RicercaGiuridica.com
Oltre 50.000 sentenze gratuite e social
Newsletter gratuita info e privacy:

Chi siamo

Follow on Twitter Facebook Telegram Scrivici Stampa    


Cassazione - Sentenze - Dal 2000 la 1o banca dati di sentenze in puro testo share to whatsapp


Materie - Manda testi - Segnala url - testi integrali - RSS


adv iusondemand

Giudice di Pace di Civita Castellana Dr. Coppa


Cosi' ci viene segnalata dal collega che ringraziamo a nome dei lettori ! Credo sia la prima secondo diritto. E' del GdP di Civita Castellana Dr. Coppa. "E' stata appellata, quindi presto avremo notizie dai tribunali. Cordialmente Gianluca Angelelli";"Con atto del 14.02.2003 l’attore chiedeva la restituzione delle somme pagate in più a titolo di premio assicurativo alla convenuta responsabile civile che, in violazione della relativa normativa, aveva maggiorato il suddetto premio, in danno dell’attore medesimo./r/n/r/nSi costituiva la responsabile civile, formulando numerose eccezioni circa: la competenza di questo Giudice, il nomen iuris dell’ introdotto giudizio, la qualificazione giuridica dell’azione proposta, la possibilità giuridica degli atti presupposti, le ragioni che riguardavano la giustificazione dell’avvenuto aumento, l’interpretazione delle sentenze del Giudice Amministrativo di primo e di secondo grado, la prescrizione del diritto e quant’altro versato in atti./r/n/r/nAllegava copiosa documentazione normativa e giurisprudenziale. Chiedeva il rigetto della domanda./r/n/r/nIn via istruttoria, su richiesta delle parti costituite, venivano prodotte note; talchè, matura, la causa veniva trattenuta in decisione./r/n/r/nVanno disaminate le eccezioni preliminari spiegate dalla parte convenuta./r/n/r/nNon può essere accolta quella della richiesta di sospensione del presente giudizio, atteso che questo Giudice non intende pronunziare ex art. 113 cpc, ma esclusivamente a seguito dell’ esame degli atti prodotti, bastevoli ai fini del decidere secondo diritto./r/n/r/nSi rileva, altresì, la competenza funzionale del Giudice di Pace, tenuto conto che il petitum di causa non ha natura risarcitoria, ai sensi della L. 287/90, ma attiene all’accertamento della restituzione di somme eventualmente ed indebitamente corrisposte alla parte convenuta dall’ odierno attore; ovviamente nei limiti della competenza per valore di questo Giudice./r/n/r/nChi scrive apprezza lo sforzo articolato e complesso, oggettivatosi nelle appassionate dissertazioni offerte dalla parte convenuta, che in verità necessitano soltanto di un coordinamento di facile comprensione o, come si suol dire, in dottrina, che per esse venga operata, apparentemente in modo disordinato, la reductio ad unum./r/n/r/nIn effetti, in ordine al tema, com’è noto, sono state espresse diverse e contrastanti determinazioni; talchè, l’opera dell’ odierno Giudicante appare irta di ostacoli, facilmente condizionabile e, soprattutto si espone ad influenze giurisprudenziali di merito solo in parte condivisibili./r/n/r/nSi rende, pertanto, opportuno sintetizzare i termini della presente controversia offrendo, hinc et inde, elementi di risposta alla complessa domanda di giustizia, spiegata dalle parti costituite e rinverdita nelle memorie conclusive./r/n/r/nPreliminarmente, si rileva la competenza funzionale del Giudice di Pace per quanto sopra esposto./r/n/r/nSi segnala, inoltre, che la fattispecie in esame va ricondotta all’ ipotesi di ripetizione dell’ indebito, non scalfita dai termini prescrizionali di cui all’ art. 2952 cc./r/n/r/nNel merito la domanda appare fondata./r/n/r/nIn effetti, la compagnia convenuta ha applicato l’aumento di premio della polizza per gli anni in questione, a seguito di un accordo avvenuto inter partes, dichiarato poi illegittimo dall’Autorità antitrust, col noto provvedimento, che ha costituito presupposto per 1’ introduzione anche aliunde, dei giudizi di identica causa petendi./r/n/r/nDetto accordo, violativo dell’art. 2 della legge 287/90 ha inciso sul regime di libera concorrenza in materia di tariffe RCA, imponendo 1’ applicazione di tariffe uniche di premio, espressione di oligopolio, in danno del consumatore./r/n/r/nIl suddetto provvedimento aiuninistrativo, reso efficace con sentenza del TAR del Lazio, va posto in linea con la sentenza del Consiglio di Stato, confermativa del cartello oggetto di censura, solo apparentemente posto a tutela dell’ interesse del consumatore./r/n/r/nQuesti in sintesi gli elementi normativi che appaiono violati in danno del contraente più debole, oggi attore, il cui patrimonio si è ingiustamente depauperato della misura del 20%, stante l’aumento dell’originario premio nella stessa misura, così come asserito dal Garante e dal Giudice Amministrativo e provato dalla parte attrice, senza forti contestazioni ex adverso; ovviamente per il periodo tempora1e indicato in atti./r/n/r/nL’estrema notorietà dei provvedimenti amministrativi e giurisdizionali non hanno imposto a questo Giudice 1a loro individuazione numerica, atteso che gli atti introduttivi prodotti, sono fortemente capillari ed eloquenti al riguardo./r/n/r/nNe consegue, che l’azione di restituzione, di cui all’art. 2033 cc si corrobora anche alla luce dell’art. 115 comma 2 cpc./r/n/r/nConclusivamente, va restituito all’ attore quanto da esso indebitamente corrisposto, sebbene per effetto di motivazioni interne ed in parte fondate, ritenute praticabili dalle società censurate; corresponsione che, purtroppo, costituirebbe ingiustificato arricchimento, in difetto del presente giudicato./r/n/r/nL’articolata e semplice dissertazione riportata nel presente atto, programmata ut supra, in ordine al quantum consolida la richiesta attorea circa tale punto, che appare provato dai documenti prodotti e dalle dissertazioni aggiuntive./r/n/r/nPQM/r/n/r/nIl GdP, respinte le eccezioni sopra spiegate ed ogni altra istanza, eccezione e deduzione, accoglie la domanda e, per l’effetto, condanna la convenuta a restituire all’attore la somma di Euro 241,74./r/n/r/nRitiene opportuno dichiarare compensate le spese di lite/r/n/r/nIl Giudice di Pace/r/n/r/nDepositata 30.05.03 Dott. Filippo Coppa/r/n/r/n

Condividi su: FaceBook   Email - Seguici su facebook Facebook   telegramTelegram

spataro



Ricevi gli aggiornamenti su questa e altre sentenze:

Email: (gratis Info privacy)


Tags:

 


Le piu' lette del mese
Sommario:


Visita le banche dati: Diritto Sportivo - Procedura civile - Diritto di internet
. Ambiente
. Assegno divorzile
. Autovelox
. Banche
. Circolazione stradale
. Condominio
. Consumatori
. Contravvenzioni stradali
. Convivenza
. Danni
. Danno esistenziale
. Divorzi
. Evidenza
. Fallimento
. Famiglia
. Fermo amministrativo
. Immigrazione
. Inedite
. Internet
. Lavoro
. Locazioni
. Mobbing
. More Uxorio
. Parcheggi
. Photored
. Procedura
. Responsabilità del medico
. Separazioni
. Strada
. Vacanza rovinata






Ultime G.U:







Il testo dei provvedimenti (leggi, decreti, regolamenti, circolari, sentenze, ordinanze, decreti, le interpretazioni non rivestono carattere di ufficialità e non sono in alcun modo sostitutivi della pubblicazione ufficiale cartacea. Sono anonimizzati. I nomi sono tutti di fantasia. E' noto che alcuni estremi di sentenze non coincidono con altre fonti sul web. Verificate sempre gli estremi. Copiate liberamente i testi segnalati, linkando ricercagiuridica.com, grazie.


    Altro: - Corte Cost. - Forum - Gloxa - IusSeek - Mappa - Leggi - Libri - Link - Mobile - Penale - Podcast - Tribut. - Embed - Edicola - Altre Ricerche - Toolbar - Store


IusOnDemand srl - p.iva 04446030969 - Privacy policy (documenti anonimizzati) - Cookie - Segnala errori - Toolbar - Software e banca dati @ - 0.009
Cookie