RicercaGiuridica.com
Codici e Gazzette

Chi siamo

Scrivici Stampa    



Codici:
Civile · 2018 · 2020
Procedura Civile · 2018 · 2020
Privacy 2018 · 2020 · GDPR
Consumo · 2018 · 2020
Turismo · 2018
Strada · 2018
Comunicazioni · 2018
Diritto d'autore
Propriet√† Industriale · 2018 · 2020
Assicurazioni · 2018
Crisi Cod.2019 · L. Fall.
Insolvenza 2020 · TUF 2018
T.U. IVA · Terzo Settore 2020


Share link or Ogni parola frase esatta
Aggiornamenti: 2020=16.6.2020, 2018=2.3.2018, gli altri del 26.8.2014. GRATUITI E NON UFFICIALI da Normattiva





Art. 1438. Minaccia di far valere un diritto.


Art. 1438.
(Minaccia di far valere un diritto).
La minaccia di far valere un diritto puo' essere causa di annullamento del contratto solo quando e' diretta a conseguire vantaggi ingiusti.



Codice civile

LIBRO QUARTO

TITOLO II DEI CONTRATTI IN GENERALE

 CAPO XII Dell'annullabilita'

  Sezione II Dei vizi del consenso



Art. 1427.Errore, violenza e dolo.
Art. 1428.Rilevanza dell'errore.
Art. 1429.Errore essenziale.
Art. 1430.Errore di calcolo.
Art. 1431.Errore riconoscibile.
Art. 1432.Mantenimento del contratto rettificato.
Art. 1433.Errore nella dichiarazione o nella sua trasmissione.
Art. 1434.Violenza.
Art. 1435.Caratteri della violenza.
Art. 1436.Violenza diretta contro terzi.
Art. 1437.Timore riverenziale.
Art. 1438.Minaccia di far valere un diritto.
Art. 1439.Dolo.
Art. 1440.Dolo incidente.


 ^  Art. 1427. Errore, violenza e dolo.

Art. 1427.
(Errore, violenza e dolo).
Il contraente, il cui consenso fu dato per errore, estorto con violenza o carpito con dolo, puo' chiedere l'annullamento del contratto secondo le disposizioni seguenti.


 ^  Art. 1428. Rilevanza dell'errore.

Art. 1428.
(Rilevanza dell'errore).
L'errore e' causa di annullamento del contratto quando e' essenziale ed e' riconoscibile dall'altro contraente.


 ^  Art. 1429. Errore essenziale.

Art. 1429.
(Errore essenziale).
L'errore e' essenziale:
1) quando cade sulla natura o sull'oggetto del contratto;
2) quando cade sull'identita' dell'oggetto della prestazione ovvero sopra una qualita' dello stesso che, secondo il comune apprezzamento o in relazione alle circostanze, deve ritenersi determinante del consenso;
3) quando cade sull'identita' o sulle qualita' della persona dell'altro contraente, sempre che l'una o le altre siano state determinanti del consenso;
4) quando, trattandosi di errore di diritto, e' stato la ragione unica o principale del contratto.


 ^  Art. 1430. Errore di calcolo.

Art. 1430.
(Errore di calcolo).
L'errore di calcolo non da' luogo ad annullamento del contratto, ma solo a rettifica, tranne che, concretandosi in errore sulla quantita', sia stato determinante del consenso.


 ^  Art. 1431. Errore riconoscibile.

Art. 1431.
(Errore riconoscibile).
L'errore si considera riconoscibile quando, in relazione al contenuto, alle circostanze del contratto ovvero alla qualita' dei contraenti, una persona di normale diligenza avrebbe potuto rilevarlo.


 ^  Art. 1432. Mantenimento del contratto rettificato.

Art. 1432.
(Mantenimento del contratto rettificato).
La parte in errore non puo' domandare l'annullamento del contratto se, prima che ad essa possa derivarne pregiudizio, l'altra offre di eseguirlo in modo conforme al contenuto e alle modalita' del contratto che quella intendeva concludere.


 ^  Art. 1433. Errore nella dichiarazione o nella sua trasmissione.

Art. 1433.
(Errore nella dichiarazione o nella sua trasmissione).
Le disposizioni degli articoli precedenti si applicano anche al caso in cui l'errore cade sulla dichiarazione, o in cui la dichiarazione e' stata inesattamente trasmessa dalla persona o dall'ufficio che ne era stato incaricato.


 ^  Art. 1434. Violenza.

Art. 1434.
(Violenza).
La violenza e' causa di annullamento del contratto, anche se esercitata da un terzo.


 ^  Art. 1435. Caratteri della violenza.

Art. 1435.
(Caratteri della violenza).
La violenza deve essere di tal natura da fare impressione sopra una persona sensata e da farle temere di esporre se' o i suoi beni a un male ingiusto e notevole. Si ha riguardo, in questa materia, all'eta', al sesso e alla condizione delle persone.


 ^  Art. 1436. Violenza diretta contro terzi.

Art. 1436.
(Violenza diretta contro terzi).
La violenza e' causa di annullamento del contratto anche quando il male minacciato riguarda la persona o i beni del coniuge del contraente o di un discendente o ascendente di lui.
Se il male minacciato riguarda altre persone, l'annullamento del contratto e' rimesso alla prudente valutazione delle circostanze da parte del giudice.


 ^  Art. 1437. Timore riverenziale.

Art. 1437.
(Timore riverenziale).
Il solo timore riverenziale non e' causa di annullamento del contratto.


 ^  Art. 1438. Minaccia di far valere un diritto.

Art. 1438.
(Minaccia di far valere un diritto).
La minaccia di far valere un diritto puo' essere causa di annullamento del contratto solo quando e' diretta a conseguire vantaggi ingiusti.


 ^  Art. 1439. Dolo.

Art. 1439.
(Dolo).
Il dolo e' causa di annullamento del contratto quando i raggiri usati da uno dei contraenti sono stati tali che, senza di essi, l'altra parte non avrebbe contrattato.
Quando i raggiri sono stati usati da un terzo, il contratto e' annullabile se essi erano noti al contraente che ne ha tratto vantaggio.


 ^  Art. 1440. Dolo incidente.

Art. 1440.
(Dolo incidente).
Se i raggiri non sono stati tali da determinare il consenso, il contratto e' valido, benche' senza di essi sarebbe stato concluso a condizioni diverse; ma il contraente in mala fede risponde dei danni.


Vai a




Testo vigente gratuito e non ufficiale, vigente alla data indicata

2021 Software & Legal Design @ IusOnDemand srl - Info legali - Privacy - Cookie - p.iva 04446030969 - Ex voto
Dal 3.9.2021 analitiche di Google anonimizzate