RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione VI Civile – 1, ordinanza 7 ottobre – 17 novembre 2014, n. 24420


Locazione · cassazione · mantenimento · relazione · contributo · divorzile · civile

fonte:http://www.divorzista.org/sentenza.php?id=9373

"Infatti non e' corrispondente ne' al decisum della Corte di appello ne' alla sua motivazione l'affermazione per cui non si sia tenuto conto del tenore di vita piuttosto modesto della coppia (l'assegno ammonta infatti a 150 euro mensili). La disparita' reddituale fra gli ex coniugi, seppure non particolarmente rilevante, e' esistente e non e' contestata. Non appare fondata la deduzione del R. per cui dovrebbe detrarsi solo dal suo reddito il contributo al mantenimento del figlio che anche la F. sostiene convivendo prevalentemente con lui. La Corte di appello ha rilevato che la circostanza della abitazione in locazione non e' stata provata da parte della F. e non ne ha tenuto conto."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Presidente Di Palma – Relatore Bisogni

Rilevato che in data 14 luglio 2014 e' stata depositata relazione ex art. 380 bis c.p.c. che qui si riporta:

1. Il Tribunale di Palermo, con sentenza del 18 novembre - 25 giugno 2012, emessa nel giudizio per la dichiarazione di cessazione degli effetti civili del matrimonio fra F.R. e A.F., ha fissato in 150 euro mensili l'assegno divorzile a carico del R. e in 300 euro mensili il contributo mensile del R. al mantenimento del figlio Raffaele.

2. Contro la decisione del Tribunale ha proposto appello F.R. contestando l'attribuzione dell'assegno divorzile e rilevando che la F., conseguita la laurea in scienze naturali, era stata assunta al Bio Parco di Carini e aveva cominciato a percepire una retribuzione di circa 1.300 euro mensili, da aggiungersi agli assegni familiari per 135 euro mensili. Ha inoltre dedotto che la Fiorillo puo' utilizzare un appartamento in comodato, di proprieta' dei genitori, mentre l'appellante, maresciallo dei CC e percettore di un reddito mensile di 1.800 euro, deve affrontare la spesa di 450 euro per il canone di locazione di una abitazione propria che gli consenta di ospitare il figlio, stante l'opposizione della F. a che il figlio, nei periodi di convivenza con il padre, sia ospitato nella caserma dove il padre potrebbe usufruire di un alloggio.

3. La Corte di appello di Palermo, con sentenza n. 309/2013 del 6/27 febbraio 2013, ha respinto l'appello ritenendo sussistente una sperequazione fra i redditi degli ex coniugi che giustifica la modesta entita' dell'assegno divorzile.

4. Ricorre per cassazione F.R. deducendo violazione e falsa applicazione dell'art. 5 della legge n. 898/1970. I1 ricorrente ritiene che: a) non sussiste la disparita' reddituale affermata dalla Corte di appello, dovendosi valutare il suo reddito al netto del canone di locazione e dell'assegno di mantenimento in favore del figlio; b) la Corte dii' appello non ha tenuto conto del modesto tenore di vita in costanza di matrimonio; e) ha invece valutato la circostanza, non provata, della cessazione del comodato e del ricorso anche da parte della F. alla locazione di un appartamento.

5. Non svolge difese la F..

Ritenuto che:

6. il ricorso e' inammissibile laddove consiste in mere contestazioni di' merito e infondato laddove censura la decisione della Corte distrettuale rilevando la violazione dei criteri indicati dall'art. 5 della legge n. 898/1970. Infatti non e' corrispondente ne' al decisum della Corte di appello ne' alla sua motivazione l'affermazione per cui non si sia tenuto conto del tenore di vita piuttosto modesto della coppia (l'assegno ammonta infatti a 150 euro mensili). La disparita' reddituale fra gli ex coniugi, seppure non particolarmente rilevante, e' esistente e non e' contestata. Non appare fondata la deduzione del R. per cui dovrebbe detrarsi solo dal suo reddito il contributo al mantenimento del figlio che anche la F. sostiene convivendo prevalentemente con lui. La Corte di appello ha rilevato che la circostanza della abitazione in locazione non e' stata provata da parte della F. e non ne ha tenuto conto.

7. Sussistono pertanto i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e se l'impostazione della presente relazione verra' condivisa dal Collegio per il rigetto del ricorso.

La Corte condivide tale relazione e pertanto ritiene che il ricorso vada respinto senza alcuna statuizione sulle spese del giudizio di cassazione;

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Nulla sulle spese del giudizio di cassazione.

Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalita' e gli altri dati identificativi a norma dell'art. 52 del decreto legislativo n. 196/2003.

Ai sensi dell'art. 13 comma I quater del D.P.R. n. 115 del 2002 da' atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dell'art. 13, comma 1 bis, dello stesso articolo 13.



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.003
Cookie