Art. n°
Seleziona la fonte

Art. 150 Codice della Privacy

(D.P.R. ...) [Aggiornato al ...]

Provvedimenti a seguito del ricorso

Dispositivo

Art. 150

(Provvedimenti a seguito del ricorso)


1. Se la particolarita' del caso lo richiede, il Garante puo'


disporre in via provvisoria il blocco in tutto o in parte di taluno dei dati, ovvero l'immediata sospensione di una o piu' operazioni del trattamento. Il provvedimento puo' essere adottato anche prima della comunicazione del ricorso ai sensi dell'articolo 149, comma 1, e cessa di avere ogni effetto se non e' adottata nei termini la decisione di cui al comma 2. Il medesimo provvedimento e' impugnabile unitamente a tale decisione.


2. Assunte le necessarie informazioni il Garante, se ritiene


fondato il ricorso, ordina al titolare, con decisione motivata, la cessazione del comportamento illegittimo, indicando le misure necessarie a tutela dei diritti dell'interessato e assegnando un termine per la loro adozione. La mancata pronuncia sul ricorso, decorsi sessanta giorni dalla data di presentazione, equivale a rigetto.


3. Se vi e' stata previa richiesta di taluna delle parti, il


provvedimento che definisce il procedimento determina in misura forfettaria l'ammontare delle spese e dei diritti inerenti al ricorso, posti a carico, anche in parte, del soccombente o compensati anche parzialmente per giusti motivi.


4. Il provvedimento espresso, anche provvisorio, adottato dal


Garante e' comunicato alle parti entro dieci giorni presso il domicilio eletto o risultante dagli atti. Il provvedimento puo' essere comunicato alle parti anche mediante posta elettronica o telefax.


5. Se sorgono difficolta' o contestazioni riguardo all'esecuzione


del provvedimento di cui ai commi 1 e 2, il Garante, sentite le parti ove richiesto, dispone le modalita' di attuazione avvalendosi, se necessario, del personale dell'Ufficio o della collaborazione di altri organi dello Stato.


6. In caso di mancata opposizione avverso il provvedimento che


determina l'ammontare delle spese e dei diritti, o di suo rigetto, il provvedimento medesimo costituisce, per questa parte, titolo esecutivo ai sensi degli articoli 474 e 475 del codice di procedura civile.



Ratio Legis


Spiegazione