RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    

Le basi operative del GDPR
Valutazione: 4.55 su 5
adv IusOnDemand


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS



Corte Costituzionale 354 del 2003


Fonte: Giurcost.it

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

ORDINANZA N 354

ANNO 2003

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

- Riccardo

CHIEPPA

Presidente

- Valerio

ONIDA

Giudice

- Carlo

MEZZANOTTE

- Fernanda CONTRI

- Guido NEPPI MODONA

- PieroAlberto CAPOTOSTI

- Annibale MARINI

- Franco BILE

- Giovanni Maria FLICK

- Francesco AMIRANTE

- Ugo DE SIERVO

- Romano VACCARELLA

- Paolo MADDALENA

- Alfio FINOCCHIARO

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nel giudizio di legittimità costituzionale dell’articolo 9 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 (Misure di prevenzione nei confronti delle persone pericolose per la sicurezza e per la pubblica moralità), in relazione all’articolo 5, secondo comma, della stessa legge promosso con ordinanza del 31 luglio 2002 dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palmi nel procedimento penale a carico di T.R., iscritta al n. 15 del registro ordinanze 2003 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 5, prima serie speciale, dell’anno 2003.

Visto l’atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nella camera di consiglio del 1° ottobre 2003 il Giudice relatore Giovanni Maria Flick.

Ritenuto che il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palmi ha sollevato, in riferimento all’art. 25, secondo comma, della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 9 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 (Misure di prevenzione nei confronti delle persone pericolose per la sicurezza e per la pubblica moralità), in relazione all’art. 5, secondo comma, della medesima legge, nella parte in cui "sanziona la condotta di chi abbia violato la prescrizione della misura di prevenzione di "non dare ragione di sospetti";

che il rimettente premette di essere stato investito da una richiesta di archiviazione formulata dal pubblico ministero, in riferimento ad una ipotesi di violazione delle prescrizioni inerenti la misura di prevenzione della sorveglianza speciale, ai sensi dell’art. 9 della legge n. 1423 del 1956: richiesta formulata nei confronti di un soggetto visto colloquiare – in unica occasione e per una decina di minuti – con pregiudicati;

che lo stesso giudice a quo, pur condividendo la richiesta del pubblico ministero – attesa la inidoneità del colloquio occasionale ad integrare una violazione alla prescrizione di non associarsi abitualmente a persone che hanno subito condanne – evidenzia tuttavia la possibile violazione delle prescrizioni inerenti la misura sotto altro profilo, vale a dire nella parte in cui viene prescritto al prevenuto di "non dare ragione di sospetti": prescrizione, questa, contemplata dall’art. 5, secondo comma, della medesima legge n. 1423 del 1956, ed alla quale, secondo il giudice remittente, potrebbe ritenersi riconducibile – come condotta violatrice - anche la frequentazione meramente occasionale di persone pregiudicate;

che tale profilo – in forza del quale la richiesta di archiviazione non potrebbe essere accolta e che, perciò, rende la questione concretamente rilevante nel procedimento a quo – pone la normativa coinvolta in contrasto con l’art. 25, secondo comma, della Costituzione, considerato che il principio di determinatezza e tassatività in materia penale risulterebbe violato "da una indicazione comportamentale tanto vaga e priva di connotazioni fattuali precise": indicazione delineata non già attraverso elementi materiali riconducibili all’agente, ma attraverso i possibili effetti "meramente psicologici ("sospetti")" generati dalla condotta di esso "in soggetto (l’osservatore) estraneo al destinatario del precetto penale



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.004