-cassazione.com/il-giudice-non-puo-ridurre-i-compensi-dellavvocato/

"In presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, il giudice non puo' peraltro limitarsi ad una globale determinazione dei diritti di procuratore e degli onorari di avvocato, in misura inferiore a quelli esposti, ha l'onere di dare adeguata motivazione dell'eliminazione e della riduzione di voci da lui operata,"

"2.2 ' Nel caso in esame, pur in presenza di dettagliate note spese, allegate all'odierno ricorso, senza invero offrire elementi volti a chiarire qua­li voci abbia ritenuto non attribuibili ed affidando la determinazione della somma complessiva di diritti e di onorari ad enunciazioni generiche ed astratte, prive di riferimenti concreti alla fattispecie in questione, ai fini della verifica del rispetto dei minimi tariffari ovvero a giustificazione (per i soli onorari) della liquidazione operata al di sotto dei minimi, la corte di merito ha disatteso i suindicati principi."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Presidente Salvago ' Relatore Campanile

Svolgimento del processo

1 ' La Corte di appello di Roma, in sede di rinvio disposto da questa Corte con sentenza n. 21.795 del 2006, con la sentenza indicata in epigrafe ha determinato le indennita' di espropriazione e di occupazione legittima in relazione a un fondo appartenente ai signori J.P. e T.C., sottoposto a procedimento ablativo da parte del Comune di ..., rispettivamente in euro 25.584,47 e in euro 10.777,76, al netto degli acconti gia' versati, oltre ad interessi legali.

1.2 ' Per quanto in questa sede rileva, le spese processuali relative al primo giudizio di merito sono state liquidate, d'ufficio, in ? 1.200,00 per onorari, ? 400,00 per diritti ed ? 1.200,00 per spese, comprese quelle di CTU; quelle di legittimita' in ? 1.400,00 per onorari ed e 120,00 per spese ed infine quelle del giudizio di rinvio in e 1.000,00 per onorari, ? 120,00 per diritti ed ? 340,00 per spese.

1.3 ' Per la cassazione di tale decisione i signori C. propongono ricorso, affidato ad unico e articolato motivo.

Il Comune di ... non svolge attivita' difensiva.

Motivi della decisione

2 ' Preliminarmente deve rilevarsi la validita' della notifica del ricorso alla parte presso il procuratore costituito, a mani dello stesso (Cass., 17 luglio 1999, n. 7613; Cass., 21 marzo 2003, n. 4134; Cass, Sez. un., n. 29290; Cass., 20 marzo 2013, n. 6886; Cass. 20 marzo 2013, n. 6886, in motivazione).

2.1 ' L'unica censura, corredata da idonei quesiti di diritto, ed incentrata sull'illegittimita' della liquidazione d'ufficio delle spese processuali, nei termini indicati in narrativa, pur in presenza di note all'uopo depositate nell'interesse della parte, ed allegate al ricorso, e' pienamente fondata.

2.2 ' Come questa Corte ha gia' avuto modo di affermare, la determinazione degli onorari di avvocato e degli (onorari) e diritti di procuratore costituisce esercizio di un potere discrezionale del giudice che, qualora sia contenuto tra il minimo ed il massimo della tariffa, non richiede una specifica motivazione e non puo' formare oggetto di sindacato in sede di legittimita', se non quando sia stato l'interessato stesso a specificare le singole voci della tariffa che assume essere state violate (v. Cass., 19/10/1993, n. 10350).

In presenza di una nota specifica prodotta dalla parte vittoriosa, il giudice non puo' peraltro limitarsi ad una globale determinazione dei diritti di procuratore e degli onorari di avvocato, in misura inferiore a quelli esposti, ha l'onere di dare adeguata motivazione dell'eliminazione e della riduzione di voci da lui operata, allo scopo di consentire, attraverso il sindacato di legittimita', l'accertamento della conformita' della liquidazione a quanto risulta dagli atti ed alle tariffe, in relazione all'inderogabilita' dei relativi minimi, a norma della L. n. 794 del 1942, art. 24 (Cass., 30/3/2011, n. 7293; Cass., 30/10/2009, n. 23059; Cass., 24/2/2009, n. 4404).

Il giudice e' pertanto tenuto ad indicare dettaglia­tamente le singole voci che riduce, perche' chieste in misura eccessiva, o che elimina, perche' non dovute, in modo da consentire l'accertamento della conformita' della liquidazione a quanto risulta dagli atti ed alle tariffe in relazione all'inderoga­bilita' dei minimi v. Cass., 8/2/2007, n. 2748.

2.2 ' Nel caso in esame, pur in presenza di dettagliate note spese, allegate all'odierno ricorso, senza invero offrire elementi volti a chiarire qua­li voci abbia ritenuto non attribuibili ed affidando la determinazione della somma complessiva di diritti e di onorari ad enunciazioni generiche ed astratte, prive di riferimenti concreti alla fattispecie in questione, ai fini della verifica del rispetto dei minimi tariffari ovvero a giustificazione (per i soli onorari) della liquidazione operata al di sotto dei minimi, la corte di merito ha disatteso i suindicati principi.

S'impone, pertanto, in parte qua, la cassazione dell'impugnata sentenza.

2.3 ' Ricorrono, pertanto i presupposti, non essendo necessario procedere ad ulteriori acquisizioni, per decidere la causa nel merito.

Deve esprimersi, quindi, un giudizio di congruita' per quanto attiene ai diritti e alle spese indicati nelle note relative al primo giudizio di merito e a quello di rinvio, mentre per quanto riguarda gli onorari, considerato il valore della controversia e le questioni trattate, appare congrua la liquidazione di euro 3.000,00 per il primo giudizio e quella di euro 3.600,00 per quello di rinvio. Per il primo giudizio di merito, pertanto, vanno liquidati euro 356,20 per spese, oltre compenso per il CTU, euro 2.224,00 per diritti ed euro 3.000,00 per onorari; per quello di rinvio euro 352,41 per spese, euro 1.545,00 per diritti ed euro 3.600,00 per onorari.

Quanto al primo giudizio di legittimita', applicata la tariffa forense di cui al D.M. 8 aprile 2004, le spese vanno liquidate in complessivi euro 3.000.00. In tutti i casi dovranno calcolarsi le spese generali, come richieste, nonche' quanto dovuto a titolo di IVA e C.P.A..

3 ' Le spese relative al presente giudizio di legittimita' seguono la soccombenza, e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, liquida le spese

processuali, per il primo giudizio di merito, in euro 356,20 per spese, oltre compenso per il CTU, euro 2.224,00 per diritti ed euro 3.000,00 per onorari; per quello di rinvio in euro 352,41 per spe­se, euro 1.545,00 per diritti ed euro 3.600,00 per onorari, per il primo giudizio di legittimita', in complessivi euro 3.000.00, oltre, in tutti i casi, spese generali, come richieste, nonche' quanto dovuto a titolo di IVA e C.P.A..

Condanna l'ente intimato al pagamento delle spese processuali relative al presente giudizio di legittimita', liquidate in euro 2.700,00, di cui euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.007
Cookie