RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    

Cassazione - Corte Costituzionale - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Ordinanza Tribunale Torino 9 settembre 2016, n. 22390


Mensa scolastica · pasto proprio · civile · amministrativo · scuola

fonte:http://www2.disal.it/Objects/Pagina.asp?ID=23094&Titolo=Sentenze/Nella%20mensa%20scolastica%20diritto%20al%20pasto%20da%20casa

"Come gia' rilevato nell'ordinanza impugnata, l'Amministrazione, pur preparandosi a concedere a chi e' stato parte del giudizio avanti alla Corte d'appello la facolta' di scegliere il consumo del pasto domestico, nega questa stessa possibilita' a coloro che siano rimasti estranei alla lite. Evidente dunque la necessita' di agire in giudizio in via di urgenza per rientrare, fin d'ora, nel novero degli aventi diritto."

"Le Amministrazioni tendono a minimizzare la gravita' del danno, riducendo la questione in termini puramente economici, di reazione al 'caro mensa'. La difesa e' infondata. Secondo uno stabile condiviso indirizzo giurisprudenziale, ricorre l'estremo della gravita' e irreparabilita' del danno ai fini del ricorso alla tutela d'urgenza, se i diritti hanno contenuto non patrimoniale o assolvono comunque a bisogni primari della persona."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

UTF-8Ordinanza Tribunale Torino 9 settembre 2016, n. 22390

venerdi' 9 settembre 2016  -   Edscuola

TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO

Prima Sezione Civile

Il Tribunale in composizione collegiale nelle persone dei seguenti magistrati:

dott. Umberto Scotti                                                                             Presidente

dott.sa Silvia Orlando                                                                           Giudice

dott. Enrico Astuni                                                                                 Giudice rel. est.

nel procedimento per reclamo iscritto al n. r.g. 22390/2016 promosso da:

MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ, DELL'ISTRUZIONE E DELLA RICERCA (C.F. 80089530010) e Istituto scolastico comprensivo GAETANO SALVEMINI, di Torino rappresentati e difesi dall'Avvocatura distrettuale dello Stato di Torino, con sede in CORSO STATI UNITI 45 TORINO

RECLAMANTI

contro

(omissis) in qualita' di genitore esercente la potesta' sulla figlia minore (omissis), rappresentato e difeso per procura in atti dagli avv. Riccardo Vecchione e Giorgio Fabrizio Enrico Vecchione, con studio in C.SO VITTORIO EMANUELE II, 82 TORINO

RECLAMATO

Ha emesso la seguente

ORDINANZA

Il Collegio, sciogliendo la riserva assunta all'udienza del 9.9.2016, osserva quanto segue.

Il ricorrente, oggi reclamato, (OMISSIS), genitore esercente la potesta' sulla figlia minore (omissis), iscritta all'Istituto scolastico comprensivo 'Gaetano Salvemini', ha chiesto al Tribunale di Torino, con ricorso di urgenza ai sensi dell'art. 700 c.p.c., di accertare il suo diritto di scegliere per la propria figlia tra il servizio di refezione scolastica e il pasto domestico da consumarsi a scuola, nell'orario destinato alla refezione e di ordinare ai convenuti 'di consentire alla ricorrente ' di dotare la propria figlia di un pasto domestico preparato a casa, da consumarsi nel refettorio scolastico, o previa dimostrazione dell'impossibilita' giuridica, presso altro locale idoneo destinato alla refezione, a partire dal primo giorno di scuola e di attivazione del servizio di refezione comunale ed in concomitanza a questo'.

A tal fine ha dedotto:

' che la Corte d'Appello di Torino, con la sentenza n. 1049 del 21 giugno 2016 (resa nel giudizio d'appello proposto da n. 58 genitori di altrettanti studenti di scuole elementari e medie di Torino), ha accertato 'il diritto degli appellanti di scegliere per i propri figli tra la refezione scolastica ed il pasto domestico da consumarsi nell'ambito delle singole scuole e nell'orario destinato alla refezione';

' che alcune amministrazioni comunali e istituti scolastici hanno negato l'esistenza di analogo diritto di scelta (fra refezione scolastica e pasto domestico da consumare a scuola) per coloro che non avevano preso parte al giudizio di cui sopra;

' che tale posizione lede diritti fondamentali del ricorrente (allo studio, al lavoro, alla liberta' delle scelte alimentari, alla uguaglianza), riconosciuti da norme di rango costituzionale, diritti che sono stati accertati dalla Corte d'Appello per le parti di quel processo, ma che sussistono ugualmente anche per coloro che non vi hanno partecipato;

' che questi diritti rischiano di essere pregiudicati nel tempo occorrente per il loro accertamento giudiziale, poiche' la facolta' di scelta tra refezione scolastica e pasto domestico da consumare a scuola non potra' concretamente essere esercitata nel prossimo anno scolastico, di imminente inizio. Il giudice ha accolto parzialmente il ricorso con ordinanza 13.8.2016, dichiarando il diritto del ricorrente di scegliere per il proprio figlio tra la refezione scolastica e il pasto preparato a casa da consumare presso la scuola nell'orario destinato alla refezione e rigettando la domanda avente a oggetto la determinazione delle concrete modalita' di esercizio del diritto, in quanto rimesse all'autonomia organizzativa e discrezionalita' dei singoli istituti scolastici. Ha altresi' condannato alle spese le resistenti.

Le Amministrazioni reclamanti (MIUR e Istituto Salvemini) hanno tempestivamente proposto reclamo, chiedendo nel merito la riforma integrale dell'ordinanza e contestando la mancata compensazione delle spese di lite. Nel merito, esse hanno contestato l'esistenza del fumus boni juris, deducendo che la normativa vigente: non obbliga ad avvalersi del servizio di refezione, che e' servizio facoltativo a domanda individuale; prevede ampie possibilita' di scelta tra il tempo pieno e il tempo definito e, nell'ambito del tempo pieno, consente agli alunni di servirsi della refezione scolastica oppure di uscire accompagnati e previa autorizzazione all'ora di pranzo e fare rientro nel pomeriggio per la ripresa delle lezioni. In ogni caso, la normativa vigente non prevede la possibilita' per l'alunno di consumare nei locali della scuola un pasto portato da casa: pretesa questa manifestamente incompatibile con organizzazione e finalita' istituzionali dell'attivita' scolastica.

Il reclamo si diffonde, altresi', sul pericolo che il consumo a scuola di alimenti estranei alla filiera della ditta appaltatrice del servizio di refezione finisca per rendere meno chiare le responsabilita' dell'appaltatore e in definitiva per compromettere le garanzie igienico-sanitarie su cui il servizio di refezione scolastica attualmente si fonda.

Le reclamanti hanno infine contestato l'interesse ad agire e l'esistenza di un adeguato pericolo di danno grave e irreparabile, identificando il possibile pregiudizio nel costo annuo della mensa scolastica, senza che possa prospettarsi lesione alcuna, contrariamente a quanto ritenuto dal primo giudice, di diritti fondamentali.

Il ricorrente, odierno reclamato, costituendosi in giudizio, ha chiesto la conferma dell'ordinanza 13.8.2016.

Il reclamo e' infondato.

Oggetto dell'ordinanza reclamata e' la dichiarazione del diritto del ricorrente a scegliere, per la propria figlia, tra la refezione scolastica e il pasto domestico da consumare a scuola. Su questo capo di merito l'Avvocatura dello Stato ha proposto reclamo.

L'ordinanza ha invece respinto l'ulteriore pretesa del ricorrente a stabilire le misure organizzative necessarie a consentire l'esercizio di tale diritto (pasto 'da consumarsi nel refettorio scolastico, o previa dimostrazione dell'impossibilita' giuridica, presso altro locale idoneo destinato alla refezione'), ritenendole ' a ragione ' rientranti nell'autonomia organizzativa e discrezionalita' di ciascun istituto scolastico. Questo capo non ha formato oggetto di reclamo incidentale.

Che il reclamato non possa fondatamente chiedere ' trattasi di materia che esula dalla giurisdizione ordinaria ' l'attuazione delle modalita' organizzative necessarie a consentire la consumazione del pasto domestico all'interno della scuola, non toglie che egli conservi comunque specifico interesse alla pronuncia in via d'urgenza.

Secondo giurisprudenza ormai consolidata (con particolare chiarezza e approfondimento vedi Trib. Bari 9.11.2012 su Jus Explorer; cfr. altresi' Trib. Milano 2.7.2013, Trib. Cagliari 30.1.2008 in Riv. giur. sarda 2008, 112; Trib. Rossano 3.4.2007 e altre anteriori), il provvedimento d'urgenza idoneo ad assicurare temporaneamente e in via interinale il diritto minacciato di pregiudizio imminente e irreparabile puo' consistere anche nel solo mero accertamento dell'esistenza e contenuto del diritto fatto valere.

Indiscusso che tale pronuncia non puo' attingere alla stabilita' del giudicato, ne' 'fare stato' ai sensi dell'art. 2909 c.c.. Evidente tuttavia che la dichiarazione di esistenza e contenuto del diritto rimuove uno stato di incertezza e fornisce alle parti regole di condotta a cui esse devono orientare i propri comportamenti futuri. Tale regolamento del rapporto, seppure provvisorio, vale tra le parti fino a che non sia sostituito da accertamento di merito, a cognizione piena. Il giudizio a cognizione piena, peraltro, riveste oggi carattere meramente eventuale (cfr. art. 669-octies co. 6 c.p.c.), poiche' il provvedimento richiesto ha contenuto interamente anticipatorio della pretesa fatta valere.

Vero e' dunque che anche la pronuncia dichiarativa, rafforzando il diritto fatto valere, soddisfa la condizione dell'interesse ad agire ex art. 100 c.p.c.. Sempre che si tratti, come in specie, di un diritto minacciato da pregiudizio imminente e irreparabile (cfr. § 4) e che sia dato di assumere, con prognosi ex ante, l'idoneita' della pronuncia a evitare quel pregiudizio: anche, se del caso, per il tramite della volontaria osservanza del provvedimento da parte del suo destinatario. Conforta questa valutazione nel caso di specie la circostanza che il provvedimento reclamato e' destinato ad Amministrazioni pubbliche, tenute ad agire nel rispetto del principio di legalita', ancorche' oggi incerte sull'esistenza e contenuto del diritto fatto valere ex adverso.

Le considerazioni delle Amministrazioni reclamanti non appaiono al Collegio idonee a scalfire il ragionamento del primo giudice, ne' a consentire una diversa ricostruzione del quadro normativo, che neghi al genitore dell'alunno iscritto al tempo pieno (si tratta di scuola primaria) la facolta' di scegliere, per il proprio figlio, tra il servizio di refezione offerto dal Comune e la consumazione a scuola, durante l'orario del pranzo, di un pasto preparato a casa: evidentemente sotto la propria responsabilita'.

3.1. Il diritto allo studio e' riconosciuto dall'art. 34 Cost., che lo declina, in primo luogo, attraverso la previsione di obbligatorieta' e gratuita' dell'istruzione inferiore per almeno 8 anni. La gratuita' dell'istruzione e' un principio assoluto e in alcun modo relazionato al reddito dei soggetti che devono fruirne. E' quindi evidente che subordinare il diritto allo studio all'adesione a servizi a pagamento viola il dettato costituzionale.

3.2. L'ordinamento scolastico vigente consente a ciascun istituto di articolare il proprio piano di offerta formativa, fissando un orario scolastico settimanale a 24, 27, 30 o 40 ore (cfr. art. 1 del d.l. 7.9.2007 n. 147 conv. in legge 25.10.2007 n. 176; art. 4 D.P.R. 20.3.2009 n. 89).

Le 40 ore settimanali sono definite 'tempo pieno', implicano l'affidamento dell'alunno all'istituzione scolastica per una durata di otto ore per cinque giorni ' in genere da prima mattina fino a meta' pomeriggio (entrata 8,30 ' uscita 16,30) ' e comprendono esse sole 'il tempo dedicato alla mensa' (d.l. 147/2007), che costituisce dunque parte dell'orario scolastico. Per agevolare le famiglie degli studenti che frequentano 'a tempo pieno', i Comuni, proprietari degli edifici scolastici, mettono a disposizione un servizio di refezione, appaltandolo a ditte private. Questo servizio pubblico e' tuttavia a pagamento e riveste carattere non obbligatorio, ma facoltativo 'a domanda individuale', come riconoscono le stesse Amministrazioni resistenti (cfr. D.M. Interno 31.12.1983).

Sostengono le Amministrazioni reclamanti che i genitori che non vogliono avvalersi del servizio di mensa possono: 1) scegliere una formula diversa dal 'tempo pieno'; 2) prelevare il figlio da scuola all'ora di pranzo, fargli consumare il pasto altrove e riaccompagnarlo per la ripresa pomeridiana delle lezioni, il tutto dietro autorizzazione all'uscita ed entrata fuori orario.

La prima interpretazione non ha un solido fondamento normativo ed entra in larvato conflitto con gli artt. 3 e 34 Cost. La legge, segnatamente l'art. 1 del d.l. 147/2007, comprende nell'orario scolastico di 40 ore 'il tempo dedicato alla mensa', ma non subordina l'iscrizione al tempo pieno all'adesione al servizio di refezione.

Ne' potrebbe essere altrimenti. Subordinare, di diritto o in via di fatto, l'iscrizione alle 40 ore soltanto a coloro che aderiscano al servizio di mensa e siano disponibili a sostenerne l'onere economico implicherebbe che un servizio facoltativo a pagamento diventi condizione per accedere a un'istruzione pubblica garantita dalla Costituzione come gratuita, oltreche' obbligatoria. È quindi evidente che l'accesso al 'tempo pieno' non deve portare alle famiglie maggiori oneri economici rispetto al 'tempo definito' che non abbiano carattere di volontarieta'. Ossia che il servizio di refezione deve restare un'agevolazione alle famiglie, 'facoltativa a domanda individuale', senza potersi larvatamente imporre come condicio sine qua non per la scelta del 'tempo pieno'.

Puo' aggiungersi che la liberta' di scelta del genitore (tra 'tempo pieno' e 'tempo definito') non e' affatto incondizionata, dipendendo sia dall'offerta formativa dell'istituto, dal numero di classi e di posti per classe disponibili, in rapporto alla domanda dell'utenza, sia, ancor piu' spesso, da dinamiche familiari che non consentono ' normalmente per ragioni lavorative ' ai genitori o ad altre persone di famiglia di farsi carico del figlio all'ora di pranzo, tanto meno di prelevarlo quotidianamente da scuola e riportarvelo dopo pranzo, e che pertanto inducono ad affidarlo all'istituzione scolastica fino a meta' pomeriggio.

La seconda interpretazione, oltre a trascurare le dinamiche familiari anzidette, sottese alla previsione normativa dell'affidamento dell'alunno a 'tempo pieno', implica che lo studente venga a perdere la parte del 'tempo scolastico' destinato al pranzo comune e alle attivita' (di socializzazione, distensive e ricreative) che ad esso si accompagnano.

Al riguardo, come gia' ha rilevato l'ordinanza reclamata, citando gli artt. 5 e 9 del D. lgs. 19.2.2004 n. 59 e la Circolare del Ministero dell'Istruzione 5.3.2004, la funzione educativa della scuola non puo' ridursi alla sola trasmissione del sapere, ma coinvolge il rispetto dei principi di convivenza civile e l'educazione al rapporto con gli altri.

Questa funzione educativa s'esplica anche nel tempo riservato alla mensa ' momento di condivisione, socializzazione, confronto degli alunni con i limiti e le regole che derivano dal rispetto degli altri e della civile convivenza ' per le considerazioni esposte nell'ordinanza reclamata (sub § 2), sostanzialmente condivise dal Collegio e non specificamente contestate dalle reclamanti (vedi anzi sulla funzione educativa della mensa la comparsa pag. 8 avanti al primo giudice).

Evidente dunque che l'ora di pranzo non ha la stessa rilevanza di un'ora di italiano o di matematica. Queste sono imprescindibili e previste in ogni piano formativo. Il tempo della mensa e del dopomensa entra solo nella formula delle 40 ore, che implica l'affidamento dell'alunno alla scuola in via continuativa fino a meta' pomeriggio. Pur tuttavia, anche questa parte della giornata viene piegata dall'istituzione scolastica a svolgere una funzione educativa e trattata come parte dell'offerta formativa.

3.3. Su queste premesse, ferma restando la possibilita' di uscire accompagnato all'ora di pranzo e rientrare per la ripresa pomeridiana delle lezioni, il diritto dell'alunno a 'tempo pieno' di partecipare al 'tempo mensa e dopo mensa' a scuola non puo' essere negato, ne' subordinato all'adesione a un servizio a pagamento, come quello di refezione.

Segue, per esclusione, che l'unica alternativa ragionevolmente praticabile, rispettosa sia dell'art. 34 Cost., sia dei dati emergenti dalle fonti di legge e ministeriali, consiste nel consentire agli alunni del 'tempo pieno' che non aderiscono al servizio di refezione comunale di consumare a scuola un pasto domestico, ossia preparato a casa.

3.4. Per quanto concerne i timori manifestati dalle Amministrazioni in merito all'arretramento delle garanzie igienico-sanitarie, il Collegio conviene che il riconoscimento del diritto al consumo a scuola del pasto domestico non puo' comportare sacrificio o arretramento di interessi pubblici di pari dignita': in particolare dell'interesse a mantenere invariato lo standard igienico-sanitario, a tutela di tutti gli utenti, anche di coloro che continueranno ad avvalersi del servizio di mensa e, in funzione di cio', a non deflettere sull'osservanza da parte dell'appaltatore degli standard HAACP previsti dal regolamento UE n. 852/04 e richiamati dall'art. 34 del capitolato di appalto (doc. 4 res.) e sull'esistenza di idonea ed effettiva copertura assicurativa nel caso che abbia a verificarsi un danno a terzi riconducibile alla gestione del servizio di mensa.

Queste considerazioni non implicano peraltro la negazione del diritto dell'alunno a consumare a scuola un pasto domestico, anziche' avvalersi del servizio di refezione. Primo, come gia' ha ritenuto l'ordinanza reclamata, sia i capitolati d'appalto sia le polizze assicurative stipulate dalle ditte appaltatrici non hanno valore di fonte normativa e sono, rispetto al ricorrente, una res inter alios acta, incapaci dunque di pregiudicare una facolta' che deve intendersi riconosciuta dalle fonti normative sopra indicate.

Secondo. L'utilizzo dello stesso refettorio, se questa e' la scelta organizzativa dell'istituto scolastico, da parte di utenti diversi ' quelli che utilizzano il servizio di refezione, quelli che consumano il pasto domestico ' puo' rendere opportuno stabilire regole di coesistenza: regole che hanno anche, e soprattutto, la funzione di mantenere chiarezza sull'ambito entro cui la ditta appaltatrice del servizio puo' essere chiamata a rispondere per il cibo somministrato in mensa.

Che cio' porti alla divisione in due ali del refettorio o all'avvicendamento di gruppi di utenti o ad altra soluzione ancora, si tratta comunque, e in ogni caso, di coesistenza e non di reciproca esclusione. Ai fini che ne occupano, il diritto di parte ricorrente al consumo di pasti domestici a scuola nell'intervallo del pranzo esce confermato, ferma la discrezionalita' amministrativa nell'organizzazione delle modalita' necessarie a consentirne il consumo.

Resta peraltro fermo, come gia' ha scritto l'ordinanza reclamata (§ 4.2.) che 'le modalita' attraverso cui l'istituto scolastico dara' attuazione concreta al diritto qui riconosciuto non possono essere tali da snaturare o annullare di fatto i contenuti del diritto fondamentale alla istruzione, che costituisce il presupposto e la ragion d'essere del diritto (al pasto domestico) che qui si riconosce'. E va dunque ricordato che il 'tempo mensa e dopo mensa' e' parte dell'offerta formativa ed e' un momento di sviluppo della personalita', valorizzazione delle capacita' relazionali, educazione ai principi della civile convivenza. Valori formativi che devono essere preservati, per quanto possibile, dall'istituzione scolastica, pena la negazione del diritto che e' stato qui accertato.

3.5. Un'ultima considerazione merita la questione igienico-sanitaria: nell'ottica, questa volta, della salute dello studente che sceglie di non avvalersi del servizio di refezione offerto e consuma il pasto domestico a scuola. Il ricorrente ha prodotto nella prima fase del giudizio una comunicazione resa dall'ASL TO 1 con la quale si certificava che 'nessuna normativa vigente vieta il consumo di alimenti all'interno dei refettori scolastici diversi da quelli ivi somministrati' (doc. 1 ric.) e all'udienza u.s. la determina di un istituto scolastico torinese che detta, in attesa di nuovi piu' precisi comunicati, una serie di raccomandazioni ai genitori che scelgono di non avvalersi del servizio di refezione in merito alla scelta dei cibi da portare a scuola e alle cautele da adottare.

Le Amministrazioni reclamanti hanno prodotto, per parte loro, un parere igienico-sanitario della ASL n. 5 del 14.2.2001 (doc. 3 res.) in merito a conservazione e riscaldamento delle vivande portate da casa.

Il punto non puo' avere carattere risolutivo ai limitati fini del presente giudizio. Che per ragioni organizzative, ad es. indisponibilita' di dispositivi scaldavivande o refrigeranti, alcuni cibi non possano essere consumati a scuola non esclude il diritto dell'alunno al consumo di un pasto domestico nell'intervallo del pranzo. Ne' tale diritto puo' risultare inficiato dalle norme regolamentari europee in tema di 'igiene dei prodotti alimentari' (oggi Reg. UE 29.4.2004 n. 852) visto che tale disciplina deve 'applicarsi solo alle imprese, concetto che implica una certa continuita' delle attivita' e un certo grado di organizzazione' e non dunque ai privati (considerando n. 9), ne' si applica 'alla preparazione, alla manipolazione e alla conservazione domestica di alimenti destinati al consumo domestico privato' (art. 1.2).

Il ritardo nella tutela del diritto e' evidentemente irreparabile. Come gia' rilevato nell'ordinanza impugnata, l'Amministrazione, pur preparandosi a concedere a chi e' stato parte del giudizio avanti alla Corte d'appello la facolta' di scegliere il consumo del pasto domestico, nega questa stessa possibilita' a coloro che siano rimasti estranei alla lite. Evidente dunque la necessita' di agire in giudizio in via di urgenza per rientrare, fin d'ora, nel novero degli aventi diritto.

La strada ordinaria appare non percorribile, comunque non altrettanto efficace. Si tratta di diritti strettamente inerenti a un rapporto di utenza (scuola primaria), fisiologicamente destinato a cessare per effetto della progressione nel corso di studi. Considerando la durata media dei giudizi, riesce evidente che, per almeno due anni di scuola primaria e forse piu', all'alunno (recte al suo genitore) potrebbe riuscire precluso l'esercizio di tale scelta. In casi estremi (alunni del quarto, quinto anno), potrebbe perfino negarsi che all'esito della causa ordinaria persista un interesse ad agire, in ragione del passaggio a un corso di studi superiore, che non contempla piu' il 'tempo pieno'.

Le Amministrazioni tendono a minimizzare la gravita' del danno, riducendo la questione in termini puramente economici, di reazione al 'caro mensa'. La difesa e' infondata. Secondo uno stabile condiviso indirizzo giurisprudenziale, ricorre l'estremo della gravita' e irreparabilita' del danno ai fini del ricorso alla tutela d'urgenza, se i diritti hanno contenuto non patrimoniale o assolvono comunque a bisogni primari della persona.

Nella specie, anche a presumere che l'azione giudiziale dell'odierno ricorrente, come degli altri, costituisca una reazione al cattivo rapporto prezzo/qualita' del servizio di refezione offerto dal Comune, l'istruzione obbligatoria attiene incontrovertibilmente alla sfera dei bisogni primari dell'individuo. La compromissione della facolta' di scelta, tra 'tempo pieno' e 'tempo definito', tra utilizzo del servizio di refezione, consumazione del pasto domestico a scuola anziche' a casa ecc., riveste quindi il richiesto carattere di gravita' e irreparabilita' per dare luogo alla tutela d'urgenza.

L'Avvocatura dello Stato contesta la mancata compensazione delle spese da parte dell'ordinanza reclamata. Non e' fondata. Sotto il profilo della soccombenza, l'istanza cautelare ha avuto ampio accoglimento, salvo soltanto il punto delle modalita' di esercizio del diritto. Un accoglimento parziale non equivale tuttavia a soccombenza, per stabile giurisprudenza, da cui non v'e' motivo di discostarsi.

Le spese del reclamo seguono la soccombenza e sono liquidate avuto riguardo al valore di lite dichiarato ai fini del pagamento del contributo unificato.

Non ricorrono le condizioni per la dedotta condanna delle reclamanti per temerarieta' della lite.

PQM

Rigetta il reclamo e condanna le reclamanti in solido a rifondere al reclamato la somma di ? 850,00 per onorari, oltre rimborso spese generali, CPA come per legge e IVA se indetraibile.

Si comunichi.

Cosi' deciso in Torino, nella camera di consiglio del 9 settembre 2016

Il Presidente

(dott. Umberto Scotti)



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.011
Cookie