RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Cassazione penale 33547 del 2016


Condominio · amministratore · impossessamento · conto corrente · civile · immobili

fonte:http://www.studio-legale-online.net/2016/09/appropriazione-indebita-dell-amministratore-di-condominio/

"Al contrario, dalla lettura dell'atto d'appello si ricavare che le somme sarebbero, piuttosto che essere 'investite' nell'interesse del condominio, sarebbero state spostate dal conto corrente condominiale ad un conto corrente privato del P «destinato alla gestione di tutti i condomini di cui lo stesso risultava essere, da 38 anni, amministratore», caratterizzato da una maggiore fruttuosita' in ragione del tasso di interesse praticato. Detta operazione, ben lungi dal costituire semplicemente un'attivita' poste in essere in nome per conto del condominio, ancorche' in eccedenza del mandato ricevuto, implica l'impossessamento del denaro da parte dell'imputato."

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

Cassazione Penale sentenza n.33547 del 1/08/2016

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

' PC , nato a Fabriano (AN) il X , 1941

avverso la sentenza n. 1167 emessa In data 13 febbraio 2015 dalla Corte d'appello di Milano.

Sentita la relazione svolta in pubblica udienza dal consigliere dott. Cosimo D'Arrigo;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott. Massimo Galli, che ha concluso

per l'inammissibilita' del ricorso;

udito il difensore avv. Andrea Soliani, nell'interesse dell'imputato, che ha insistito nei motivi di

ricorso;

RITENUTO IN FATTO

CP , gia' amministratore di un condominio sito in San Donato Milanese, e' stato condannato dal

Tribunale di Milano, con sentenza del 15 giugno 2012, per essersi indebitamente appropriato dell'importo di euro 38.878,00 prelevato dalle casse condominiali. La Corte d'appello meneghina, con sentenza del 13 febbraio 2015, in parziale riforma della decisione di primo grado, ha concesso all'imputato il beneficio della non menzione della condanna.

Ricorre l'imputato, per il tramite del proprio difensore, denunciando anzitutto l'erronea applicazione

dell'art. 646 cod. pen. e il vizio di motivazione in ordine all'accertamento dell'interversione del

possesso delle somme indicate come oggetto del reato contestatogli. Osserva al riguardo che la

vicenda veniva alla luce in data 13 febbraio 2009, allorquando il P cessando dalla carica di

amministratore del condominio, consegnava al nuovo amministratore la contabilita' e contestualmente segnalava un ammanco di oltre ? 22.000.00, successivamente accertato (e

definitivamente riconosciuto dallo stesso P ) in euro 38.878,40. Sottolinea, quindi, di essere stato

egli stesso a segnalare l'ammanco di tali somme e che le stesse non erano destinate al pagamento di spese correnti: egli aveva fatto un investimento nell'interesse esclusivo del condominio amministrato e non se ne e' mai appropriato.

Il secondo motivo di ricorso l'imputato si duole della omessa sostituzione della pena detentiva con

quella pecuniaria.

In udienza il difensore ha eccepito la prescrizione del reato.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso e' manifestamente infondato e deve essere dichiarato inammissibile.

Il primo motivo di ricorso riguarda, in sostanza, l'accertamento della sussistenza degli elementi

costitutivi del delitto di appropriazione indebita, con riferimento tanto al dato teleologico

dell'ingiusto profitto quanto a quello psicologico dell'interversione del possesso. La doglianza e'

infondata in relazione ad entrambi profili dedotti.

La censura relativa all'interversione del possesso poggia sull'erronea convinzione che tale momento si determina allorquando l'autore del reato, gia' appropriatosi della cosa, non provveda alla sua restituzione. In realta' la consumazione del reato di cui all'art. 646 cod. pen. non richiede la costituzione in mora dell'autore ne' un vero e proprio inadempimento dell'obbligo restitutorio, essendo anticipata la soglia della rilevanza penale al momento appropriativo in se' considerato (cioe', nel caso di specie, all'indebito prelievo di somme dalle casse del condominio).

Quanto all'ingiusto profitto, la circostanza che le somme in questione sarebbero state investite nell'interesse del condominio, anziche' utilizzate a fini privati dall'imputato, risulta sprovvista di qualsiasi riscontro fattuale. Si tratta di questione proposta per la prima volta col presente ricorso.

Al contrario, dalla lettura dell'atto d'appello si ricavare che le somme sarebbero, piuttosto che essere 'investite' nell'interesse del condominio, sarebbero state spostate dal conto corrente condominiale ad un conto corrente privato del P «destinato alla gestione di tutti i condomini di cui lo stesso risultava essere, da 38 anni, amministratore», caratterizzato da una maggiore fruttuosita' in ragione del tasso di interesse praticato. Detta operazione, ben lungi dal costituire semplicemente un'attivita' poste in essere in nome per conto del condominio, ancorche' in eccedenza del mandato ricevuto, implica l'impossessamento del denaro da parte dell'imputato.

È parimenti infondato il secondo motivo di ricorso, relativo al diniego della sostituzione della pena

detentiva con quella pecuniaria. La corte d'appello ha infatti osservato che l'esigua misura della

pena sostitutiva (anche a causa di un errore commesso dal giudice di primo grado nella

determinazione della pena in senso favorevole per l'imputato) renderebbe la sanzione priva di

qualsiasi efficacia deterrente. Tale motivazione immune da vizi logici e giuridici, si sottrae a

censure di legittimita'.

Quanto alla prescrizione del reato, eccepita in udienza, si rileva che l'effettiva interruzione del reato

si e' avuta solo al momento del passaggio di consegne al nuovo amministratore, essendosi le

condotte distrattive prolungate per tutta la durata dell'incarico.

Il ricorso deve, in conclusione, deve essere dichiarato inammissibile.

Ai sensi dell'art. 616 cod. proc. pen., con il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso, la

parte privata che lo ha proposto deve essere condannata al pagamento delle spese del procedimento,

nonche' ' ravvisandosi profili di colpa nella determinazione della causa di inammissibilita' ' al

pagamento a favore della Cassa delle ammende della somma di ? 1.500,00, cosi' equitativamente

stabilita in ragione dei motivi dedotti.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e

della somma di ? 1.500,00 alla Cassa delle ammende.

Sentenza a motivazione semplificata.

Cosi' deciso in Roma, nella camera di consiglio del 25 maggio 2016.

Il Consigliere est.

Cosimo D'Arrigo

Il Presidente

Domenico Gallo



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.004
Cookie